Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
San Francesco del Deserto
Salva
Prenota in anticipo
Perché prenotare su TripAdvisor?
  • Itinerario completo e tour in breve
  • Prenotazione online facile
  • Prezzo più basso garantito
Ulteriori informazioni
  
traduzione di Google
Tour e attività più venduti a e vicino a Venezia
a partire da 52,30 USD
Altre info
a partire da 1.452,50 USD
Altre info
a partire da 58,10 USD
Altre info
a partire da 1.336,30 USD
Altre info
Recensioni (112)
Filtra recensioni
97 risultati
Valutazione
66
24
4
2
1
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
LinguaTutte le lingue
Altre lingue
66
24
4
2
1
Scopri i commenti dei viaggiatori:
Filtra
Aggiornamento elenco in corso…
1 - 10 di 97 recensioni
Recensito il 24 settembre 2018 da dispositivo mobile

Un luogo tranquillo peccato che la visita non sia stata così esaustiva come un frate mi aveva pronosticato. Avrei voluto vedere il secondo chiostro, il refettorio e anche, se possibile, una cella, inoltre il giro del giardino è stato limitato a poche decine di metri. Un luogo che dovrebbe essere di accoglienza e non lo è stato. Ogni bene.

1  Grazie, alice t
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 14 settembre 2018

Accompagnati da un simpaticissimo frate abbiamo visitato l'isola. Una vera oasi verde, di pace, in mezzo alla laguna.
I frati sanno scegliersi i posti giusti, ma poi bisogna anche mantenerli.
Complimenti.

Grazie, Antonino S
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 3 giugno 2018 da dispositivo mobile

A dirla tutta credo che non sia stata proprio una grande idea quella di andare a visitare San Francesco del deserto oggi domenica 3 giugno.
Prima di tutto perché mi sono trovato in mezzo a un gruppo di una sessantina di persone e quel po' che c'è da vedere ho dovuto condividerlo con la notevole massa.
Ma andiamo al posto , che offre In verità assai poco.
Si viene accolti da un frate che cerca di fare lo spiritoso nel dare le spiegazioni e ti fa restare mezz'ora in un chiosco modesto per poi passare a una chiesa altrettanto modesta e spoglia; si finisce per fare un piccolo giro di una porzione dell'isola seguendo un breve percorso prefissato punteggiato da lapidi e steli orrende con statue moderne di San Francesco una più brutta dell'altra. Il tutto tra sbarco e imbarco dura un'ora.
Avrei fatto meglio a starmene seduto in un bar nella piazza a Burano e guardare la gente e le case Arlecchino.
Hanno talmente esagerato nell'usare colori violenti che comunque ti mettono un po' di allegria

8  Grazie, mock g
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 23 aprile 2018 da dispositivo mobile

Nell’approssimarsi dell’ottavo centenario della permanenza di San Francesco, da cui l’isola stessa ne ha preservato nel tempo il nome, su iniziativa ed in collaborazione con l’Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arte si è tenuto un convegno dedicato per valorizzare tutti gli aspetti storiografici della struttura, ed illustrarne i diversi interventi architettonici susseguitisi nel tempo e fare il punto sui futuri interventi munutentivi finalizzati a preservarne la cura e la bellezza, a cui è seguita una visita guidata in loco, sull’isola.
Non ultimo natutalmente il significato squisitamente spirituale che ognuno può ricercare ed alimentare dentro di se.
Incantevole il tragitto per raggiungere l’isola, per le meraviglie non solo naturalistiche e paesaggistiche, complice una stupenda e soleggiata giornata, ammirando la serenissima laguna, le splendide barene, i giochi calmi d’acqua ed i riflessi di luce.
Poi si approda in questa isoletta rigogliosa, di un verde incantevole, in cui si entra in una diversa dimensione.. si lascia alle spalle il chiacchiericcio tipico delle calli di Venezia e si entra in un’oasi di pace. Il paesaggio tutt’attorno l’isola è così naturale e selvatico ... e ci si lascia tutto alle spalle. La chiesa colpisce per la sua naturale semplicità.
I due chiostri interni, del trecento e del quattrocento sono un meraviglia, nella meraviglia. La passeggiata esterna perimetrale è splendida. La chiesa stessa testimonia il suo passato. Non vi è approdo per il trasporto pubblico su questa isola si può approdare con la propria barca privata o concordando un trasporto con il frate. È possibile anche fermarsi, accordandosi preventivamente con i frati, per un w.e. di serenità e riflessione spirituale.

Grazie, gtribuzio
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 15 aprile 2018 da dispositivo mobile

Da Burano un battello porta all’isola di San Francesco del Deserto, abitata da 5 frati francescani in un convento con un parco meravigliosamente mantenuto da loro. Merita la visita, guidata da un frate, che racconta la storia dell’isola, dal passaggio di San Francesco, ai giorni nostri. Il convento si mantiene con le offerte, motivo di più per visitarlo e sostenerlo.

3  Grazie, LorellaSa
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 29 dicembre 2017 da dispositivo mobile

Isola al di fuori delle rotte turistiche, abitata da frati minori che vivono in un convento che si dice sia stato fondato dallo stesso San Francesco che vi arrivò di ritorno dalla quinta crociata. Dopo un breve periodo in cui gli austriaci la trasformarono in polveriera fu ritornata ai frati minori.

2  Grazie, quirinop2017
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 26 settembre 2017

Estesa per circa 4 ettari tra S.Erasmo e Burano ospita un Convento di Frati Minori dal 1230, fondato dallo stesso San Francesco (1220), e' un'isola ricca di spiritualità, era deserta a causa della insalubrita', ora e' un luogo incantevole , ma bisogna ricordare da turisti di aver rispetto della sacralita' ed andare con spirito meditativo.

3  Grazie, alessandra_biondi3
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 30 giugno 2017 da dispositivo mobile

Non mi aspettavo di trovare un posto così bello. Siamo arrivati a san Francesco partendo da Burano grazie al taxi di Massimiliano +393479922959 (10 euro a persona andata e ritorno). Parte a orari fissi quindi è meglio telefonare e prenotare. La visita dura un'ora ed è SOLO in italiano! Per le altre lingue ci sono dei dépliant a disposizione. Alla fine piccolo shop a offerta libera, ottimo per dei pensierini originali.

4  Grazie, margherita t
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 24 giugno 2017

Isoletta dove sorge un convento di Minoriti (oggi sono una mezza dozzina) dove San Francesco si è fermato di ritorno dalla Terra Santa. Si raggiunge in barca e si possono vedere chiostro e chiesetta guidati da un frate. Oasi di pace.

Grazie, PPCI-BG
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 3 maggio 2017

C'è una nuova linea per arrivare in quest'isola così lontana dal turismo di massa che fa servizio pubblico, che da Altino, dietro il Museo archeologico, ti trasporta attraverso la Laguna Nord di Venezia fino all'isola. Una nota a parte è proprio il percorso che si snoda in mezzo ai canneti e velme piene di uccelli selvatici aggirando l'isola di Torcello, che potete visitare con accordi con il Sig. Zan magari al ritorno, e si giunge nel modo più consono e silenzioso all'isola di S. Francesco. La storia racconta che di ritorno dalla terra Santa il Santo abbia fatto scalo a Torcello, isola molto importante e vasta in quei tempi, soggiornando qualche giorno in quest'isola. Arrivati all'imbarcadero si entra tramite il portare, leggere le due lapidi che fanno riferimento ai divieti nell'isola banditi dalla Serenissima, accompagnati da un frate che ti fa vedere solo una parte del monastero. Infatti sono accessibili solo il chiostro, le ex carceri, la chiesetta e il giardino e non tutto. La visita dura al massimo 40 minuti, però si può stare nel giardino da dove si può vedere la laguna e difronte l'isola di Burano. Eventuali soggiorni si possono concordare con i frati che accolgono persone che hanno voglia di stare in pace, basta consultare il loro sito.

5  Grazie, teresina199
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Visualizza più recensioni