Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

"La brutta spiaggetta"

Tulum, Messico
Contributore livello
15.917 post
47 recensioni
Salva argomento
"La brutta spiaggetta"

la novella, ai più sconosciuta, di Tio_Hans_Christian_Andersen, presto sui Vs. schermi in Prima Assoluta.

(per cortese richiesta di mr.B.Oston)

Tulum, Messico
Contributore livello
15.917 post
47 recensioni
Salva risposta
1. Re: "La brutta spiaggetta"

... ove si narra delle peripezie di una spiaggetta appena nata......

Napoli, Italia
Contributore livello
3.833 post
22 recensioni
Salva risposta
2. Re: "La brutta spiaggetta"

Sono tutta orecchi!!!

Londra, Regno Unito
Contributore livello
34.726 post
644 recensioni
Salva risposta
3. Re: "La brutta spiaggetta"

avrà a che fare con la transumanza delle spiagge anche questa storia?

tripadvisor.it/ShowTopic-g150812-i23-k478028…

Tulum, Messico
Contributore livello
15.917 post
47 recensioni
Salva risposta
4. Re: "La brutta spiaggetta"

in effetti Hans_Christian_Andersen scoprì la transumanza delle spiagge e per non essere preso per pazzo, scrisse quella novella ermetica, passandola per una versione del "Brutto anatroccolo".

Però se mi interrompete non posso copiare dal manoscritto....

Tulum, Messico
Contributore livello
15.917 post
47 recensioni
Salva risposta
5. Re: "La brutta spiaggetta"

La Brutta Spiaggetta

Di Tio_Hans_Christian_Andersen

“In mezzo al mare l'acqua è azzurra come i petali dei più bei fiordalisi e trasparente come il cristallo più puro; ma è molto profonda, così profonda che un'anfora non potrebbe raggiungere il fondo; bisognerebbe mettere molti campanili, uno sull'altro, per arrivare dal fondo fino alla superficie. Laggiù nascono le spiagge di tutto il mondo.

E un giorno, laggiù, Don Pepe, una grossa spiaggia maschio dell’Isola di Cozumel e Isabel, una grassa spiaggia femmina di Caracas si incontrarono, si innamorarono e figliarono una decina di Spiaggette: Amy, Bamy, Camy, Damy, Eamy, Famy, Gamy,Hamy, Iamy e Mamey.

I genitori, felici, le accudivano e guardavano sorridendo (le spiagge adulte sorridono creando dune) mentre i piccoli volteggiavano fra alghe (“Non sporcatevi la sabbia” – strideva mamma Spiaggia, facendo la finta burbera) o si immergevano rincorrendo e spaventando gli squali bianchi della zona.

Le spiaggette ormai erano cresciute abbastanza per affrontare il Lungo Viaggio Verso le Coste, ma (naturalmente a questo punto, c’è necessariamente un “ma”) mamma e papà Spiaggia avevano un cruccio:

Mamey, la più piccola non era come le sorelle, ma aveva la sabbia grossolana, grani grossi e crespi, di colore grigio scuro ed era ancora veramente piccola.

Don Pepe prese il coraggio a due manciate e parlò alla moglie:

“Isabella carissssima sposa. Tu sai che prima di tornarcene a casa abbiamo promesso ai cugini Wilfredo, Wilma e Woodstock di passare a trovarli e presentar loro la nidiata. Ora, carrra mia i cugini sono innestati a Acapulco e sai che colà hanno una boria ed una spocchia unica. Come possiamo presentare loro Mamey?”

“Don Pepe, sensualissimo sposo, lo so. Se penso che a Puerto Escondido è innestata mia sorellastra Polyanna (un errore di gioventù di mia mamma Pepita), e che potrebbe venire a salutarci nel passaggio, mi si raggrinziscono le dune. Polyanna mi ha sempre trattato come una Spiaggia Rocciosa e chissà cosa poi racconterebbe in giro..”

“Spiaggia Rocciosa??? – esclamò Don Pepe ritirando la battigia di un buon metro – ma se hai la sabbia più dorata e liscia che abbia mai visto, carrrra mia (beh a parte una spiaggetta minorenne che trovai a Boca Chica, pensò, ma non lo disse)”

“Grazie mi amor. Cosa dunque facciamo?”

“Stavo pensando, che potremmo partire e lasciare qui Mamey, non è lontana da Santiago de Cuba, e poi potremo recuperarla al ritorno, le indichiamo la rotta e lei ci aspetterà vicino ad una casa particular per esempio quella sulla riva dopo il Golfo de las Madruganas, quella di … come si chiama…ah Titina Lameziosa… che dici?”

“Beh, si Titina Lameziosa è un’umana sicura, la proteggerà anche con la pistola”

“Bene è deciso. Avverti Mamey, fallo tu, per favore perché al solo vederla mi viene il vomito..”

Così Don Pepe, Isabella e le nove Spiagge Figlie si allontanarono verso la stretto di Panama, lasciando Mamey che tristemente nuotava malvolentieri verso la costa cubana.

bologna
Contributore livello
7.992 post
3 recensioni
Salva risposta
6. Re: "La brutta spiaggetta"

(m e r a v i g l i o s o: mentre ti leggo sento il rumore delle onde!!!!!)

Lipari, Italia
Esperto locale
di Isole Eolie, Figi
Contributore livello
1.896 post
107 recensioni
Salva risposta
7. Re: "La brutta spiaggetta"

il profumo della sabbia

continua tio.....

Napoli, Italia
Contributore livello
3.833 post
22 recensioni
Salva risposta
8. Re: "La brutta spiaggetta"

la tristezza della sabbia (pensando a Mamey)

chiedo venia per l'interruzione...

Tulum, Messico
Contributore livello
15.917 post
47 recensioni
Salva risposta
9. Re: "La brutta spiaggetta"

tio è in pausa sabbatica

Tulum, Messico
Contributore livello
15.917 post
47 recensioni
Salva risposta
10. Re: "La brutta spiaggetta"

naturalmente ogni personaggio non ha riferimenti con la realtà e i nomi sono inventati dall'autore (beh quasi tutti)