TripBarometer

TripBarometer valuta l'attitudine dei viaggiatori, le tendenze emergenti nel settore ricettivo e non solo. Tutti i dati si basano sul sondaggio su viaggiatori e alloggi più grande del mondo (consultate il rendiconto globale per i dettagli sulla metodologia). Scoprite sotto le ultime novità sui viaggi.

2016

I quattro comportamenti dei viaggiatori rispetto alle prenotazioni

I quattro comportamenti dei viaggiatori rispetto alle prenotazioni Uno studio di TripAdvisor rivela le tendenze e i profili dei viaggiatori che effettuano prenotazioni.

Gli uomini dedicano meno tempo alla prenotazione dei viaggi rispetto alle donne. I viaggiatori più giovani tendono a iniziare la pianificazione con l'approssimarsi della data del viaggio. E il 59% dei viaggiatori inizia le ricerche per il prossimo viaggio tra uno e tre mesi prima della partenza.

Questi sono solo alcuni dei risultati dell'ultimo sondaggio TripBarometer1  di TripAdvisor. In collaborazione con l'istituto di ricerca Ipsos, abbiamo chiesto a 36.000 viaggiatori con quali modalità pianificano e prenotano i loro viaggi e abbiamo individuato quattro tendenze significative e sei profili di viaggiatori. Per scaricare il  rendiconto completo della ricerca TripBarometer 2016 (in inglese) fate clic su link "Rendiconto completo" a destra.

Quattro comportamenti dei viaggiatori rispetto alla prenotazione dei viaggi:

  • Viaggiatori che prenotano voli (48% dei partecipanti):
    • Viaggiatori che prenotano prima il volo e la destinazione.
    • Sono viaggiatori che basano le loro scelte sulla destinazione, viaggiano soprattutto per scoprire nuove culture.
    • Sono i viaggiatori più frequenti tra quelli che fanno lunghi viaggi e sono quelli che prenotano i voli più cari.
       
  • Viaggiatori che prenotano hotel (29% dei partecipanti):
    • Iniziano con la ricerca e la prenotazione degli alloggi.
    • Prendono decisioni in base al prezzo e preferiscono destinazioni adatte a tutta la famiglia.
    • Fanno viaggi della durata di un fine settimana nella metà dei casi.
       
  • Viaggiatori individualisti (13% dei partecipanti):
    • Prenotano velocemente e non dedicano troppo tempo alle ricerche.
    • Tendono a viaggiare per affari o per viaggi lunghi.
    • Si tratta di persone abitudinarie: il 17% scegliere destinazioni in cui si reca ogni anno.
       
  • Viaggiatori bilanciati (10% dei partecipanti):
    • Abbinano l'interesse nelle culture estere con il desiderio di sfruttare buone offerte.
    • Investono tempo nella ricerca delle destinazioni.
    • La durata dei loro viaggi è simile a quella degli altri viaggiatori.

Sei profili basati su attitudine, preferenze di prenotazione, età e reddito:

  • I cacciatori di occasioni sono i viaggiatori che affermano: "Vogliamo trarre il massimo dalla nostra vacanza". Spesso viaggiano con bambini, hanno un reddito medio e rientrano soprattutto nella fascia d'età dai 25 ai 34 anni. Apprezzano particolarmente TripAdvisor quale fonte utile per trovare offerte, servizi di babysitter e miniclub per bambini e tendono a utilizzare gli smartphone per le ricerche. Le vacanze al mare sono le mete preferite dei viaggiatori di questo profilo.
     
  • I viaggiatori di lusso sono quelli che dichiarano: "Vogliamo divertirci e spendere". Si tratta di persone con redditi elevati che viaggiano in compagnia di un partner, con un budget significativo e rientrano soprattutto nella fascia d'età dai 25 ai 49 anni. Prediligono le destinazioni calde, le città e le spiagge. Controllano TripAdvisor prima di prenotare; il 90% afferma che le valutazioni sui siti di recensioni sono importanti quando si sceglie l'alloggio da prenotare.
     
  • I viaggiatori social sono quelli che dichiarano: "Vogliamo condividere e interagire con gli altri". Non viaggiano da soli, preferiscono trascorrere tempo con amici e familiari. Apprezzano anche i servizi di babysitter e miniclub, dato che spesso viaggiano con bambini. Sono molto influenzati dal passaparola e dai consigli di altri viaggiatori e tendono a preferire le vacanze al mare. Si fidano di TripAdvisor per identificare gemme nascosti, hanno redditi da medi a elevati e tendono a rientrare nella fascia d'età dai 25 ai 49 anni.
     
  • I viaggiatori indipendenti sono quelli che dichiarano: "Voglio viaggiare come dico io". Amano viaggiare da soli e scegliere in autonomia. Sono in cerca di avventura e usano il Web per trovarla. La cultura è importante per loro, il clima no. Hanno redditi bassi o elevati e rientrano nella fascia d'età dai 25 ai 49 anni. Sono più propensi a condividere una recensione di TripAdvisor sui social media.
     
  • I ricercatori sono quei viaggiatori che sostengono: "Vogliamo che tutto sia perfetto". Dedicano molto tempo alla ricerca di alloggi, attività e ristoranti, utilizzando prevalentemente computer portatili. Sono propensi a spendere un po' di più per qualcosa di speciale. Hanno spesso redditi elevati, rientrano nella fascia d'età dai 25 ai 49 anni e viaggiano con un partner. Durante tutte le fasi del percorso decisionale che conduce alla prenotazione del viaggio, i ricercatori ritengono che TripAdvisor sia affidabile nel dare voce ai consumatori.
     
  • I viaggiatori abitudinari sono quelli che affermano: "Amiamo le cose semplici": tendono a tornare ripetutamente negli stessi posti, in modo da non dover dedicare troppo tempo alla ricerca e alla pianificazione. Viaggiano soprattutto per rilassarsi e non per svolgere attività. Si tratta prevalentemente di uomini che tendono a viaggiare da soli; hanno un reddito basso e rientrano nella fascia d'età dai 35 ai 64 anni.

 

Per scaricare il  rendiconto completo della ricerca TripBarometer 2016 (in inglese) fate clic su link "Rendiconto completo" a destra.


  • 1. Metodologia: lo studio TripBarometer di TripAdvisor si basa su un sondaggio online condotto dal 21 giugno all'8 luglio del 2016 dall'istituto di ricerca internazionale Ipsos. Sono state realizzate in totale 36.444 interviste in 33 mercati, in 7 aree geografiche diverse. Il campione è composto da utenti del portale TripAdvisor e partecipanti online reclutati dall'istituto Ipsos che hanno scelto di prendere parte e che hanno pianificato viaggi online nell'ultimo anno. Come nelle precedenti edizioni di TripBarometer, i dati estratti dal sondaggio sono stati ponderati in modo da essere rappresentativi del profilo della popolazione globale online.
Ultimo aggiornamento: 17 ottobre 2016

Nuovi dati sui viaggiatori asiatici

Nuovi dati sui viaggiatori asiatici Lo studio 2016 risponde a importanti quesiti relativi a questo mercato in rapida espansione.

Stiamo assistendo a un boom dei viaggi dall'Asia e le previsioni parlano di un aumento costante nei prossimi anni. Secondo uno studio recente condotto dal Boston Consulting Group e TripAdvisor, entro il 2030 più del 50% della crescita nei viaggi internazionali avrà origine dalla regione dell'Asia-Pacifico. Nei prossimi 15 anni, il numero di persone che viaggierà da quest'area geografica potrebbe arrivare a toccare il miliardo, determinando quello che la BBC chiama "spostamenti continentali… in termini di viaggi, turismo e potere d'acquisto".

Come trarre vantaggio da questo mercato in rapida espansione? Il nuovo studio TripBarometer offre alcuni spunti. Condotto per conto di TripAdvisor dall'istituto di ricerca indipendente Ipsos, TripBarometer è il sondaggio su viaggiatori e alloggi più grande del mondo.1 Più di 5.000 viaggiatori e albergatori in Asia hanno partecipato e questi sono i loro programmi per il 2016.

Spesa destinata ai viaggi

  • Un terzo dei viaggiatori asiatici sostiene di voler spendere di più per viaggiare nel 2016 rispetto al 2015, di questi 52% lo farà perché "se lo merita" o perché "la propria famiglia lo merita".
  • Tra i Paesi asiatici in cui è stato condotto lo studio, i viaggiatori giapponesi sono quelli che intendono spendere di più per i viaggi, con un budget annuale medio di 5.600 USD, seguiti dai cinesi (3.600 USD) e dagli indiani (3.100 USD).

Scelta della destinazione

  • Il 42% dei viaggiatori asiatici intervistati ha scelto di visitare un determinato Paese perché interessato al suo popolo e alla sua cultura.
  • Un viaggiatore su quattro (il 25%) ha scelto una determinata destinazione perché era disponibile un volo low cost.
  • Più di un quarto (27%) ha visitato una dstinazione perché consigliata da un amico o parente.
  • Uno viaggiatore su quattro (25%) ha visitato una destinazione perché l'ha vista in TV, mentre il 15% ha dichiarato di aver trovato l'ispirazione guardando un film.

Tipi di attività

  • La maggior parte dei viaggiatori asiatici (76%) intende provare nuove esperienze nel 2016, ben oltre la media globale del 69%.
  • Le nuove attività più in voga includono viaggiare da soli (25%), andare in crociera (21%) e viaggiare all'avventura (20%).

Servizi essenziali

  • Il 67% dei viaggiatori asiatici intervistati ha dichiarato che l'aria condizionata è un fattore fondamentale nella scelta dell'alloggio.
  • Le preverenze dei viaggiatori variano per quanto riguarda la connessione Wi-Fi. Questa risulta particolarmente importante per i cinesi, il 60% dei quali afferma di non prendere in considerazione gli hotel senza Wi-Fi in camera. Il 39% dei viaggiatori cinesi ha affermato di non essere proponso a prenotare alloggi che non offrono connessioni Wi-Fi super veloci.
  • Il 36% dei viaggiatori asiatici rivolgerebbe le proprie ricerche altrove se l'alloggio non offrisse la colazione inclusa nella tariffa o un bollitore in camera.

IN PIÙ: uno sguardo al panorama del settore ricettivo in Asia nel 2016

  • Il 39% degli albergatori della regione intende aumentare le tariffe delle camere nel 2016 (rispetto al 47% registrato a livello internazionale).
  • Quasi due proprietari di alloggi su tre (64%) in Asia risultano ottimisti rispetto alle previsioni di fatturato nel 2016.
  • Il 94% dei proprietari di alloggi ha dichiarato che le recensioni online sono il fattore più importante per il futuro delle strutture.
  • Per il 61% delle strutture ricettive asiatiche sono in programma investimenti nella formazione del personale nel 2016, percentuale più elevata rispetto a quella registrata nelle Americhe (55%) e in Europa (38%).

  • 1. Metodologia: lo studio TripBarometer di TripAdvisor si basa su un sondaggio online condotto dal 15 al 29 ottobre del 2015 dall'istituto di ricerca internazionale Ipsos. Sono state realizzate in totale 44.782 interviste in 32 mercati, in 7 aree geografiche diverse. Il campione è composto da: 34.026 consumatori membri del portale TripAdvisor e partecipanti online reclutati dall'istituto Ipsos che hanno scelto di partecipare e che hanno analizzato i piani di viaggi online nell'ultimo anno; 10.756 rappresentanti di strutture ricettive che usano i servizi di marketing gratuiti di TripAdvisor. Questi numeri rendono questo sondaggio lo studio combinato su viaggiatori e alloggi più grande del mondo. In Asia sono stati intervistati 4.708 consumatori e 1.309 rappresentanti di strutture nei mercati seguenti: Cina, India, Indonesia, Giappone, Malesia e Tailandia. Come nelle precedenti edizioni di TripBarometer, i dati estratti dal sondaggio per i consumatori sono stati ponderati in modo da essere rappresentativi del profilo della popolazione online dei mercati interessati. I medesimi criteri di ponderazione sono stati applicati anche nel sondaggio per le strutture.
Ultimo aggiornamento: 1 febbraio 2016

6 importanti tendenze di viaggio per il 2016

6 importanti tendenze di viaggio per il 2016

Abbiamo chiesto a più di 44.000 viaggiatori e albergatori quali sono i loro programmi per il prossimo futuro. Ecco cosa ci hanno risposto.

Per quale motivo viaggeranno le persone nel 2016? In che modo questi viaggiatori decideranno cosa fare e dove soggiornare? Spenderanno di meno o di più rispetto al 2015? Quale impatto hanno le loro scelte sul settore dei viaggi in generale?

L'ultimo studio TripBarometer ci ha permesso di trovare una risposta a tutte queste domande e non solo. Condotto per conto di TripAdvisor dall'istituto di ricerca indipendente Ipsos, TripBarometer è il sondaggio su viaggiatori e alloggi più grande del mondo, che analizza più di 44.000 risposte di viaggiatori e albergatori a livello internazionale.1 Scaricate il rendiconto completo dal menu a destra e scoprite le tendenze che definiranno il panorama dei viaggi nel 2016. 

Tendenza 1. Provare nuove esperienze

Nell'anno venturo, i viaggiatori di tutte le età si sposteranno alla ricerca di esperienze nuove, da crociere a viaggi individuali e non solo.

  • A livello internazionale, il 69% dei viaggiatori pensa di provare nuove esperienze nel 2016.
  • 1 viaggiatore internazionale su 5 afferma di essere intenzionato ad andare per la prima volta in crociera il prossimo anno.
  • Il 17% proverà a viaggiare da solo per la prima volta nel 2016, mentre il 15% proverà un viaggio all'avventura per la prima volta.

Tendenza 2. Spendere di più perché "ne vale la pena"

In tutto il mondo, i viaggiatori sembrano aperti all'idea di riservare un budget superiore ai viaggi nel 2016 rispetto al passato, e non solo perché i costi sono in aumento.

1 viaggiatore su 3 intende spendere di più nel 2016 rispetto al 2015.

  • 1 viaggiatore su 3 (il 33%) pensa di spendere di più per i viaggi nel 2016 rispetto all'anno precedente.
  • Tra chi ha dichiarato di voler aumentare il budget destinato ai viaggi, il 49% afferma di farlo perché "se lo merita" o perché "la sua famiglia lo merita".
  • Il 31% sostiene di voler spendere di più per i viaggi perché "è importante per la salute e il benessere" personale.

Tendenza 3. Scegliere destinazioni in base all'esperienza culturale, alle offerte speciali

Al giorno d'oggi, la scelta della destinazione si basa su diversi fattori, tra cui la disponibilità di offerte speciali per gli alloggi.

  • A livello internazionale, il 47% dei viaggiatori sostiene di aver visitato una destinazione per scoprire la cultura e la popolazione di un determinato Paese.
  • 1 viaggiatore su 5 (21%) ha scelto una destinazione perché un hotel proponeva un'offerta speciale o un pacchetto.
  • Il "turismo televisivo" è in aumento: 1 viaggiatore su 5, a livello internazionale, ha visitato una determinata destinazione perché l'ha vista in un programma televisivo.

Tendenza 4. No all'afa, sì alla connessione

Tra i servizi che i viaggiatori cercano negli alloggi per il 2016, spiccano l'aria condizionata e la connessione Wi-Fi.

  • A livello internazionale, il 63% dei viaggiatori afferma che l'aria condizionata è essenziale nella scelta dell'alloggio, più della colazione inclusa (ferma al 40%) o della piscina (solo il 26%).
  • Il 46% dichiara che la connessione Wi-Fi gratuita in camera è un servizio irrinunciabile, il che significa che questi viaggiatori scartano a prescindere gli alloggi senza connessione.
  • Il 26% dei viaggiatori cerca alloggi con una connessione Wi-Fi super veloce e solo l'11% è disposto a pagare una tariffa extra per questo servizio.

Tendenza 5. Prezzi delle camere in aumento (e ottimismo)

Molti alloggi pensano di aumentare i prezzi delle camere per il prossimo anno, mentre la maggior parte degli albergatori si dichiara ottimista rispetto alle previsioni di fatturato nel 2016.

3 proprietari su 4 sono ottimisti rispetto ai profitti nel 2016.

  • Quasi la metà degli albergatori in tutto il mondo intende aumentare le tariffe delle camere nel 2016 (ben 47%).
  • La maggior parte degli alloggi aumenterà le tariffe per compensare l'aumento dei costi di gestione (65%), sebbene più di un terzo dichiara di voler aumentare i costi per recuperare le spese di recenti ristrutturazioni (37%) o in risposta a un aumento della domanda (35%).
  • 3 proprietari su 4 si dichiarano ottimisti rispetto alle previsioni di fatturato per il 2016. La maggior parte di essi giustifica le previsioni rosee con la presenza di eventi e conferenze che avranno luogo nel proprio mercato nel corso dell'anno prossimo (65%).
  • Il 91% degli albergatori ritiene che l'aumento delle prenotazioni dirette sia un fattore chiave per il futuro delle strutture.

Tendenza 6. Gestire la reputazione online

La presenza online riafferma la sua importanza: nel 2016, le strutture monitoreranno attentamente le opinioni delle persone su Internet.

  • Il 93% degli albergatori afferma che le recensioni dei viaggiatori pubblicate online sono importanti per il futuro delle strutture.
  • La gestione della reputazione online è la più vasta area di investimento per i proprietari di alloggi nel 2016, con il 59% che investirà di più in questo settore rispetto all'anno precedente.

  • 1. Metodologia: lo studio TripBarometer di TripAdvisor si basa su un sondaggio online condotto dal 15 al 29 ottobre del 2015 dall'istituto di ricerca internazionale Ipsos. Sono state realizzate in totale 44.782 interviste in 32 mercati, in 7 aree geografiche diverse. Il campione è composto da: 34.026 consumatori utenti del portale TripAdvisor e partecipanti online reclutati dall'istituto Ipsos che hanno scelto di partecipare e che hanno analizzato i piani di viaggi online nell'ultimo anno; 10.756 rappresentanti di strutture ricettive che usano i servizi di marketing gratuiti di TripAdvisor. Questi numeri rendono questo sondaggio lo studio combinato su viaggiatori e alloggi più grande del mondo. Come nelle precedenti edizioni di TripBarometer, i dati estratti dal sondaggio per i consumatori sono stati ponderati in modo da essere rappresentativi del profilo della popolazione globale online. I medesimi criteri di ponderazione sono stati applicati anche nel sondaggio per le strutture.
Ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2015

2015

La vostra struttura riesce a interagire con il prezioso viaggiatore connesso?

La vostra struttura riesce a interagire con il prezioso viaggiatore connesso? Il rendiconto TripBarometer rivela che i "viaggiatori connessi" sono due volte più propensi rispetto agli altri a effettuare prenotazioni tramite dispositivi mobili.

Tra i viaggiatori connessi cresce infatti il numero di persone che ha usato almeno una volta lo smartphone per pianificare o prenotare un viaggio. Entrare in contatto con i viaggiatori connessi rappresenta quindi un'enorme opportunità per le strutture del settore ricettivo.

In effetti, il rendiconto TripBarometer dedicato proprio ai viaggiatori connessi dimostra che sono sempre di più i viaggiatori che pianificano e prenotano viaggi tramite dispositivo mobile. Risultati dello studio TripBarometer, il sondaggio su viaggiatori e alloggi più grande del mondo1 e dimostrano che gli smartphone sono ormai uno strumento essenziale per i viaggiatori. Quanto è diffuso l'uso dei dispositivi mobili nella fase di pianificazione e durante il viaggio stesso?

Il numero di viaggiatori che prenota tramite le app mobili è raddoppiato rispetto all'anno scorso.
Nel 2014, il 4% dei partecipanti al sondaggio TripBarometer aveva prenotato un alloggio tramite un'app mobile. Quest'anno la percentuale è raddoppiata, attestandosi all'8%. Per quanto riguarda il segmento dei viaggiatori connessi la stessa percentuale arriva all'11%.

Prenotare l'alloggio da dispositivi mobili è una tendenza in aumento.
1 viaggiatore connesso su 4, tra quelli che prenotano l'alloggio tramite app mobile, sostiene di farlo regolarmente. 1 su cinque 5 dichiara di aver prenotato tramite app mobile perché più semplice e veloce. Infine, 3 viaggiatori su 10 hanno fatto questa scelta perché ritenevano i prezzi più vantaggiosi.

Risulta molto diffusa l'abitudine di prenotare attività tramite dispositivi mobili.
E non si tratta solo di prenotazioni last minute o di ricerca di attività nelle vicinanze. Il 45% dei viaggiatori connessi utilizza infatti lo smartphone per prenotare le attività prima della partenza.

I viaggiatori usano assiduamente i dispositivi mobili anche durante il viaggio.
Il prezioso segmento dei viaggiatori connessi risulta particolarmente attivo sui dispositivi mobili durante le vacanze:

Ricerca di indicazioni/uso delle mappe

  • Viaggiatori connessi: 81%
  • Viaggiatori globali: 67%

Ricerca di ristoranti

  • Viaggiatori connessi: 72%
  • Viaggiatori globali: 56%

Ricerca di attività

  • Viaggiatori connessi: 67%
  • Viaggiatori globali: 51%

Lettura di recensioni

  • Viaggiatori connessi: 64%
  • Viaggiatori globali: 47%

Ricerca di alloggi

  • Viaggiatori connessi: 50%
  • Viaggiatori globali: 36%

Gli alloggi iniziano a offrire opzioni di prenotazione più semplici.
L'accessibilità è uno dei fattori a cui i viaggiatori attribuiscono sempre maggiore importanza, grazie al numero in aumento di alloggi che accettano prenotazioni digitali. Il 73% degli alloggi di tutto il mondo accetta le prenotazioni online, mentre il 55% accetta prenotazioni da dispositivi mobili.

Ci sono ancora margini di miglioramento per quanto riguarda il check-in da dispositivo mobile.
Il 34% dei viaggiatori connessi appassionati di smartphone apprezzerebbe la possibilità di fare il check-in da un dispositivo mobile. Tuttavia, solo l'11% degli alloggi offre questa opzione che permette di risparmiare tempo sia agli ospiti sia al personale della reception.


  • 1. Dati basati sui risultati del sondaggio online condotto da TripAdvisor e Ipsos che ha interessato 10.261 alloggi e 34.016 viaggiatori. I dati sono stati raccolti tra gennaio e febbraio 2015
Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2015

Aumentate le prenotazioni da dispositivi mobili grazie ai dati offerti da TripBarometer

Aumentate le prenotazioni da dispositivi mobili grazie ai dati offerti da TripBarometer

TripBarometer, il sondaggio su viaggi e alloggi più grande del mondo1, osserva le tendenze tra i viaggiatori connessi.

Volete fare la mossa giusta per coinvolgere i viaggiatori che usano lo smartphone per pianificare e prenotare i viaggi?

Date uno sguardo ai dati basati sulle risposte al sondaggio TripBarometer che ha coinvolto più di 40.000 viaggiatori e albergatori da tutto il mondo. Troverete spunti interessanti per raggiungere più efficacemente il prezioso segmento dei viaggiatori connessi ovvero i viaggiatori più propensi a pianificare e prenotare viaggi tramite smartphone.

I viaggiatori connessi attribuiscono più importanza alle recensioni e ai punteggi che ai servizi alle promozioni degli hotel.
Non solo i viaggiatori connessi guardano le recensioni con occhi più attenti degli altri viaggiatori, ma le considerano più importanti di altri fattori.

A dimostrarlo, ecco un esempio dei fattori che i viaggiatori ritengono più importanti nella scelta dell'alloggio da prenotare:

Valutazioni/punteggi su siti di recensioni

  • Viaggiatori connessi: 59%
  • Viaggiatori globali: 53%

Recensioni su TripAdvisor

  • Viaggiatori connessi: 58%
  • Viaggiatori globali: 53%

Consigli di amici

  • Viaggiatori connessi: 49%
  • Viaggiatori globali: 45%

Servizi dell'alloggio

  • Viaggiatori connessi: 44%
  • Viaggiatori globali: 40%

Promozioni o sconti

  • Viaggiatori connessi: 39%
  • Viaggiatori globali: 36%

Nei mercati emergenti si registra una percentuale più elevata di viaggiatori connessi.

Se i vostri ospiti tendono a provenire dai seguenti mercati, dovreste prendere in seria considerazione la possibilità di aumentare gli investimenti nel mobile marketing:

  1. Tailandia – 65%
  2. Cina – 65%
  3. Brasile – 59%
  4. Indonesia – 59%
  5. Malesia – 53%
  6. Italia – 49%
  7. Stati Uniti – 48%
  8. India – 47%
  9. Australia – 47%
  10. Russia – 44%

Quali destinazioni intendono visitare dei viaggiatori connessi quest'anno?
Ecco le destinazioni più ambite dai viaggiatori connessi:

  1. Cina – 61%
  2. Australia – 57%
  3. Tailandia – 55%
  4. Italia – 54%
  5. Regno Unito – 53%
  6. Germania – 53%
  7. Stati Uniti – 53%
  8. Spagna – 53%
  9. Caraibi – 52%
  10. Canada – 52%

I viaggiatori connessi sono più influenzati dai contenuti generati dagli utenti.
Rispetto al viaggiatore globale medio, i viaggiatori connessi risultano significativamente più inclini a prendere decisioni sulla base di consigli di altre persone.

Influenzati da TripAdvisor

  • Viaggiatori connessi: 45%
  • Viaggiatori globali: 38%

Influenzati dal passaparola

  • Viaggiatori connessi: 32%
  • Viaggiatori globali: 27%

Influenzati dai contenuti online di amici

  • Viaggiatori connessi: 29%
  • Viaggiatori globali: 24%

Influenzati da siti di guide di viaggio

  • Viaggiatori connessi: 19%
  • Viaggiatori globali: 16%

I viaggiatori connessi pianificano le attività in anticipo e prenotano direttamente.

Non solo i viaggiatori connessi sono più propensi a prenotare le attività in anticipo ma lo fanno molto spesso direttamente. Sebbene siano i computer portatili gli strumenti più utilizzati per effettuare le prenotazioni (55%), i dispositivi mobili non sono molto indietro attestandosi al 45% per i viaggiatori connessi.

Gli albergatori non stanno facendo molti passi avanti rispetto alla disponibilità di servizi per dispositivi mobili.
Esistono ancora delle discrepanze significative tra quello che i viaggiatori connessi si aspetterebbero e quello che gli alloggi offrono attualmente. Per fortuna, questo presenta diverse opportunità, soprattutto alle catene.

In particolare, il 45% dei viaggiatori connessi desidera un'app mobile con funzionalità di prenotazione, tuttavia solo il 16% ne mette a disposizione una. Analogamente, il 34% dei viaggiatori connessi desidera poter effettuare il check-in da un dispositivo mobile, ma solo l'11% degli alloggi offre questa comoda opportunità di risparmiare tempo.

Dal rendiconto si evince anche che il 64% dei viaggiatori connessi vorrebbe trovare in hotel adattatori o convertitori, mentre a offrire questi accessori è il 49% degli alloggi. La situazione non cambia per quanto riguarda la disponibilità di caricabatteria per smartphone e tablet, con il 60% dei viaggiatori connessi che vorrebbe evitare di portarli da casa e solo il 35% delle strutture capaci di soddisfare questo desiderio.

1 Dati basati sui risultati del sondaggio online condotto da TripAdvisor e Ipsos, a cui hanno partecipato 10.261 alloggi e 34.016 viaggiatori. I dati sono stati raccolti tra gennaio e febbraio 2015.

Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2015

TripBarometer 2015: Quattro tendenze chiave degli alloggi

TripBarometer 2015: Quattro tendenze chiave degli alloggi Rimanete informati con questi nuovi dati sul panorama globale degli albergatori e gestori di pensioni per il 2015.

Ogni anno, intervistiamo i professionisti del settore ricettivo per meglio comprendere le tendenze dell'economia turistica a livello globale. Ecco tutto quello che dovete sapere sulla concorrenza.

1. L'ottimismo cresce soprattutto tra le strutture più piccole.

In generale, il 74% degli alloggi si dichiara ottimista rispetto alla redditività del 2015, contro il 70% del 2014. È interessante notare come le strutture con il numero inferiore di camere siano quelle da cui traspare maggior ottimismo.

Quindi, quali categorie sono maggiormente interessate da questa ondata di ottimismo rispetto all'anno scorso? Ecco la classifica delle strutture per dimensione:

  1. Strutture con 6-10 camere
  2. Strutture con 1-5 camere
  3. Strutture con oltre 100 camere
  4. Strutture con 11-50 camere
  5. Strutture con 51-100 camere

Consiglio: come si dice spesso, bisogna spendere per guadagnare. Investite nel marketing mobile, nei servizi tecnologici disponibili nelle camere e in un database CRM più avanzato. Le strutture pessimiste sono meno propense a considerare queste aree importanti per il loro futuro.

2. Gli alloggi si concentrano sulla loro reputazione.

La conseguenza diretta di questa tendenza all'ottimismo è che il 60% di albergatori e gestori di pensioni in tutto il mondo dedicherà più risorse alla gestione della reputazione online rispetto all'anno scorso. La raccolta del feedback degli ospiti, pubblico e privato, occupa il primo posto su undici categorie di spesa chiave.

Con la gestione della reputazione online al primo posto, menzionata dal 60% dei partecipanti, la percentuale di alloggi che intende aumentare il budget per le altre dieci priorità di investimento è così composta:

  • Ristrutturazioni di lieve entità: 53%/Grandi ristrutturazioni: 33%
  • Marketing e pubblicità: 51%/Ottimizzazione e marketing per i motori di ricerca: 50%
  • Formazione del personale: 47%/Assunzione di personale: 27%
  • Miglioramento del servizio Internet per gli ospiti: 46%/Disponibilità di servizi tecnologici in camera: 35%
  • Distribuzione camere: 32%/Back office: 32%

Consiglio: guardando alle priorità di spesa sopra indicate, si profila una tendenza al risparmio, con le strutture che preferiscono migliorare piuttosto che sostituire. Tuttavia, potete migliorare il vostro sistema di raccolta delle recensioni senza aggiungere una nuova voce di spesa al vostro budget grazie a Recensioni Rapide. Otterrete più recensioni in meno tempo sul sito di viaggi più grande del mondo, e lo farete gratis.

3. Gli eventi locali e i trasporti continuano a influenzare in modo positivo la redditività.

Rispetto all'anno scorso, l'organizzazione di eventi locali e il miglioramento dei trasporti hanno acquisito maggiore importanza per quanto concerne il loro impatto sulla redditività. Per quanto riguarda gli eventi locali, gli alloggi in Russia, Turchia e Messico sono quelli che si aspettano i maggiori vantaggi. Per quanto riguarda invece i trasporti, sono Cina, Turchia, Grecia e India che prevedono che i miglioramenti contribuiranno a generare maggiori profitti.

Secondo gli albergatori, sono diversi i fattori esterni che influiscono positivamente sulla redditività del 2015.  In particolare, i fattori che più emergono quest'anno sono:

  • Eventi locali: 64% (4% in più)
  • Copertura mediatica: 53% (2% in più)
  • Variazione dei trasporti: 45% (in più 6%)
  • Economia nazionale 43% (6% in più)
  • Tassi di cambio attuali: 39% (8% in più)

Consiglio: mantenete contatti regolari con l'ufficio turistico o l'ente che si occupa della promozione della vostra destinazione in modo da avere sempre informazioni sugli eventi imminenti. Ricordatevi che il marketing sui motori di ricerca è una priorità sempre maggiore per 1 albergatore su 2.  Se disponete del budget per strategie di marketing internazionali, rivolgetevi ai viaggiatori che provengono da Paesi con un tasso di cambio favorevole.

4. Quasi 1 viaggiatore su 10 sostiene che TripAdvisor sia il canale di prenotazione più efficace.

Il 9% degli albergatori di tutto il mondo ritiene che TripAdvisor sia il principale canale di prenotazione. In poche parole, più di altri siti di recensioni di viaggio, siti di compagnie aeree e altri operatori di viaggio, brochure e guide di viaggi insieme.

In generale, il 59% degli alloggi usa TripAdvisor come canale per generare prenotazioni. Ecco i cinque canali più menzionati per stimolare prenotazioni:

  1. Sito web della struttura: 84%
  2. Passaparola: 74%
  3. TripAdvisor: 59%
  4. Agenzie di viaggi online: 56%
  5. Telefono: 54%

Consiglio: riservatevi una quota delle prenotazioni che avvengono su TripAdvisor abbonandovi a Business Advantage. Le vostre Offerte Speciali attireranno i viaggiatori sulla pagina della struttura, da cui potranno prenotare direttamente con voi telefonicamente, via email o sul vostro sito.

Ultimo aggiornamento: 19 marzo 2015

TripBarometer 2015 (edizione globale) – Economia globale legata ai viaggi

TripBarometer 2015 (edizione globale) – Economia globale legata ai viaggi

Il sondaggio su viaggiatori e alloggi più grande del mondo.* Il rendiconto globale è disponibile per il download nella sezione "Download dei documenti di supporto".

L'edizione 2015 del sondaggio TripBarometer è dedicata all'economia turistica globale. Questa infografica mostra le tendenze di spesa per i viaggi e i livelli di ottimismo degli albergatori nei diversi mercati.

*Dati basati sui risultati del sondaggio online condotto da TripAdvisor e Ipsos a cui hanno partecipato 10.261 alloggi e 34.016 viaggiatori. I dati sono stati raccolti tra gennaio e febbraio 2015.

Ultimo aggiornamento: 10 marzo 2015

TripBarometer 2015: cinque importanti tendenze dei viaggiatori

TripBarometer 2015: cinque importanti tendenze dei viaggiatori Cinque importanti tendenze dei viaggiatori nel 2015, inclusi i cinque principali mercati e motivazioni.

Di recente, abbiamo pubblicato l'infografica di TripBarometer 2015 sull'economia turistica globale. Ecco quali sono le principali tendenze dei viaggiatori per quest'anno.

1. I servizi continuano a rappresentare un'ottima opportunità per ottenere prenotazioni.

I prezzi, le recensioni dei viaggiatori e la location sono i fattori che più di tutti influenzano le prenotazioni di alloggi. Tuttavia, il 77% dei viaggiatori sostiene che anche i servizi sono fondamentali nel processo decisionale. Alla luce dei dati emersi, su quali servizi dovrebbero concentrarsi le strutture per stimolare le prenotazioni?

Servizi che i viaggiatori considerano più importanti quando prenotano un alloggio:

  1. Wi-Fi gratuito in camera: 74%
  2. Colazione inclusa: 60%
  3. Servizi in camera: 58%
  4. Navetta gratuita: 35%
  5. Personale che parla la propria lingua: 35%

Consiglio: offrite due opzioni per il Wi-Fi in camera. Mentre moltissimi viaggiatori cercano alloggi con disponibilità di Wi-Fi gratuito, quasi il 30% sarebbe disposto a pagare una tariffa extra per una connessione super veloce. Con la diffusione di contenuti musicali e video in streaming, offrire un'opzione distinta per la connessione ad altissima velocità vi permetterà di soddisfare le esigenze degli ospiti e di trarre ulteriori profitti.

2. Si prevede un aumento del 15% per i viaggi di piacere internazionali

Abbiamo chiesto ai viaggiatori quanti viaggi internazionali hanno fatto nel 2014 e quanti pensano di farne nel 2015. A livello globale, la media è destinata ad aumentare del 15% quest'anno.

I viaggiatori di questi Paesi sono quelli che con maggiore probabilità faranno più viaggi all'estero nel 2015:

  1. Turchia: 58%
  2. India: 45%
  3. Nuova Zelanda: 39%
  4. Sudafrica: 38%
  5. Brasile: 37%


Consiglio: assicuratevi che le vostre iniziative di marketing per il 2015 garantiscano alla struttura una visibilità internazionale, soprattutto rispetto ai viaggiatori provenienti da questi Paesi. Sapevate che è possibile attirare più attenzione sul sito di viaggi più grande del mondo con un abbonamento a Business Advantage di TripAdvisor?

3. Il desiderio di esplorare le località è un incentivo molto sentito nella scelta delle destinazioni.

Quando abbiamo chiesto ai viaggiatori di tutto il mondo il motivo alla base della scelta di una determinata destinazione, molti hanno dichiarato che le attività, le esperienze e la cultura locali rivestono una grande importanza.

Motivi frequenti per visitare un posto specifico nel 2015:

  1. Ho sempre desiderato andarci: 42%
  2. Offre il tipo di attività che mi interessa: 33%
  3. C'è un'attrazione particolare che voglio visitare: 33%
  4. Adoro esplorare la zona: 29%
  5. Adoro la cucina locale: 23%

Consiglio: se gestite un'attrazione o un'attività, mettete in evidenza le vostre radici culturali e la loro connessione con la località sul vostro sito web. Considerate inoltre l'opportunità di collaborare con un ristorante locale e incoraggiare gli ospiti a provarlo. In questo modo, i viaggiatori potranno vivere un'esperienza realmente immersa nella cultura locale e voi riuscirete a instaurare un rapporto proficuo con le strutture vicine.

4. I viaggiatori che intendono spendere il doppio del budget per i viaggi del 2015 sono il doppio di quelli che intendono ridurlo.

Il 32% dei viaggiatori intende spendere di più quest'anno rispetto all'anno scorso, mentre solo il 16% prevede di ridurre la spesa destinata ai viaggi.

Quali Paesi presentano la percentuale superiore di viaggiatori che incrementano il budget?

  1. Nuova Zelanda: 52%
  2. Tailandia: 49%
  3. Sudafrica: 47%
  4. Australia: 45%
  5. Argentina: 44%

Consiglio: allineate le vostre comunicazioni di marketing (ad esempio le Offerte Speciali su TripAdvisor) ai motivi personali per cui i viaggiatori sono disposti a spendere di più nel 2015. Volete sapere quali sono i due motivi principali alla base dell'aumento del budget quest'anno? Molti ritengono di meritarsi l'esperienza altri vogliono cancellare un'altra voce dalla loro lista dei desideri.

5. I viaggiatori sono più propensi a spendere per esplorare le destinazioni.

Rispetto alle varie componenti di una vacanza, l'esplorazione delle destinazioni è tra le principali priorità. In effetti, aumentano i viaggiatori propensi a spendere di più in visite turistiche, rispetto allo shopping, ai souvenir e ai divertimenti serali insieme.

Ecco gli aspetti della vacanza per cui i viaggiatori sono più propensi a spendere di più:

  1. Visite turistiche: 53%
  2. Esperienze culinarie particolari: 41%
  3. Alloggio: 41%
  4. Attività: 35%
  5. Shopping: 24%

Consiglio: stimolate le prenotazioni dirette stringendo partnership con un tour operator locale per creare Offerte Speciali interessanti. Con gli ospiti che non hanno scelto il pacchetto, effettuate attività di up-selling via email prima che arrivino presso la struttura o di persona durante il check-in.  

Ultimo aggiornamento: 12 marzo 2015

TripBarometer 2015: quattro tendenze chiave sulla fiducia degli albergatori

TripBarometer 2015: quattro tendenze chiave sulla fiducia degli albergatori Tre indicatori di fiducia. Quattro tendenze importanti. Il sondaggio su viaggiatori e alloggi più grande del mondo* è solo uno.

Nell'ambito del recente studio TripBarometer 2015 sull'economia turistica globale, abbiamo valutato la fiducia di albergatori e gestori di pensioni.

Ecco i dati chiave sulle tendenze globali relative all'ottimismo rispetto alla redditività, alle tariffe delle camere e alle priorità di investimento.

Redditività: L'economia locale influisce notevolmente sull'ottimismo.

Gli albergatori sono consapevoli che la redditività è spesso influenzata da fattori che esulano dal loro controllo. Ad esempio, le opinioni dei professionisti del settore sono abbastanza bilanciate quando si parla di economia internazionale. Il 39% ritiene che questa avrà un impatto positivo sulla redditività, mentre il 36% afferma esattamente il contrario. Restringendo l'ambito al mercato nazionale, le previsioni sembrano più promettenti. Il 43% sostiene che l'economia nazionale influirà in modo positivo sulla redditività, contro solo il 34% che non vede il futuro così roseo.

Quali sono i mercati più fiduciosi verso la propria economia nazionale e le sue conseguenze sulla redditività?

  1. India: 67%
  2. Spagna: 63%
  3. Stati Uniti: 58%
  4. Indonesia: 56%
  5. Nuova Zelanda: 56%

Consiglio: nelle vostre iniziative di marketing mettete in risalto i servizi che interessano principalmente i viaggiatori nazionali. Ad esempio, nelle newsletter citate la disponibilità del parcheggio gratuito. Tuttavia, non dimenticate di menzionare anche tutti quei servizi che attirano qualsiasi tipo di viaggiatore in cerca di un alloggio da prenotare: Wi-Fi gratuito in camera e navetta gratuita.

Tariffe delle camere: la metà degli alloggi intende aumentare le tariffe delle camere nel 2015.

Mentre il 42% lascerà le tariffe del 2014 invariate, circa il 50% ha deciso di aumentarle quest'anno. In prima fila troviamo il Sudafrica (72%), seguito da Brasile (68%) e Indonesia (62%).  Quali sono i mercati meno propensi a modificare le tariffe rispetto all'anno scorso? Italia (30%), Spagna (37%) e Francia (41%). 

Se state considerando di aumentare le tariffe delle camere, tenete presente che la maggior parte delle strutture che intende fare lo stesso applicherà aumenti dal 3% al 10%.

  • Aumenti del 21% o più: 2%
  • Aumenti dall'11% al 20%: 5%
  • Aumenti dal 6% al 10%: 19%
  • Aumenti dal 3% al 5%: 16%
  • Aumenti fino al 2%: 8%

Consiglio: impegnatevi soprattutto per ottenere un maggior numero di nuove recensioni, ad esempio con l'ausilio di strumenti come Recensioni Rapide. Perché? Oltre a migliorare la reputazione della struttura online, un numero elevato di recensioni influisce anche sulla possibilità di aumentare le tariffe delle camere. In uno studio di Cornell, che mette in correlazione le recensioni, i prezzi e il tasso di occupazione, è stato dimostrato che un punteggio più alto permette di aumentare le tariffe delle camere fino all'11% senza compromettere il tasso di occupazione.

Tariffe delle camere: l'aumento delle tariffe non serve solo a coprire l'aumento dei costi.

È evidente che il motivo principale per aumentare le tariffe delle camere sia quello di coprire la crescita dei costi, soprattutto in Sud America e Australasia. Tuttavia, come si evince sotto, emerge anche una certa tendenza che spinge le strutture ad aumentare le tariffe. Ad esempio, alcune strutture intendono aumentare le tariffe per adeguarsi alla concorrenza. L'aumento della domanda da parte dei viaggiatori è un altro fattore significativo, soprattutto in Medio Oriente e in Nord America.  

Ecco i principali motivi con cui gli albergatori giustificano l'aumento delle tariffe nel 2015:

  1. Per sostenere l'aumento dei costi: 62% (rispetto al 58% del 2014)
  2. Per sostenere ristrutturazioni recenti: 34% (dato non disponibile per il 2014)
  3. Per adeguarsi alla concorrenza: 32% (rispetto al 26% del 2014)
  4. In risposta all'aumento della domanda: 31% (rispetto al 24% del 2014)
  5. Per aumentare i profitti: 29% (rispetto al 22% del 2014)

Consiglio: accedete regolarmente al Centro Gestione di TripAdvisor. Utilizzate gli strumenti disponibili, ad esempio le foto della direzione per mostrare facilmente le recenti ristrutturazioni della struttura. Inoltre, se la struttura è abbonata a Business Advantage, potete usufruire dell'esclusivo Pannello di analisi per ricavare statistiche approfondite relative alla concorrenza, ai soggiorni presso la vostra zona pianificati dai viaggiatori di TripAdvisor e non solo.

Investimenti: 1 alloggio su 2 intende aumentare il budget destinato al marketing e alla pubblicità.

Dato importante: il 93% degli alloggi di tutto il mondo afferma che aumentare il numero di prenotazioni dirette sia fondamentale per il futuro della struttura.

Non sorprende quindi che il 51% degli alloggi investirà di più in marketing e pubblicità quest'anno. Quali mercati sono più propensi ad aumentare la spesa per il marketing?

  1. Brasile: 73%
  2. Messico: 73%
  3. Indonesia: 71%
  4. Turchia: 71%
  5. India: 70%

Consiglio: ottenete più prenotazioni dirette con Business Advantage di TripAdvisor. I contatti permettono ai viaggiatori di prenotare direttamente sul vostro sito, per telefono o via email, mentre le Offerte Speciali li attirano sulla pagina della struttura. 

*Dati basati sui risultati del sondaggio online condotto da TripAdvisor e Ipsos a cui hanno partecipato 10.261 alloggi e 34.016 viaggiatori. I dati sono stati raccolti tra gennaio e febbraio 2015.

Ultimo aggiornamento: 31 marzo 2015

2014

Ricerca: quali elementi rendono una recensione utile

Ricerca: quali elementi rendono una recensione utile

TripAdvisor di recente ha condotto un sondaggio coinvolgendo viaggiatori e proprietari di strutture finalizzato a comprendere quali sono i fattori che rendono una recensione utile.1 Leggete il seguito per i risultati a livello internazionale. 

Con quale frequenza controllate le recensioni della struttura su TripAdvisor?

  • Il 60% dei proprietari partecipanti controlla le recensioni "ogni volta che ne viene pubblicata una"
  • Il 19% le controlla ogni giorno
  • Il 12% le controlla ogni settimana

I siti di recensioni online come TripAdvisor hanno un'influenza positiva sul settore ricettivo?

  • L'82% dei proprietari è d'accordo con questa affermazione
  • Il 43% è assolutamente d'accordo
  • Il 6% non è d'accordo

Il 70% delle strutture intervistate ha dichiarato di aver adottato misure per migliorare la qualità del servizio a seguito di una recensione

Avete mai migliorato il servizio della struttura a seguito di una recensione?

  • Il 70% delle strutture intervistate ha risposto di sì

Quali sono gli elementi più importanti di una recensione?

È tutta una questione di servizio: i proprietari di alloggi, ristoranti e attrazioni turistiche concordano nel sostenere che la qualità del servizio è il fattore più importante tra quelli menzionati nelle recensioni.

E per quanto riguarda lo stile di scrittura?

  • Il 63% delle strutture ritiene che sia importante contestualizzare le opinioni descritte
  • Il 58% dei partecipanti ritiene che sia importante condividere un punto di vista equilibrato, includendo pro e contro
  • Il 30% dei partecipanti sostiene l'importanza di contestualizzare il viaggio: motivo della visita, compagni di viaggio
  • Il 29% pensa che la grammatica e l'ortografia siano importanti

Principali fattori negativi in una recensione

  • 51%: non è sufficientemente dettagliata
  • 45%: include commenti eccessivamente puntigliosi
  • 40%: è scritta con tono troppo "arrabbiato"
  • 31%: è scritta in modo sgrammaticato

Quali elementi caratterizzano una buona replica della direzione?

  • 48%: include dati precisi
  • 41%: è scritta in modo professionale
  • 40%: dimostra la personalità dell'autore
  • 36%: è originale

Scoprite perché le repliche della direzione sono importanti e come scriverle in modo efficace.

Elementi più utili nelle recensioni

  • Informazioni utili e dettagliate sulla struttura
  • Scritte poco dopo l'esperienza (entro 3 mesi)
  • Descrizione di esperienze uniche e personali
  • Esempi specifici e fatti concreti
  • Consigli per migliorare il servizio

Elementi meno utili nelle recensioni

  • Opinioni estreme, positive o negative, senza sufficienti giustificazioni o spiegazioni
  • Recensioni scritte molto tempo dopo l'esperienza (da 3 mesi a un anno dopo)
  • Descrizione soggettiva, senza spiegazioni

Il messaggio è chiaro:  le recensioni risultano più pertinenti quando sono tempestive, quando includono fatti specifici e quando descrivono il livello di servizio fornito dalla struttura. Volete raccogliere più recensioni di questo tipo per la vostra struttura? Provate Recensioni Rapide. Lo strumento gratuito di TripAdvisor che consente di inviare richieste di recensioni a un massimo di 1.000 ospiti recenti con una sola operazione.


  • 1. Il sondaggio ha interessato 95.608 viaggiatori e 7.215 strutture
Ultimo aggiornamento: 2 aprile 2015

Nuova ricerca: come influenzare il coinvolgimento dei clienti su TripAdvisor

Nuova ricerca: come influenzare il coinvolgimento dei clienti su TripAdvisor

Scaricate la ricerca sul coinvolgimento dei clienti 2017 per scoprire come migliorare il profilo della struttura su TripAdvisor, approfittare di strumenti di marketing esclusivi per i ristoranti e ricevere più prenotazioni da uno dei siti di ristoranti più grandi del mondo.1

Con una media di oltre 150 milioni di visitatori mensili sulle pagine dei ristoranti, TripAdvisor è uno dei siti di ristoranti più grandi del mondo.1 Per individuare i principali fattori che aiutano a convertire le visite in prenotazioni abbiamo svolto una ricerca analizzando il comportamento dei clienti che visitano le pagine dei nostri ristoranti e le buone prassi utilizzate dai ristoratori che registrano il maggior successo sul sito. 

Scaricate la ricerca sul coinvolgimento dei clienti 2017 di TripAdvisor, facendo clic sul link "Report completo" a destra, per scoprire i risultati. Nel report troverete:

  • Dati sul comportamento dei clienti: cosa cercano i consumatori di TripAdvisor sui profili dei ristoranti, prima di decidere dove prenotare.
  • Buone prassi di marketing per i ristoranti: maggiori dettagli sugli strumenti di marketing esclusivi per i ristoranti e sulle buone prassi per migliorare il profilo su TripAdvisor e ricevere più prenotazioni.
  • Strategie per coinvolgere gli ospiti: informazioni su come creare un circolo virtuoso per coinvolgere i clienti su TripAdvisor e aumentare il fatturato della struttura.

  • 1. Fonte: comScore Media Metrix per i siti di TripAdvisor, dati mondiali, maggio 2016 e TripAdvisor log files, media di visitatori unici al mese, secondo trimestre 2017
Ultimo aggiornamento: 31 maggio 2017

Nuova ricerca: studio sul marketing dei ristoranti di TripAdvisor 2017

Nuova ricerca: studio sul marketing dei ristoranti di TripAdvisor 2017 Lo studio sul marketing dei ristoranti di TripAdvisor per il 2017 rivela le ultimissime tendenze nel marketing della ristorazione

Con oltre 4 milioni di ristoranti, TripAdvisor è uno dei siti di ristoranti più grandi del mondo.1 Per conoscere meglio le tendenze di marketing che incidono oggi sulla ristorazione, abbiamo sottoposto un sondaggio ai nostri partner per conoscerne le opinioni. Il risultato è il più grande studio sul marketing dei ristoranti di TripAdvisor mai condotto fino a oggi, che interessa cinque mercati: Stati Uniti, Regno Unito, Spagna, Francia e Italia.2 Ecco quali sono le ultime tendenze nel marketing della ristorazione.

Tempo investito nel marketing della ristorazione

Tempo dedicato in Italia: circa la metà dei rispondenti del Bel Paese dedica meno del 10% del proprio tempo alle attività di marketing, in linea con il dato globale secondo cui è il 56% a dedicare non più del 10% del proprio tempo alle attività di marketing (56%).

Dipendenti e consulenti: solo il 4% dei partecipanti italiani al sondaggio ha assunto una risorsa da dedicare al marketing e solo il 6% collabora con un consulente di marketing esterno. Su scala globale, il 9% dei partecipanti ha assunto un dipendente incaricato del marketing e il 3% impiega un consulente esterno.

Tempo impiegato nelle attività di marketing in base al paese

Investimenti nel marketing della ristorazione

Canali di marketing: i primi tre canali in cui i ristoratori italiani investono il budget destinato al marketing sono i social network (77%), la pubblicità cartacea (60%) e il marketing per i motori di ricerca (57%).

Servizi di monitoraggio della reputazione o dei social network: negli Stati Uniti e in tutto il mondo, il 13% dei partecipanti riferisce di aver pagato un servizio professionale per il monitoraggio della reputazione o dei social network.

Percentuale di proprietari che investe nei primi 3 canali di marketing

Efficacia delle attività di marketing

Efficacia complessiva: la maggioranza dei partecipanti italiani (78%) ritiene di dover fare di più per promuovere la propria struttura (rispetto al 71% dei partecipanti globali).

Efficacia dei canali: i ristoratori a livello mondiale riferiscono che i canali di marketing più efficaci per aumentare il giro d'affari sono i social network (1), i servizi di Pubblicità online (2) e il marketing per i motori di ricerca (3). Gli stessi partecipanti hanno indicato i servizi di voucher/coupon online come i meno efficaci in assoluto. È interessante osservare che la pubblicità cartacea non figura tra i primi tre canali più efficaci, nonostante si piazzi tra i primi tre canali più popolari in cui i ristoratori investono il budget dedicato al marketing.  

Ristoratori che ritengono di dover aumentare la promozione

 

Monitoraggio della reputazione online

Monitoraggio della reputazione: in Italia, il 93% dei ristoratori riferisce di monitorare la reputazione della propria struttura.Si tratta di un dato coerente a livello globale, in quanto il 93% dei partecipanti indica di monitorare regolarmente la propria reputazione.

Frequenza: la maggioranza dei ristoratori a livello mondiale riferisce di monitorare la propria reputazione online più volte a settimana.


  • 1. Fonte: TripAdvisor log files, media di visitatori unici al mese, primo trimestre 2017
  • 2. Metodologia: lo studio sul marketing dei ristoranti di TripAdvisor per il 2017 si basa su un sondaggio online condotto nel mese di aprile 2017, che ha coinvolto 2.157 persone tra Stati Uniti, Regno Unito, Spagna, Francia e Italia. Il campione è costituito da ristoratori che si sono registrati come proprietari o gestori del profilo della loro struttura su TripAdvisor.
Ultimo aggiornamento: 27 giugno 2017

Risultati e consigli dallo studio "Using Guest Reviews to Pave the Path to Greater Engagement"

Risultati e consigli dallo studio "Using Guest Reviews to Pave the Path to Greater Engagement"

Volete sapere cos'hanno in comune gli hotel che ottengono i migliori risultati su TripAdvisor? Cercate consigli per ottenere più traffico da TripAdvisor, aumentare le prenotazioni e non solo? Leggete il seguito per scoprire i risultati pubblicati nello studio "Using Guest Reviews to Pave the Path to Greater Engagement" dell'Atmosphere Research Group.

L'Atmosphere Research Group, agenzia di ricerca indipendente che opera nel settore dei viaggi, in collaborazione con TripAdvisor, ha pubblicato un nuovo studio che analizza il rapporto tra impegno attivo dell'hotel e rendimento su TripAdvisor. Lo studio si basa sui dati raccolti da oltre 12.000 strutture nei 25 mercati con la maggiore affluenza di traffico su TripAdvisor e da interviste ai dirigenti di quattro catene di hotel internazionali.

Leggete il seguito per un riepilogo dei principali risultati dello studio e per i consigli su come migliorare il rendimento della struttura su TripAdvisor:

Primo risultato: gli hotel molto attivi ottengono di più su TripAdvisor

Analizzando i dati di TripAdvisor, Atmosphere ha rilevato che gli hotel più attivi sul portale ottengono:

  • Più visualizzazioni della pagina*: gli hotel più attivi ricevono quasi il quadruplo delle visualizzazioni della pagina su TripAdvisor
  • Più visibilità nel mercato di riferimento: in media, la posizione nella classifica di popolarità degli hotel più attivi è maggiore del 63% rispetto agli hotel meno coinvolti. Di conseguenza gli hotel più attivi possono essere visualizzati potenzialmente da due terzi dei viaggiatori che effettuano ricerche nel relativo mercato
  • Più fatturato: lo studio ha rivelato che gli hotel più attivi registrano un interesse dei viaggiatori maggiore del 30 al 40% nei prodotti che generano fatturato come i Profili Aziendali

Cosa rende un hotel molto attivo? Atmosphere ha individuato quattro azioni comuni alle strutture oggetto della ricerca:

  1. Assumere il controllo della pagina della struttura su TripAdvisor effettuando la registrazione al Centro Gestione di TripAdvisor
  2. Pubblicare almeno 10 foto della direzione sul profilo della struttura su TripAdvisor
  3. Rispondere ad almeno il 25% delle recensioni su TripAdvisor
  4. Aggiungere i recapiti diretti della struttura su TripAdvisor attraverso un Profilo Aziendale

*Nota: per aiutare le strutture a valutare più efficacemente la qualità del traffico che affluisce alla pagina, nel T2 del 2017 abbiamo migliorato il rendiconto, passando dal riepilogo delle visualizzazioni della pagina al quello delle visite uniche.

Consiglio 1: per diventare più attive su TripAdvisor, le strutture devono sfruttare tutti i vantaggi del Centro Gestione. Per una guida rapida per la registrazione, la pubblicazione di foto e repliche della direzione e non solo, fate clic qui.

Consiglio 2: fate volare il profilo della struttura su TripAdvisor aggiungendo i recapiti diretti, le Offerte Speciali e non solo. Per saperne di più, leggete qui


Secondo risultato: gli hotel di successo seguono un "ciclo virtuoso" per il coinvolgimento degli ospiti

Oltre al coinvolgimento dell'hotel, Atmosphere ha rilevato che gli hotel che riscuotono  più successo adottano un "ciclo virtuoso" per coinvolgere gli ospiti:

"Se vi impegnate a raccogliere recensioni, noterete i risultati positivi. È importante che per gli ospiti sia facile pubblicare una recensione".
- Javier Carazo, Vice Presidente Senior, Funzioni operative e qualità, NH Hotel Group

  1. L'hotel si impegna a stimolare sistematicamente gli ospiti a pubblicare recensioni al termine del soggiorno
  2. Il feedback ricevuto attraverso le recensioni viene costantemente monitorato e analizzato
  3. L'hotel adotta misure correttive sulla base dei consigli ricevuti 
  4. Tali misure generano maggiore soddisfazione tra gli ospiti, recensioni più positive, quindi più visibilità su TripAdvisor
  5. La maggiore esposizione determina un aumento delle prenotazioni che a sua volta innesca nuovamente il circolo virtuoso

Secondo Atmosphere: "... con una buona pianificazione ed esecuzione, il "circolo virtuoso" si traduce in una maggiore affinità tra hotel e ospiti e una flessibilità che permette di rispondere al feedback e agire di conseguenza".

Consiglio 3: ricordatevi che una componente importante del "circolo virtuoso" è chiedere agli ospiti di scrivere recensioni. Questo garantisce l'afflusso di feedback necessario alla struttura per valutare i miglioramenti da introdurre. Scoprite perché è importante chiedere a tutti gli ospiti opinioni oneste sulla struttura qui


Terzo risultato: stimolare sistematicamente la pubblicazione di nuove recensioni genera risultati

Nel corso dello studio, Atmosphere ha analizzato i dati delle strutture che si avvalgono della piattaforma di raccolta di recensioni di TripAdvisor per richiedere sistematicamente a tutti gli ospiti di pubblicare recensioni. I risultati dimostrano chiaramente l'importanza di un approccio programmatico:

  • Più recensioni degli ospiti: quando le strutture hanno iniziato a utilizzare soluzioni come la piattaforma di TripAdvisor, hanno registrato un aumento delle recensioni dal 30 all'80% rispetto a prima
  • Più visualizzazioni della pagina*: gli hotel più attivi che utilizzano la piattaforma di raccolta delle recensioni hanno registrato un aumento del 40% nelle visualizzazioni della pagina rispetto agli hotel altrettanto attivi che non impiegano una soluzione del genere
  • Rendimento superiore: gli stessi hotel hanno registrato inoltre un aumento del 25% nell'attività dei link pubblicati grazie ai Profili Aziendali** e un aumento del 32% nei clic CPC, rispetto alle strutture che non utilizzano la piattaforma

Consiglio 4: mentre la piattaforma di raccolta delle recensioni è disponibile principalmente alle grandi catene di hotel, TripAdvisor offre una vasta gamma di strumenti che permettono ai proprietari delle strutture di raccogliere recensioni, tra questi Recensioni Rapide. Per saperne di più, leggete qui


Quarto risultato: l'importanza di integrare le recensioni nella procedura di prenotazione

Dalle interviste condotte da Atmosphere con i dirigenti di importanti catene di hotel è emerso un ulteriore vantaggio della raccolta di recensioni. Quando i contenuti delle recensioni vengono pubblicati all'interno del canale di prenotazione diretta dell'hotel, ai viaggiatori si trasmette un maggior senso di trasparenza e credibilità. Infatti, se le recensioni online sono visibili sul sito di prenotazione dell'hotel esse hanno il potenziale di migliorare "l'efficacia competitiva rispetto a intermediari di terze parti, come agenzie di viaggi online, offrendo informazioni utili durante il percorso che porta alla prenotazione e aiutando quindi il viaggiatore a stabilire se un hotel è adatto o meno a un determinato viaggio".

Consiglio 5: volete ottenere di più dalle vostre recensioni? Utilizzate i widget di TripAdvisor per pubblicarle direttamente sul sito web della struttura. 

Volete ulteriori consigli? Scaricate il rendiconto completo "Using Guest Reviews to Pave the Path to Greater Engagement" sul lato destro di questa pagina. 

 

*Nota: per aiutare le strutture a valutare più efficacemente la qualità del traffico che affluisce alla pagina, nel T2 del 2017 abbiamo migliorato il rendiconto, passando dal riepilogo delle visualizzazioni della pagina al quello delle visite uniche.

**A partire da gennaio 2017, i Profili Aziendali verranno sostituiti da un nuovo entusiasmante prodotto in abbonamento destinato agli alloggi: Business Advantage di TripAdvisor. Per saperne di più, leggete qui.

Ultimo aggiornamento: 31 agosto 2015

Video: dati sulle recensioni da non perdere

Video: dati sulle recensioni da non perdere

Gli ultimi dati sul potere delle recensioni: in meno di 90 secondi

Abbiamo i risultati! Lo studio indipendente 1​ dimostra ancora una volta l'importanza delle recensioni e il ruolo fondamentale che ricoprono nel processo decisionale del viaggiatore. Tra i risultati più rilevanti:

  • L'86% degli utenti TripAdvisor consiglierebbe l'uso di TripAdvisor per pianificare un viaggio
  • L'84% degli utenti considera le recensioni "estremamente" o "molto" importanti nella scelta dell'hotel da prenotare
  • Il 63% dei partecipanti preferisce poter leggere le recensioni, confrontare i prezzi e prenotare su un solo sito

Non perdete questo video per scoprire gli altri risultati dello studio.

Controllate anche TripAdvisor Insights e la vostra casella di posta, per restare aggiornati su dati ancora più importanti che verranno presto resi noti.


  • 1. Custom Survey Research Engagement 2015 che ha coinvolto 14.991 partecipanti, condotto da Phocuswright per conto di TripAdvisor,
...

Dati di PhoCusWright e consigli di TripAdvisor. Parte II

Dati di PhoCusWright e consigli di TripAdvisor. Parte II

Continuate a consolidare la struttura con altri tre dati di PhoCusWright e consigli di TripAdvisor.

Continuiamo con la nostra analisi dell'infografica 24 consigli per definire la vostra strategia su TripAdvisor. Ecco la seconda parte, con altre tendenze e consigli per voi.

Esclusiva di TripAdvisor Insights: Il potere delle opinioni

Dato: I servizi e la descrizione dell'hotel sono tra i primi 3 fattori che influenzano la scelta di un hotel (insieme alla posizione e al prezzo).

"In generale, i viaggiatori vogliono vedere foto, sono attratti dalle strutture premiate e sono interessati alle recensioni più recenti per avere una prospettiva aggiornata". – Barbara Messing, Direttore del Marketing, TripAdvisor

Consiglio: Monitorate le recensioni TripAdvisor e sfruttate il feedback dei viaggiatori per capire quali servizi introdurre o migliorare nella struttura. È anche utile tenere sotto controllo le caratteristiche e i servizi che gli ospiti apprezzano di più nelle recensioni, in modo da includerli nelle strategie promozionali. Menzionando le caratteristiche più apprezzate nella descrizione e nei servizi della struttura su TripAdvisor e sul vostro sito web, riuscirete ad attirare il segmento di mercato a cui puntate.

Un quadro completo prima di prenotare

Dato: 3 utenti di TripAdvisor su 4 si affidano alle foto degli altri viaggiatori per scegliere un hotel.

Consiglio: Chiedete ai viaggiatori di caricare foto e di scrivere recensioni. Includete la richiesta di foto quando sollecitate una recensione, ad esempio al check-out, nell'email di ringraziamento o nelle email personalizzate inviate con Recensioni Rapide.

L'hotel giusto, al prezzo giusto e al momento giusto

Dato: La maggior parte dei viaggiatori di TripAdvisor sostiene che la ricerca con confronto dei prezzi tramite TripConnect li aiuti a "trovare l'hotel giusto al prezzo giusto" e a "risparmiare tempo durante la pianificazione".

Consiglio: TripConnect non è solo per i viaggiatori. Se avete una struttura piccola o indipendente, visitate la pagina TripConnect per gli alloggi e consultate i video, i webinar e le guide dettagliate per capire come aumentare le prenotazioni dirette con TripConnect.

Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2014