Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Le recensioni più recenti. I prezzi più bassi. Il luogo perfetto dove prenotare gli hotel.

“Simboli e misteri” Punteggio 5 su 5
Recensione di Basilica - Santuario di Santo Stefano

Basilica - Santuario di Santo Stefano
Prenota in anticipo
Altre info
Da 78,31 US$*
Tour privato: Patrimonio ecclesiastico di Bologna
Al n.1 in classifica su 314 Cose da fare a Bologna
Certificato di Eccellenza
Bologna, Italia
Contributore livello
114 recensioni
18 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 93 voti utili
“Simboli e misteri”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 30 aprile 2012

Ogni volta che visito il complesso di Santo Stefano ne rimango affascinata in quanto a mio parere è un luogo unico: oltre al fatto di essere costituito da diverse chiese costruite l’una accanto all’altra è importante per la simbologia presente che richiama i luoghi legati alla predicazione di Gesù. Già nel IX sec. il complesso viene citato come piccola Santa Gerusalemme.
Nel I-II sec. dC, nel punto in cui era presente una sorgente d’acqua, fu costruito il tempio di Iside, di forma circolare con 12 colonne, a cielo aperto. Nel V sec questo tempio viene modificato aggiungendo colonne per sorreggere il tetto ed è diventato la chiesa del Santo Sepolcro. Petronio, di ritorno da Gerusalemme, consacrò la sorgente con un’ampolla d’acqua del Giordano. Nel pavimento c’è una grata attraverso la quale si può vedere la scala del pozzo. Fino al’anno 2000 nel Santo Sepolcro era conservato il corpo di San Petronio: attualmente si trova nella chiesa a lui dedicata. In successione verranno costruite la chiesa dei Santi Vitale e Agricola (a sinistra la tomba di Vitale con i pavoni simbolo di rinascita e a destra la tomba di Agricola con un cervo e un leone simbolo di regalità e cristianità), il cortile di Pilato e la chiesa del Martirio con le 3 cappelle (nella prima si può ammirare un presepe di legno dipinto da Simone dei Crocifissi e nella parete verso l’uscita un affresco con una bellissima immagine della Madonna incinta che accarezza il pancione).
Infine il bellissimo chiostro: osservate le figure dei capitelli del loggiato superiore… vedrete quella di un uomo nudo con la testa girata di 180 gradi.
Vi consiglio di visitare il complesso di Santo Stefano e fate attenzione ai particolari… prima di entrare cercate nella facciata il mattone scolpito con l’immagine di un uccellino e la mano benedicente sull’entrata.

Visitato a Marzo 2012
È utile?
3 Grazie, latatabo
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensione

3.352 recensioni dei viaggiatori

Valutazione dei visitatori
    2.679
    608
    56
    6
    3
Data | Punteggio
  • Ceco per primo
  • Cinese (Tradizionale) per primo
  • Cinese per primo
  • Coreano per primo
  • Danese per primo
  • Ebraico per primo
  • Finlandese per primo
  • Francese per primo
  • Giapponese per primo
  • Greco per primo
  • Inglese per primo
  • Italiano per primo
  • Olandese per primo
  • Norvegese per primo
  • Polacco per primo
  • Portoghese per primo
  • Russo per primo
  • Serbo per primo
  • Spagnolo per primo
  • Svedese per primo
  • Tedesco per primo
  • Prima in turco
  • Ungherese per primo
  • Tutti
  • Tutte le più recenti in italiano
Italiano per primo
Bergamo, Italia
Contributore livello
181 recensioni
74 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 424 voti utili
“Stupefacente bellezza che merita una lunga visita:Duemila anni di Storia nelle "Sette Chiese"!”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 30 aprile 2012

E' sicuramente uno dei luoghi più suggestivi e ricchi di storia di Bologna, avvolta tra il mito, essendo stata nell'antichità, dedicata al culto pagano di Iside, e la sua successiva trasformazione in Chiesa Cristiana sotto l'egida di San Petronio.
La basilica di Santo Stefano, detta anche delle sette Chiese, riesce a sbalordire con la sua semplicita e con il susseguirsi, al suo interno di più chiese, cripte,chiostri, elementi di grande pregio architettonico e/o di significato per la cristianità.
Dalla Chiesa del Crocifisso, completamente restaurata, si accede alla Cripta e da questa alla meravigliosa Basilica del Santo Sepolcro ..quaso 1900 ani di storia, contenuti in questa antica costruzione.
Elementi di gran pregio della basilica del santo Sepolcro è l'Edicola, l'angelo, il battistero, ma anche i bassorilievi .
E' all'interno di questa splendida Chiesa, si trovano i resti di san Petronio, patrono della Città di Bologna..Bellissime la serie di colonne e capitelli, la Cupola..un silenzio da vivere.
Dalla Chiesa del santo Sepolcro, si passa al "Cortile di Pilato", di forma quadrilatera e con al centro il Catino di Pilato: da notare "il gallo di San Pietro", in pietra, dei volti affrescati..le splendide decorazioni della perimetrale Chiesa del Santo sepolcro.
Da qui si passa alla Chiesa della Santa Croce, detta anche Chiesa del Martirio, contenente l'opera di Mattei del 1999 che rappresentala scultura del Gesù morto della Sindone!
da qui si passa al Chiostro..la vera testimonianza dei monaci Benedettini...contornata da mille colonne a coppie di quattro.
Quindi si passa alla Chiesa della benda e Al Museo, dove si trova anche un piccolo spazio, con i prodotto propri dei benedettini.
s potrebbe parlare a lungo di questo splendido complesso...della altrettanto meravigliosa antistante "Piazza di Santo Stefano", i suoi portici, i suoi colori, ma l'invito è..visitatela..ne rimarrete stupefatti!!!

Visitato a Aprile 2012
È utile?
1 Grazie, sciucran
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Ancona, Italia
Contributore livello
155 recensioni
27 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 181 voti utili
“Da vedere!!”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 26 aprile 2012

Ho vissuto dieci anni a Bologna e non ho mai goduto di una passeggiata in centro storico come durante la mia ultima visita, E' proprio vero che quando si vive in un posto, anche magnifico, si perde la sensibilità ed il gusto per il bello nonchè la capacità di apprezzarlo. In passato, centinaia di volte ho visto Santo Stefano ma con occhi diversi. E' stata veramente una riscoperta e consiglio a tutti di perdervi per i meandri del vecchio centro storico e di sbucare sulla Piazza Santo Stefano, magari utilizzando qualche passaggio meno noto. E soprattutto di fare il tutto con calma, di gustare gli scorci e il momento: non lasciatevi cogliere dalla fretta di vedere tutto o troppo. Godetevi la piazza (stupenda!!) visitate tutte le 7 chiese e lasciatevi cullare dal tempo. Poi, se ne avete la possibilità, e se la stagione lo consente, prendetevi un aperitivo in Piazza ritagliandovi un momento di tranquillità e felicità. Il vostro cuore vi ringrazierà.

Visitato a Aprile 2012
È utile?
1 Grazie, Berries61
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Milano, Italia
Contributore livello
1.740 recensioni
1.397 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 1.979 voti utili
“Assolutamente da visitare!”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 25 aprile 2012

Si tratta di un incredibile complesso di sette tra chiese e cappelle, con chiostri, cortili ed edifici, noto anche come "le sette Chiese". Stranamente è pochissimo noto fuori da Bologna, come se i petroniani lo volessero tenere per sè. Anche se nell'insieme è dedicato a Santo Stefano, nessuna delle varie chiese gli è dedicata direttamente.
L'edificio più antico è la Basilica del Santo Sepolcro, costruita sopra un precedente tempio pagano della dea Iside e ristrutturato da San Petronio, che qui è sepolto, nel corso del Quinto secolo. Il santo volle ricostruire alcuni edifici sul modello della Gerusalemme del periodo di Gesù: sorse così il Cortile di Pilato, con il grande catino della lavanda delle mani e la colonna col gallo di San Pietro. Accanto si trova il chiostro del successivo monastero e le altre chiese: quella del Crocifisso, con la cripta contenente la colonna della flagellazione (secondo la tradizione trasportata a Bologna da San Petronio), quella dei Santi Vitale ed Agricola, quella del Martyrium, quella della Benda.
Attualmente sono tornati nel complesso i monaci benedettini olivetani che vivono nel monastero e gestiscono un fornito negozio di souvenirs religiosi e non e di loro prodotti: saponi, lozioni, profumi, cioccolato, amari, liquori, tisane...
Secondo me è la principale attrazione di Bologna! Assolutamente da vedere!

Visitato a Aprile 2012
È utile?
1 Grazie, Stefano91
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Sesto Fiorentino, Italia
Contributore livello
126 recensioni
81 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 34 voti utili
“Le "sette chiese" di Bologna”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 24 aprile 2012

E' un complesso di edifici sacri di epoca medievale.
Il più bello è la chiesa del Santo Sepolcro o Calvario, a pianta poligonale con peribolo, matroneo e cupola. Al centro la tomba di San Petronio.
E ancora il cortile di Pilato, la chiesa dell Trinità dove si può ammirare un gruppo ligneo dell'adorazione dei Magi (forse il più antico "presepe") e il chiostro.
Vale sicuramente la visita

Visitato a Marzo 2012
È utile?
1 Grazie, stefross
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Basilica - Santuario di Santo Stefano hanno visto anche

Bologna, Provincia di Bologna
 

Conosci Basilica - Santuario di Santo Stefano? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato,
rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo