GP ITALIA di Motonautica 6/7/8 luglio

ll Lago Maggiore si prepara ad accogliere i bolidi della motonautica che nel fine settimana dal 6 all’8 luglio si contenderanno lo «Stresa grand prix of Italy», unica prova europea del campionato mondiale Xcat, che da quest’anno si svolge sotto l’egida della Uim, l’Unione motonautica internazionale. L’altro giorno sono arrivati i container e le prime due imbarcazioni, che a partire da oggi saranno impegnate nelle prove per due record sul chilometro lanciato. I test per fissare il record si svolgeranno lunedì e martedì dalle 20 in poi.

A sfidare il tempo saranno due tra i nomi più importanti del circuito motonautico: l’italiano Giovanni Carpitella e l’australiano Darren Nicholson, che poi assieme correranno il Gp di Stresa a bordo del «222 Offshore». Con l’arrivo delle prime attrezzature a Stresa, sale l’attenzione: a contribuire allo spettacolo dovrebbe essere il circuito di gara della seconda prova mondiale Xcat, che si preannuncia il più spettacolare di sempre. Il tracciato di gara dopo la partenza si dirigerà verso l’Isola Madre per poi, con una virata secca, tornare verso l’Isola Pescatori e infilarsi tra questa e l’Isolotto della Malghera, virare e sfilare tra l’Isola Bella e il Lido di Carciano prima di giungere sul traguardo nei pressi di piazza Marconi. Le imbarcazioni in gara dovrebbero essere quattordici. Sono spinte da due motori a quattro tempi con una potenza complessiva di 800 cavalli e possono volare sull’acqua a velocità superiori ai 200 km/h.

A fianco della gara principale, si svolgeranno anche le prove della Formula Junior e una competizione di imbarcazioni storiche, per ricordare la prima gara di motonautica svolta proprio sul Lago Maggiore nel 1903. Per la motonautica a Stresa è un ritorno: nel 2013 e 2014 si erano svolte le gare Xcat, in precedenza le acque del Golfo Borromeo ospitarono la Class One.