Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Peloponneso per grandi e piccini

Trento, Italia
Contributore livello
95 post
25 recensioni
Salva argomento
Peloponneso per grandi e piccini

La Grecia ed il Peloponneso non sono stati la prima scelta: inizialmente volevamo fare un Viaggio itinerante fuori Europa ... ma il tempo per organizzarlo scarseggiava .... fine Luglio inizio Agosto dove vai? Così, quasi per caso, la scelta è ricaduta sulla Grecia ... ma caspita se ci è piaciuta!!!!

Complice un certo interesse del mio bimbo di 7 anni per la mitologia Greca .... eccoci optare per il Peloponneso (e non solo :)))).

Avevamo qualche dubbio: 2 adulti + bimbo di 7 anni + bimba di 2 anni. Non era scontato accontentare tutti. Invece la Grecia ci è riuscita. Eccome!

Due settimane oltre le aspettative!

Partenza 20 Luglio 2018 - Rientro 6 Agosto 2018.

Mezzi: traghetto e auto (nostra, imbarcata).

Itinerario:

 [Trento - Rimini - Ancona]

 - Ancona - Igoumenitsa

 - Delphi

 - Nauplia (Micene ed Epidauro)

 - Leonidio

 - Marathias (Momenvasia ed Elafonisos)

 - Mani

 - Mystra

 - Olympia

 - Cefalonia

 - Igoumenitsa - Ancona - Trento

Questo viaggio ci rimarrà nel cuore :-)

40 risposte su questo argomento
Trento, Italia
Contributore livello
95 post
25 recensioni
Salva risposta
1. Re: Peloponneso per grandi e piccini

Il viaggio è stato tutto organizzato in modalità fai da te (in questo caso da me!). E ovviamente grazie ai diari e ai forum di TA!!!

Optato per traghetto e comprato biglietti la sera del 25 giugno. Portiamo la nostra macchina (chi ha i bambini capisce la differenza positiva del partire con la propria auto!).

Compagnia minoan lines

Sistemazioni del traghetto: andata sabato 21 luglio 2018 ore 16.00 3 poltrone business (306,10 euro) ritorno domenica 5 agosto 2018 ore 23.59 cabina interna 3 posti letto (287,70 euro). Perché il ritorno costi meno dell'andata per me resterà un mistero!

Comprato il biglietto del traghetto iniziano le mie serate al pc (finché non si rompe il router per lampo!) e telefono. Si parteeeeeee

Provincia di Pavia
Contributore livello
527 post
73 recensioni
Salva risposta
2. Re: Peloponneso per grandi e piccini

@BettyBoo, molto interessante, ti seguo.

L'auto propria quando si viaggia con bambini/ragazzi è una seconda casa. E io ne so qualcosa 😉.

Buona giornata.

Toscana, Italia
Esperto locale
di Amsterdam, Paesi Bassi
Contributore livello
2.296 post
158 recensioni
Salva risposta
3. Re: Peloponneso per grandi e piccini

tra qualche settimana sarò proprio nel Peloponneso, quindi ti seguo con piacere!

Trento, Italia
Contributore livello
95 post
25 recensioni
Salva risposta
4. Re: Peloponneso per grandi e piccini

La nostra famiglia è un pò Fantozziana ... siamo sempre dietro a qualche rogna! Alcune ce le andiamo abbondantemente a cercare ... altre piovono dal cielo! Come il fulmine che ci ha fatto fuori il router e la tv qualche settimana prima della partenza per la Grecia ....

Ma nemmeno questo ci ha fermato ... sicuramente ha rallentato e complicato un pò lo studio dell'itinerario ma in qualche modo ne siamo venuti fuori.

Leggendo sui forum ho avuto la conferma che i siti archeologici non sono tanti comodi con il passeggino, così sfruttando gruppi di mamme su whatsapp qualche giorno prima della partenza mi sono procurata anche un porta bimbi (Caterina ha compiuto 2 anni l'8 luglio, il sonnellino è un must per poter arrivare a fine giornata, per il bene di tutti). Il porta bimbi l'abbiamo usato molto poco: fa troppo caldo. Poi la mia piccina non è abituata per cui non si stava volentieri. Ma a Micene si è addormentata lì dentro. Per cui mi sento di dire che meglio averlo in più che non averlo per niente.

Noi abitiamo a Trento, il traghetto era prenotato per sabato 21 Luglio da Ancona alle 16.00 (si deve essere lì almeno alle 14 a ritirare i biglietti). Ci siamo chiesti se fosse il caso partire sabato mattina ...

Così venerdì 20 Luglio sono rientrata a casa alle 16.30 con un figlio disperato per varie disavventure (tra cui la puntura di una vespa sul viso), mio marito è rientrato alle 18.30 .... e nonostante il pomeriggio di ordinaria follia abbiamo preparato e caricato tutti i bagagli! Ore 21.30 in macchina! Compresa la cena per il giorno dopo!!!! Mio marito ha provato a complicare le cose buttando via i fogli che avevo messo sul sedile il pomeriggio (erano solo le ricevute dei biglietti del traghetto da ritirare) ..... ma me ne sono accorta subito! :-P

Così, alle 21.30 di venerdì 20 Luglio 2018 i Brambilla Fantozziani riescono a dare il via alla loro nuova avventura!

Stanchi come non mai affrontiamo il viaggio in autostrada. Marito alla guida io su smart phone per cercare un posto dove dormire. Dopo svariate ore optiamo per Rimini, hotel Bengasi. Tripla a 88 euro. Prenotiamo al volo. Arriveremo lì circa all'1. Nonostante l'ora il personale sarà veramente gentile. Peccato la notte sarà corta: la principessa con cui abbiamo condiviso il matrimoniale, dopo una notte agitata si sveglia alle 6.20 ....

Ci consoleremo con una colazione a base di prosciutto e formaggio! E poi siamo in vacanza. E' tutto meno grigio :-)

Trento, Italia
Contributore livello
95 post
25 recensioni
Salva risposta
5. Re: Peloponneso per grandi e piccini

Sabato mattina lasciamo l'hotel, lasciamo Rimini e ci dirigiamo ad Ancona.

Ore 12.20 avevo già i biglietti! Pranziamo ad Ancona, vicino al porto, abbastanza in centro però. Ore 13.40 ci stiamo imbarcando.

Il viaggio è con Minoan Lines, andata in poltrone business (3, Caterina passeggino!).

Sulla nave c'è la piscina .... Niccolò ci entra alle 14.30 e riusciamo a tirarlo fuori alle 17.00 (ora in cui è partita la nave, con 1 ora di ritardo!). Almeno abbiamo tamponato qualche ora.

Sulla nave è tutto carissimo. Per cui ci eravamo portati la cena. Vi dico solo che la mattina dopo per una colazione tutt'altro che luculliana abbiamo speso 22.70!

All'andata non avevo trovato cabine disponibili, per cui avevo optato per le poltrone business. Venivano leggermente di più ma secondo me conviene. Sulla nave c'è gente accampata OVUNQUE! Le poltrone normali sono molto più strette, più appiccicate e la sala contiene molte più persone. La business sono file di 2, le poltrone sono più larghe e distanti. Si reclinano. Si dormicchia abbastanza. Noi abbiamo usato i teli mare come coperta.

La mattina dopo colazione e con una buona ora di ritardo arriviamo a Igoumenitsa. La stanchezza ci fa un baffo: Delphi ... arriviamoooooooo

Milano, Italia
Esperto locale
di Milano, Provincia di Milano, Liguria, Venezia, Riviera ligure, Cinque Terre
Contributore livello
8.497 post
306 recensioni
Salva risposta
6. Re: Peloponneso per grandi e piccini

Ciao bello l'inizio del tuo diario, attendo con curiosità i lresto.

QUanto all'essere fantozziani, sei in buona compagnia .... Una volta siamo partiti per il mare (Liguria e cronica scarsità di parcheggi) senza le chiavi del box, che mio marito aveva diementicato in ufficio

Ce le ha date il papà di una mia amica, che "appoggia" qualcosa nel nostro box ...

Trento, Italia
Contributore livello
95 post
25 recensioni
Salva risposta
7. Re: Peloponneso per grandi e piccini

Grazie a tutt@ per l'incoraggiamento ... non me lo aspettavo!

Vado un pò a rilento perché devo incastrare i tempi con bimbi, lavatrici etc ma cercherò di portare avanti il racconto quotidianamente! A dopo

Trento, Italia
Contributore livello
95 post
25 recensioni
Salva risposta
8. Re: Peloponneso per grandi e piccini

Sbarcati al porto di Igoumenitsa ci siamo subito messi in cammino con il nostro bolide. Abbiamo fatto autostrada. Le autostrade sono scorrevoli e poco trafficate (era il 22 Luglio). Ogni tanto ci sono i caselli dove si paga (2/3 euro alla volta)

Breve sosta per pieno e plin plin nanetta e dritti fino a Missilonghi. Sosta pranzo nella prima taverna trovata per strada dopo l'uscita (assolutamente 0 turistica!) dove azzanniamo i primi souvlaki, carne grigliata e insalata greca. Mangiamo in 4 con 30 euro. Ripartiamo, abbandono il ruolo di navigatrice e mi calo nella parte del pilota .... pessima idea! Ruoli invertiti non funzioniamo! Canno il bivio e mi ritrovo al casello del ponte per Patrasso .... 13.30 euro andata e altrettanti il ritorno!!! 26,60 euro per percorrere avanti e indietro il ponte che collega Patrasso ... bello per carità ... ma potevamo anche farne a meno!

Proseguo e nel pomeriggio riusciamo a raggiungere a Delphi.

Andiamo subito a prendere la camera in hotel: hotel Kastri, abbastanza centrale anche se non nelle due viette principali. Ci siamo sempre mossi a piedi (a parte per il sito).

L'hotel è gestito da 2 signori anziani molto gentili. Parcheggiamo davanti l'ingresso. Abbiamo una quadrupla (e vai che forse stanotte si dorme decentemente!). Il bagno è abbastanza spazioso con vasca con box per chiuderla. Soluzione ottima e comodissima! Abbiamo anche un terrazzino con una splendida vista. Questa è l'unica sistemazione prenotata dall'Italia qualche giorno prima della partenza (quadrupla per una notte con colazione 76,50).

La decenza avrebbe voluto che il primo pensiero una volta arrivati in camera fosse per la doccia ... ma presa da una smania di visita imposta agli altri componenti ci diamo una rinfrescata ai minimi termini e usciamo a piedi (con passeggino). Obiettivo museo archeologico. Biglietto del museo 12 + 12 (solo gli adulti pagano, minorenni gratuito). Con lo stesso biglietto visiteremo il sito archeologico il giorno dopo.

Non ho capito se al museo era consentito o meno il passeggino: ho chiesto se potevo usarlo e mi hanno risposto ok ... ma sembrava quasi gli dispiacesse dirmi di no .... Non ho capito se mi han detto di sì perché sono tutti di una gentilezza estrema o se davvero potevo (e comunque sono sempre tutti gentili!).

Il museo è ricco di pezzi che ricordano la maestosità del sito. La sfinge di Naxos è mozzafiato, gigantesca. Incanta perfino la nanetta. Ci sono rappresentazioni con le fatiche di Eracle (che il mio bimbo conosce benissimo e mi interroga .... e diciamo che non sono da ottimo!). Il museo è bellissimo e quel disperato del mio bimbo sembra anche interessato! GOAL! :-)

Lo visitamo relativamente con calma (la nanetta di 2 anni non si è fatta conquistare da statue e fregi!). Diciamo a coppie (io e Niccolò guardiamo anche qualche dettaglio dove c'è qualche legame con la mitologia greca che conosce Niccolò) .... il povero papà corre dietro alla nanetta.

Il museo ci piace ma è la metà di una medaglia: è visitando anche il sito che si può apprezzare completamente le opere del museo e immaginarne la maestosità originale.

Finita la visita usciamo soddisfatti (diciamo più o meno tutti!). A questo punto non ci sono più scuse: DOCCIA!!! Ci docciamo tutti e usciamo per la cena. Il gestore anziano ci consiglia Delfikon: andremo a cena lì. Ci convince la veranda con una vista meravigliosa fino al mare. Delphi ha dalla sua davvero una posizione strategica e incantevole. Mangiamo verdure ripiene di riso (gemista), dolmades, papuciakia (melanzana ripiena), insalata. Non ci facciamo mancare anche un pò di vino! Costo 36 euro. Rapporto qualità/prezzo buono!

Siamo stanchi, dopo cena rientriamo a piedi in albergo e nanna per tutti!

Giorno 1 andato e direi più che bene!

Venezia, Italia
Esperto locale
di Australia, Sicilia, Venezia
Contributore livello
5.991 post
47 recensioni
Salva risposta
9. Re: Peloponneso per grandi e piccini

@BettyBoo1976... Ciao!

Che bel viaggio. Conosco bene i luoghi che citi man mano nel tuo diario. Una parte della Grecia dove vivi e si respiri ancora la storia. E ci ritorno volentieri quando posso. Amo in generale la Grecia, non solo il Peloponneso, visitata nel corso degli anni in più occasioni.

Trento, Italia
Contributore livello
95 post
25 recensioni
Salva risposta
10. Re: Peloponneso per grandi e piccini

23 Luglio 2018

La notte al Kastri Hotel trascorre tranquilla e finalmente riusciamo a riposarci tutti.

Non ci svegliamo all'alba, sono circa le 7.30. Ci sistemiamo, colazione al Kastri hotel e ci prepariamo per uscire.

Come spesso accade la colazione dell'albergo è piuttosto varia. Ora io non so come siete voi ... ma io non sono un'amante del dolce. Non vado pazza per brioche etc. Sono ghiottissima di salato ma cerco di contenermi. Spesso a casa prendo solo il caffé e poi mangio dei crackers o simili in ufficio. Ma in vacanza .... in vacanza si dà libero sfogo alle proprie inclinazioni! E devo dire che la genetica non è un'opinione: i miei bimbi si sono mangiati la qualunque durante questa vacanza a colazione, uova sode comprese (e sì, anche la piccina di 2 anni).

Dopo colazione ci preperiamo e usciamo (di certo non digiuni!). Ore 9.40 in auto. Questa mattina finalmente visitiamo il sito archeologico di Delphi .... calpesteremo la terra di tutte le storie dell'oracolo di Delphi.

Ho un misto di aspettativa e preoccupazione: temo la delusione o mia o del mio bimbo. Anche perché io spesso sono rimasta un pò delusa da altri siti archelogici: non sempre sono riusciti a trasmettermi la bellezza e la maestosità originali. Dovremo anche gestire la nanetta .... e fa caldo.

Incremiamo i bimbi e partiamo con la visita. Non è facile capire inizialmente cosa si sta vedendo. Cerco con l'aiuto della guida di ricostruire quello che stiamo vedendo. Ci soffermiamo alle colonne del monumento degli Spartani. Niccolò mi fa domande. Caterina nel porta bimbi si agita e il papà inizia a portarla in giro e ben presto ci perdiamo perché io e Niccolò andiamo molto più lentamente per osservare le rovine. Fortunatamente sulla guida c'è il disegno della ricostruzione 3D e con quello riusciamo a capire meglio quanto stiamo visitando.

Più andiamo avanti più il sito diventa suggestivo. Stiamo per entrare nel cuore della mitologia greca!

Mentre percorriamo la via sacra resto incantata dalle meraviglie storiche e dal paesaggio. Contorno a questi monumenti meravigliosi c'è l'abbraccio del Parnaso da una parte e un crinale con vista su tutta la valle dall'altra.

Scatto un sacco di foto a Niccolò che stranamente si presta! Foto di rito davanti all'ombelico e si procede.

Ci soffermiamo anche di fronte al tesoro degli ateniesi che con la sua interezza riesce a farci immaginare quanto belli, curati e dettagliati fossero i monumenti di questo luogo. Con l'aiuto della visita di ieri al museo cerchiamo di immaginare tutte le varie opere arricchite da statue e fregi. Niccolò sembra ancora interessato!

Io e Niccolò, con l'aiuto della guida, passiamo svariati minuti a cercare di individuare la roccia della Sibilla e alla fine penso che ce l'abbiamo fatta! :-)

Ci immaginiamo la maestosa sfinge di Naxos al suo posto, respiriamo aria di oracolo e proseguiamo. Finalmente ritroviamo papà e nanetta, arrabbiata (no, il porta bimbi con questo caldo non ci piace per niente!). Sono già stati fino al teatro e ritornati, cercando di distrarla ma niente è stufa di stare dentro il porta bimbi.

Optiamo per farla scendere .... ma perché non l'abbiamo fatto prima!!!??!!! Felice della libertà scorrazza sulla via sacra mentre noi ci guardiamo attorno. Adesso possiamo visitare il sito tutti assieme!

Con Caterina in modalità piccola turista arriviamo alle colonne del tempio di Apollo. Con Niccolò parliamo della pizia e ci guardiamo attorno. Intanto le cicali sono assordanti. Fa caldo.

Ad "interrompere" il nostro percorso mistico è l'ora della merenda :-)

Decidiamo di dividerci di nuovo: Iacopo e Caterina si fermano su una panchina sfruttando un pochino di ombra e mangiando uva. Io e Niccolò procediamo verso il teatro. Prima diamo un'occhiata dal basso poi saliamo sopra il teatro ... wow! E' assolutamente bellissimo! Non sarà grande come quello di Epidauro ma ha un colpo d'occhio incredibile! Sotto si vede tutto il sito archeologico e la vallata verde. Ma cosa doveva essere 2000 anni fa!? Riverenza assoluta!

Procediamo fino allo stadio. Ben conservato. Lo vediamo velocemente perché il resto della squadra ha un problema tecnico .... Corriamo giù da papà e monella, lunga sosta al bagno con lavaggio bimba e lasciamo il sito. Che non ci ha assolutamente deluso! Niccolò è stato interessato e partecipe. Io ho provato riverenza ed emozione. Sono contenta.

Una volta usciti saliamo in auto e abbandoniamo Delphi. Prossima tappa Nauplia. Faremo la strada verso est (verso Atene) perché vogliamo vedere il canale di Corinto.

Dopo solo 8 km attraversiamo un paesino assolutamente turistico, arroccato su un crinale e veramente carino. Si tratta di Arahova. La guida la liquida in poche righe dicendo che è una località sciistica .... restiamo esterefatti! Macchia mediterranea, caldo ... sembra incredibile che si possa sciare in questi posti! Per chi ha la macchina comunque può essere carino pernottare a Arahova invece che a Delfi: è vicino e sembra un posto molto carino.

Guidiamo dritti fino a Tebe dove facciamo la sosta pranzo. Un caldo incredibile. Non c'è praticamente niente e anche i bar/taverna sono piuttosto deserti. Ci fermiamo a mangiare in un posto a caso, mangiamo all'interno perché fuori è troppo caldo. Uno dei migliori pranzi! Come per la maggior parte delle volte pasteggiamo in 4 con 30/40 euro. Mangiamo il miglior calamaro grigliato della vacanza!

Subito dopo pranzo ripartiamo.

Oggi la tratta in auto è lunga (e lo sarà molto più del previsto!). Passo alla guida e Iacopo alla navigazione. Caterina si addormenta. Ottimo! Arriviamo alla costa. Nuvole grigio e rosso .... c'è un incendio commento ingenuamente.

Arriviamo ad un casello autostradale (ormai abbiamo imparato e prepariamo le monete giuste). Al casello la signora ci fa una sbrodolata a voce concitata in greco .... non capiamo assolutamente niente. Allora chiama un'altra e questa sempre concitata (tanto che Caterina si sveglia) inizia a spiegarci la situazione in inglese: FIRE! Ci dice di uscire alla prima uscita perché c'è fuoco sulla strada. Ok .... Partiamo ... arriviamo alla prima e nessuno esce ... che si fa?! Beh ma se ci fosse qualcosa di grave ci farebbero uscire ... proseguiamo. Magari c'è solo un pò di fumo più avanti. Uscita successiva Megara (ricordo che la signora aveva nominato questa località e penso che forse non era la prima uscita quella che dovevamo prendere ma quella di Megara).

Poco prima dell'uscita di Megara .... il caos!!!! Autostrada chiusa, coda, tutto bloccato. Pompieri che arrivano a sirene spiegate (e in qualche modo van fatti passare, non c'è la corsia di emergenza). Un disastro! Mi documento. Incendio a Kineta (dopo Megara). C'è un vento fortissimo. Siamo bloccati. Un pò alla volta, molto lentamente, riusciamo ad arrivare all'uscita .... e ora che si fa!? Dobbiamo raggiungere Nauplia. Ci sono auto incolonnate ovunque, proviamo a chiedere alla polizia e ci dice di andare verso Atene .... Giustamente siamo l'ultimo dei loro pensieri. Studiamo un pò la situazione. L'incendio è in zona Kineta e c'è un verto fortissimo che manda la fiamme verso il mare (golfo di megara). Dalla cartina sembra che ci sia una strada anche verso il golfo di Corinto e dovrebbe essere sicura visto che il vento spinge dell'altra parte. In google we trust! Grazie al navigatore ci avventuriamo su stradine sterrate per andare dall'altra parte della costa. Siamo stanchi e un pò in ansia. Arriviamo al mare ... mossissimo! La strada consteggia il mare e attraversa paesini balneari davvero carini ma che non riusciamo ad apprezzare! A sinistra abbiamo le montagne che coprono l'incendio, a destra il mare agitato .... Ma non si era detto che in vacanza ci si rilassa?! Primo resort con animazione ci fermiamo tutta la vacanza lì!

Continuiamo senza sosta il nostra tragitto, dietro ad una fiesta che probabilmente sta aggirando l'incendio come noi. Più ci avviciniamo a Corinto più le auto in direzione contraria aumentano. Sono ore che siamo in macchina, questo intoppo ci è costato due ore buone. Caterina diventa sempre più ingestibile. E' abituata a stare in macchina ma di solito dorme! E non deve fare ore da sveglia! Cambio di posizioni: Niccolò viene davanti e Iacopo va dietro a cercare di calmare Caterina. Proviamo con la merenda. Di fermarsi non se ne parla! Diamo fondo ai pochi crackers portati dall'Italia! Finalmente raggiungiamo Corinto, da qua possiamo ricongiurgerci al percorso originale. Passiamo sopra all'incredibile spaccatura del canale di Corinto. Confesso che non gli concederemo più di un'occhiata fugace: siamo stanchi ed è tardi. Peccato. Finalmente quando sono ormai quasi le 19 (abbiamo preso l'autostrada con la signora fire alle 14.30!) raggiungiamo l'appartamento a Nauplia (prenotato un paio di giorni prima). Faremo 2 notti qua. E' vicino al porto e si vede la fortezza. Scarichiamo bimbi e bagagli e andiamo a cena. Giriamo un pò a vuoto, non capiamo dove trovare ristoranti. Mangiamo nel primo posto che troviamo. Il posto è carino, c'è un giardino interno. Mangiamo anche bene ma siamo troppo stanchi per apprezzare. Anche Caterina è nervosa. Ceniamo a rientriamo subito dopo. E' stata una lunga e pesante giornata (e non avevamo idea di cosa in realtà stava accadendo in zona Atene). L'appartamento è molto bello. Oltre alla camera matrimoniale ha un soppalco comodo con un letto alla francese. Non è serata Niccolò e Caterina assieme non dormono ... Alla fine io soppalco con Caterina e Niccolò e Iacopo nella matrimoniale! La giornata è finita!

Rispondi a: Peloponneso per grandi e piccini
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle tue domande