Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

“peccato la ruggine” 3 su 5 stelle
Recensione di Teodelapio

Teodelapio
piazzale Polvani, 06049, Spoleto, Italia
Migliora questo profilo
Al n.22 in classifica su 35 Cose da fare a Spoleto
Dettagli sull'attrazione
Contributore livello
9 recensioni
common_n_attraction_reviews_1bd8 4 voti utili
“peccato la ruggine”
3 su 5 stelle Recensito il 7 maggio 2012

Opera famosissima di Calder, lasciata a Spoleto in occasione della contestuale mostra di arte moderna al festival dei due mondi negli anni 60. Davanti ad una Stazione dei treni orrenda, è abbandonata, con evidenti segni di incuria e ruggine. Nota evidente di come la città per altro splendida sia lontana dai fasti di un tempo

Visitato a Maggio 2012
È utile?
2 Grazie, 1973massi
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensione

20 recensioni dei viaggiatori

Valutazione dei visitatori
    4
    7
    3
    2
    4
Data | Punteggio
  • Cinese per primo
  • Giapponese per primo
  • Inglese per primo
  • Italiano per primo
  • Portoghese per primo
  • Spagnolo per primo
  • Qualsiasi
  • Tutte le più recenti in italiano
Italiano per primo
Umbria, Italia
Contributore livello
86 recensioni
23 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 36 voti utili
“Teodolapio è il nome di un Duca Longobardo”
4 su 5 stelle Recensito il 29 aprile 2012

la scultura di Alexander Calder una delle poce sculture rimaste in Spoleto della famosa prima mostra di Sculture nella città organizzata per il Festival dei Due Mondi di Gian Carlo Menotti nel 1962 ideata e diretta da Giovanni Carandente ed immortalada dal fotografo Ugo Mulas ne esiste una edizione in libro della Electa

Visitato a Febbraio 2012
È utile?
1 Grazie, rcnmra
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Perugia, Italia
Contributore livello
140 recensioni
78 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 122 voti utili
“Un monumento nascosto in bella vista”
4 su 5 stelle Recensito il 9 agosto 2011

Il Teodolapio è una grande scultura in ferro di Alexander Calder situata di fronte alla stazione ferroviaria di Spoleto. La scultura fu realizzata per la mostra “Sculture nella Città” del 1962 organizzata nell’ambito del Festival dei Due mondi. Si trattava della più grande scultura in ferro realizzata fino ad allora nell’età moderna. Il monumento (“stabile”) venne eseguito negli stabilimenti dell’Italsider presso Genova. Fu chiamato Teodolapio dal nome di un antico duca longobardo.
E’ un monumento che meriterebbe maggiore attenzione. Se siete in auto, potete lasciare la macchina nel parcheggio gratuito della stazione. Vi consiglio di fotografarlo dando le spalle alla stazione. Dietro al monumento avrete un colpo d’occhio stupendo su tutta la città vecchia.

Visitato a Agosto 2011
È utile?
3 Grazie, laura1034
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Teodelapio hanno visto anche

Spoleto, Provincia di Perugia
Spoleto, Provincia di Perugia
 
Spoleto, Provincia di Perugia
 

Conosci Teodelapio? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato, rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo