Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Le recensioni più recenti. I prezzi più bassi. Il luogo perfetto dove prenotare gli hotel.

“Un dovere visitarlo..”

Sacrario Militare di Redipuglia
Al n.1 in classifica su 9 Cose da fare a Fogliano Redipuglia
Certificato di Eccellenza
Dettagli sull'attrazione
Sardegna
Contributore livello
170 recensioni
3 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 70 voti utili
“Un dovere visitarlo..”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 18 maggio 2012

Ebbene penso che sia così...Un dovere da parte di ogni italiano rendere omaggio a questi 100.000 soldati caduti per difendere la Nostra Patria.
Impressionante, non tanto come monumento seppur costituito da ben 22 gradoni e c'è tanta "grandeur" fascista, quanto per l'impatto emotivo.
Ribadisco un dovere da parte di ogni italiano visitarlo

Visitato a Maggio 2012
È utile?
Grazie, nagabi
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensione

531 recensioni dei viaggiatori

Valutazione dei visitatori
    418
    96
    16
    1
    0
Data | Punteggio
  • Francese per primo
  • Inglese per primo
  • Italiano per primo
  • Olandese per primo
  • Portoghese per primo
  • Russo per primo
  • Spagnolo per primo
  • Tedesco per primo
  • Tutti
  • Tutte le più recenti in italiano
Italiano per primo
Verona, Italia
Contributore livello
58 recensioni
20 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 39 voti utili
“Per non dimenticare.”
Punteggio 4 su 5 Recensito il 11 aprile 2012

Salve,
per chi si trovasse sulla strada per Trieste consiglio una visita a questo monumentale Sacrario, che custodisce le spoglie di 100.000 Italiani strappati agli affetti dei propri Cari e gettati senza nessuna chance nella mischia di una delle più furibonde guerre che hanno scosso l'Umanità non ha caso viene chiamata la Grande guerra. Il monumento è qualcosa di particolare, riesce a riportarti indietro nel tempo a quando la zona fortemente contesa è stata teatro delle sanguinose battaglie ricordate nei lastroni metallici posati all'ingresso, alla base si trovano le tombe granitiche dei vari generali e poi salendo per ogni piano del monumento sono riportati i nomi dei militari e civili di ogni ordine e grado che hanno perso la vita in quella immane tragedia, io ho trovato un mio omonimo e presumo che molti Italiani possano trovarlo, in ogni caso essi ci rappresentano e a loro và il mio pensiero reverente e commosso, continuando a salire si arriva in cima ove si trova una chiesetta e annesso un piccolo museo, il colpo d'occhio da lassù è notevole si domina la vallata circostante, si vede chiaramente l'aeroporto di Gorizia, nello scendere viene in mente che da un pò siamo Comunità Europea e ci si chiede ma a cosa sono servite tutte queste vittime se alla fine dovevamo essere rappresentati da una sola bandiera? Ma sono pure divagazioni dettate dal turbinio di emozioni.
Quando si esce si può entrare a visitare il Colle Sant'Elia dove sono esposte le varie armi, postazioni usate durante il conflitto, da non perdere l'annesso piccolo ma significativo museo della III Armata.
Un luogo da visitare affinchè il sacrificio di queste vite non vada dimenticato e nel leggere i loro nomi riportiamo alla memoria quella parola scritta su ogni piano PRESENTE.

Visitato a Aprile 2012
È utile?
Grazie, Anton0609
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Friuli-Venezia Giulia, Italia
Contributore livello
116 recensioni
25 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 81 voti utili
“.....non perdetevi di una tappa”
Punteggio 4 su 5 Recensito il 7 aprile 2012

...... come per la Risiera di SanSabba è un posto da visitare con assoluto rispetto per quello che rappresenta questo colossale sacrato militare. Essendo Friulana ho avuto la possibilità di visitarlo diverse volte e ogni volta vivo un senso di pace e di grande commozione. Se non ricordo male ci sono 22 piani con circa 10000 lapidi di soldati caduti nelle guerre messe in ordine alfabetico. All’inizio si nota una lapide diversa da tutte le altre con una croce. È la lapide dell’unica donna seppellita lì. Una giovane crocerossina. In mezzo con sopra un grosso masso di porfido c è la tomba Emanuele Filiberto, secondo duca d’Aosta che chiese esplicitamente che alla sua morte potesse avere l’onore di
riposare con le migliaia di soldati caduti in battaglia.
+ tutto quello che si respira, che si può imparare, che si può riscoprire
- la gente che vive la visita a questo Sacrato come una passeggiata al mercato rionale, le urla e le corse dei ragazzini fuori controllo dai genitori.
E' UN LUOGO A CUI PORTARE I MASSIMO RISPETTO!

Visitato a Novembre 2011
È utile?
1 Grazie, Cocktail_fvg
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
nuoro
Contributore livello
27 recensioni
11 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 100 voti utili
“NON SIAMO VENUTI QUI INVANO”
Punteggio 5 su 5 Recensito il 8 marzo 2012

Abbiamo provato una grande commozione nel leggere l’ epigrafe all’ingresso del Sacrario militare di Redipuglia:" Non curiosità di vedere ma proposito di ispirarvi vi conduca …" e così, nonostante la calda mattinata d’agosto abbiamo deciso di salire i 22 gradoni della maestosa ed imponente scalinata su cui sono allineate le tombe dei centomila caduti in battaglia. Siamo arrivati in cima, sino alle tre croci che vogliono significare la redenzione al di la della vita terrena: «Le anime dei Caduti che salgono al cielo» e durante la discesa abbiamo continuato a leggere i nomi e cognomi dei soldati identificati scritti nel marmo bianco delle urne, quasi cercandone uno a noi familiare. All’uscita del Sacrario vi è una scritta "O viventi che uscite se non vi sentite più sereno e più gagliardo l'animo voi sarete qui venuti invano…"
Ecco, noi non siamo venuti qui invano.

Visitato a Agosto 2011
È utile?
5 Grazie, pierina m
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
italy
Contributore livello
316 recensioni
92 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 179 voti utili
“Un momento di riflessione”
Punteggio 4 su 5 Recensito il 11 gennaio 2012

22 enormi gradoni per altrettanti piani dove su ogni muro sono incisi i nomi di decine di migliaia di soldati caduti durante la Grande Guerra. Un luogo dove riflettere in silenzio. Peccato che non sia molto curato, lo meriterebbe. La domenica, nella cappella in cima alla colossale gradinata, si celebra la Santa Messa. Sempre in cima, sul retro, il museo della Grande Guerra. Grande parcheggio sia di fronte alla scalinata che in cima. Un posto da visitare assolutamente se si è nelle vicinanze.

Visitato a Dicembre 2011
È utile?
Grazie, Italikus
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Sacrario Militare di Redipuglia hanno visto anche

 
Aquileia, Provincia di Udine
 

Conosci Sacrario Militare di Redipuglia? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato,
rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo