Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Parigi, 20-23 novembre 2014

Castelnuovo Belbo
Contributore livello
62.665 post
373 recensioni
309 voti utili
Parigi, 20-23 novembre 2014

Giovedì, 20 novembre 2014:

Non importa quanto tempo io resti lontana da Parigi, appena vi rimetto piede è come se non me ne fossi mai andata...

A Orly, il cielo è uniformemente grigio, la temperatura mite. In un'oretta, raggiungo il des Arènes (ormai la mia "home away from home" parigina:-)), al no. 51 della rue Monge, nel Quartier Latin, http://www.hotel-des-arenes.com

Che bello arrivare in albergo ed essere accolti dal receptionist di turno con uno squillante "Quel bonheur de vous revoir, madame!".:-)

Resto in camera (la 22, che dà sulle Arènes de Lutèce) giusto il tempo di mollarvi il trolley, per poi raggiungere, con le linee 7 e 1 del métro, il Petit Palais, dove visito una mostra che non esito a definire "abbacinante", "Baccarat. La leggenda del cristallo", …paris.fr/fr/…baccarat-la-legende-du-cristal

Trovo particolarmente suggestiva la penultima sala, con i suoi giochi di luce, e mi porterei volentieri a casa alcune delle creazioni di Georges Chevalier.;-)

Approfitto per consigliare a chi mi legge di visitare (anche) il Musée Baccarat, sontuosamente allestito nel palazzo che fu di Marie-Laure de Noailles, in place des États-Unis (16ème arr., M° Iéna), http://fr.wikipedia.org/wiki/Mus%C3%A9e_Baccarat_(Paris)

Non posso lasciare il Petit Palais senza prima "fare un salutino" a un ritratto che adoro, quello di Sarah Bernhardt in compagnia del suo borzoi, eseguito nel 1876 da Georges Clairin, …paris.fr/fr/…portrait-de-sarah-bernhardt

Sulla scalinata esterna del museo, un cameraman sta filmando una splendida modella che indossa uno scollatissimo abito da sera rosso e scarpe dai tacchi vertiginosi. Scommetto che a Gianluca (e non solo a lui, naturalmente) piacerebbe assai trovarsi qui, in questo preciso momento.;-)

Proprio oggi, sono state accese le nuove luminarie natalizie lungo gli Champs-Elysées (di certo non rimpiango quell'orrenda sorta di hula hoop dei tre anni precedenti...) e l'aria è pervasa dal profumo delle caldarroste e dei dolciumi in vendita sull'avenue.

Cade qualche goccia di pioggia e brevi raffiche di vento, come improvvisi colpi di ramazza, scompigliano le foglie secche sul marciapiede.

In pochi minuti di métro, arrivo in rue du Colisée, dove ho appuntamento con l'amica Marianne per cenare da "Flam's", http://www.flams.fr/restaurant_colisee.html

Sono così felice di poterla finalmente riabbracciare, a due anni esatti di distanza dai bei momenti che avevamo trascorso insieme qui a Parigi!

Chiacchieriamo allegramente davanti a due deliziose Flammeküche gratinées, finché non arriva l'ora di fare dietrofront, per visitare, al Grand Palais, una delle esposizioni clou di quest'autunno parigino, dedicata al sommo artista giapponese Katsushika Hokusai (1760-1849), www.grandpalais.fr/fr/evenement/hokusai

Le opere esposte sono di una bellezza e raffinatezza da mozzare il fiato, ma il livello di affollamento - soprattutto nelle prime sale - è da delirio. E' tutto un "pardon", un "excusez-moi"... E' già un risultato notevole non farsi schiacciare i piedi o non schiacciarli a qualche povero/a malcapitato/a...

Sarà forse proprio a causa del pigia pigia, ma temo che non conserverò di questa retrospettiva un ricordo paragonabile a quello che mi ha lasciato la sublime "Images du Monde flottant", visitata sempre qui al Grand Palais dieci anni fa, boutiquesdemusees.fr/fr/…

Castelnuovo Belbo
Contributore livello
62.665 post
373 recensioni
309 voti utili
1. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

Venerdì, 21 novembre 2014:

Ritemprata da una buona notte di sonno, alle otto e trenta sono già fuori dall'albergo, diretta alla "mia" amatissima Ile Saint-Louis.

Le nubi di ieri si sono quasi completamente diradate. Gli squarci di cielo azzurro si fanno via via più ampi. Quant'è piacevole camminare lemme lemme, godendo del tepore del sole, i cui raggi fanno brillare le foglie gialle degli alberi, le dorature dei balconi degli elegantissimi hôtels particuliers secenteschi e le acque della Senna...

Percorro, assaporando ogni istante, ogni dettaglio, il quai de Bourbon, il quai d'Orléans (con sosta "di rito" fra i due, sulla minuscola e incantevole place Louis Aragon) e sul quai de Béthune (dove visse per molti anni Georges Pompidou, circondato dalla sua straordinaria collezione d'arte moderna).

Prima di svoltare sul quai d'Anjou, entro in uno degli angoli che prediligo di questa città, lo square (giardino pubblico) Barye, http://equipement.paris.fr/square-barye-29 , che mi dà immancabilmente la sensazione di trovarmi sulla prua di una nave.:-)

Altro stop "incontournable" davanti all'Hôtel de Lauzun, it.wikipedia.org/wiki/H%C3%B4tel_de_Lauzun , al n° 17 del quai d'Anjou, che è forse l'edificio parigino che mi piace di più in assoluto e che ho avuto il privilegio di visitare diversi anni fa (non è normalmente aperto al pubblico).

Attraverso il Pont Marie, prendo la rue des Nonnains-d'Hyères (su cui si affaccia il giardino dell'Hôtel de Sens, http://tinyurl.com/mxvkfzs ) e sono nel Marais! In attesa che arrivino le 10 (orario d'apertura del Musée Carnavalet), faccio due passi in un altro angolo di Parigi che adoro, ovvero l'armoniosissima place des Vosges, resa ancora più "charmante" da questa morbida luce autunnale.

Al suddetto Musée Carnavalet, visito una mostra fotografica che trovo estremamente interessante, …paris.fr/fr/expositions/paris-libere-paris-…

Come grande ammiratrice di Michael Kenna, non posso certo esimermi dal salire al primo piano e ammirare i 42 scatti che il fotografo anglo-americano ha recentemente donato al museo (che già ne possedeva altri 17), …paris.fr/fr/expositions/michael-kenna-paris , http://tinyurl.com/o78zsc5

Poco prima delle 11,30, raggiungo il Musée Picasso, che ha riaperto i battenti - dopo diversi rinvii - il 25 ottobre scorso (133° anniversario della nascita dell'artista), al termine di lunghi e radicali lavori di ristrutturazione e ampliamento. Vi rimetto piede, in compagnia di Marianne e di suo marito Paolo, a un quarto di secolo di distanza dalla mia prima visita.:-)

La sensazione quasi di claustrofobia che ricordo di aver provato nel 1989 non si ripresenta, per fortuna, grazie - almeno in alcune parti del museo - a spazi più ariosi.

Ho particolarmente apprezzato, all'ultimo piano, le opere provenienti dalla collezione personale di Picasso, soprattutto una tela di Van Dongen, di cui mi sono letteralmente "innamorata".;-)

Marianne e io abbiamo anche trovato gradevolissima la terrazza de Le Café sur le toit (per chi fosse interessato, questo è il suo menù, http://tinyurl.com/ntcczpf ), museepicassoparis.fr/informations/cafe-resta…

Sono le 14 passate, allorché lascio il Musée Picasso e mi dirigo, con passo bersaglieresco, verso la rue Saint-Merri, dove, il 13 novembre, è stato inaugurato, al no. 5, il Musée Passé-Présent-Futur di Pierre Cardin (precedentemente nel sobborgo di Saint-Ouen), http://www.pierrecardin.com/news.php Rinuncio, però, a entrarvi, dopo aver letto, sulla porta, il prezzo del biglietto d'ingresso (25 euro!).:-/

Niente panico, comunque.;-) Ho già pronto il piano B: raggiungere, con le linee 1 e 7 del métro, il 13ème arrondissement e visitare, nella sempre splendida Galerie des Gobelins, la mostra "Les Gobelins au siècle des Lumières", …gouv.fr/fr/expositions/actualites

Gli arazzi, accompagnati dai quadri che servirono da modello, sono, come al solito, spettacolari, ma trovo discutibile l'idea di aver allestito negli stessi spazi un'esposizione del tutto diversa (e, a mio avviso, non compatibile), "À tables avec le Mobilier national! Un demi siècle (1964-2014) d'existence de l'Atelier de Recherche et de Création". Il risultato estetico finale, con tutto il dovuto rispetto, è un po' da mercatino dell'usato.;-)

Prima di rientrare in albergo per un meritato e necessario break, faccio una capatina, poche centinaia di metri più in là, in direzione di place d'Italie, alla nuova Fondation Jérôme Seydoux-Pathé (è stata inaugurata il 10 settembre scorso), in un palazzo progettato da Renzo Piano e che si "cela" dietro una facciata ornata da sculture di Rodin, unica vestigia del Théâtre des Gobelins. Da non perdere anche la parte posteriore dell'edificio, visibile dal piccolo e grazioso giardino.

Gli appassionati di vecchi proiettori andranno in brodo di giuggiole nella Galerie des Appareils, fondation-jeromeseydoux-pathe.com/exemple-ex… ;-)

Alle 20,30, mi attendono, in compagnia di Marianne e Paolo, una fondue bourguignonne e una bottiglia di Côte-de-Brouilly da "Pain, vin, fromages", http://painvinfromages.com , nel Marais, a pochi metri dal Beaubourg (perché non si vive di sola arte;-)).

Castelnuovo Belbo
Contributore livello
62.665 post
373 recensioni
309 voti utili
2. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

Sabato, 22 novembre 2014:

Oggi fa ancora più bello di ieri, evvai!:-)

Appena uscita dal des Arènes, percorro un breve tratto della rue Monge, attraverso la rue du Cardinal Lemoine, per poi risalire lungo la rue Clovis.

All'ombra della Tour Clovis, alcuni alunni dell'Henri IV (uno dei licei più prestigiosi di Francia), fr.wikipedia.org/wiki/Lyc%C3%A9e_Henri-IV , ridono "aux éclats", mettendomi ancor più di buon umore.:-)

Dall'altra parte della strada, entro per un minuto in Saint-Étienne-du-Mont, ad ammirare, per l'ennesima volta, l'ultimo jubé rimasto in città, http://tinyurl.com/o7q5nkt

Manca un quarto d'ora all'apertura della Biblioteca Sainte-Geneviève, http://www-bsg.univ-paris1.fr , ma s'è già formata una discreta coda di studenti universitari in attesa di entrare.

Fuori dal Panthéon, è invece un folto gruppo di turisti che aspetta di poter entrare.

Scendo per la rue Soufflot, attraverso il boulevard Saint-Michel (famigliarmente detto "Boul'Mich'") ed entro nel Jardin du Luxembourg, affollato di joggers e di giovani padri che spingono passeggini.

Grazie alle temperature miti, le aiuole sono un tripudio di fiori variopinti e la facciata del Senato, http://tinyurl.com/klceygz , risplende sotto questo cielo trasparente, così squisitamente "nordico".

Mi piace immaginare Maria de' Medici che scruta i disegni di Salomon de Brosse, ne discute con lui e poi segue passo passo la nascita del palazzo, che tanto doveva ricordarle la sua natia Firenze...

Diverse persone sono intente a fotografare la Fontana Medici, http://tinyurl.com/ovfr4cl , delicatamente incorniciata dalle tinte autunnali degli alberi.

Dal Luxembourg, con RER e métro, in una quarantina di minuti sono nel Bois de Boulogne, dove, il 24 ottobre, è stata inaugurata la Fondation Louis Vuitton, http://www.fondationlouisvuitton.fr , in un edificio disegnato da Frank Gehry e che, per anni, ha suscitato grandi polemiche. Per quanto mi riguarda, però, lo trovo straordinariamente armonioso, e che fortuna vederlo in una giornata di sole!:-)

Visto che sono stata cotanto "furba" da non acquistare - contrariamente alle mie abitudini - il biglietto in anticipo, per oggi mi dovrò accontentare della sola visione esterna (l'attesa prevista alle biglietterie è di oltre un'ora e io ho appuntamento con l'amica Claudine per pranzare insieme sugli Champs-Elysées). Che si sia trattato di un lapsus freudiano, così da avere la "scusa perfetta" per tornare a Parigi in un prossimo futuro?;-)

A mo' di "premio di consolazione", compro un biglietto d'ingresso per il Jardin d'Acclimatation, http://www.jardindacclimatation.fr , sia per avere una visuale d'insieme della Fondation LV, che per visitare il Giardino di Seul, jardindacclimatation.fr/article/le-jardin-de… , e la Casa di Kiso, jardindacclimatation.fr/article/la-maison-de…

Dopo un ottimo pranzetto con Claudine, www.chezclement.com/restaurants/elysees.html , prendo la linea 9 del métro da Franklin-D-Roosevelt a Miromesnil, per l'ultima visita in programma, quella alla mostra del Perugino al Musée Jacquemart-André (che adoro!), http://expo-leperugin.com

E' la prima volta che visito una mostra temporanea al JA in condizioni "umane" e non da scatola di sardine troppo riempita.;-)

Aggirarmi in queste otto sale, audioguida all'orecchio, fra dipinti non solo del Perugino, ma anche di Raffaello e del Pinturicchio, è come fare un consolante e rigenerante "bagno di dolcezza".

Lasciata a malincuore la mostra, ho ancora qualche "vecchio amico" da salutare: "San Giorgio che uccide il drago" di Paolo Uccello, http://tinyurl.com/kex8xo4 , "Teseo riceve l'ambasciata di Ippolita regina delle Amazzoni" di Vittore Carpaccio, http://tinyurl.com/lzf3qro , "Portico veneziano" di Francesco Guardi, http://tinyurl.com/mkpfl9m , il ritratto della contessa Skavronskaia di Elisabeth Vigée-Lebrun, http://tinyurl.com/pbjnfgp , il ritratto di Mathilde de Canisy, marchesa d'Antin, del "mio" amatissimo Jean-Marc Nattier, e i Rembrandt, Van Dyck, Hals ... della biblioteca, http://tinyurl.com/oqqghxp

Questa mia "toccata e fuga" parigina si conclude in bellezza, con l'amico Olivier e le mezzés di "Al Wady", http://www.restaurant-alwady.com , innaffiate da un delizioso rosé Château Ksara (winery della Bekaa che Gianluca e io abbiamo visitato nel 2010), http://www.ksara.com.lb

Domattina si rientra a casa (quella "vera":-)). À bientôt, mon si cher Paris!

************************************************************************************

Un cordiale saluto a tutti/e, in particolare alle EL del forum,

Carla

www.faqparigine.net/faq30/index.php?id=75

Milano, Italia
Contributore livello
42.395 post
3.711 recensioni
3.526 voti utili
3. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

Parigi è sempre Parigi!

Ciao Carlina!

Castelnuovo Belbo
Contributore livello
62.665 post
373 recensioni
309 voti utili
4. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

Ciao Stefano!:-)

Ravenna, Italia
Contributore livello
2.992 post
37 recensioni
70 voti utili
5. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

Ciao Carla,

bentornata innanzitutto! :-)

Grazie per il racconto, come sempre ricco di spunti interessanti e mai banali (prendo rigorosamente nota delle mete, chissà che prima o poi...)

A presto :-)

Trieste
Contributore livello
1 post
5 recensioni
6. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

Brava Carlina! merita proprio un complimento la tua capacità di farci sentire come se potessimo accompagnarci a te passo dopo passo!

Napoli, Campania
Contributore livello
239 post
52 recensioni
29 voti utili
7. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

Ciao e bentornata, Carlina!

Quante cose sei riuscita a vedere in così poco tempo!

Posso dire di provare un po' di sana invidia?:)

Bellissimo reportage, a tratti poetico, com'è nel tuo stile.

Grazie per questo dono!

Pisa, Italia
Contributore livello
118 post
1 recensione
1 voto utile
8. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

Ora piango...riusciresti a rendere poetica anche la spesa al supermercato.. :-)

Figuriamoci una visita nella mia/nostra amata Parigi...

Sei unica!..baci

Castelnuovo Belbo
Contributore livello
62.665 post
373 recensioni
309 voti utili
9. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

Piccolo addendum: sabato pomeriggio, quando sono uscita dal Jacquemart-André, ho fatto un salto al Printemps Haussmann e alle Galeries Lafayette per dare un'occhiata alle vetrine natalizie (potete facilmente immaginare il "carnaio" che ho trovato...). Mi sono abbastanza piaciute quelle del Printemps (allestite da Burberry's), per nulla quelle delle GL.

Castelnuovo Belbo
Contributore livello
62.665 post
373 recensioni
309 voti utili
10. Re: Parigi, 20-23 novembre 2014

@Clopp, Paolo-III, Nonnafelice, LoredanaPisa: vi ringrazio e vi abbraccio forte.:-)