Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Salva
Il meglio delle recensioni
Acquedotto romano ipogeo

Le ricerche speleologiche condotte negli ultimi anni stanno approfondendo le conoscenze su alcuni Leggi il seguito

Recensito il 5 agosto 2016
Dama955
,
Provincia di Reggio Calabria, Italia
Un opera unica nel suo genere!

Grandissimo esempio di Ingegneria Idraulica Romana. Da vedere assolutamente. Un viaggio nel cuore Leggi il seguito

Recensito il 4 giugno 2015
279salvatoref
,
Sant'Egidio del Monte Albino, Italia
Leggi tutte le 3 recensioni
  
Recensioni (3)
Filtra recensioni
3 risultati
Valutazione
2
1
0
0
0
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
LinguaTutte le lingue
2
1
0
0
0
Scopri i commenti dei viaggiatori:
Filtra
Aggiornamento elenco in corso…
Recensito il 19 ottobre 2017

Ancora oggi viene alimentato da diverse sorgenti e fornisce l'acqua alla Fontana Helvius. Non è difficile ipotizzare il periodo della sua edificazione dal momento che la sua funzione precipua era quella di convogliare l'acqua a valle per alimentare la villa Helvius e la omonima fontana. Esso è scavato interamente nella roccia e nella montagna ed è interrato ad una profondità che arriva fino ai 25 metri, ed alterna un percorso in cui alla meraviglia per la tecnica di edificazione (opus incertum con lastroni di tegole a fare da copertura) si unisce lo stupore per il paesaggio naturalistico in quanto il bianco del deposito calcareo dovuto all'acqua si staglia nell'oscurità.

Grazie, sal4848
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 5 agosto 2016

Le ricerche speleologiche condotte negli ultimi anni stanno approfondendo le conoscenze su alcuni piccoli ma interessanti acquedotti ipogei diffusi sul territorio campano. Galleria drenante ubicata nel comune di Sant’Egidio del Monte Albino, situato alle falde del settore settentrionale dei Monti Lattari, non lontano dalle note città romane di Pompei, Nocera e Stabia. L’acquedotto è stato interamente scavato in depositi di conoide costituiti da alternanze di livelli di ghiaie e piroclastiti pedogenizzate per complessivi 478 m.

2  Grazie, Dama955
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 4 giugno 2015

Grandissimo esempio di Ingegneria Idraulica Romana. Da vedere assolutamente.
Un viaggio nel cuore dei Monti Lattari.

1  Grazie, 279salvatoref
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.