Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Il meglio delle recensioni
trekking spettacolare

per visitare Favare grande è possibile parcheggiare al parcheggio omonimo oppure al parcheggio Leggi il seguito

Recensito il 1 agosto 2018
ViaggiaMangiaAma
,
Roma, Italia
da dispositivo mobile
Particolari

Il percorso per arrivare è di circa un paio di km ed in salita, se si è avventurieri o comunque Leggi il seguito

Recensito il 22 agosto 2017
Chiarar93
,
Arezzo, Italia
Leggi tutte le 22 recensioni
  
traduzione di Google
Tour e attività più venduti a e vicino a Pantelleria
a partire da 86,80 USD
Altre info
a partire da 75,20 USD
Altre info
a partire da 109,90 USD
Altre info
a partire da 81,00 USD
Altre info
Recensioni (22)
Filtra recensioni
21 risultati
Valutazione
10
7
3
1
0
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
LinguaTutte le lingue
10
7
3
1
0
Scopri i commenti dei viaggiatori:
Filtra
Aggiornamento elenco in corso…
1 - 10 di 21 recensioni
Recensito il 1 agosto 2018 da dispositivo mobile

per visitare Favare grande è possibile parcheggiare al parcheggio omonimo oppure al parcheggio Vedinicolao. Da qui è possibile raggiungere sia il Bagno Asciutto sia la zona Favare e la fossa del Russo. per il Bagno Asciutto ci vogliono circa 10 minuti mentre per la fossa del Russo circa 50 minuti. Da fare al mattino con scarpe adatte e acqua a disposizione.
il paesaggio lungo il cammino è variegato e ricco di flora. una volta in cima sono visibili i resti di strutture militari da contraerei..e la vista della fossa del Russo è incredibile: si tratta del cono di un antico vulcano in parte crollato. il terreno non è proprio agevole in questo punto. proseguendo la passeggiata è possibile arrivare al cono del Monte gibele con un'altra oretta di cammino.
Da non perdere..

Grazie, ViaggiaMangiaAma
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 27 giugno 2018 da dispositivo mobile

Un tempo questa località doveva essere veramente interessante. Oggi rimane una bella passeggiata, ma l’abbandono è un po’ triste da vedere.

Grazie, BERTOX11
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 18 giugno 2018

Fenomeno naturale che testimoni come nel sottosuolo, sia sempre presente l'attività vulcanica che ha caratterizzato l'isola. lasciata la macchina il percorso è in salita ma lo si fa tranquillamente in meno di un ora. Si esce poi in una valletta che in passato era sede si abitazioni rurali. Poco sopra ecco le "fumarole" che fanno la loro comparsa accompagnate dal caratteristico odore di zolfo. Certo, come capita nell'intera Pantelleria, sono attrazioni semplici, poco pubblicizzate e valorizzate, ma sono in linea con lo spirito dell'isola che dona poche cose ma da saper apprezzare.

1  Grazie, Donato s
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 22 agosto 2017

Il percorso per arrivare è di circa un paio di km ed in salita, se si è avventurieri o comunque desiderosi di camminare per vedere un ambiente particolare è veramente consigliato! Sono fumarole con temperature di quasi 100° e per gli appassionati di geologia è una meta da non perdere!

Grazie, Chiarar93
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 21 agosto 2017

siamo stati qui senza saper a cosa andavamo in contro. Lunga salita per i sentieri dal parcheggio per poi trovare del fumo che veniva fuori della montagna. Le vasche dove poter farsi il bagno desolanti e vuote. Non andare!! ci sono posti più belli!!

Grazie, Steopelle
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 24 settembre 2016

Ci si aspetta di vedere qualche cosa di più grande specie dopo la camminata sotto il sole di + di mezzo ora. Ne vale comunque la pena

1  Grazie, erny74
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 9 agosto 2016 da dispositivo mobile

Alle favare si arriva tramite un sentiero più o meno ripido che sale sulla collina. Il sentiero è ben segnalato, ma non è specificata con chiarezza la lunghezza del percorso ( ci vuole circa una mezz'ora di cammino). Lo stesso sentiero è collegato con quello che porta alla grotta di benikulà (bagno asciutto), che abbiamo poi scoperto essere distante un'ora di cammino circa, ma non essendo segnalato e quindi non sapendo quanta strada c'era, non abbiamo voluto avventurarci. La salita è a tratti ripida, per cui abbiamo apprezzato le nuvole che ogni tanto ci facevano godere meglio il vento tipico di Pantelleria. Peccato per l'incendio che ha bruciato tutta la vegetazione circostante..

Grazie, Francalalala
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 25 luglio 2016

Il posto è un po' lunare, il paesaggio molto bello. Noi siamo saliti dal Bagno asciutto, proseguendo il sentiero per un'oretta. Vale la pena magari il mattino presto perché poi molto caldo.

Grazie, allucevalgo
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 24 luglio 2016

Si lascia moto o auto all' inizio di un sentiero assolato, ma ventilato, che sale il monte, in una zona di recente bruciata da un violento incendio che ha distrutto coltivazioni e vegetazione. Tuttavia, questo evento rende ancora più estremo il paesaggio, facendolo assomigliare a qualcosa di infernale. Bel panorama durante la salita. Ci vuole circa mezz'ora per arrivare a destinazione. Sulla destra, da un rialzo del terreno, escono getti di vapore caldo in più punti. Il sentiero poi prosegue a sinistra verso il bagno asciutto e a destra verso Ballata dei Turchi. Meglio portarsi dietro dell'acqua, non ci sono punti di ristoro lungo il percorso.

1  Grazie, silvia i
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 19 luglio 2016

Un sentiero che parte dalla contrada di Rekhale si inerpica (breve ma ripido) fino alle favare, luogo di grande fascino e suggestione, anche se proprio al confine con una delle zone andate a fuoco lo scorso giugno. Consigliamo.

Grazie, clorococco
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Visualizza più recensioni