Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Rimini, Italia
Esperto locale
di Los Angeles
Contributore livello
1.798 post
106 recensioni
Salva argomento
7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Ciao a tutti!

Rientrato da una decina di giorni da un bel viaggio in giro per il mondo, comprensiva anche di una settimana di totale relax a Providenciales (ultima parte del viaggio).

Viaggio organizzato con qualche mese di anticipo (per me una stranezza, ma col fatto che ho voluto utilizzare delle miglia premio per acquistare gran parte dei biglietti aerei, mi sono dovuto per forza muovere in fretta), anche grazie all’aiuto del forum TA dedicato a queste isole.

Cercherò quindi di dare qui il mio contributo con qualche impressione sparsa sul mio viaggio appena concluso a Providenciales… stay tuned!

25 risposte su questo argomento
Rimini, Italia
Esperto locale
di Los Angeles
Contributore livello
1.798 post
106 recensioni
Salva risposta
1. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

[Ovviamente parlo delle isole Turks & Caicos, non so come ma nel titolo è venuto scritto male!]

Ravenna, Italia
Contributore livello
2.992 post
37 recensioni
Salva risposta
2. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Ciao interpol,

ben trovato! Prima di iniziare il diario, ci racconti come funziona con queste fantomatiche miglia-premio? Hai avuto difficoltà? Hai scelto tu la destinazione o ti sei dovuto adeguare? (riguardo al titolo: forse era troppo lungo e così ci ha messo del suo!)

Rimini, Italia
Esperto locale
di Los Angeles
Contributore livello
1.798 post
106 recensioni
Salva risposta
3. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

@ clopp

Viaggiando tanto sia per lavoro che per piacere, ci ritroviamo ad avere accumulato tante miglia premio con Lufthansa e i suoi partner Star Alliance tramite il programma Miles & More.

Utilizzarle è tutto sommato semplice (si possono acquistare i biglietti premio tramite il sito Lufthansa/Miles & More o tramite il call center) ma il tempismo nella prenotazione è tutto, in quanto i biglietti premio disponibili sulle varie tratte sono sempre molto pochi e la richiesta alta.

Per fare un "round the world" mi sono dovuto leggermente adattare soltanto per quanto riguarda le date, ma in questa occasione non è stato un grosso problema perché poi ho organizzato le varie tappe di conseguenza.

La cosa bella è che i biglietti premio si acquistano a singola tratta, per cui, a differenza di quanto succede quando si acquista un biglietto a/r, per comprare un biglietto di sola andata si spende esattamente la metà di un biglietto a/r (questa cosa a me ha fatto particolarmente comodo in questo viaggio in quanto ho sempre fatto tratte singole). Rimangono fuori da pagare solo le tasse aeroportuali, più o meno elevate in base alla destinazione.

Per il titolo ero convinto di esserci stato in lunghezza! Accidenti! :)

Modificato: 09 maggio 2018, 17:50
Rimini, Italia
Esperto locale
di Los Angeles
Contributore livello
1.798 post
106 recensioni
Salva risposta
4. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Capitolo preparazione del viaggio:

Volo American Airlines prenotato a fine Novembre da Los Angeles a Providenciales (con scalo a Miami), unica tratta non pagata con le miglia premio, ma comunque acquistato un prezzo accettabile, circa 170 Euro a persona.

Ritorno invece in Europa via Newark (volo premio con United) e da lì a Firenze con Swiss (volo premio via Zurigo).

Auto prenotata con Grace Bay Rentals date le numerose recensioni positive.

Per quanto riguarda la sistemazione, dopo aver valutato vari hotel e resort, alla fine abbiamo deciso di alloggiare in Airbnb. I prezzi degli hotel alle Turks & Caicos sono alti, come tutto del resto su queste isole (ne parlerò più avanti). Inoltre l’offerta di case private a Providenciales è davvero ampia, ragion per cui mi son preso parecchio tempo per scegliere. Tra l’altro ero un po’ perplesso sulla scelta dell’abitazione a discapito dell’hotel poiché sul forum americano di TA si parlava spesso di alcuni problemi legati a qualche furto in casa, anche violento. Informandomi mi sono decisamente tranquillizzato per cui ho prenotato una casetta davvero fantastica, in posizione centrale, a 5 minuti dalla famosissima Grace Bay. Perfetta per due persone, con giardino, su due livelli, fornita di qualunque comfort (compreso barbecue e anche ombrellone e sdraio per la spiaggia!), e oltretutto a un ottimo prezzo. In meno di 10 minuti potevo andare in tutte le spiagge dell’isola, a 2 minuti avevo uno dei supermercati più forniti, inoltre la villetta da me scelta era privata ma non isolata (una sicurezza in più) in quanto facente parte di un piccolo complesso di case di nuova costruzione. A posteriori non potrei essere più contento della scelta fatta, siamo stati davvero bene e ci siamo proprio sentiti a casa.

Qui alcune foto del nostro Airbnb: https://imgur.com/a/BoyGUm6

Rimini, Italia
Esperto locale
di Los Angeles
Contributore livello
1.798 post
106 recensioni
Salva risposta
5. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Arriviamo al piccolo aeroporto di Providenciales verso l’ora di pranzo del 18 Aprile. Abbiamo volato di notte, partendo da LAX dopo la mezzanotte (cosa che ci ha regalato un’intera giornata da trascorrere a Los Angeles, cena compresa) e a dire il vero non è che abbiamo dormito tantissimo in aereo. Ma finalmente siamo ai Caraibi quindi la stanchezza passa decisamente in secondo piano.

Ad ogni modo, l’arrivo sull'isola non è stato onestamente dei migliori.. l'addetta alla dogana piuttosto scorbutica ha voluto farmi pagare a tutti i costi le tasse su una borsa comprata due settimane prima in Giappone. Quando mi ha presentato il conto e le ho detto che la borsa era usata e che le tasse le avrei dovute pagare eventualmente in Italia, lei ha tagliato corto, in maniera un po' arrogante dicendo "vuoi che ti faccia pagare di più?". Non avendo tempo da perdere e nemmeno voglia di stare lì a discutere ho pagato e sono uscito. Welcome to T&C.

Noleggio con Grace Bay Rentals: prenotata una Daihatsu Terios, un piccolo SUV, alquanto malconcio ma che poi si è rivelato perfetto per girare l'isola. Le macchine in giro sono tutte dei catorci e a noi la ragazza del car rental ci ha detto di non chiuderla quando andavamo in giro e anzi, di lasciare pure i finestrini abbassati in modo che così nessuno potesse manometterla nel caso cercasse qualcosa al suo interno. Abbiamo seguito il consiglio, e nonostante l’avvertimento, nessun problema durante il soggiorno a Providenciales, e mai sentito in una situazione di pericolo. Anzi, alla fine il fatto di arrivare, parcheggiare e lasciare la macchina così com’è senza preoccuparsi di chiuderla si è dimostrata una comodità in più! :)

Piccola nota riguardante Grace Bay Rentals (e il noleggio dell’auto in generale sull’isola): i benzinai accettano solo contanti, cosa che noi abbiamo scoperto solo prima di riportare l’auto in aeroporto quando non avevamo più dollari a sufficienza per il pieno, e che ci ha costretto a lasciare l’auto con il serbatoio mezzo vuoto, pagando così il supplemento per il carburante. Il fatto che l’autonoleggio abbia evitato di dirci questa cosa puzza un po’, ma non voglio pensare male, semplicemente tenetevi da parte un po’ di contanti per fare il pieno a fine noleggio in modo da evitare che vi facciano la cresta con il carburante.

Ritirata l’auto ci dirigiamo verso casa, dove Matt (il nostro gentilissimo host) ci aspetta con delle belle birrette ghiacciate, spiegandoci tutto sull’abitazione e dandoci un sacco di dritte sull’isola.

Dopo il check-in a casa dovremmo fare un po’ di spesa ma non resistiamo, e ci fiondiamo subito in spiaggia, nel tratto di Grace Bay (perennemente in cima alle classifiche delle spiagge più belle del mondo) più vicino, proprio di fianco al resort Gansevoort. Mare piatto e piacevolmente caldo, dai colori incredibili nonostante il sole sia già in fase calante. Dopo un lungo bagno rigenerante mi sdraio sul mio telo e cedo per un’oretta al sonno (la stanchezza inizia a farsi sentire).

Prima di tornare a casa ci fermiamo però a fare una bella spesa al supermercato Graceway IGA. Eravamo consapevoli dei prezzi alti dell’isola, e in effetti per una spesa abbastanza “basic” spendiamo davvero tanto. Tutto è importato, e i prezzi salgono di conseguenza (pure troppo a dire il vero).

Tra le altre cose, abbiamo comprato due belle bistecche, e così la nostra prima sera caraibica la passiamo a grigliare in giardino sotto le palme da cocco. C’è qualche micro zanzara che infastidisce un po’ ma abbiamo risolto con il repellente “tropical” e ci siamo goduti la nostra serata all’aperto, fantasticando sui nostri prossimi giorni a Turks & Caicos.

Foto del primo pomeriggio in spiaggia: https://imgur.com/a/onFtqbL

Roma, Italia
Esperto locale
di Great Exuma, California
Contributore livello
4.723 post
207 recensioni
Salva risposta
6. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Ciao interpol,

aspetto il seguito, non mi basta il primo giorno!

Il tuo modo di viaggiare, le tue scelte mi corrispondono tantissimo, quindi mi verso anche io un Negroni e ti aspetto in giardino 😉

...ma la borsa com'era? Deve essere piaciuta molto all'addetta alla dogana...

PS. Anche ad Exuma non si chiude la macchina, si lasciano addirittura le chiavi nel quadro, giorno e notte.

Altro mondo!!!

Modificato: 17 maggio 2018, 13:41
Rimini, Italia
Esperto locale
di Los Angeles
Contributore livello
1.798 post
106 recensioni
Salva risposta
7. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Ciao ricciola!

La borsa era più che altro un piccolo “borsello” da uomo del famoso marchio francese le cui iniziali iniziano per L e V, niente di stratosferico.

Sono stato un po’ scemo io ad andarmene in giro io con la shopper del negozio a mo’ di bagaglio a mano (volevo portare a casa in Italia tutta la confezione) catturando così l’attenzione della simpatica addetta doganale, che non ha voluto sentire storie e ha pensato bene di batter cassa nonostante la borsa fosse già stata usata. Ci sta il controllo doganale (anche al mio arrivo a Los Angeles da Tokyo mi hanno fatto domande a riguardo, ma zero storie), ma la multa in questo caso era davvero insensata e mi è sembrato più che altro un modo come un altro per tirar su due soldi col scemo (io) di turno. Ovviamente la multa l’ho pagata con la carta di credito, almeno ho evitato che i soldi andassero direttamente nelle loro tasche.. :D

P.S. Exuma è una delle mete in cui voglio assolutamente tornare (visitata molto brevemente molti anni fa durante un viaggio nella - non bellissima - Paradise Island)

Roma, Italia
Esperto locale
di Great Exuma, California
Contributore livello
4.723 post
207 recensioni
Salva risposta
8. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Allora, oltre ad aspettare il seguito del tuo diario, ti aspetto prossimamente sul forum Exuma.

Paradise Island? No, decisamente non bellissima, tra l'Atlantis e le navi da crociera proprio No.

Exuma è un'altra cosa!

Vai col diario!!

Rimini, Italia
Esperto locale
di Los Angeles
Contributore livello
1.798 post
106 recensioni
Salva risposta
9. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Ho deciso che in questo diario eviterò di raccontarvi nel dettaglio ogni singola giornata trascorsa a Turks & Caicos.. sarebbe un po’ noioso perché qui si vive in un “island time” mooooolto rilassato, insomma, ai lenti ritmi caraibici, e le giornate passano piacevolmente tra una spiaggia e l’altra.

La nostra giornata “tipo” era: sveglia presto (ma non troppo), una bella e abbondante colazione a casa e poi via, al mare fino al tardo pomeriggio. Poi la sera si rientrava, doccia, aperitivo e cena (a casa o al ristorante). Vita notturna sull’isola pari a zero, e onestamente in questa parte del viaggio era proprio l’ultima cosa che cercavamo (eravamo reduci da un weekend di musica e bagordi al Coachella Festival in California). Il massimo della baldoria che ci siamo concessi dopo cena sono stati i drink nel giardino di casa e qualche serie in TV (in casa c'era pure Netflix.. TOP!).

Ad ogni modo, snoccioliamo i punti cruciali che interessano a noi viaggiatori, a partire dal primo, e cioè..

Meteo: il mese di Aprile secondo me è perfetto per i Caraibi. Caldo e soleggiato (in una settimana avrà piovuto 3 ore, per il resto meteo fantastico), con un mare calmo e dalla temperatura ideale. E ovviamente il rischio uragani è nullo in questo periodo dell’anno.

Unico difetto di Aprile potrebbe essere il coincidere con lo Spring Break americano, che potrebbe portare più turisti del solito. Ma non essendo questa una meta festaiola non c’è pericolo di incontrare ragazzini ubriachi.. :)

Rimini, Italia
Esperto locale
di Los Angeles
Contributore livello
1.798 post
106 recensioni
Salva risposta
10. Re: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp

Prima di parlare delle spiagge di Provo, vorrei affrontare un altro argomento, e cioè..

Cibo e ristoranti:

Se, come me, decidete di optare per la casa in affitto, i due supermarket di riferimento sono Graceway IGA e Graceway Gourmet, entrambi molto forniti anche se cari, inoltre il secondo ha anche una certa di scelta di prodotti pronti (ideali da portare direttamente in spiaggia come pranzo al sacco). Per un ulteriore risparmio potreste considerare anche l’ipotesi di portarvi qualche cosa in valigia dall’Italia (assolutamente niente roba fresca ma magari pasta, biscotti, ecc) e/o acquistare un paio di bottiglie di vino o superalcolico al duty free in aeroporto prima di atterrare a T&C.

Come già detto, noi ci siamo concessi parecchi pasti a casa, non tanto per risparmiare (a conti fatti, con i prezzi altissimi dei supermercati, cenare a casa ci è costato quasi di più che andare al ristorante!) quanto perché dopo quasi un mese di viaggio e continui pasti al ristorante avevamo voglia di “quotidianità”.. ci piace cucinare e l’ambiente si prestava benissimo a delle serate casalinghe.

Nonostante ciò, ci siamo concessi qualche uscita e devo dire che Provo dal punto di vista gastronomico è stata una sorpresa. La cucina caraibica alla lunga può essere un po’ ripetitiva, ma è davvero gustosa e qui abbiamo mangiato sempre bene in tutti i posti in cui siamo stati. Ad esempio:

- Coco Bistro è probabilmente il ristorante più famoso di Providenciales e l’ottima fama è meritata. Abbiamo prenotato un tavolo via mail qualche settimana prima di partire (prenotazione indispensabile!) e nonostante il prezzo non proprio popolare devo dire che il posto mi è piaciuto molto. Si cena all’aperto sotto le palme di un bel giardino, illuminato da fiaccole e candele. Il menu’ è vario e ricco di proposte per tutti i gusti. Purtroppo ci siamo andati solo una volta (per gli altri giorni non c’erano più tavoli disponibili), però la sera prima di partire per tornare in Italia siamo andati a cena al Cocovan, un food truck parcheggiato di fianco al Coco Bistro (stessa proprietà) dove non serve prenotare e si mangiano un sacco di cose buone. Consigliatissimo anche questo.

- Infiniti Restaurant: un gran bel ristorante che si trova all’interno del resort Grace Bay Club. Direttamente sul mare (cercate di essere lì per il tramonto), luci soffuse, buon cibo, abbastanza caro. Forse più bello che buono, ma tutto sommato abbiamo passato una bella serata.

- Via Veneto: a due passi dal Seven Stars Resort. Non sono solito andare in ristoranti italiani quando sono all’estero ma ad ogni modo abbiamo mangiato bene. Niente di trascendentale, ma comunque ok. Il ristorante è al primo piano di un piccolo edificio, e noi abbiamo cenato sulla terrazza. Abbiamo condiviso una pizza (non eccelsa) e un piatto di pesce al forno alla mediterranea (con pomodorini, olive e patate) che invece era molto buono oltre che super abbondante, fatto apposta per essere mangiato in due.

- Da Conch Shack: altro posto super famoso di Provo, il mercoledì sera fanno serate molto popolari con musica dal vivo. Noi però ci siamo stati a pranzo, momento perfetto per prendersi una pausa dal sole e ammirare gli splendidi colori del mare. Specialità a base di conch (un mollusco che sta dentro a enormi e bellissime conchiglie).. obbligatorie le conch fritters, e annaffiate il tutto con qualche cocktail a base di rum, specialità della casa.

- Bugaloo’s: per certi versi simile al Conch Shack - cibo e location sulla spiaggia - ma personalmente non mi è piaciuto quanto il primo. Ci siamo fermati qui a pranzo prima di correre in aeroporto (decisamene non l’orario più affollato) per mangiare qualcosa al volo.. cibo decisamente sotto le aspettative, ma la location merita.

Poi a Provo non mancano innumerevoli bar e localini sulla spiaggia, sta a voi cercarli e provarli..

Ad esempio a me non è dispiaciuto il Flamingo’s Beach Bar.. oltre ad essere su uno dei tratti che preferivo della spiaggia di Grace Bay, cucinano snack gustosi e hanno le birre in bottiglia a soli 5 dollari (un prezzo raro per queste parti, dove tutto costa parecchio).

Un giorno ci siamo andati a fare un aperitivo al bar in spiaggia del Gansevoort.. un bel resort, al suo interno ci sono anche due ristoranti, ma l’esperienza pomeridiana ci ha lasciato un po’ con l’amaro in bocca sia per la qualità che per il servizio, motivo per cui non siamo più tornati.

Infine il giovedì sera, proprio nel parcheggio accanto al Gansevoort, non perdetevi il Fish Fry.. un piccolo mercatino con qualche bancarella, musica e cibo di strada. Non aspettatevi chissà cosa, ma arrivate comunque presto perché altrimenti diventa difficile trovare da parcheggiare.

Qualche foto: https://imgur.com/a/S1FnOsr

Rispondi a: 7 giorni caraibici a Providenciales (isole Turks &amp
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta