Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Cronaca di una crociera in Alaska

Pietrasanta
Contributore livello
44 post
29 recensioni
Cronaca di una crociera in Alaska

Ciao a tutti,

ho deciso di scrivere questo diario per condividere pensieri, opinioni e suggerimenti su questa meta un po' insolita e su cui si trovano poche informazioni in italiano. La crociera si è svolta dal 29.06 al 07.07.18 sulla Radiance of the sea della Royal, preceduta da 3 notti a Vancouver per visitare la città.

In realtà il mio sogno sarebbe stato girare tra Canada e Alaska in auto ma visto che si trattava del viaggio di nozze sono dovuta scendere a compromessi con il marito e soprattutto con i non troppi giorni di ferie a disposizione. La scelta è caduta sulla Royal per 2 motivi essenzialmente, l'itinerario northbound da Vancouver a Seward e le date che coincidevano con ferie e relativi voli.

E' stata una cosa incredibile! se l'Alaska ci aveva sempre affascinato adesso ci siamo proprio innamorati!

12 risposte su questo argomento
Pietrasanta
Contributore livello
44 post
29 recensioni
1. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Partendo dall'inizio: il 26.06 siamo partiti alla volta di Vancouver con voli british airways pisa/londra e londra/vancouver; tutto sommato voli comodi, in orario e valige arrivate :)

A Vancouver ci siamo concessi hotel a Downtown (four season) molto bello e comodo. ci siamo quasi sempre spostati a piedi e abbiamo fatto il giro classico della città, stanley park, acquario, ponte sospeso e granville market. Il tempo è stato quasi sempre soleggiato tranne la mattina dell'imbarco per la crociera.

Ci siamo imbarcati venerdì 29.06. Le pratiche al porto sono state piuttosto veloci, poca coda e in meno di un'ora eravamo sulla nave. Le cabine sono state consegnate intorno alle 13:00. Avevamo una cabina con balcone, cosa che consiglio assolutamente!!!, a centro nave al ponte 7. Tutto sommato soddisfatti della scelta. Le cabine su Radiance sono un po' vecchiotte e forse avrebbero bisogno di una rinfrescata ma funzionali e pulite. Il balcone è stata la parte più sfruttata della cabina, durante la navigazione e la sera. Da lì abbiamo avvistato delfini, balene e un leone marino, oltre a goderci i fuochi che gli americani usano fare la vigilia del 4/7 (independence day).

L'itinerario prevedeva un intero giorno di navigazione nell'Inside Passage, e poi scali a Ketchikan, Icy Strait Point, Juneau, Skagway e l'ultimo giorno in navigazione fino a Hubbard Glacier prima di sbarcare a Seward.

Il primo giorno di navigazione è iniziato tra la nebbia che, seppur rendendo molto affascinante il paesaggio, un po' mi preoccupava per i giorni a venire...invece nel primo pomeriggio è arrivato un sole caldo che non ci ha quasi mai più lasciato...a quel punto ci si sono aperti davanti agli occhi paesaggi da cartolina di cui non ti stancheresti mai. a Ketchikan abbiamo prenotato l'escursione tramite la Royal e si trattava di un giro a piedi nella Tongass National Forest. Eravamo un piccolo gruppo di 7 perone con una guida veramente brava ed esperta che ci ha fatto camminare per qualche ora alla ricerca di fauna locale e che ci ha data una marea di spiegazioni su ogni, pianta, bacca, albero, animale incontrato. E' stato veramente interessante! Al rientro abbiamo fatto un girò per il paesino che è veramente piccolo (come tutti gli altri porti toccati del resto) caratteristico ma molto turistico. La cosa positiva è stata che quel giorno ci sono state tantissime aquile che volavano a bassa quota e siamo riusciti a fotografarle molto bene! Purtroppo non abbiamo visto orsi ma cerbiatti, scoiattoli e diversi tipi di volatili.

Torino, Italia
Esperto locale
di Crociere, Sicilia
Contributore livello
4.239 post
166 recensioni
2. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Ciao Martina, bentornata!

Che bello leggere il tuo diario, finalmente un itinerario poco raccontato in crociera...

La crociera in Alaska è nei nostri sogni, per ora continuo a viaggiare con la fantasia seguendoti...

Torino, Italia
Esperto locale
di Crociere, Valle del Nilo
Contributore livello
30.934 post
86 recensioni
3. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Messo il link nella raccolta :-)

bentornata

Asti, Italia
Esperto locale
di Florida, Trasporto aereo
Contributore livello
3.231 post
235 recensioni
4. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Ti seguo... spero riuscirai a postare anche qualche bella foto

Brescia
Esperto locale
di Puglia, Brescia, Crociere
Contributore livello
1.175 post
146 recensioni
5. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Salgo a bordo anche io ... attendiamo il proseguimento !!!!

Milano, Italia
Esperto locale
di Crociere
Contributore livello
1.364 post
4 recensioni
6. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Dai, fammi venire voglia di andarci, vediamo se riesco ad appassionarmi ad un itinerario diverso!

Pietrasanta
Contributore livello
44 post
29 recensioni
7. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Scusatemi! Spero di riuscire a scrivere tutto il più velocemente possibile e magari di riuscire a caricare qualche foto! Intanto ringrazio Fayruz per avermi indirizzata a cruisecritic dove ho trovato un sacco di spunti e informazioni interessanti.

Riprendendo..il secondo scalo era Icy Strait Point ed era quello che mi lasciava più dubbiosa..poche info online e dava l'idea che non ci fosse niente... Nella realtà è stata una giornata difficile da dimenticare! Escursione prenotata tramite la Royal perché avevo trovato poche alternative online: Whale Watching + Zip Rider.

Siamo usciti con una piccola imbarcazione, eravamo non più di 12 pax. Dopo circa 30minuti di navigazione abbiamo avvistato un branco di balene! Emozione indescrivibile!! sembrava una danza, siamo rimasti tutti per parecchio tempo senza parole... ci ha svegliati dal sogno la nostra giovanissima guida perché erano state avvistate non troppo distante delle orche, cosa che a suo dire capita davvero poche volte nella stagione.

Ci avviamo increduli di poter essere così fortunati e nel tragitto vediamo anche leoni marini e lontre...e poi in lontananza..eccole! un'orca immensa ma un po' distante e due piccole orche che invece hanno giocato fin sotto la nostra barca... per me appassionata da bambina di Free Willy è stato incredibile!! al rientro mi è toccato lo Zip Rider, io soffro un po' di vertigini ma mio marito ci teneva a farlo insieme..diciamo che è stato il mio regalo di nozze..per carità il panorama da lassù è meraviglioso ma che panico!

nel complesso è stata una bellissima giornata!

Genova, Italia
Esperto locale
di Cinque Terre, Genova, Riviera ligure, Portogallo, Norvegia, Germania
Contributore livello
8.366 post
739 recensioni
8. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Ciao Martina

La tua crociera mi incuriosisce molto ti leggo con interesse!

Pietrasanta
Contributore livello
44 post
29 recensioni
9. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Eccomi di nuovo! allora 3° tappa Juneau! anche qua una gran bella giornata di sole. Questo è lo scalo più lungo di tutta la crociera (dalle 7:00 alle 21:00). Ne approfittiamo per scendere presto dalla nave e salire con la funivia su Mount Roberts fare un paio di semplici trail e poi scendere a piedi. La discesa secondo me è abbastanza impegnativa ma ci sono cartelli chiari con distanze e pendenze in modo che ognuno possa valutare per se.

Nel primo pomeriggio avevamo prenotato un'escursione con un t.o. locale per il Mendenhall Glacier & Ice Caves. Eravamo entusiasti e speranzosi di poter entrare nelle grotte di ghiaccio ma arrivati al punto di incontro ci hanno comunicato che l'escursione era stata annullata a causa del troppo vento sul ghiacciaio che rendeva il percorso pericoloso... una bella doccia fredda soprattutto perché in centro non c'era un filo di aria ma capiamo il problema. L'escursione ci è stata rimborsata del 100% e a quel punto decidiamo di andare a visitare il ghiacciaio anche se non da così vicino come ci eravamo immaginati. E' bellissimo e il sole rendeva tutto ancora più bello ma in effetti c'era parecchio vento. Di ritorno ci fermiamo in città per un breve giro e una birra al saloon. Quando la nave è ripartita c'era ancora molto sole ed è stato divertente vedere lungo tutte le spiagge nei dintorni, tante persone radunate per fare fuochi d'artificio in occasione della vigilia del 4/7.

Il giorno seguente siamo sbarcati a Skagway. La città in se è piccolissima ma era tutta addobbata a festa con traffico chiuso ai mezzi nella via principale perché ci sarebbe stata la parata al pomeriggio. Quanto gli americani amino gli U.S.A. mi era noto ma forse è stato più di quanto mi aspettassi! Immaginatevi la sera alla festa in nave con più di 2000 passeggeri americani! non eravamo allenati per reggere la loro stessa quantità di alcool ma per un attimo ci siamo sentiti parte di quella festa. Tornando a Skagway la città merita una breve visita ma sono perlopiù negozi. Qua abbiamo preso il famoso treno White Pass & Yukon Railway. I panorami sono bellissimi e ci sono stati consegnati degli auricolari che ci spiegavano dettagliatamente il percorso e la sua storia (in ing, ted, ted, cinese, russo non sperate nell'italiano). Arrivati al confine con il Canada abbiamo avvistato anche un orso. Il percorso a ritroso lo abbiamo fatto in minivan con una guida Pablo (argentino trapiantato in Alaska) molto simpatico e visto che eravamo in pochi ci ha fatto fare un sacco di soste extra per le foto rispetto a quelle previste inizialmente. E' stata un bella giornata ma mi ha dato l'impressione che l'interno sia ancora più bello e maestoso, avrei voluto fermarmi li dei giorni invece che poche ore.

 Siamo all'ultimo giorno di crociera. Ci svegliamo presto e corriamo a far colazione prima di uscire per vedere la nave che molto lentamente si avvicina all'Hubbard Glacier. Anche oggi c'è il sole e man a mano che ci si avvicina il ghiacciaio diventa sempre più blu. La nave si è avvicinata molto lentamente ma più vicino di quanto potessi immaginare! Non si riusciva a distogliere gli occhi da quello spettacolo della natura!

Siamo stati li circa 2 ore, la nave si è girata si entrambi i lati per permettere a tutti di scattare foto, siamo riusciti e farne anche dal balcone della nostra cabina (da dove al mattino abbiamo avvistato anche un'altra orca!). Poi abbiamo ripreso la navigazione ma sull'ora di pranzo ci siamo immersi in una nebbia fittissima che non faceva vedere nulla al di là del balcone. Per questo la navigazione a quel punto fino a Seward è stata molto noiosa... non so cosa avrei fatto se fosse stata così tutta la settimana!

Arrivati a Seward a malincuore sbarchiamo e non avevamo tempo per un escursione nel Kenai Fjord perché ci siamo dovuti avviare verso Anchorage per iniziare il lungo viaggio di rientro.

La strada da Seward e Anchorage è molto panoramica ma ci sono volute circa 2,5/3 ore di viaggio.

I voli di rientro erano Anchorage / Seattle - Seattle / Londra - Londra / Pisa, la prima tratta che Alaskan airl. e le altre con British, con un paio d'ore di scalo a Seattle e Londra. Non ci avrei giurato ma insieme a noi a Pisa sono arrivati anche i bagagli!

Stasera cerco di caricare le foto e vi faccio un po' di considerazioni personali sulla nave, itinerario ecc.

Torino, Italia
Esperto locale
di Crociere, Valle del Nilo
Contributore livello
30.934 post
86 recensioni
10. Re: Cronaca di una crociera in Alaska

Grazie Martina : si viaggiare con gli americani può essere uno spasso :-D

Rispondi a: Cronaca di una crociera in Alaska
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle tue domande