Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

Varese, Italia
Esperto locale
di Hawaii, Nuovo Messico, Nevada, Arizona, Atlanta, Isole Hawaii
Contributore livello
6.480 post
106 recensioni
Salva argomento
Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

Credo che questo possa utile a tutti coloro che viaggiano in aereo

ec.europa.eu/news/transport/100708_it.htm

Modificato: 09 luglio 2010, 16:42
147 risposte su questo argomento
Londra, Regno Unito
Contributore livello
34.726 post
642 recensioni
Salva risposta
1. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

...e anche in treno!

Bello sapere di essere tutelati, ma tutte le compagnie aeree aderiscono?

Alfama

Varese, Italia
Esperto locale
di Hawaii, Nuovo Messico, Nevada, Arizona, Atlanta, Isole Hawaii
Contributore livello
6.480 post
106 recensioni
Salva risposta
2. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

Il teoria dovrebbe essere, poi non so se compagnie come RyanAir abbiamo delle deroghe in merito, sarebbe interessante approfondire la cosa, quando trovo un attimo voglio farlo e vi farò sapere.

rtwtraveller10

Londra, Regno Unito
Contributore livello
34.726 post
642 recensioni
Salva risposta
3. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

grazie roundtheworldtraveller!

quando approfondisci guarda pure se aldilà dei confini europei le cose cambiano e se si quanto cambiano.

San Francisco
Contributore livello
724 post
310 recensioni
Salva risposta
4. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

Tutte le compagnie europee - ovunque esse operino - e le compagnie extra-europee limitatamente ai voli in partenza da un aeroporto UE sono tenute a rispettare i diritti dei passeggeri: non si tratta di un'adesione facoltativa bensì di un obbligo. Le compagnie di bandiera (Lufthansa, Air France, Alitalia, ecc.) tendono a rispettare i diritti dei passeggeri. Ryanair, Easyjet e molti altri vettori low cost ignorano regolarmente la normativa europea approfittando dell'inconsapevolezza dei passeggeri e della scarsa (o nulla) proattività degli enti nazionali preposti alla vigilanza.

Varese, Italia
Esperto locale
di Hawaii, Nuovo Messico, Nevada, Arizona, Atlanta, Isole Hawaii
Contributore livello
6.480 post
106 recensioni
Salva risposta
5. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

E vero ero abbastanza stupito del fatto che le low cost "Europee" ignorassero impunemente le leggi di customer protection, in realtà come dice kenadams lo fanno regolarmente - ho cercato in questo giorni informazioni in merito a deroghe sul web e non ne ho trovate quindi penso si possa confermare che tutti debbano sottostare alle leggi.. quindi se non lo fanno basta segnalare l'evento a Bruxelles..

Non avrei alcun problema invece ad utilizzare le varie low cost USA - JetBlue - Southwest - Spirit - Virgin America la è molto improbabile che non si adeguino alle leggi Federali..tra l'altro ho letto recentemente che la JetBlue ha riscontrato un altissimo consenso tra i viaggiatori.

Io credo che lentamente ci stiamo arrivando anche noi in Italia. quando subiamo un soppruso dobbiamo segnalare l'accaduto ai veri enti per la protezione del consumatore, per ciò che riguarda i viaggi treni aereo ecc c'è addirittura un dipartimento del Governo Europeo a Bruxelles che si occupa di questa gestione... perchè non utilizzarlo ??

Modificato: 12 luglio 2010, 13:35
San Francisco
Contributore livello
724 post
310 recensioni
Salva risposta
6. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

Le compagnie americane non hanno alcun problema a rispettare le norme federali perché queste non impongono praticamente alcun dovere di assistenza ai vettori. Gli Stati Uniti sono rimasti indietro anni luce rispetto all'Europa per quel che riguarda il trasporto aereo:

- Gli aeroporti, quasi tutti costruiti nell'immediato dopoguerra (se non prima) sono spesso obsoleti e sottodimensionati rispetto alle esigenze del traffico.

- La maggioranza dei vettori - a partire da Delta Airlines e American Airlines (i più grandi) - hanno flotte piuttosto datate. Delta utilizza ancora (per poco - la loro dismissione è imminente) aerei degli anni Settanta.

- L'esasperazione delle economia di scala che, in Europa, ha innescato il boom delle low cost snellendo la struttura dei costi delle linee aeree, negli Stati Uniti è un ricordo soppiantato dal boom dei vettori regionali che operano con aerei piccoli e piloti sottopagati intasando gli aeroporti.

- I diritti dei passeggeri non esistono. In caso di annullamento del volo per cause di forza maggiore non è prevista alcuna assistenza ai passeggeri da parte dei vettori; non esiste una disciplina precisa degli overbooking; e i ritardi sono ben poco regolati. Solo di recente - dopo una serie infinita di situazioni assurde - è stata adottata una direttiva che proibisce ai vettori di tenere i passeggeri chiusi su un aereo a terra per più di tre ore (di ritardo). Questo solo con molta fatica e dopo casi gravissimi di passeggeri bloccati in aerei senza cibo e senza acqua anche fino a otto ore.

Ci sono ottimi vettori (Virgin America e JetBlue) che risentono quanto gli altri dell'intasamento degli aeroporti causato dall'utilizzo di aerei mediamente troppo piccoli da parte delle major.

Infine - e questo in Europa non avviene - i piloti vengono spremuti maggiormente, la legge consente loro di lavorare fino a 14 ore consecutive con sole 8 (otto) ore complessive di riposo fra turni di 14 ore.

Tornando in Italia: l'Unione Europea delega alle singole autorità nazionali il compito di far rispettare i diritti dei passeggeri. L'atteggiamento di ENAC - l'ente italiano che dovrebbe vigilare - è del tutto passivo: infiniti (e documentati) i casi nei quali ENAC ha ignorato violazioni anche gravi dei diritti dei passeggeri. Ciò non toglie che, in Italia, vigono le norme europee che fissano standard decisamente accettabili per i passeggeri: con Ryanair bisogna lottare, ma con altre il rispetto dei diritti è pressoché automatico.

Varese, Italia
Esperto locale
di Hawaii, Nuovo Messico, Nevada, Arizona, Atlanta, Isole Hawaii
Contributore livello
6.480 post
106 recensioni
Salva risposta
7. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

Tutto ciò è verissimo, anche se in passato (moltissimi anni fa) ricordo che nel caso di cancellazione per eventi atmosferici le compagnie americane si occopavano della sistemazione in albergo, del trasferimento in albergo e della cena o pasti coinvolti dal ritardo, ed in casi di mancato imbarco veniva pagato il DBC (Denied Boarding Compensation) oggi è rimasto quest'ultimo, se rimani a terra ti devi pagare le tue spese,evidentemente in passato questo tipo di gestione era lasciato alla discrezione del singolo vettore aereo.

E' verissimo che ad oggi i grossi vettori ( i Trunk Carriers ormai 3 o 4 rimasti) utilizzano ancora aeromobili degli anni 70, i vettori più "giovani" sono quelli che offrono l'utilizzo di flotte giovani.

Vorrei anche dire che oggi i Trunk Carriers oggi hanno in un certo qual modo seguito le orme delle low cost Europes , facendoti pagare una quantità incredibile di fees per ogni servizio concesso, niente pasti gratuiti per l'economica, niente cinema/musica gratuita per l'economica, niente bagaglio registrato gratuito, niente cuscini&coperte e così via.

Questo è un attegiamento che potrebbe in futuro portare anche altri vettori Europe ad adeguarsi a queste regole anche a seguito delle varie Allenze sempre più strette.

Comunque kenadams le tue informazioni sono interessantissime&utilissime, il mondo del trasporto aereo è affascinate ed in costante movimento - credo sia utile inserire regolari aggiornamenti in questo forum

Courmayeur-Italia
Contributore livello
62 post
55 recensioni
Salva risposta
8. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

Vi auguro di non dovervi mai scontrare con situazioni nelle quali si dovrebbe fare riferimento ai Diritti del Passeggero.

Per esperienza diretta con la compagnia Emirates (a gennaio 2010) tutte le scuse sono buone per non riconoscere gli indennizzi ed Enac è completamente assente in fatto di assistenza.

Vi invito se avete voglia a leggere il seguente topic:

tripadvisor.it/…27338432

Inoltre se leggete attentamente il contenuto del Regolamento EU, si arriva come al solito alla tutela del vettore e non del passeggero: basta leggere gli esempi considerati tra "le cause di forza maggiore".

Tranquilli... volando in economy, siamo e rimaniamo bestiame da imbarco.

Credo che la soluzione migliore sia quella di selezionare le compagnie con le quali volare non solo in base al prezzo, ma anche e soprattutto in base alla qualità del servizio ed alla serietà storica.

Roma, Italia
Esperto locale
di Malta, Trasporto aereo, Argentina
Contributore livello
3.806 post
68 recensioni
Salva risposta
9. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

Ho inserito l'argomento tra le domande frequenti, in alto.

Di seguito qualche collegamento utile.

Ricordo che la principale base giuridica per la tutela dei diritti dei passeggeri nell'UE è il Regolamento (EC) 261/2004 mentre gli organismi responsabili dell'applicazione sono nazionali, normalmente sono gli enti dell'aviazione civile: ENAC, CAA etc..

Pagine della Commissione Europea sui diritti dei passeggeri (Italiano e altre lingue a disposizione)

…europa.eu/transport/…03-air.html

Altre pagine della Commissione Europea, con più documentazione (Inglese)

…europa.eu/transport/…air_en.htm

compreso il Regolamento (EC) 261/2004 e l'elenco completo degli organismi nazionali responsabili dell'applicazione del regolamento:

…europa.eu/transport/passengers/air/doc/2004…

Pagine dell'ENAC sui diritti dei passeggeri (Italiano)

enac.gov.it/I_Diritti_dei_Passeggeri/index.h…

PS: da wikipedia, cosa è un Regolamento dell'UE

http://it.wikipedia.org/wiki/Regolamento_dell'Unione_europea

Modificato: 03 dicembre 2010, 09:55
Roma, Italia
3 post
2 recensioni
Salva risposta
10. Re: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo

grazie, molto utile

Rispondi a: Diritti dei passeggeri - Trasporto aereo
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta