Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

6 giorni a Bali: il nostro diario di viaggio

Ozzano dell'Emilia
Contributore livello
2 post
16 recensioni
Salva argomento
6 giorni a Bali: il nostro diario di viaggio

6 GIORNI A BALI (24 - 30 Giugno 2018)

Dopo aver usufruito abbondantemente dei post di questo forum, riporto la nostra esperienza a Bali.

Arrivo a Denpasar ore 20.30. Cambiamo subito un po’ di € (non troppi, fuori dall’aeroporto il cambio e’ più favorevole). Trasferimento immediato a Ubud, con un taxi ufficiale trovato al momento subito all’uscita dall’aeroporto, inizialmente richiesti 650.000, abbiamo ottenuto 300.000 (che avevo letto essere la cifra più o meno chiesta da tutti). In un’ora e mezza siamo a Ubud. Alloggio: BUCU GUEST HOUSE molto carina, pulita, ottimo Wi-Fi, buona colazione anche se poca varietà, con piscina, totale in 2 per 6 notti 3.300.000 Rp (circa 200€).

1 GIORNO

Su indicazione di una coppia di italiani del nostro hotel noleggiamo un motorino (pur non avendo la patente internazionale; non avevamo intenzione di spostarci in motorino, avevo letto robe allucinanti circa il traffico e il rischio di incidenti). Ebbene, cambio di programma: 5 giorni di motorino (300.000 Rp, circa 19€), un pieno al giorno (20.000 Rp, meno di 2€). Nei dintorni di Ubud non abbiamo mai incontrato la polizia o almeno non siamo mai stati fermati (ci è’ successo invece a Kuta, vedi dopo). Il traffico e’ caotico vicino Ubud, ma uscendo dal centro e’ assolutamente tranquillo e alla portata di tutti.. nel complesso un’esperienza ottima, anche per esplorare meglio la zona. Per spostarsi mappe offline di Google Maps, scaricate la mattina stessa. 1)tappa: risaie Jetiluwith (piove, il panorama un po’ ne risente..) ingresso 40.000 Rp a testa. 2)tappa: Pura Batukaru (piove ancora, ma come primo tempio

visitato ci lascia un’ottima impressione, soprattutto per l’atmosfera raccolta). Ingresso 20.000 Rp, sarong noleggiato compreso.

3)tappa: Pura Taman Ayun, tempio con giardini molto curati, pieno di turisti, ci ha impressionato molto meno.. (ingresso 20.000 Rp a testa).

2 GIORNO

(ancora cielo grigio e pioggia a tratti)

1) tappa: risaie Tegalalang. A nostro parere molto sceniche, nonostante la pioggia, ci affascinano più di Jatiluwih (parere personale), forse perché più raccolte e sviluppate in verticale.. siamo entrati da uno dei tanti locali sulla strada (in verità siamo stati rapiti da un simpatico gestore), che per 10.000 Rp totali e 2.000 di parcheggio ci ha condotti attraverso una fitta vegetazione di piante di caffè, cacao e ci ha mostrato il famoso Luwak (l’animale che “digerisce” le bacche di caffè da cui si ottiene l’omonimo caffè.. che comunque non ci siamo sentiti di provare, guardando questi animaletti in gabbia..). Ad un certo punto lo salutiamo e proseguiamo giù per una discesa e relativa lunga risalita nelle risaie. Attenzione al terreno estremamente fangoso e scivoloso, consigliate scarpe da tennis e vestiti “infangabili”.

2) tappa: Gunung Kawi, davvero molto bello (ingresso 15.000 Rp)

3) tappa: Tirta Empul (ingresso 15.000 Rp) da vedere ma abbastanza caotico.

Al ritorno a Ubud proviamo la nostra prima SPA (Lily SPA, 2 massaggi di un’ora 160.000 Rp totale). A cena Warung Laba Laba, ci siamo tornati ben 3 sere, economico, cibo molto buono, veramente consigliato. Ho adorato il rice pudding!

3 GIORNO

viaggio verso Bali est.

1) tappa: Pura Lempuyang. Meraviglioso tempio soprattutto per la vista panoramica sul Gunung Agung (purtroppo coperto da foschia), poco conosciuto. Attenzione che sono 7 templi, collegati da lunghi trekking e scalinate ma con accessi e parcheggi separati. Il tempio principale è’ più in basso (quello più scenico e fotografato), ha un parcheggio davanti e molti taxisti. Noi, seguendo le indicazioni (occhio che ci sono mille stradine tortuose su questa montagna, tutte uguali, molte con indicazioni per Pura Lempuyang, peccato che siano 7 templi distinti..) ci siamo persi più volte con Google Maps e siamo arrivati per sbaglio al 4^ tempio (bello per il panorama), ma non fondamentale. Da li’ partono sia il trekking sia per il tempio principale (circa 45 min abbastanza in discesa, al ritorno ci siamo fatti dare un passaggio in motorino per la salita più dura per 15.000 a testa) sia la diramazione per Pura Lempuyang Luhur, 1400 gradini che conducono al tempio più alto (che non abbiamo visitato anche per la fitta foschia). Ingresso con sarong (noleggiato per 20.000rp in loco). Insomma bellissimo, ma impegnativo: col senno di poi avrei pianificato meglio il percorso e soprattutto identificato prima il tempio principale.

2) tappa (veramente easy dopo Lempuyang) e’ Tirta Gangga, altro tempio collegato all’acqua (ingresso 30.000 a testa), estremamente turistico, ma da visitare se siete in zona. Rientro a Ubud con meritatissimo massaggio al Bali SPA Ubud.

4 GIORNO

giretto soft a Ubud, visita al mattino al Goa Gajah (15.000 a testa), sito carino ma non fondamentale secondo noi. Visita alla Monkey Forest (50.000 a testa).

Pacchetto massaggio/scrub/bagno nei fiori presso la famosa Bali Botanica SPA (480.0000 in due, per 2 ore e mezzo). Location curata, pulita, vista sulla foresta, ma il massaggio nella media (rispetto alle altre provate). Prenotato la mattina stessa. La sera abbiamo cenato al Bintang Bali, ottimo warung in mezzo alle risaie con musica dal vivo che mi sento di raccomandare per la carne (costine alla griglia e pollo fritto ottimi). Unico neo: 3 km fuori da Ubud, ma comodamente raggiungibile in motorino.

5 GIORNO

tappa di “montagna”: da Ubud siamo andati nella zona nord dei laghi.

1) tappa cascate Banyumala (circa 2 h di motorino da Ubud, ingresso 15.000 a testa), non ben segnalate sulla strada anche perché ci sono molte cascate in zona, ma chiedendo le abbiamo individuate con facilità. Lasciata la strada principale saranno altri 2-3 km di una stradina di campagna, molto stretta, con saliscendi, fattibile solo in motorino o a piedi, sicuramente non in macchina. Dal parcheggio poi circa 15 min a piedi. Necessarie scarpe chiuse o da trekking (e io sono scivolata lo stesso). La cascata è’ veramente spettacolare, si può fare anche il bagno. Non ho visto altre cascate a Bali, quindi non posso fare paragoni con Sekumpul o altre più famose, però abbiamo apprezzato molto il fatto di essere in tutto 4/5 persone li’, senza guide assillanti o venditori.

2) tappa: Pura Danau Bratan (50.000 a testa ingresso), il famoso tempio sul lago.. e qui siamo stati davvero fortunati perché era in corso una cerimonia con danzatori balinesi nel contesto dell’Art Festival. Davvero suggestivo, anche se molto caotico.

6 GIORNO

Lasciamo Ubud in taxi per andare a Kuta, in previsione di avere un assaggio del sud di Bali e soprattutto del nostro aereo il giorno seguente per Flores. Transfer in taxi Ubud-Kuta 350.000 (credo sia forse un po’ alta come cifra, ma non siamo riusciti a ottenere di meglio), 2 ore allucinanti nel traffico. Anche a Kuta abbiamo noleggiato il motorino (75.000 per la giornata). Destinazione Pura Uluwatu (da non perdere), Uluwatu beach li’ vicino (ingresso scenografico della spiaggia attraverso le rocce), Padang Padang Beach (in realtà carina ma non eccezionale e soprattutto frequentata da macachi molto aggressivi; abbiamo assistito a vari furti di oggetti di ignari bagnanti). Per il tramonto siamo andati a Jimbaran beach, enorme distesa di sabbia chiara gremita di locali sulla spiaggia in cui cenare. Noi siamo stati al Lia Cafè seguendo le recensioni su TA, 440.000 totali (poco meno di 14 € a testa) per una ottima cena fronte mare con calamari fritti e gamberi alla griglia (ordinati a peso) e 2 birre grandi. Ricordatevi di chiedere la cottura “natural” con salse a parte, altrimenti cuociono il pesce ricoperto di spezie/salse. Al termine cocomero offerto. Ci tornerei subito!

Problema della giornata: mentre andavamo da Padang beach a Jimbaran in un traffico davvero allucinante (ma in una zona molto più turistica rispetto ai nostri precedenti spostamenti) siamo stati fermati dalla polizia. Il mio ragazzo guidava senza casco e senza patente internazionale (peggio di così non si poteva). La polizia ci ha chiesto 300.000 Rp (18€), per evitare “multe ufficiali” più dispendiose (così ci hanno detto..). Anche altri turisti con il casco sono stati fermati e “multati” (i soldi li intasca il poliziotto) con cifra analoga. Abbiamo poi incontrato ragazzi spagnoli successivamente a Flores, che ci hanno raccontato di essere stati “multati” con 250.000 Rp a Bali per aver parcheggiato il motorino nel posto sbagliato.. morale: noi abbiamo sicuramente sbagliato, ma probabilmente saremmo stati lo stesso “multati” per qualcos’altro pur avendo casco e patente.

Concludendo, ho voluto solo riportare info pratiche che possano servire ad altri. Bali e’ stupenda e girando in motorino abbiamo apprezzato forse meglio la realtà locale. Buon viaggio a tutti!

2 risposte su questo argomento
Switzerland
Contributore livello
123 post
238 recensioni
Salva risposta
1. Re: 6 giorni a Bali: il nostro diario di viaggio

Grazie mille per tutte le informazioni!

Contributore livello
21 post
27 recensioni
Salva risposta
2. Re: 6 giorni a Bali: il nostro diario di viaggio

Ciao, avete trovato problemi riguardo al vulcano?

Rispondi a: 6 giorni a Bali: il nostro diario di viaggio
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Bali.