Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

“UN MIRACOLO DI ARCHITETTURA”
Recensione di Chiesa di San Pantaleone

Chiesa di San Pantaleone
Al n.18 in classifica su 35 Cose da fare a Courmayeur
Recensito 30 settembre 2017

Ci fu un tempo, secoli fa, in cui dalle aspre montagne sopra a Courmayeur, scese da quelle pendici scabre una grossa frana che invase quella stessa porzione di valle dove successivamente venne edificata Courmayeur. Su quella frana, apparentemente consolidata, nei secoli successivi gli operosi valligiani eressero una modesta Chiesa che venne intitolata a San Pantaleone. Vicino alla Chiesa, nel XII° secolo, venne innalzato un semplice campanile dal quale, come in tanti paesi, la voce delle campane iniziò a scandire la vita ed i tempi dell'industriosa popolazione locale. Un giorno, purtroppo, la chiesa originaria dovette soccombere alla infida natura e rimase solo l'audace campanile a raccontare che lì vicino era stato eretta una chiesetta. Dopo invasioni e peripezie, i coraggiosi paesani riuscirono a ricostruire una comune casa di preghiera e, il lontano 13 luglio 1742, Courmayeur ebbe nuovamente una chiesa. Inutile cercare pregevoli e ricercate armonie architettoniche perché la Chiesa di San Pantaleone fu edificata con il carattere schietto e semplice dei robusti e silenziosi valligiani del posto. Una chiesa senza fronzoli e dalle linee scabre appena velata di candido intonaco tanto simile alla bianca coltre nevosa che la ricoprì e la ricopre anno dopo anno e secolo dopo secolo. La chiesa di San Pantaleo divenne, oltre che luogo di culto, anche edificio profano e politico visto che dalla balconata aggettante sulla piazzetta ai suoi piedi, venivano diffusi i bandi e proclamati gli editti. Col tempo, la chiesa si arricchì della ampia finestra rettangolare con l'immagine in vetro di San Pantaleo, gli altari dedicati a Santa Rita, a San Sebastiano ed al Sacro Cuore di Gesù. Fanno anche bella mostra un ingenuo quadro affisso come ex-voto per lo scampato pericolo delle invasioni avvenute nel 1691 e nel 1704 e quello relativo alla peste del 1630. Sulla cantora si trova un armonioso organo a canne delimitato da una loggiata impreziosita da pregevoli dipinti policromi. Nei pressi della Chiesa vi sono le lapidi commemorative di alcuni dei più importanti valligiani che, in tempi eroici, vennero ammirati quali precursori dei moderni alpinisti: Giuseppe Putigax, Emile Rey e Mario Puchoz.

1  Grazie, winforlife
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensioneRecensioni (5)
Valutazione
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
Filtra

4 - 5 di 5 recensioni

Recensito 7 marzo 2018
Google Traduttore

Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Chiesa di San Pantaleone hanno visto anche

 
Courmayeur, Valle d'Aosta
 

Conosci Chiesa di San Pantaleone? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato, rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo