Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Vuoi gli hotel ai prezzi più bassi? Sei nel posto giusto. Controlliamo per te oltre 200 siti.

“Per non dimenticare” Punteggio 5 su 5
Recensione di Workshop al museo Ground Zero

Workshop al museo Ground Zero
Prenota in anticipo
Altre info
Da 24,99 US$*
Tour del Ground Zero Museum Workshop
Al n.18 in classifica su 1.064 Cose da fare a New York City
Certificato di Eccellenza
Maggiori dettagli sull'attrazione
Dettagli sull'attrazione
Durata consigliata per la visita: 1-2 ore
Informazioni utili: Attività per bambini piccoli, Toilette, Scale / ascensore, Accesso disabili
Roma
Contributore livello
174 recensioni
51 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 71 voti utili
“Per non dimenticare”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 2 marzo 2012

E' un museo unico nel suo genere, inaugurato il 7 settembre 2005, sostiene 6 fondazioni benefiche legate all'11 settembre. Le immagini appese sono uniche al mondo. Esistono molte immagini della mattina dell'11 settembre, che abbiamo più e più volte visto in televisione o sui giornali, ma, di certo lo ricorderete, dopo tre settimane non è stato più possibile introdurre fotocamere a Ground Zero. Ecco il motivo per il quale sono uniche. Le foto sono state scattate da Gary Marlon Suson, capo onorario del battaglione della caserma dei pompieri di New York e fotografo ufficiale presso Ground Zero. Pochi mesi dopo la tragedia, Suson stava organizzando a Long Island, con un esperto di malattie ambientali, l'assistenza sanitaria gratuita per alcuni pompieri malati. E lì conobbe Rudy Sanfilippo, rappresentante dell'organizzazione sindacale di Manhattan che governa i pompieri del FDNY. Questi lo ringraziò per l'assistenza ai malati e chiese informazioni su un sito web di cui aveva sentito parlare, chiamato septembereleven.net, che Suson aveva creato inserendovi le sue immagini, in modo che tutto il mondo vedesse cosa era accaduto e stava accadendo a New York. Quando Sanfilippo vide il sito web, convocò Suson per chiedergli di diventare il fotografo ufficiale di Ground Zero in rappresentanza del sindacato. Così ebbe accesso a tutte le aree di Ground Zero divenendo l'unico a poter scattare fotografie accanto ai pompieri. Suson accettò immediatamente non rendendosi conto dell'impatto emotivo che questa esperienza avrebbe avuto su di lui. Durante le riprese fotografiche, gli fu chiesto di mantenere il segreto con i media, di non vendere o mettere in circolazione immagini fino al termine delle Operazioni di recupero, di non riprendere resti umani, di non essere pagato e che, se mai avesse pubblicato un libro o le foto, avrebbe sempre condiviso parte dei proventi con il fondo dedicato alle vedove e ai figli delle vittime. Questo è un piccolo museo ma molto potente dal punto di vista emotivo. Ogni foto ed ogni oggetto hanno una storia e servono a far sì che il mondo non dimentichi mai le vittime innocenti morte quella mattina del settembre 2001.

Visitato a Gennaio 2012
È utile?
Grazie, Stefania01
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensione

2.658 recensioni dei viaggiatori

Valutazione dei visitatori
    2.234
    332
    60
    21
    11
Data | Punteggio
  • Cinese (Tradizionale) per primo
  • Cinese per primo
  • Coreano per primo
  • Danese per primo
  • Ebraico per primo
  • Finlandese per primo
  • Francese per primo
  • Giapponese per primo
  • Indonesiano per primo
  • Inglese per primo
  • Italiano per primo
  • Olandese per primo
  • Norvegese per primo
  • Polacco per primo
  • Portoghese per primo
  • Russo per primo
  • Spagnolo per primo
  • Svedese per primo
  • Tedesco per primo
  • Prima in turco
  • Tutti
  • Tutte le più recenti in italiano
Italiano per primo
Bologna, Italia
Contributore livello
1.476 recensioni
860 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 195 voti utili
“Veramente toccante”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 26 febbraio 2012

La visita a questo museo vale sicuramente la pena, sia per un tributo a quanti hanno perso la vita nell'attentato, sia per il contributo dato pagando il biglietto che va a favore delle persone colpite. La visita impegna circa un'ora, dando modo di vedere gli effetti del disastro, sulle cose e sulle persone. Pezzi di lamiera contorta, reperti dei vigili del fuoco che hanno perso la vita durante i soccorsi, una miriade di lettere e biglietti. Veramente toccante.

Visitato a Marzo 2011
È utile?
Grazie, paolo d
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Peschiera del Garda, Italia
Contributore livello
30 recensioni
common_n_attraction_reviews_1bd8 15 voti utili
“La cosa più emozionante che ho visto!!”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 31 gennaio 2012

Lo so non è bello da dire ma credo che questo museo alla memoria dei caduti l'11 settembre sia una delle cose più emozionanti che io abbia mai visto, merita grande rispetto.
Visitatelo vi renderete davvero conto di cosa vuol dire perdere tutto in 1 minuto. Ho letto lettere strazianti ascoltato dialoghi impressionanti. Non prendetelo come un'attrazione turistica ma visitatelo perchè solo in questo potrete rivivere quell'esperienza con i loro occhi.

Visitato a Febbraio 2011
È utile?
Grazie, little_star88
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Milano, Italia
Contributore livello
104 recensioni
9 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 88 voti utili
“COMMOVENTE”
Punteggio 4 su 5 Recensito il 24 gennaio 2012

Un piccolissimo museo a gestione "casalinga" dove troverete reperti impressionanti del crollo delle Torri gemelle e sentirete racconti che vi riporteranno a quel maledetto giorno. Rivivrete le storie di vigili del fuoco, impiegati e persone qualunque che sono state direttamente coinvolte.
Spero che i ricavi del museo vadano effettivamente ai reduci di quella tragedia.

Visitato a Agosto 2011
È utile?
Grazie, BUBA187849
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Roma
Contributore livello
61 recensioni
6 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 26 voti utili
“sigh”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 14 gennaio 2012

mentre facevo la fila per entrare,avendo preordinato i biglietti tramite il concierge dell'hotel,pensavo che avrebbero potuto chiedere un contributo per l'entrata,ma pero' magari,qualcuno si sarebbe potuto irritare per ovvi motivi,ho acquistato dei souvenir,e al momento di pagare mi e' stato chiesto se avessi voluto lasciare 1 dollaro per le vittime,in pratica hanno messo in atto cio' che avevo pensato,ma senza offendere la sensibilita' di nessuno,perche' l'offerta era libera.Grandi!!!

Visitato a Novembre 2011
È utile?
Grazie, supergiannigianni
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Workshop al museo Ground Zero hanno visto anche

 

Conosci Workshop al museo Ground Zero? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato,
rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo