Salva argomento
Fanum Fortunae

Dal 9 al 15 luglio il tempo nella città della Fortuna si fermerà e farà un salto nel passato di 2000 anni. Dopo 7 anni dall’ultima edizione, Fano si trasforma in “Fanum Fortunae – La Fano dei Cesari”. L’organizzazione ha deciso di chiamare l’evento come veniva chiamata la città all’epoca romana, con l’obiettivo di raccontarla dal punto di vista culturale e farla vivere a tutti i cittadini e turisti, trasportandoli nelle atmosfere dell’epoca.

La zona Pincio verrà completamente allestita con la grande arena di sabbia dove si svolgeranno la maggior parte delle competizioni tra le varie fazioni e ovviamente la corsa delle bighe finale. Cesare Ottaviano Augusto, dall’alto del suo trespolo, avrà il compito di “controllare” anche i vari accampamenti militari e le attività civili presenti nella zona del Pincio, i punti ristoro con specialità dell’epoca, un’antica domus romana e il Macellum, realizzati con cura all’interno dell’area San Michele. Il mercato romano poi dal Pincio si estenderà per tutta via Arco d’Augusto fino a sfociare su corso Matteotti. Diversi punti del centro storico saranno allestiti a tema con gli accampamenti di alcune delle realtà rievocative più importanti d’Italia.

Come recita il manifesto ufficiale dell’evento, Fanum Fortunae sarà un mix di “Ludi” (giochi e spettacoli), “Certamina” (gare tra frazioni, dispute), “Declamationes” (Cultura e storia dell’epoca), “Castra” (Accampamenti militari e civili), “Pompa magna” (Magnificenza e fasti) e “Bacchanalia” (Feste e banchetti).

Lunedì 9 luglio verrà dedicato ad una conferenza animata con la partecipazione dei rievocatori della Colonia Iulia Fanestris, la quale culminerà con la cerimonia di apertura della manifestazione. Il mercoledì sarà dedicato alla parte culturale con una serie di convegni e conferenze scientifiche a cura del Centro Studi Vitruviani, che mostrerà quelli che erano i veri usi e costumi degli abitanti della zona dell’epoca. Il giovedì (giorno in cui verranno installati gli allestimenti in tutto il centro storico) sarà dedicato ai bambini. Al Pincio prenderà forma la Fano dei Cesarini e i figuranti e rievocatori inizieranno ad “invadere” la città. Il venerdì sarà all’insegna dei Ludi dei giovani romani, con una serie di attività dedicate ai ragazzi che richiameranno gli sport dell’epoca. In questa parte saranno coinvolte numerose associazioni sportive cittadine che, sempre nell’arena del Pincio, organizzeranno sfide e competizioni fino al tardo pomeriggio. Nel dopo cena verrà riproposto uno dei momenti più attesi de La Fano dei Cesari, ossia l’elezione di quella che una volta era la messalina e che in questa nuova edizione prenderà il nome di Miss Fanum Fortunae, grazie alla collaborazione con Pink Eventi. La giornata terminerà con un evento a tema dedicato proprio ai giovani. La manifestazione esploderà definitivamente il sabato con la giornata dedicata alle fazioni, le quali insceneranno una serie di spettacoli e che faranno da apripista a Bacchanalia, una grande festa che coinvolgerà tutta la città. Dal Pincio, a tutto il centro, fino ad arrivare alla zona mare, i vari locali privati, gli stabilimenti, i campeggi, i comitati, potranno promuovere eventi a tema e serate di spettacolo, dando vita alla Notte degli Dei. L’organizzazione premierà il miglior evento della nottata che avrà come argomento centrale gli Dei dell’antica Roma. Domenica, giorno conclusivo di “Fanum Fortunae”, le fazioni torneranno protagoniste nella grande sfilata finale. Nel tardo pomeriggio, il Cinghiale, il Delfino, il Lupo e la Volpe, assieme a tutti i rievocatori storici e alle didattiche, daranno vita ad una delle sfilate più imponenti di tutta Italia che percorrerà il centro storico fino ad arrivare al Pincio, dove si culminerà con la “Corsa delle Bighe 2018”.

https://it-it.facebook.com/fanodeicesari/