Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

7 giorni a Flores: la nostra esperienza

Ozzano dell'Emilia
Contributore livello
2 post
16 recensioni
7 giorni a Flores: la nostra esperienza

FLORES 7 GIORNI

Avendo usufruito del forum (soprattutto TA versione english) per organizzare il nostro viaggio, riporto la nostra esperienza, sperando di poter essere utile ad altri.

1 GIORNO

Arriviamo a Ende a metà mattina con volo da Denpasar, previa tappa a Labuanbajo. In aeroporto ci offrono taxi per Moni a 500.000, così chiediamo di essere accompagnati alla stazione dei bus. Durante il tragitto il nostro taxista si offre di portarci a destinazione e chiudiamo per 300.000. In poco più di due ore siamo a Moni (un’ora fermi per strada per verosimili lavori in corso). Alloggiamo da Mahoni Guesthouse, ottima sistemazione, spartana ma abbastanza pulita e con buona colazione. Purtroppo niente Wi-Fi in tutta Moni, ne’ possibilità di cambiare soldi ne’ acquistare una sim dati (Che poi forse meglio così, ci serviva solo per pianificare i giorni successivi..). Comunque il proprietario della guesthouse ci ha offerto l’hotspot con il suo telefono. Ci ha inoltre accompagnato in motorino (non economico, 140.000 Rp a testa A/R) sul Kelimutu (ingresso 310.000 in 2). Siamo andati nel pomeriggio e devo dire che e’ stata un’ottima scelta (anche per non pagare il doppio il giorno successivo, domenica): pochissima gente, clima freschino ma solo da felpa. Quando siamo arrivati su c’era una fitta nebbia che non consentiva di vedere i laghi, nonostante fossimo partiti con il sole pieno, ma non bisogna mai scoraggiarsi. Le nuvole infatti si muovono molto rapidamente e nel giro di qualche minuto sono apparsi i laghi in tutto il loro splendore.

Ritornati a Moni cerchiamo di organizzare i due giorni successivi: siamo indecisi tra Bajawa e Riung, avendo poi il volo dal Bajawa airport a Labuanbajo. Il ragazzo dell’ufficio del turismo parla un buon inglese e risponde a tutte le nostre perplessità: ci organizza per il giorno seguente un transfer con taxista per Riung a 1.200.000 (davvero caro, ma tant’e’). Per fortuna conosciamo 2 spagnoli con cui dividere la prima tratta del viaggio fino a Ende.

La sera ceniamo da Mopi’s, credo sia il principale locale, in cui incontriamo tutti (i pochi) turisti presenti in loco. Attenzione ai driver: gli spagnoli ci raccontano di aver versato metà quota per il transfer Moni/Kelimutu ma la mattina all’alba nessuno si e’ presentato ad accompagnarli. Per il nostro taxista del giorno successivo abbiamo anticipato una piccola quota ma almeno avevamo i recapiti e nel caso potevamo rivolgerci all’ufficio del turismo che aveva organizzato per noi.

2 GIORNO

Giornata in macchina con il nostro taxista Gregory, che parla un buon inglese ed e’ molto prudente alla guida. Ci accompagna a prelevare (no money Change neanche a Ende) e a cercare la sim dati, senza esito. A pranzo ci fermiamo alla Blu Stone Beach di Ende: la spiaggia non e’ niente di che, anche abbastanza sporca, ma pranzare con del pesce fritto sul mare ha comunque il suo fascino. Nel pomeriggio arriviamo a Riung. Alloggio al Nirvana Bungalows prenotato telefonicamente la sera prima grazie al proprietario del Mahoni (400.000 Rp per notte).

Riung e’ un posto affascinante per il suo isolamento: non c’è il Wi-Fi, non ci sono negozi, ci sono un paio di spartani ristoranti tra cui il noto Del Mar Cafe’ (che io mi aspettavo essere sul mare, ma invece no). Non c’è nemmeno la spiaggia, essendo una costa paludosa con mangrovie. C’è solo un pontile con le barche ormeggiate. Gli abitanti sono tutti estremamente gioiosi e ad ogni casa cui passiamo davanti ci salutano.

3 GIORNO

Gita in barca al Seventeen Islands National Park, partenza alle 8.30. Organizzato direttamente con il proprietario del Nirvana Bungalow per 400.000 Rp a testa, incluso pranzo di pesce sulla spiaggia e tassa di ingresso (100.000 a testa) con barca condivisa con altri ospiti (siamo in 5 in tutto). In partenza ci avevano sparato 1.500.000 Rp, che sarebbe il prezzo per la barca “riservata” per 2 persone.

Splendida gita, ci siamo fermati all’isola con i pipistrelli giganti, poi 2 siti per lo snorkeling splendidi con coralli colorati, stelle marine, moltissimi pesci. Pranzo con pesce alla griglia sulla spiaggia, davanti a un mare stupendo (nulla da invidiare a Caraibi e Sardegna per fare paragoni). Niente bevande incluse, perciò portarsi l’acqua. Nel pomeriggio ulteriore sosta per lo snorkeling e a seguire altra sosta in un’altra splendida spiaggia.

Tra l’altro avevo letto del problema della plastica, invece in mare nessun rifiuto, in spiaggia pochissimo rispetto a quello che temevo (la spiaggia di Ende era molto più sporca). Non so se abbiano ripulito o se fosse un caso legato alle correnti. La sera di nuovo cena al Del Mar Café, ottimo pesce. Entrambe le cene 200.000 Rp in 2, birra compresa.

4 GIORNO

Alzataccia con partenza alle 6 per raggiungere il Bajawa airport e volare a LabuanBajo. Taxi condiviso organizzatoci dal simpaticissimo proprietario del Nirvana Bungalows (solo 100.000 Rp a testa). 3 ore di strada disastrata. Anche il bus parte alle 6 del mattino, ma non credo possa deviare verso l’aeroporto di Bajawa (bivio 20 km prima di Bajawa e poi 3 km fuori dalla strada principale). Alle 12.30 siamo a Labuanbajo. Alloggiamo al Danke Lodge, fuori dal “centro” ma con il gentilissimo proprietario Jimmy che ci fa da taxista quando vogliamo. Pranzo alla Cucina con buona pizza vista porto. A Labuanbajo non c’è molto da fare, anche fare una passeggiata risulta difficile visti i lavori in corso ovunque. Non ci sono spiagge a quanto ci dicono, quindi e’ difficile passare la giornata qui. Alle 17 appuntamento al Paradise Bar per vedere lo splendido tramonto: purtroppo è’ un po’ nuvolo.

5 GIORNO

Ritrovo alle 7.30 e partenza per Rinca- Khelor Island e un altro punto per fare snorkeling (300.000 Rp a testa). Organizzata il giorno prima in una delle tante agenzie sul posto, offrono tutte più o meno lo stesso programma. Rinca ci delude abbastanza: ci sono 3/4 varani vicino all’ingresso del parco (e alle cucine); con un trekking medio riusciamo a vederne solo un altro in solitudine e basta. Non altri animali, panorama carino. L’ingresso al parco costa 250.000 a testa.

Alle 13 ripartiamo per andare a fare snorkeling: bello ma sinceramente mi è’ piaciuto di più il 17 Islands. Pranzo al sacco preparato da loro (riso e piccolo pezzo di cibo fritto non meglio identificato).

Nel pomeriggio sosta a Kelhor island: bellissima spiaggia, un po’ affollata con barche e turisti.

Alle 16.30 siamo di ritorno. Onestamente gita carina ma mi aspettavo di più. Passiamo il pomeriggio a cercare di organizzare la giornata seguente: tutti i tour in giornata prevedono Padar island/Komodo/Pink beach e Manta Point, quest’ultima non garantita da nessuno per via delle forti correnti e delle onde. Il problema e’ che non vogliamo fare un altro trek a Komodo, avendo già visto Rinca e vorremmo evitare soprattutto di dover pagare un’altra volta l’ingresso al parco. Tutti dicono di andare al molo e chiedere direttamente ai proprietari di barche e contrattare: credo sia più facile per raggiungere posti vicini che non per Padar o Pink beach. Quindi non riusciamo a trovare nulla.. Ceniamo poi al mercato del pesce (che hanno spostato per il lavori in corso), ottimo pesce e anche economico.

6 GIORNO

Sveglia alle 5 per andare con il nostro proprietario del Danke Lodge a cercare la “private boat”. Dopo mezz’ora di contrattazioni e proposte per Rinca, nessuno ci vuole portare a Pink beach/Manta Point per via delle correnti (però se paghiamo 2 milioni e mezzo di rupie si può fare). La sensazione netta e’ di essere presi in giro: un momento ti dicono che nessuno va a Komodo per le condizioni del mare, il momento dopo ci si può andare, basta pagare. Morale per 2.000.000 Rp (123€) affittiamo una barca con annesso capitano e figli per andare a Padar Island e Kanawa. Mentre però andiamo a Padar il capitano ci dice che il mare e’ troppo mosso per proseguire, per cui siamo obbligati a rientrare verso Kanawa nonostante fossimo oltre metà strada per Padar. Da notare che poi parlando con altri turisti scopriamo che altre barche sono andate a Padar (ma non a Komodo, tutti dirottati a Rinca per via delle condizioni del mare). Kanawa e’ stupenda, spiaggia e mare da sogno, snorkeling anche: abbiamo visto anche una tartaruga marina, calamari, uno squalo e una razza. Consiglio di aggirare l’isola (trek un po’ impegnativo sugli scogli, ma fatto comunque in infradito) per arrivare ad una bella spiaggetta isolata e sostare da soli tutto il giorno.

Comunque 2 milioni per andare a Kanawa sono 3 volte il costo usuale (che va dai 500.000 agli 800.000 Rp), per cui vorremmo riaverli indietro (poveri illusi). Ovviamente al ritorno il mediatore, amico del nostro Jimmy, a cui avevamo dato i soldi era già sparito. La mattina dopo, in seguito a una litigata per riavere i soldi, l’unica condizione possibile e’ stato ottenere un altro viaggio per Kanawa (e solo grazie alla mediazione di Jimmy , altrimenti non avremmo neanche mai ritrovato l’uomo).

Consiglio: per evitare di essere fregati come è’ successo a noi, scegliete una compagnia seria a cui affidarvi, meglio se con la barca veloce (1.200.000 Rp a testa), per essere sicuri di arrivare a destinazione anche con mare mosso. Oppure anche l’opzione 2 giorni in barca per evitare lo stress di dover organizzare le diverse gite giornaliere. Molti ci avevano detto di contrattare direttamente al porto, ma spesso i proprietari delle barche non parlano bene inglese, per cui si e’ costretti a trattare con questi “agenti mediatori” che raddoppiano il prezzo. Altro consiglio: NON pagate mai per intero la somma richiesta in anticipo, se avessimo pagato metà prima e metà dopo sarebbe stato molto più semplice! Purtroppo Labuanbajo e’ diventata estremamente e rapidamente popolare, per cui l’obiettivo generale e’ quello di “spennare” i turisti. E questo toglie un po’ di fascino a questo paradiso naturale.. abbiamo conosciuto altri turisti che hanno preferito andarsene prima o recarsi a visitare le cascate, piuttosto che avere a che fare con le agenzie dei tour in barca.

7 GIORNO

Come anticipato, gita di nuovo a Kanawa (potrei starci una settimana intera, peccato per i bungalow fatiscenti). Al pomeriggio purtroppo volo.

Conclusioni: a noi Flores è’ piaciuta davvero molto, peccato solo non aver visitato appieno l’arcipelago di Komodo e neanche Bajawa per il poco tempo. Non fatevi scoraggiare dalle difficoltà organizzative/logistiche perche’ merita tanto! Arrivederci Flores!

3 risposte su questo argomento
Bergamo, Italia
Contributore livello
12 post
34 recensioni
1. Re: 7 giorni a Flores: la nostra esperienza

Ciao, scusa ho visto che hai soggiornato al Danke Lodge, anche io ho prenotato lì per quando sarò a Labuan Bajo, me lo consigli?

Inoltre, hai preferito le 17 islands? Purtroppo noi dobbiamo scegliere tra Komodo e 17island per motivi di tempo, ad oggi abbiamo optato per l'arcipelago di Komodo (3 giorni pieni da organizzare)

Legnano, Italia
Contributore livello
26 post
1 recensione
2. Re: 7 giorni a Flores: la nostra esperienza

anche io sto ultimando il tour di flores e ho qualche dubbio su komodo.

partirò da Maumere e faccio le tappe "classiche" (Moni, Riung, Bajawa, Ruteng, Labuan).

Vorrei chiudere il giro con una crociera di due notti nelle isole di komodo, ma ho difficoltà perché le compagnie più note sono full, e stare 3 giorni a Labuan bajo non mi attira per niente, piuttosto faccio due notti a Riung.

ciao

Andrea

milano
Contributore livello
33 post
6 recensioni
3. Re: 7 giorni a Flores: la nostra esperienza

Ciao noi siamo appena rientrati da un tour di 10 gg A Flores

Come aiutarti nella scelta? sono entrambi posti magnifici!

Le 17 isole sono ancora poco conosciute e quindi poco turistiche....con tutti i pro e i contro, questo vuol dire poco strutture a disposizione e quelle che ci sono molto basiche. Noi a Riung abbiamo soggiornato al Nirvana bungalows, come dicevo molto semplice ma con una atmosfera famigliare. Le gite le abbiamo organizzate con il proporietario Tam, molto disponibile e corretto.

A Labuan ci siamo affidati alla guida che è stata con noi per tutti il viaggio perchè abita li e quindi ci ha organizzato le gite in giornata per Komdo/Rinca, ecc. più una gita per Kanawa

Se hai bisogno di altre informazioni scrivimi pure

Rispondi a: 7 giorni a Flores: la nostra esperienza
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Flores.
Discussioni recenti