Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

“Il Codex Purpureo è straordinario ”

Museo Diocesano e del Codex
Al n.3 in classifica su 33 Cose da fare a Rossano
Certificato di Eccellenza
Maggiori dettagli sull'attrazione
Dettagli sull'attrazione
Durata consigliata per la visita: Meno di 1 ora
Descrizione del proprietario: Inaugurato il 3 luglio 2016, il nuovo Museo Diocesano e del Codex è caratterizzato da una moderna riorganizzazione, basata sulla distinzione di due principali sezioni, una dedicata al Codex Purpureus, l’altra alla collezione d’arte sacra. Entrambi i percorsi sono arricchiti dalla presenza di supporti multimediali che permettono al visitatore di fruire di approfondimenti sulla storia e sulle opere d'arte. L’opera più importante e preziosa del Museo è il Codex Purpureus Rossanensis, riconosciuto nel 2015 Patrimonio dell’Umanità dall’ UNESCO ed iscritto nella categoria “Memory of the World”. Si tratta di un evangeliario greco miniato, risalente al VI secolo, che contiene l’intero vangelo di Matteo, quasi tutto quello di Marco, e una parte della lettera di Eusebio a Carpiano sulla concordanza dei Vangeli. É costituito da 188 fogli di finissima pergamena purpurea, scritto in maiuscola biblica con inchiostri d’oro e d’argento e arricchito da 15 miniature. La collezione museale diocesana comprende opere di varie epoche e tipologie, suddivise in aree cronologiche e tematiche. Tra le opere più importanti ricordiamo uno Specchio Greco in bronzo, datato al V secolo a. C., una lastra marmorea di epoca romana, e un anello in bronzo a pasta vitrea detto di San Nilo. Imponente e molto venerato dai rossanesi è il busto argenteo dell’Achiropita, posizionato nella sala dedicata al suo culto. Tra i dipinti vi è la tavola della Pietà, realizzata nel 1499 circa dall’artista cretese Andreas Pavias e una miniatura su pergamena raffigurante il Matrimonio mistico di Santa Caterina, datato tra il XVI e il XVII secolo. L’associazione “Insieme per Camminare” che gestisce il Museo, organizza inoltre visite guidate anche nel centro storico di Rossano.
Informazioni utili: Attività per ragazzi, Ristorazione, Parcheggio carrozzine, Armadietti / deposito custodito, Toilette, Accessibile in sedia a rotelle
Recensito 3 settimane fa da dispositivo mobile

Un museo molto interessante in cui il Codex Purpureo rappresenta un elemento unico, prezioso e straordinario. È patrimonio UNESCO e, con i suoi fogli di pergamena rossa, risale a testimonianza bizantina molto probabilmente di origine orientale, forse siriaca. Nei fogli miniati si vedono opere spettacolari per bellezza e maestria dell’esecuzione. Nel museo altri importanti reperti ed opere

Grazie, francesca_ferraro
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensioneRecensioni (135)
Valutazione
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
  • Altre lingue
Filtra

2 - 6 di 135 recensioni

Recensito 3 settimane fa

Una delle più note attrattive del luogo è questo codice in carta pergamena, che ha comportato la lavorazione delle pelli di 47 pelli di pecora, secondo la tradizione.
I primi tre righi di ogni capitolo sono scritti con inchiostro d'oro, mentre i rimanenti sono vergati in inchiostro d'argento, e soltanto questa cosa vale come segno distintivo della importanza e della preziosità di questo tomo.
Molto bello è un sito da non perdere per nessun motivo al mondo!

Grazie, pistacchio01
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 8 maggio 2018

Rimaniamo incantati davanti ad un vero e proprio gioiello: il Codex Purpureus Rossanensis, l'evangelario più antico e più prezioso miniato a mano, con caratteri d'oro e d'argento. E’ considerato il libro più bello e prezioso al mondo con il libro di Kells, realizzato da monaci irlandesi nell'800. Questo codice si trovava nella biblioteca apostolica di Roma, ma da poco tempo hanno costruito un museo che ospita reperti della Magna Grecia, argenti, libri miniati e opere del 1600, vi sono inoltre tantissimi pezzi d'arte.

Grazie, Tildina55
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 16 aprile 2018

Struttura di recente ristrutturazione, è dotato di una raccolta non particolarmente copiosa ma custodisce un tesoro autentico, Il Codex Purpureus rossanensis. Un reperto di straordinaria bellezza, antico, preziosissimo. Personale gentile, professionale ed accogliente.

Grazie, pericleilnero
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Vedi altre recensioni
Recensito 3 aprile 2018 da dispositivo mobile

Il Museo diocesano di Rossano è una perla rara che suggella l'importanza storica della "Bizantina" (Rossano è anche chiamata così) nel corso dei secoli. Il museo ha un allestimento moderno e all'avanguardia, è dotato di schermi interattivi touch volti a valorizzare il protagonista assoluto: Il Codex Purpureus Rossanensis, uno dei manoscritti miniati più importanti al mondo la cui importanza è stata riconosciuta anche dall'UNESCO. Il museo non è segnalato come merita dalle indicazioni stradali ma è attiguo alla Cattedrale della Santissima Achiropita che svetta imperiosa, con il suo campanile, sul centro storico (uno dei più caratteristici che abbia mai visto) di Rossano.

Grazie, Pino M
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Museo Diocesano e del Codex hanno visto anche

 
Rossano, Provincia di Cosenza
 

Conosci Museo Diocesano e del Codex? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato, rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo
;