Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Le Notti Brevi di Normandia

Contributore livello
17 post
Le Notti Brevi di Normandia

Pubblico questo diario di viaggio sperando possa essere di spunto per coloro che si accingono a visitare questa zona della Francia e anche per mio ricordo personale.

Quando = 02-09 luglio 2019

Dove = Normandia

Chi = mio marito ed io

Premesse: sono 10 anni che non andiamo in vacanza, abbiamo 55 e 59 anni, mio marito ha recentemente subito un piccolo intervento ad un ginocchio. Non abbiamo visitato tutto, non abbiamo fatto tante scarpinate, ci siamo goduti i paesaggi, l’atmosfera, la gastronomia, il contatto con le persone.

Siamo atterrati il 02 luglio alle 12.10 all’aeroporto di Parigi Beauvais e dopo un pasto nel ristorante all’interno, Chez Tony, dove la pizza e l’hamburger presi erano buoni, abbiamo ritirato un’auto a noleggio già prenotata da casa con rentalcars. Era una Fiesta a benzina nuovissima e compresa di navigatore che ci è stato molto utile.

18 risposte su questo argomento
Contributore livello
17 post
1. Re: Le Notti Brevi di Normandia

1° giorno – Rouen

Arriviamo a Rouen alle 15.30 davanti alla chambre d’hotes Alcove des Beaux Arts, che abbiamo scelto per la possibilità di parcheggiare l’auto nella sua corte interna in pieno centro città. Il primo impatto è stato veramente sorprendente: aperta la porta della stanza si viene catapultati nel passato, l’ arredamento, i quadri, i mobili e anche il bagno sono quelli che avresti potuto trovare nel ‘700 e il tutto ci appare così lontano da quello a cui siamo abituati da farci sorridere e stupire. Una rinfrescata e via per le stradine di Rouen. Fa caldo e non c’è tanta folla, arriviamo presto davanti alla cattedrale di Notre Dame che ci colpisce per la sua bellezza e maestosità. Faccio qualche foto e penso: è troppo grande per inquadrarla tutta! Poi il Gros Horloge, la Place de Vieux Marche, le case a graticcio tutte storte: Rouen vive modernamente immersa nel suo passato. La sera abbiamo mangiato in un all you can eat Garden Resto, dove con mia sorpresa mi sono trovata ad assaggiare comunque pietanze molto buone e tipiche del luogo. Finito di mangiare alle 20.30 con sorpresa scopriamo un sole ancora alto nel cielo, le giornate interminabili della Normandia ci permetteranno di scoprire molte cose in più di quelle che prevedevo durante tutto il viaggio. Quindi dobbiamo aspettare le 23 per poter ammirare lo spettacolo “Son et Lumiere” sulla cattedrale: affascinante fantasmagoria di luci, colori e immagini proiettati sulla facciata e incastrati alla perfezione con l’architettura del monumento.

Contributore livello
17 post
2. Re: Le Notti Brevi di Normandia

2° giorno – Rouen e Fécamp

Dopo una abbondantissima colazione preparata dalla proprietaria della chambre dedichiamo la mattinata ancora alla città, che ha molto da offrire e anche se non siamo interessati a musei ci affascina con le sue viuzze e la passeggiata sulla Senna. Guardo il fiume e penso mi sarebbe piaciuto essere qui in giugno per vedere l’ Armada e l’ingresso di velieri e grandi navi in questo tratto. Il palazzo di giustizia è abbagliante nella sontuosità della sua architettura gotica, mentre L'Historial Jeanne d'Arc, con la sua chiesa moderna ci offre una sosta al suo interno, passata ad ammirarne il tetto a forma di barca rovesciata e le colorate vetrate. Bastano due panini consumati sul terrazzino della camera prima di partire per Fecamp. Mi fermo sempre nei supermercati delle città che visito, mi interessano perché ci lavoro e mi piace osservarne alcuni particolari. A Fecamp abbiamo alloggiato due notti all’ Hotel de la Plage, economico ma con ascensore, parcheggio gratuito vicino e stanza piccolina ma pulita e con tutto ciò che serve. Passeggiata per il paese ad ammirare la bella spiaggia di grossi sassi, oceano dai colori bellissimi e poi loro, le falesie chiare, abbacinanti nel sole del pomeriggio. Per quanto possibile mi ci sono avvicinata, colpita dalla enormità di questi bastioni di roccia levigati dal vento e dal mare. Le distanze sembrano sempre brevi, ma molti passi ci portano all’ Eglise Saint Etienne e il centro città. Alla sera abbiamo cenato a Le Flibuste, una pizza buona ma così carica che abbiamo faticato a finire. Ci sono almeno altre 3 ore di sole, andiamo a Etretat. La spiaggia è più bella, i sassi un po’ più piccoli e le falesie eccezionali. Decido di andare da sola sulla falesia di Amont, incredibile possa farlo alle 9 di sera, ma il tempo è bello la temperatura ideale e affronto i gradini. Veduta dall’alto impareggiabile, il sole si appresta a tuffarsi in mare e il cielo si infiamma. Un ricordo indelebile, lassù ci sono la chiesetta, le mucche, gli strapiombi pericolosi, il vento che ti si porta via: per sempre nel cuore

Contributore livello
17 post
3. Re: Le Notti Brevi di Normandia

3° giorno – Fecamp

Se la colazione non è compresa, abbiamo sempre scelto di farla nei bar, favorendo l’incontro con le persone del luogo e gli usi locali. Che in definitiva in Francia non sono diversi dai nostri. La mattinata la passiamo a Veules-les-Roses, grazioso paesino sul mare che offre una bella spiaggia e incantevoli piccole abitazioni caratteristiche dai balconi e giardini pieni di fiori, soprattutto rose, naturalmente. Bello seguire il corso del fiume più corto di Francia. Ritornati a Fecamp abbiamo mangiato a L' Escalier, moules marinières, piccole e nemmeno eccezionali, non consigliato. Il pomeriggio partenza per Honfleur, che il navigatore mal impostato ci fa raggiungere da una strada lunga e sperduta in mezzo alla campagna. Bella e caotica, piena di gente, un caldo assurdo mi sarebbe piaciuto visitarla più a fondo, ma veramente era impraticabile, anche se il poco che ho visto mi ha lasciato una buona impressione. Da rivedere. Di ritorno a Fecamp passiamo su quella meraviglia di tecnologia che è il Ponte di Normandia, sorprendente. Abbiamo trascorso il resto della giornata a Fecamp, passeggiando fino ai fari, visitando le Benedectine, e cenando Au Gre du Vent, assaggiando una galette prosciutto e formaggio. Buona!

Contributore livello
17 post
4. Re: Le Notti Brevi di Normandia

4° giorno – Roz sur Cuesnon

Ci aspettano molti chilometri questa mattina, verso la meta più desiderata, da anni. Alloggeremo due notti a La Ferme de la Baie, fantastico bed&breakfast a 10 km dal Mont, dove ci siamo trovati benissimo, accolti come a casa in un luogo di una tranquillità assoluta. Tipica casa bretone dalle scale ripide, l’aiuto di Henry con le valigie è stato determinante. Ma il Mont ci attira e allora lo raggiungiamo in questo pomeriggio assolato e caldo. L’ emozione di vederlo man mano stagliarsi sempre più imponente ai tuoi occhi, nel mezzo del vuoto di chilometri di sabbie è indescrivibile. Dopo aver visto migliaia di immagini, di video, rimane comunque immutata. Ne percorreremo le mura senza mai arrivare alla cattedrale. Questa sera e domani sera ci sarà marea con coefficiente alto, ho scelto apposta le date, e nell’attesa ceniamo al Restaurant Saint Michel il più economico del Mont, menù con moules frites, agnello e dessert che ci soddisfa abbastanza. La marea comincia ad intravedersi già dalle 20.30 ed è coinvolgente guardarla assieme a tante persone, come te stupite e ammirate. Tutto si ricopre alle 22.15, persino la porta di accesso, nel rosso fuoco del tramonto, torniamo alla navetta.

Contributore livello
17 post
5. Re: Le Notti Brevi di Normandia

5° giorno – Saint Malo – Cancale – Mont Saint Michel

La colazione alla ferme è abbondante, con ogni ben di Dio e prodotti fatti in casa. Un ottima preparazione alla passeggiata che ci attende a Saint Malo. Abbiamo fatto il giro dei bastioni, enormi protezioni di questa cittadella protesa nell’ oceano che oggi,con la bella giornata, è di un blu stupefacente. Nell’ interno della città vecchia, una bella cattedrale. A mezzogiorno ho programmato l’assaggio delle ostriche a Cancale, a pochi chilometri. Come tanti le ho prese al mercatino del porto, sarebbe stato meglio seduti a tavola con un buon bicchiere di vino, ma ormai, è fatta. Non erano speciali. Abbiamo poi pranzato a Chez Victor, menù di pesce molto buono. Tornati alla nostra Ferme abbiamo dedicato il pomeriggio al riposo. La sera abbiamo ripreso la navetta per il Mont scendendo alla prima fermata per cenare da Le Bisqu in, un maxi burger e una salade. Al Mont questa sera la marea è più impetuosa, arriva con maggior spinta e rumore e anche se il colmo sarà alle 23, fino alle dieci ci offre il suo spettacolo meraviglioso.

Contributore livello
17 post
6. Re: Le Notti Brevi di Normandia

6° giorno – Asnelles

L’arrivo ad Asnelles non è stato dei migliori. Giornata nuvolosa e fredda, una evidente mareggiata ha portato a riva grandi quantità di alghe nere e estremamente puzzolenti. In attesa del check in all’hotel Gold Beach, mangiamo una baguette farcita in un chiosco della spiaggia. Ci sistemeranno in un mini appartamento su due livelli da cinque letti, ma a noi seve solo per dormire, non ne sfrutteremo i servizi. Il pomeriggio visita delle spiagge dello sbarco, Arromanches e Courseulles-sur-mer, belle e turistiche. La sera cena ad Asnelles da La Cale, menù raffinato e buono che ci siamo concessi.

Contributore livello
17 post
7. Re: Le Notti Brevi di Normandia

7° giorno – Spiagge dello sbarco – Les Andelys

Ricaricate le valigie, visita al Point du hoc. Davanti uno scenario marino dei più belli, dietro i terribili segni di quel passato di guerra e di morte. Il senso di tutto quello che è avvenuto, ricordato in ogni angolo, sovrasta incombente il clima vacanziero e di spensieratezza che tutte queste località si sforzano di offrire. Almeno è ciò che provo io. Colpi di cannone, tuguri bui e stretti, scogliere immense da superare, ragazzi che di qualcuno erano figli: le emozioni sono di tristezza dolente. Tristezza che permane durante la visita del Cimitero Americano a Colleville. Enorme, curato, silenzioso santuario che ti sbatte in faccia l’ unico risultato di tutte le guerre: file interminabili di croci. Alle due del pomeriggio siamo a Les Andelys, presso La Chambre Saint Sauveur, minuscolo mini appartamento con il bagno in cucina, o il contrario , non saprei dire, ma ci accontentiamo, dobbiamo solo dormirci. La giornata è ancora lunga, per cui visita al Chateux Gaillard con bellissimo panorama sulla Senna e la città e poi, non preventivato, viaggio di 20 km verso Giverny, con visita alla casa di Monet e del suo splendido giardino, e del piccolo paese. Al ritorno, abbiamo poi trovato che il lunedì quasi tutte le attività sono chiuse. Con l’aiuto di Google individuiamo Auberge du Pont, classico ristorante da camionisti, con buffet di antipasti e piatti buoni e casalinghi. Les Andelys mi ha sorpreso: è veramente graziosa, le due chiese molto belle, la passeggiata sulla Senna rilassante.

Contributore livello
17 post
8. Re: Le Notti Brevi di Normandia

8° giorno – A casa

Considerazioni, commenti, osservazioni. Potevamo vedere tanto di più, ma visto che il nostro obiettivo era il Mont direi che sono soddisfatta. Se siete più giovani e abituati a viaggiare, camminare tanto, in questo itinerario ci sono tante altre possibilità, specialmente in luglio. La Normandia è un posto i cui abitanti amano stare a casa propria: molte volte non c’era nessuno in giro. Ovviamente non parlo delle grandi città dove non siamo stati, ma pure a Rouen alle nove c’era poca gente. Nelle località marine dopo le nove di sera tutto è chiuso, a parte qualche chiosco se c’è, nessuna attività ludica, relax totale. Appena usciti dai paesi si viene catapultati dalla strada in mezzo a sconfinati campi coltivati a grano, mais, patate: com’è diversa dall’Italia! Non incontri quasi mai un’altra auto, un trattore che lavora, un contadino nei campi! I commenti di mio marito: al ristorante non trovi una goccia d’olio, tutto è condito con salse e in mezzo a tante mucche nel menù non c’è mai una bella bistecca grigliata! Risposta: sono tutte da latte! Andateci, è bellissima e le persone gentili e cortesi, almeno con noi lo sono stati tutti, dipende sempre da come ti poni. Au revoir!

Castelnuovo Belbo
Esperto locale
di Parigi, Francia
Contributore livello
64.700 post
396 recensioni
385 voti utili
9. Re: Le Notti Brevi di Normandia

Bentornata, cara Cristina, e grazie della condivisione.:-)

Bon vendredi après-midi et bonne fin de semaine,

Carla

Torino, Italia
Contributore livello
5.820 post
175 recensioni
300 voti utili
10. Re: Le Notti Brevi di Normandia

Ciao Cristina (e ciao Carla!), grazie per il diario, che mi ha in parte riportata ai luoghi del mio viaggio di nozze... sono ahimè passati 24 anni e penso proprio che dovrei tornare in Normandia e Bretagna 😊

Rispondi a: Le Notti Brevi di Normandia
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta