Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

“Un castello incantato il un luogo fuori dal tempo...” 5 su 5 stelle
Recensione di Palazione nazionale di Pena (Palacio Nacional da Pena)

Palazione nazionale di Pena (Palacio Nacional da Pena)
Estrada da Pena, Sintra, Portogallo
+351 21 923 73 00
Sito web
Migliora questo profilo
Prenotazione anticipata su Viator
Consigliati
45 US$*
e oltre
Gita di mezza giornata a Sintra, Palácio da Pena
Al n.2 in classifica su 58 Cose da fare a Sintra
Maggiori dettagli sull'attrazione
Dettagli sull'attrazione
Tariffa:
Durata consigliata per la visita: Più di 3 ore
Roma, Italia
Contributore livello
23 recensioni
common_n_attraction_reviews_1bd8 14 voti utili
“Un castello incantato il un luogo fuori dal tempo...”
5 su 5 stelle Recensito il 11 aprile 2012

Impossibile visitare Lisbona senza passare per Sintra, impensabile trovarsi in questa splendida località sita 40 km a ovest di Lisbona senza ammirare il Palazzo De Pena...
Il palazzo è raggiungibile tramite il bus turistico 434, lo stesso che porta al castello dei Mori. Noi abbiamo visitato prima quest'ultimo e già dalle su torri siamo rimasti colpiti dal fascino, dai colori e dall'armonia di questo palazzo fatato. E una volta stati rapiti dalla magia e dai mille colori di questo palazzo dal sapore esotico, ci siamo resi conto che il sogno continuava ancora con la visita delle sue stanze... imperdibili, fuori dal tempo, dotate di una stupefacente varietà che va dallo stile manuelino a quello mediorientale... un balzo nel tempo e nello spazio che rimarrà nei nostri ricordi. Peccato avere così poco tempo a disposizione per vedere questa e le altre bellezze di Sintra...

Visitato a Marzo 2012
È utile?
Grazie, G A
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensione

5.719 recensioni dei viaggiatori

Valutazione dei visitatori
    3.618
    1.548
    402
    105
    46
Data | Punteggio
  • Ceco per primo
  • Cinese (Tradizionale) per primo
  • Cinese per primo
  • Coreano per primo
  • Danese per primo
  • Ebraico per primo
  • Finlandese per primo
  • Francese per primo
  • Giapponese per primo
  • Greco per primo
  • Inglese per primo
  • Italiano per primo
  • Olandese per primo
  • Norvegese per primo
  • Polacco per primo
  • Portoghese per primo
  • Russo per primo
  • Spagnolo per primo
  • Svedese per primo
  • Tedesco per primo
  • Tailandese per primo
  • Prima in turco
  • Qualsiasi
  • Tutte le più recenti in italiano
Italiano per primo
Contributore livello
32 recensioni
14 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 23 voti utili
“un castello fatato da girare in lungo e in largo!”
4 su 5 stelle Recensito il 23 marzo 2012

Il palacio da pena di sintra è raggiungibile da lisbona con un percorso abbastanza rapido via treno+autobus- il treno parte dalla stazione nel roxio ,arriva a sintra,e da lì potete raggiungere il castello tramite alcuni bus che partono proprio dalla stazione di Sintra.
L' ingresso al castello costa oltre i 20€, più delle aggiunte per un bus interno, di cui abbiamo fatto a meno..il viale interno x raggiungere il castello è in mezzo agli alberi,ma effettivamente un po' in salita... In cima a questa collina vi troverete di fronte ad un castello multi-colore, ricco di torri e merletti, cunicoli e pinnacoli degni di un castello fatato in stile cartoons! invece è tutto vero,ed è storia! Il biglietto comprende la visita all' interno delle stanze, alcune ancora arredate..
All' interno del perimetro del castello c'è un solo punto di ristoro,a prezzi proibitivi.. consiglio- portateti qualcosa da sgranocchiare se pensate di fermarvi a lungo .. anche se noi in totale ci abbiamo messo tre orette..
in sintesi-consigliato..è un posto troppo particolare, da vedere!

È utile?
Grazie, bozona
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Bologna, Italia
Contributore livello
602 recensioni
226 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 768 voti utili
“che bellezza!”
5 su 5 stelle Recensito il 24 febbraio 2012

Sulla cima più alta del paese, in posizione dominante su Sintra si trova questo magnifico castello, raggiungibile con apposito autobus, che sembra disegnato direttamente da Walt Disney.
Bello e colorato permette di gidere di scorci unici.
Girare per questo castello ed il suo magnifico giardino ricco di fiori rari mette di buon umore.
Ideale con i bambini ma anche per gli adulti.
Favoloso... in ogni senso!

Visitato a Maggio 2011
È utile?
1 Grazie, La_Stefy
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
roma
Contributore livello
29 recensioni
21 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 41 voti utili
“Sintra, un salto nel mondo delle favole”
5 su 5 stelle Recensito il 20 febbraio 2012

Sintra è una fonte inesauribile di fascino. La perfetta simbiosi che esiste tra la natura e il patrimonio culturale hanno portato l’UNESCO a dichiararla, nel 1995, Patrimonio Mondiale dell’Umanità, nella categoria “Paesaggio Culturale”.
Amata in passato da artisti e scrittori di tutto il mondo, la passione per la città raggiunse l’apice nel XIX secolo, in pieno Romanticismo. Poeti quali Lord Byron, che la definì "Paradiso Terrestre” o scrittori portoghesi come Eça de Queiroz, che la celebrò in molti passaggi dei suoi libri, contribuirono a creare un’aura nella città, che le appartiene di diritto. La stessa meraviglia proverà Richard Strauss, che pure veniva dalla Vienna imperiale che disse: "E' la cosa più bella mai vista! E' questo il vero giardino di Klingsor, e lassù il castello del sacro Graal". Vegetazione lussureggiante, sorgenti, ruscelli, paesaggi mozzafiato e alture che consentono di lanciare lo sguardo sull'immensità dell'Oceano Atlantico; sono state proprio le condizioni climatiche, particolarmente favorevoli, a fare di Sintra un paradiso. La felice posizione geografica, al riparo dai venti del Nord, e la vicinanza dell'Oceano che cede la sua umidità hanno permesso di ricrearvi una piccola zona tropicale, con piante esotiche provenienti da diverse parti del mondo. Sintra è coinvolgente sotto tutti i punti di vista. Rappresenta la fusione perfetta tra la ricchezza naturale e la magnificenza dei suoi monumenti, uniti ad un’estrema bellezza. Nel centro storico della città si erge il Paço Real, Il Palazzo Reale di Sintra, un luogo assolutamente da non perdere durante una vostra visita a questa bellissima città. Fu costruito su antiche fondamenta moresche da João I, nel XIV secolo, e successivamente ampliato da uno dei più famosi re portoghesi di sempre Manuel I (da cui stile "manuelino"). Si chiama Palazzo Real ma in realtà si tratta di un complesso di singoli edifici che riuniscono in se un affascinante mix di elementi moreschi, gotici, manuelini e rinascimentali. Un cosa unica al mondo. La facciata antistante la piazza del primo periodo integra cinque finestre identiche. Quest'ultime furono portate qui da João I da Ceuta in nord africa (ora enclave spagnola) come bottino di guerra nel 1415. I due giganteschi camini conici, che troneggiano in questa parte del palazzo, appartengono alle stanze usate come cucina e furono aggiunti due secoli più tardi nel XVIII secolo, anche se il focolare è probabile risalga al periodo arabo. Una delle cose più belle di questo palazzo sono le azulejos del XVI secolo decorate con i motivi tipici di quel periodo e presenti ovunque. Le azulejos più antiche provengono da Siviglia e si trovano invece in quella che viene chiamata Sala degli Arabi, con al centro da una piccola e graziosa fontana. Il palazzo, o meglio dire, il complesso di edifici, possiede anche una graziosa cappella, probabilmente costruita sulle rovine di quella che era una piccola moschea. Tra le sale visitabili di sicuro interesse è la Stanza di Alfonso VI, il quale era un personaggio alquanto bizzarro. Fu infatti dichiarato pazzo, detronizzato e proprio qui incarcerato e recluso fino alla morte nel 1863. Un'altra sala interessante è la Sala delle Gazze, che deve il suo nome ai 136 uccelli dipinti sul tetto. Anche questa sala ha una sua storia che sta al confine tra verità e leggenda. Pare che il re João I, fu sorpreso dalla moglie mentre baciava una dama di corte, cosa che doveva essere alquanto comune. Comunque per niente imbarazzato il re pare che avesse esclamato: "Lo faccio a fin di bene" (che in portoghese si dice, por bem). Da quel momento le altre dame di corte cominciarono a prendere in giro il re ripetendo in continuazione "por ben". Il re irretito dalle dame fece quindi dipingere le gazze, che rappresentano le pettegole, mentre tra il becco stringono delle carte con su scritto le parole por bem. Infine, non mancate di visitare la Sala dei Cigni, chiamata così perché il soffitto è decorato dalle immagini di 27 cigni. In questa sala un tempo si svolgevano i banchetti e ancora oggi qui si tengono importanti feste ufficiali. Camminare per il centro della città significa poi entrare in un mondo magico, colmo di cose apparentemente insignificanti ma estremamente ricche. L’intero contesto è circondato dall’imponente Serra di Sintra, con la sua lussureggiante vegetazione, dove è possibile passeggiare a lungo. Altro luogo degno di essere visistato è il Castello do Mouros costruito dagli arabi dall'VIII secolo, che si ammira magicamente inerpicato su due picchi della Serra de Sintra. Come in una piccola Grande Muraglia, le bianche mura del castello (composte da due segmenti in un perimetro di quasi mezzo chilometro) si stagliano nella verde vegetazione e l'UNESCO non poteva di certo non includere una tale bellezza storica ed estetica nel Paesaggio Culturale di Sintra, fosse solo per lo splendido panorama che si gode sulla città. Nel 1109, il castello divenne oggetto di duri attacchi da parte dei crociati norvegesi, guidati dal re Sigurd nel loro cammino verso la Terra Santa. Si racconta di una grande carneficina tra i Mori, essendosi questi rifiutati di ricevere il battesimo cristiano. Dopo secoli di decadenza e rovina fu solo nella prima metà del XIX secolo, in piena era romantica, che il tedesco re consorte Ferdinando di Sassonia Coburgo-Gotha (Ferdinando II di Portogallo) diede inizio al suo rinnovamento, impegnandosi a grandi riparazioni, come richiedeva lo spirito dell'epoca che vedeva nel passato una fonte di ispirazione. Le mura e le torri vennero ricostruite, mentre la Chiesa di San Pietro (originaria del XII-XIII secolo) venne volutamente lasciata in rovina. Il castello, mescolato con la vegetazione e la topografia della collina, conserva ancora oggi una tipica atmosfera fiabesca, che merita di sicuro una visita e più di una fotografia. Sintra è unica per la ricchezza dei suoi parchi e giardini, influenzando per questo molti paesaggi europei. Particolarmente rilevanti il Parque da Pena e i giardini de Monserrate.
In mezzo alla Serra, su una delle sue cime scoscese, posato come d'incanto sopra la rocca di Sintra a 450 metro d'altezza, si trova il Palácio da Pena, l’esempio più completo e significativo dell’architettura portoghese del Romanticismo, recuperato e dipinto con colori originali, che si staglia sul verde della vegetazione. Il divertimento comincia con la salita tortuosa nel verde per arrivarci. Ricostruito a partire dalle rovine del Mosteiro Jerónimo de Nossa Senhora da Pena, il palazzo risale al 1839. L'ispirazione alla costruzione di questo "favoloso" castello, venne da Ferdinando II di Sassonia-Coburgo-Gotha, regnante del Portogallo per avere sposato Maria II di Braganza, il quale chiamò per la sua realizzazione, un amico, il Barone Eschweg. Il gusto esotico del Romanticismo venne applicato al parco così come era stato per il palazzo. Il re ordinò alberi provenienti da diverse terre lontane incluse le Sequoie nordamericane, il Cipresso di Lawson, il Cedro Rosso, il Ginko Biloba cinese e tanti altri. Il parco dispone di un sistema labirintico di sentieri e strade strette, che collega il palazzo ai molti punti di interesse in tutto il parco, così come alle sue due uscite. La vicinanza al mare fa della regione una destinazione unica, con alcune delle spiagge atlantiche più belle, tra le quali spiccano la Praia Grande e la Praia das Macas.

Visitato a Luglio 2011
È utile?
1 Grazie, december52
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
roma
Contributore livello
132 recensioni
47 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 94 voti utili
“Bello, ma da ristrutturare.”
3 su 5 stelle Recensito il 15 febbraio 2012

In una bella posizione, raggiungibile con la macchina fino alla biglietteria e, all'interno con un trenino a pagamento - 2 euro oltre il biglietto di ingresso - bel parco rigoglioso da fare anche a piedi in 10 minuti fino al Palazzo vero e proprio. Dopo aver visto numerose foto, devo dire che non mi ha colpito più di tanto. Certo, la posizione è spettacolare con vista a 360° su Sintra, l'Oceano, il castello dos Muros e la campagna portoghese. Mix di stili architettonici e decorativi, colori pastello, azulejos ... fiabesco come già detto da altri. Alcune parti un po' vecchiotte necessitano di lavori, soprattutto le mura d'entrata, dove il giallo è quasi del tutto scolorito.

Visitato a Febbraio 2012
È utile?
1 Grazie, Olivia56
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Palazione nazionale di Pena (Palacio Nacional da Pena) hanno visto anche

Sintra, Sintra Municipality
Sintra, Sintra Municipality
 
Sintra, Sintra Municipality
Sintra, Sintra Municipality
 

Conosci Palazione nazionale di Pena (Palacio Nacional da Pena)? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato, rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo