Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

Oderzo, Italia
Contributore livello
4 post
16 recensioni
Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

Dato che su internet troviamo ben poche informazioni su come visitare le Tremiti, e visto che anche in Gargano è difficile reperire le informazioni sulle possibilità di vista, ci sembra utile lasciare il nostro punto di vista (amareggiato) e invitare altri a scrivere qualcosa in merito.

Il 15 luglio 2015 abbiamo acquistato il biglietto per la traversata da Peschici all’isola di S.Nicola, della compagnia MSG che ne ha praticamente il monopolio. A questo (28 euro a persona; bambini gratis fino a 6 anni) abbiamo aggiunto il supplemento del perielio delle isole con visita alle grotte (15 euro a testa; bambini gratis fino a 6 anni).

Primo punto: parcheggio al porto di Peschici. Considerando che devi essere al porto per le 8.30 per convertirla prenotazione in biglietto vero e proprio, l’ideale è raggiungere il parcheggio gratuito sopra il porto, oppure tentare i parcheggi comunali vicinissimi al porto (4 euro tutto il giorno). Nel primo parcheggio a pagamento si spendono invece 8 euro.

Secondo punto: imbarco. Non aspettatevi cose facili nemmeno nei giorni feriali. Ci sono code alla biglietteria e la motonave è super affollata, sebbene tutti trovino un posto a sedere e il bagno sia comodo e discretamente pulito. La traversata dura 1ora e 45. In questo tempo i marinai vendono il supplemento per il giro delle isole (quello di 15 euro che noi avevamo già acquistato) acchiappando i turisti che non lo hanno già progettato.

Terzo punto: Lo sbarco. Dalle varie località garganiche arrivano alle Tremiti almeno 4-5 motonavi-traghetti al giorno, scaricando migliaia di persone. Appena scesi dalla motonave siamo accerchiati da venditori di noleggio gommoni, noleggio motonavi, moto taxi…: offrono possibilità di visita fai da te e non, per godere del mare delle Tremiti. I prezzi di questi noleggi variano in base a stagione e domanda-offerta del momento ma, con un po’ di spirito di iniziativa e cercando di fare gruppo con altri turisti, ci si può organizzare e si possono trovare delle buone occasioni (il 25 luglio avremmo spese 120 euro per un gommone da 7-9 posti, per tutta la giornata). Quando questi venditori vedono che hai già acquistato l’escursione del pacchetto venduto in Gargano o sulla motonave, se ne vanno sconsolati, mentre tu cominci a realizzare di aver sbagliato tutto, soprattutto perché capisci che lo splendido giro che hai pagato e che ti attende sarà a bordo di una barca modello “profughi in fuga” (con tutto rispetto)…

Quarto punto: Visita a S. Nicola. Tra lo sbarco dalla motonave (ore 11.00) e l’imbarco sulla bagnarola da escursione, (ore 12.15)c’è un’ora da spendere per visitare il centro storico dell’isola abitata. Consigliamo la salita in ascensore e la discesa a piedi). Il centro del paese è piccolo, con degli affacci incantevoli sul mare. La chiesa è da vedere!

Quinto punto: giro delle isole sul barcone. Le operazioni di imbarco sono ovviamente lunghe visto che ci salgono almeno un centinaio di persone con borse e bambini compresi. Ci si siede ordinati, 4 per panca. Quando finiscono le panche gli ospiti sono invitati a sedere sui cassoni. Tutti così ordinati, stipati come sardine, sotto il sole cocente delle 12.30 e nessun tendalino, ci si avvia “sorridenti” alla scoperta del mare. Ecco, appunto, il mare, il nocciolo della questione, il tasto dolente se siete troppo anziani o malati per poter nuotare, se non sapete o non volete nuotare, se avete qualche disturbo fisico o mentale per cui dovete accontentarvi di guardare il mare senza toccarlo, allora questo giro sarà per voi il top dell’avventura. Altrimenti sarete come noi: amareggiati, sconsolati, vagamente rassegnati.

Il mare è spettacolare. Le insenature, i giochi della roccia, i riflessi turchesi…: tutto è uno spettacolo della natura (che noi abbiamo visto fermi seduti al nostro posto). In 3 meravigliose grotte entra la bagnarola, sosta pochi minuti ed esce in retromarcia, portandosi dietro il suo rumoreggiare e il suo gas di scarico.

Dopo 1ora e mezza di sole a picco, ci è concessa l’agognata sosta, lungo la costa dell’isola di Caprara, dove si trova la statua di Padre Pio immersa, e dove tutti i barconi (tutti i barconi!) arrivano e partono. Mentre mi preparo al tutto dalla barca, il marinaio mi avvisa che avrò 10 minuti di tempo per fare il bagno… (10 minuti!).

Sesto punto: La fine del sogno. Siamo scaricati nell’isola turistica di S. Domino dove possiamo stare 2 ore al sole (semmai quello della barca fosse stato insufficiente)in una spiaggetta affollatissima affianco al porto. Siamo decisamente troppo cotti e sconsolati per prendere un taxi e andare in qualche caletta migliore. Prendiamo al bar un gelato e per questa magra consumazione non abbiamo diritto al bagno del locale per una risciacquata alle mani; siamo invitati a usare i servizi pubblici a 1 euro l’ingresso).

La spiaggia a disposizione è piccolissima, affollatissima...

Settimo punto: e’ quasi finita. Ritorniamo alle 16.00 all’isola di S. Domino (ogni ora la bagnarola ti riporta al punto di partenza mostrando i predenti biglietti: attenti a non perderli e non gettarli via!). Se se si vuole fare un bagno la spiaggetta sassosa del porticciolo, tra motoscafi che vanno e vengono, è quasi l’unica alternativa. Altre possibilità, che probabilmente ci sono, non abbiamo avuto modo di sperimentarle.

Ottavo punto: Rientro: La motonave imbarca alle 16.30, parte alle 16.45, arriva a Peschici alle 18.30.

Considerazioni personali. Inconcepibile che:

- i pacchetti di offerta propongano solo questo tour limitante; basterebbe diversificare l’offerta con pacchetti snorheling, con poca navigazione e più soste per i bagni;

- siano centellinate le informazioni sulle possibilità effettive offerte dalle isole;

- l’offerta sia pressoché monopolizzata (tutte le proposte vendono lo stesso pacchetto!);

- un patrimonio naturalistico così importante sia volgarizzato e standardizzato. (Tanto migliaia di turisti arrivano comunque ogni giorno).

Conclusioni: Forse noi abbiamo un’indole esplorativa che accresce con il desiderio di poter vivere il luogo che visitiamo (in questo caso il mare…)… però… contare di poter fare uno, due, tre bagni nei posti spettacolari che abbiamo visto (o intravisto?), non ci sembra una pretesa troppo alta, soprattutto se decidi di fare un’escursione marina…

33 risposte su questo argomento
Bergamo, Italia
Contributore livello
1 post
7 recensioni
1. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

Dire che hai raccontato tutto alla perfezione è dire poco.

Io e mia moglie ci siamo stati l'anno scorso (settimane a cavallo del ferragosto).

Ci siamo "salvati" con il gommone, facendoci il giretto molto tranquillamente e gustando i bagni nelle calette! Il resto è tutto come descritto nel tuo triste epilogo.. :( , come anche la spiaggia con 100 mt di scatto felino per prendersi il posto!

Modificato: 22 agosto 2015, 13:37
Provincia di
Contributore livello
11 post
63 recensioni
2. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

Vi racconto la mia esperienza. Al porto di termoli arrivando allw otto in un giorno feriale di settembre abbiamo trivato posto senza pagare, sennò ci sarebbe stato il posteggio custodito mi sembra a sette euro. Traghetto jet che arriva a san domino, e con un acqua taxi ci siamo spostati per 5 euro a san Nicola per la visita dell'abbazia con tutta calma perché ti vengono a riprendere quando telefoni. Se si vuole si può salire in ascensore sennò la salita è piacevole e poco impegnativa. Per il giro in barca ci siamo affidati a un marinaio simpaticissimo che con il suo gozzo ci ha tenuto tre ore e mezzo in mare a raccontarci un sacco di cose interessanti sulle tremiti e il suo mare e ci ha fatto fare il bagno 5 volte nelle varie baiette. Per farci vedere meglio i pesci gettava il pane per attirarli a noi, consiglio vivamente di non salire sui barconi che stanno così poco e di fretta. Trovate la moglie di questo signore a un tavolino andando dal molo verso il ristorante, diciamo nella direzione della spiaggia.

Torre San Giovanni
Esperto locale
di Puglia, Provincia di Lecce, Torre San Giovanni, Ugento, Aiutaci a migliorare TripAdvisor!, Salento
Contributore livello
5.571 post
28 recensioni
3. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

Buongiorno a tutti,

@Natnev, complimenti ottima descrizione, davvero!

Premesso che inseriro questo topic nelle FAQ di Puglia, visto il tuo impegno per essere utile con il tuo contributo, ti chiedo un ulteriore sforzo....

Da questo link tripadvisor.it/Attractions-g1064670-Activiti…

Prova a rilasciare qualche recensione, in quanto le recensioni rispetto al forum hanno diversa visibilità e utilità.

A presto,

Maria Domenica

Veneto, Italia
Esperto locale
di Veneto, Montagna e sport invernali
Contributore livello
6.782 post
155 recensioni
4. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

Grazie per la descrizione. Ora capisco perché quando mia figlia aveva 2/3 anni mi hanno sconsigliato di portarla!

Roma, Italia
Contributore livello
7 post
11 recensioni
5. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

Ciao Michela, ricordi il nome ed hai ancora il contatto del marinaio che vi ha portati in giro con il suo gozzo? Grazie in anticipo.

Provincia di
Contributore livello
11 post
63 recensioni
6. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

No non avevamo il contatto, ma non puoi sbagliare, l'hanno trovato anche dei nostri amici l'anno scorso. Spero ci sia anche quest'anno. Spalle al mare, lascia perdere tutte le casette che hai di fronte a te ma procedi in salita sulla destra, trovi la signora a un tavolino rosso della coca cola, è anziana, si riconosce

Oderzo, Italia
Contributore livello
4 post
16 recensioni
7. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

grazie del suggerimento lo faro

Contributore livello
3 post
24 recensioni
8. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

Complimenti per la dettagliata descrizione che purtroppo ho letto solo a posteriori. Tutto assolutamente vero, purtroppo. Per noi in aggiunta c'è l'aggravante di aver svolto il viaggio il 9 agosto.......non poteva essere che peggio di quanto descritto.

L'unica cosa positiva consiste nel fatto che essendo partiti da Vieste abbiamo speso soli 5 euro per l'intera giornata di parcheggio. In compenso il viaggio in motonave è stato più lungo e solo al ritorno abbiamo saputo che esiste un'altra compagnia che con gli idrojet impiega molto meno. Tuttavia, come avete ben evidenziato nel vostro commento, i veri problemi iniziano dopo l'approdo anche perché in agosto le "scatole di sardine" sono ancora, se possibile, più compresse.

Modificato: 10 agosto 2017, 17:32
Oderzo, Italia
Contributore livello
4 post
16 recensioni
9. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

come si fa a postarla nel link indicato??

Veneto, Italia
Esperto locale
di Veneto, Montagna e sport invernali
Contributore livello
6.782 post
155 recensioni
10. Re: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli

Ciao, entri nel link e nell'attrazione che hai scelto di recensire.

Poi scorri la pagina e verso la fine trovi lo spazio apposito per fate la tua recensione.

Rispondi a: Isole tremiti, quello che non vi dicono, i veri consigli
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Isole tremiti.