Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

“Sconosciuto ai più” Punteggio 5 su 5
Recensione di Museo Nazionale di San Matteo

Museo Nazionale di San Matteo
Al n.14 in classifica su 163 Cose da fare a Pisa
Certificato di Eccellenza
Dettagli sull'attrazione
Pisa, Italia
Contributore livello
24 recensioni
11 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 9 voti utili
“Sconosciuto ai più”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 8 agosto 2012

Il museo di San Matteo è l'emblema di come sia sbagliata l'affermazione che a pisa non c'è altro da vedere dopo la piazza dei miracoli. Seminascosto, poco pubblicizzato, poco valorizzato, tenuto in modo non ottimale, questo è un grande museo in tutti sensi, da vedere per ogni visitatore che venga a pisa non solo per la torre.

Visitato a Maggio 2012
È utile?
1 Grazie, ilbestione
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensione

206 recensioni dei viaggiatori

Valutazione dei visitatori
    105
    71
    22
    6
    2
Data | Punteggio
  • Francese per primo
  • Giapponese per primo
  • Inglese per primo
  • Italiano per primo
  • Olandese per primo
  • Portoghese per primo
  • Russo per primo
  • Spagnolo per primo
  • Svedese per primo
  • Tedesco per primo
  • Tutti
  • Tutte le più recenti in italiano
Italiano per primo
Lucca
Contributore livello
272 recensioni
103 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 53 voti utili
“Da far conoscere di più”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 10 giugno 2012

Museo di grandissima importanza con opere eccezionali.
Purtroppo poco pubblicizzato. Avrebbe bisogno di maggiore attenzione e manutenzione

Visitato a Novembre 2011
È utile?
1 Grazie, marcopoloLucca
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Viareggio, Italia
Contributore livello
27 recensioni
4 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 90 voti utili
“una perla nascosta”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 31 marzo 2012

Non si può non essere d'accordo con le altre recensioni: una perla di grande bellezza e valore sconosciuta ai più, che sembrano venire a Pisa solo per la Torre, e asolutamente non valorizzata. Detto questo, vale senz'altro la pena visitarlo: le opere d'arte che contiene sono al di là di ogni aspettativa.

Visitato a Marzo 2012
È utile?
Grazie, Chiara1204
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Toscana
Contributore livello
427 recensioni
208 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 238 voti utili
“Una perla:Simone Martini, Masaccio, Beato Angelico, Benozzo Gozzoli, la famiglia Pisano..”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 9 marzo 2012

Uno scrigno incredibile di opere meravigliose!
Ricavato all'interno del convento medioevale di San Matteo, adiacente alla chiesa omonima, il museo raccoglie i capolavori (tavole e sculture) piu' importanti dell'arte pisana, dal Medioevo fino al XV secolo, prima esposte nelle chiese piu' importanti della citta', dal duomo a Santa Maria della Spina.
Non si crede ai propri occhi trovandosi davanti al San Paolo di Masaccio, parte di un polittico gia' smembrato in eta' antica, al Polittico di Santa Caterina di Simone Martini, in questi mesi sotto restauro ma visibile al pubblico, alle Madonne ed i Gesu' del Beato Angelico, alle Conversazioni di Benozzo Gozzoli. Un' intera sala e' dedicata ai crocefissi medioevali, tutti appesi in alto quasi a formare una suggestiva foresta. Notevole la sala con le sculture lignee e, soprattuto, quella dedicata alla famiglia di scultori Pisano: qui e' visibile la commovente Madonna del latte.

Di fronte a tanta bellezza non ci si raccapacita di come mai questo museo sia cosi' poco conosciuto e promosso. Meriterebbe molta piu' attenzione anche da parte degli enti promotori perche' potrebbe essere una attrazione turistica di grande interesse. Peccato perche' la sua collocazione centralissima, nei lungarni, arricchisce questo centro storico che e' fatto di mille meravilgie e che si vorrebbe piu' conosciuto.

Lo visitato durante la festa della donna, giorno in cui tutti i musei statali sono aperti gratuitamente per le donne, ma non era presente alcun riferimento a questa iniziativa all'interno del museo, come e' successo anche a chi lo ha visitato per San Valentino.
A mio parere questo e' un esempio di scarsa capacita' di promozione che invece farebbe bene a questo museo.

Come unico appunto concordo con le recensioni precedenti riguardo gli allestimenti. In effetti le luci sono spesso insufficienti: lo ho visitato al crepuscolo ed in molte sale la luce era insufficiente ad apprezzare la bellezza dei colori e delle forme. Spero che durante il giorno la luce naturale supplisca. Inoltre spesso e' anche la disposizione stessa delle luci a creare fastidiosi riflessi sulle tavole rendendone difficile la lettura.

Inoltre al piano terra e' possibile visitare alcune sale aperte attorno al chiostro centrale, in cui sono esposti i tesori delle tombe longobarde scoperte in Piazza dei Miracoli (non sapevo neppure che esistessero!!) e dei resti di decorazioni scultoree provenienti da alcuni edifici religiosi. Tutti reperti di notevole interesse ma ho dovuto scovare da sola le sale, che sembrano abbandonate. Non una indicazione dei percorsi ne' delle sale stesse. Scelte di gestione inspiegabili perche' un simile comportamento e' come quello del "gatto che si morde la coda", incapaci di creare interesse per le meraviglie di questo museo.

Consiglio: non perdete l'occasione di vedere questi bellissimi capolavori! Chissa' che un crescente numero di visitatori non faccia aprire gli occhi alla gestione sulle meraviglie di questo museo!

Visitato a Marzo 2012
È utile?
2 Grazie, viaggiare_curiosando
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Verona, Italia
Contributore livello
37 recensioni
13 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 30 voti utili
“tante opere, illuminazione non molto adeguata”
Punteggio 4 su 5 Recensito il 20 febbraio 2012

Nel museo è presente una grande quantità di opere: alcune veramente molto belle di Andrea Pisano, una sala dedicata al Pisano e ai due figli, una sala dedicata ai crocefissi, molte sculture, molte opere pittoriche. Il lato negativo è l'illuminazione: molte opere erano quasi al buio, scarsamente illuminate o con un'illuminazione che creava fastidiosi riflessi sulle opere; peccato perchè le opere qui presenti mancano di valorizzazione. Il museo ha orari particolari: ad esempio, alla domenica è aperto solo al mattino, ma è meglio informarsi perchè in occasione della settimana di San Valentino, c'è stata un'apertura straordinaria con orario continuato nella domenica 19 febbraio, con ingresso ridotto per le coppie. Tuttavia non c'era nessun cartello che segnalasse questo e per poco non siamo andati via senza poterlo visitare. Normalmente, il biglietto intero costa 5 euro. La struttura in cui è conservato è un ex convento, con una architettura molto bella, ma non molto ben conservata. Nel museo è presente una zona in cui operano i restauratori, visibile da pannelli in vetro. Nonostante le luci, il museo merita sicuramente di essere visitato.

Visitato a Febbraio 2012
È utile?
1 Grazie, GiuliaB1981
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Museo Nazionale di San Matteo hanno visto anche

 

Conosci Museo Nazionale di San Matteo? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato,
rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo