Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

“regale”
Recensione di Villa della Regina

Villa della Regina
Prenota in anticipo
Altre info
Da 11,75 US$*
Tour hop-on/hop-off della città di Torino
Al n.32 in classifica su 373 Cose da fare a Torino
Certificato di Eccellenza
Maggiori dettagli sull'attrazione
Dettagli sull'attrazione
Durata consigliata per la visita: 1-2 ore
Descrizione del proprietario: Il complesso di vigna e giardini fu costruito sulla collina torinese sul modello delle ville romane dal principe cardinale Maurizio di Savoia, figlio del duca Carlo Emanuele I ad inizio Seicento. Nel 1657 la moglie Lodovica ne amplia fabbricati e giardini, aggiornando decorazioni e arredi. Nel 1692 la Vigna passa ad Anna d'Orleans, moglie di Vittorio Amedeo II, che dispone, in quella che ormai sarà chiamata Villa della Regina, importanti interventi. Con la guida di Filippo Juvarra, e poi di Giovanni Pietro Baroni di Tavigliano, si ridefiniscono spazi e rapporti con il giardino, l'arredo e le decorazioni seicentesche (D. Seyter e équipe di P. Somasso) con il coinvolgimento dei grandi artisti all'opera nei cantieri regi della capitale del regno (G.B. Crosato e C. Giaquinto, G. Dallamano). L'unitarietà, mantenuta fin dal progetto iniziale, di vigna, poi villa con i padiglioni aulici, le grotte, i giochi d'acqua nei giardini e nel parco e le zone di servizio ed agricole, fu conservata anche con la perdita di funzione e il passaggio nel 1868 all'Istituto per le Figlie dei Militari (ente soppresso nel 1975). La mancata manutenzione del delicato equilibrio fra costruito e giardini, seguita da graduale abbandono, parziali smembramenti, danni di guerra ed interventi impropri, hanno nel novecento compromesso lo straordinario complesso con un degrado prossimo al collasso. Al momento della consegna al Ministero per i Beni Culturali nel 1994 i restauri realizzati con fondi statali, di enti e privati, hanno ristabilito la situazione conservativa e la stretta connessione del Compendio di Villa della Regina con la Città, di cui, dall'inizio del Seicento, costituisce il fondale scenografico oltre il Po.
Informazioni utili: Accesso disabili, Scale / ascensore, Toilette
Torino, Italia
Contributore livello 5
69 recensioni
10 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 38 voti utili
“regale”
Recensito il 21 giugno 2012

bellissima residenza sia internamente che esternamente,nei giardini con le fontane architettonicamente degne...peccato per la quasi totale assenza degli arredi ma scopritene la storia
panorama imperdibile...abbraccerete con lo sguardo l'intera città
visita gratuita

Visitato a Aprile 2012
È utile?
Grazie, tizinizi
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensione

497 recensioni dei viaggiatori

Valutazione dei visitatori
    187
    244
    45
    18
    3
Data | Punteggio
  • Cinese per primo
  • Francese per primo
  • Giapponese per primo
  • Inglese per primo
  • Italiano per primo
  • Olandese per primo
  • Portoghese per primo
  • Russo per primo
  • Spagnolo per primo
  • Tedesco per primo
  • Tutti
  • Tutte le più recenti in italiano
Italiano per primo
Torino, Italia
Contributore livello 5
79 recensioni
25 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 27 voti utili
“la vigna di Madama Reale”
Recensito il 12 giugno 2012

Questa villa di campagna costruita da Maria Cristina ma usata soprattutto da Elisabetta Polissena moglie di Carlo Emanuele III è perfetta per la collocazione appena al di sopra del piano della città ,là dove la collina comincia a salire ,e per l'armonia del disegno dell'edificio e soprattutto dei giardini secenteschi ricchi di piani , di statue di piccoli padiglioni

Visitato a Febbraio 2012
È utile?
1 Grazie, pietro b
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Roma, Italia
Contributore livello 6
240 recensioni
44 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 143 voti utili
“Splendido!”
Recensito il 6 giugno 2012

Ci siamo arrivati quasi per caso, ed è stata un'esperienza splendida.
La Villa della Regina domina Torino, adagiata sul fianco della collina, abbracciata da una vigna storica. Il complesso sistema idrico la circonda di fontane zampillanti, cascatelle, un vero Teatro d'Acque, come infatti è chiamato. Il giardino all'italiana è essenziale, curato, disposto su più livelli collegati da scale e adorno di statue.
La Villa in sé colpisce per la sua sobrietà, nelle linee essenziali dell'esterno (bellissime le facciate, singolari nei dettagli, dai mascheroni alle finestre murate e riprodotte in Trompe l'oeil) alle sale interne, riccamente decorate e stuccate, ma senza uno sfarzo fastidioso. La visita per ora è del tutto gratuita, ampio parcheggio prospiciente, orari comodi e accessibili, peccato che a seguito delle varie vicende storiche gli arredi interni siano stati praticamente smantellati e si possa vederne solo una minima parte. Ma l'atmosfera... quella la si respira, ed è un'esperienza al di là del tempo.
Il percorso di visita conduce dalla Corte d'Onore al Piano Nobile, poi fuori ai giardini e infine ai piani inferiori, dove presso un'ampia sala è possibile seguire, a ciclo continuo, una riproduzione video che racconta la storia della Villa dalla sua fondazione fino al recente passato come collegio delle figlie dei militari della Grande Guerra.
Ultima nota per lo spettacolare ginko centenario nel cuore del giardino. Un'autentica meraviglia della natura.

Visitato a Maggio 2012
È utile?
1 Grazie, oerstadt
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Torino, Italia
Contributore livello 6
133 recensioni
75 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 64 voti utili
“Vigna e villa ... della Regina”
Recensito il 10 maggio 2012

Questa villa con annesso parco e vigna ai piedi della collina torinese è stupenda.Risale all'inizio del 1600 ance se ampliata e rimaneggiata : ci ha messo le mani anche Filippo Jiìuvarra.
Nel girdino ci sono giochi d'acqua,fontane,grotte e la Vigna il vero vanto del luogo.E' stata riaperta al pubblico dal 2006 dopo una profonda ristrutturazione dopo anni di degrado.
Vale sicuramente una visita

Visitato a Settembre 2011
È utile?
Grazie, agata062
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Torino, Italia
Contributore livello 5
75 recensioni
29 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 30 voti utili
“Uno scrigno prezioso da scoprire...”
Recensito il 23 marzo 2012

Oggi sono stata a visitare la bellissima residenza "Villa della Regina" una delle Residenze Sabaude Piemontesi,che si sviluppa al centro di giardini all'italiana. L'edificio è ben tenuto ed è circondato da bellissime fontane. All'interno..ah proposito l'ingresso è gratuito...è possibile visitare il solo piano nobile (primo piano) composto dagli appartamenti del Re e della Regina ricchi di stucchi raffiguranti piccoli putti e tele raffiguranti nature morte e personaggi legati ai Savoia. Il resto non voglio anticiparlo ma consiglio vivamente questa visita, l'ultima entrata è alle 17. A me è piaciuta davvero molto!

Visitato a Marzo 2012
È utile?
Grazie, xisyon
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Villa della Regina hanno visto anche

Torino, Provincia di Torino
Torino, Provincia di Torino
 
Torino, Provincia di Torino
 

Conosci Villa della Regina? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato,
rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo