Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Dubbi dichiarazione dogana italiana da viaggio USA

2 post
1 recensione
Salva argomento
Dubbi dichiarazione dogana italiana da viaggio USA

Salve a tutti,

giorni fa la compagnia aerea con la quale viaggiavo da New York a Londra ha smarrito il mio bagaglio. Per fortuna lo hanno recuperato, il bagaglio ha viaggiato su Roma ieri con un altro volo e mi hanno chiamata stamattina per il controllo doganale.

Successivamente mi hanno inviato un'email con il modulo doganale da compilare e rispedire compilato, firmato e con allegata una copia del passaporto.

Il mio dubbio è sorto alla voce "merci proibite o soggette a limitazioni". Nel bagaglio ho un trancio di tonno (sui 300 grammi) sottovuoto e chiuso con tanto di azienda di produzione.

Nella carta del viaggiatore c'è scritto: (https:/…)

"Importazione:

Per finalità legate alla tutela della salute pubblica è vietata

l'importazione da Paesi terzi (con l’esclusione di Andorra,

Liechtenstein, Norvegia, San Marino e Svizzera) di scorte personali

di carni, prodotti a base di carne, latte, prodotti lattiero caseari e

selvaggina e talune preparazioni contenenti latte o carne (ad

esempio paste farcite e cibi per animali domestici) - a prescindere

dal loro quantitativo totale - che non siano accompagnati da un

certificato sanitario rilasciato dal Paese di origine. Il passeggero

munito di tale certificato, prima di presentarsi all'Ufficio delle Dogane,

dovrà recarsi all'Ufficio di controllo veterinario, denominato PIF, per i

controlli richiesti.

Sulla base delle novità introdotte dal Regolamento (CE) 206/2009, le

principali deroghe riguardano le importazioni di:

- piccole quantità di prodotti della pesca per consumo

personale, purché il pesce sia eviscerato e non superi il

limite di 20 kg o il peso di un pesce, se supera tale limite"

Ora le mie domande sono due:

- Avrei dovuto dichiarare il possesso del salmone presente in valigia, anche se eviscerato e che non supera il limite di 20 kg o il peso di un pesce, prima di imbarcarmi sul mio volo a New York?

- Devo in questo caso dichiararlo comunque sul modulo inviatomi dall'ufficio doganale poiché nella carta del viaggiatore si parla di "limite di 20 kg"?

Grazie

2 risposte su questo argomento
Asti, Italia
Esperto locale
di Florida
Contributore livello
1.838 post
204 recensioni
Salva risposta
1. Re: Dubbi dichiarazione dogana italiana da viaggio USA

Sulla base di quanto hai esposto non devi dichiarare nulla in quanto il tuo caso rientra fra le deroghe (piccole quantità di prodotti della pesca per consumo personale, purché il pesce sia eviscerato e non superi il limite di 20 kg) Il tuo trancio di tonno è di 300 g per cui sei abbondantemente dentro

2 post
1 recensione
Salva risposta
2. Re: Dubbi dichiarazione dogana italiana da viaggio USA

Ti ringrazio per la risposta. Il mio dubbio viene dal modulo doganale da compilare: il mio trancio è comunque un prodotto soggetto a restrizioni (20 kg), e sul modulo stesso ci sta una tabella in cui dichiarare quantità, paese di acquisto e prezzo delle "merci proibite o soggette a limitazioni". Sotto la dicitura "merci proibite o soggette a limitazioni" ci stanno proprio le voci "alimenti" e "animali, prodotti di origine animale e articoli provenienti da specie protette", dunque credo di doverlo comunque dichiararlo anche se è perfettamente consentito in quanto è in piccola quantità...

Rispondi a: Dubbi dichiarazione dogana italiana da viaggio USA
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta