Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

“Un angolo di paradiso”
Recensione di Mt. Everest Base Camp

Mt. Everest Base Camp
Prenota in anticipo
Altre info
Da 1.675,00 USD*
DAILY Everest Adventure Flight
Al n.1 in classifica su 9 Cose da fare a Tingri County
Certificato di Eccellenza
Dettagli sull'attrazione
Recensito 31 maggio 2018

Per chi non è alpinista, questo è il modopiù facile di avvicinarsi al Mt. Everest, si arriva in pullmino.
Ho avuto la fortuna di godere la cima libera da nubi per circa un'ora: più alto non si può, è il paradiso in terra.

Grazie, Gian B
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensioneRecensioni (344)
Valutazione
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
  • Altre lingue
Filtra

1 - 5 di 344 recensioni

Recensito 5 febbraio 2018

Indecisi fino all'ultimo se soggiornare al Base Camp o alla vicina guest house di Rongbuk, abbiamo infine optato per il Base Camp a motivo della maggiore vicinanza alla montagna (di poco in verità) e all'atmosfera più autentica che vi si respirava.
Credo di non aver mai patito così tanto freddo in vita mia, nonostante le numerose coperte a disposizione. Una volta spenta la stufa alimentata a letame essiccato di yak non c'era nulla che potesse scaldarci. Però... però... la vista dell'Everest (Qomolangma in tibetano) ripaga di qualsiasi disagio. Siamo stati fortunati nel vederlo in assenza di nuvole sia al tramonto che all'alba. Uno spettacolo meraviglioso. Sento ancora nelle orecchie il rumore del ruscello che scende proprio accanto al campo tendato. Una esperienza da fare almeno una volta nella vita.

Grazie, Emiliano Z
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 18 dicembre 2017

Il campo base dell'Everest è il luogo dei sogni...quello che più mi ha avvicinato al Cielo.
Mai e poi mai vorrò cimentarmi nell'ultimo tratto che porta alla vetta: lo lascio fare ai professionisti. La bellezza selvaggia e i colori immensi di questo posto sono già sufficienti a regalarmi un'emozione che difficilmente proverò per il resto della mia vita.

Grazie, Dolicoskios
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 14 giugno 2017 da dispositivo mobile

Bisogna aver fortuna, e noi, per fortuna, questa fortuna l'abbiamo avuta. La nebbia si apre, come un sipario, il palcoscenico mostra il bestione e una sensazione di immensità pervade. È tutto nel cuore e nella testa e, improvvisamente, contemporaneamente questo tutto è di fronte a noi. Siamo nei pressi del tetto del mondo, siamo così piccoli, siamo così impotenti.

Grazie, viaggiodunquesono
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Vedi altre recensioni
Recensito 25 settembre 2016

La tappa ultima del nostro viaggio in Tibet era proprio la North Face della maestosa vetta Himalayan dell'Everest, la montagna emersa più alta del mondo. Ubicata nell'uomo imo parco naturale, ci si avvicina a questo gigante superando diversi passi ad oltre 5000 metri, e dall'ultimo dei quali con il tempo buono si può già avere un assaggio di questo maestoso monte e di ben altri cinque picchi oltre gli 8000 (dei sette presenti in Tibet).
La strada è da qualche mese eccellente, alla vecchia strada sterrata si è sostituita una strada asfaltata in ottime condizioni, con sistemi drenanti, che partendo dal checkpoint della Polizia cinese immediatamente dopo il bivio che si diparte dalla Friendship Highway (la mitica stradale collega Lhasa con Kathmandu) giunge sino al monastero di Rongbuk.
Se sarete fortunati a qualche tornante dal Monastero e dal Campo Base, superati i 5000 si scoprirà ai vostri occhi la maestà innevata della vetta, la vostra emozione sarà incontenibile!
Al monastero di Rongbuk altra tappa per i permessi di accesso e poi la scelta tra l'ascesa al campo base con una passeggiata a piedi di un paio d'ore, quattro chilometri con un leggero dislivello di duecento metri o una tratta in pulmino zeppo di turisti cinesi che in cinque minuti vi porta al lookout. Ovviamente se siete in buone condizioni e n on soffrite l'altitudine non c'è partita!
Per il resto la contemplazione è tutto quello che c'e' da fare finché una nuvola dispettosa non vi toglierà lo spettacolo, ma una mezz'ora di contemplazione vi ripagherà di ogni fatica per arrivare qui e di ogni disagio per la nottata che sarete costretti a passar qui in condizioni di fortuna. Se poi avete l'accortezza di programmare con la luna piena si aggiungerà lo spettacolo, davvero incredibile, della visione notturna del gigante argentato, un sogno!

Grazie, AriStid
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Mt. Everest Base Camp hanno visto anche

 

Conosci Mt. Everest Base Camp? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato, rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo