Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Il Capestrano Ristorante Abruzzese

Via Gian Francesco Pizzi 14 | Traversa Via Ripamonti, 20141 Milano, Italia
+39 02 569 3345
Sito web
Salva
Mappa
Satellite
Gli aggiornamenti della mappa sono stati sospesi. Ingrandisci per vedere informazioni aggiornate.
Reimposta lo zoom
Aggiornamento della mappa in corso...
Quartieri
Quartieri
Dettagli
  • Eccellente55%
  • Molto buono33%
  • Nella media8%
  • Scarso3%
  • Pessimo1%
Ora chiuso
Tutti gli orari
CUCINE
Barbecue, Italiana, Mediterranea, Zuppe, Per vegetariani, Opzioni senza glutine
PREZZO
€€ - €€€
PUNTEGGI
Servizio
Cucina
Qualità/prezzo
Atmosfera
LOCALITÀ
Via Gian Francesco Pizzi 14 | Traversa Via Ripamonti, 20141 Milano, Italia
Tutti i dettagli
Scrivi una recensione
Recensioni (883)
Valutazione
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
  • Altre lingue

1 - 10 di 866 recensioni

Sono stato con amici, prenotando su the fork Il locale è molto curato, arredamento nuovo è gestito alla perfezione dal personale. Il cibo è di super qualità Abbiamo preso antipasti di salumi e formaggi, scamorza, diversi primi tra cui pappardelle al ragù di cinghiale (indescrivibilmente...Più

Grazie, GiusCapic8
Recensito 3 giorni fa tramite dispositivo mobile

Cortesia ,qualità del cibo ,ricerca pur mantenendo la tradizione, servizio impeccabile ,seconda visita che conferma la prima impressione .

Grazie, Maria B
Recensito 4 giorni fa

Bellissima serata in famiglia. Locale raffinato e personale molto cordiale e preparato.Ottima la qualità dei piatti, tra i quali primeggiano gli arrosticini cotti alla brace, davvero sublimi. I migliori in assoluto secondo me. Da provare assolutamente!

Grazie, Elena B
Recensito 5 giorni fa tramite dispositivo mobile

Cibo squisito. Dolce incredibile . Per la prima volta dopo tanto tempo mi sono sentito in un vero ristorante . Rapporto qualità prezzo ottimo. Camerieri che conoscono il mestiere. Leggo di gente che lo definisce caro : scusate ma dove andate di solito? Al all...Più

Grazie, ivan_milano
Recensito 1 settimana fa tramite dispositivo mobile

Cibo tipico abruzzese di qualità,servizio ottimo,massima disponibilità,illustrazione dei piatti tipici,il cibo deve saper essere anche raccontato così come il vino un buon Montepulciano biologico,conto che rispecchia la serata: 4 persone,2 antipasti 4 primi 4 secondi 2 contorni 1 bottiglia di vino, dolci e digestivo per...Più

Grazie, Giuseppe L
Recensito 2 settimane fa

Abbiamo provato le pappardelle di cinghiale, le tagliatelle porcini e tartufo, e gli arrosticini, tutto ottimo, il prezzo è giusto per la qualità del ristorante.

Grazie, Fabrizio R
Recensito 3 settimane fa

Non abbiamo mangiato male ma neanche in maniera fantastica, arrosticini non cotti al punto di massima esaltazione ancora un pò gommosa la carne e la salsiccia di fegato veramente troppo saporita da sale e spezie e per troppo intendo una nottata passata a bere acqua....Più

1  Grazie, ventiuno
Recensito 3 settimane fa

Un ristorante raffinatissimo, nell'ambiente, nel servizio e nella qualità del menù. Raffinato, ma con quel tocco di informale cordialità che toglie ogni solennità mettendoti a tuo agio. Ottimo! Consigliatissimo!

Grazie, massimoPavia_Italia
Recensito 3 settimane fa

Bella serata tra amici in questo locale tipicamente abruzzese in Milano. Proprietaria simpatica e gentile come del resto l' intera equipe. Servizio veloce e piatti di qualità. Da non perdere i classici arrosticini cotti davvero alla brace, o un ottimo tagliere di salumi e formaggi...Più

Grazie, AMG381
Recensito 3 settimane fa tramite dispositivo mobile

Bella serata. Ottimo ambiente. Camerieri gentili e simpatici. Cibo veramente buono e conto decisamente ottimo visto il rapporto qualità/prezzo

Grazie, Massimo R
In zona
Ristoranti nelle vicinanze
Tropi & Co Pizza Club
801 recensioni
A 0,32 km
7 Luppoli - Birra E Cucina
639 recensioni
A 0,32 km
Lucky Seven
246 recensioni
A 0,21 km
Attrazioni nelle vicinanze
Fondazione Prada
558 recensioni
A 0,81 km
La Birrofila
16 recensioni
A 1,37 km
Centro della Mozzarella
34 recensioni
A 1,15 km
Fontana di Trebbia
5 recensioni
A 1,23 km
Fai una domanda
Domande e risposte
Olis70
24 aprile 2016|
Risposta
Risposta da Cesidia D |
Certo che abbiamo piatti per celiaci !!!!
1
voto
Migliora questo profilo

Dettagli sul ristorante

Riassunto punteggio
  • Cucina
    Servizio
  • Qualità/prezzo
    Atmosfera
Prezzi medi
35 US$ - 94 US$
Pasti
Pranzo, Cena, Dopo mezzanotte
Servizi del ristorante
Da asporto, Accessibile in sedia a rotelle, Connessione Wi-Fi gratuita, Accetta prenotazioni, Posti a sedere, Personale di sala, Parcheggio in strada, Seggioloni disponibili, Serve alcolici, Accetta American Express, Accetta Mastercard, Accetta Visa, Accetta carte di credito
Ideale per
Incontri d'affari, Romantico, Cucina locale, Occasioni speciali, Per bambini, Adatto ai bambini
Orari d'apertura
lunedì
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
martedì
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
mercoledì
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
giovedì
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
venerdì
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
sabato
12:30 - 14:30
19:30 - 23:00
Contatti e informazioni sulla località
  • Indirizzo: Via Gian Francesco Pizzi 14 | Traversa Via Ripamonti, 20141 Milano, Italia
  • Località: Europa  >  Italia  >  Lombardia  >  Milano
  • Numero di telefono: +39 02 569 3345
  • E-mail
Descrizione
Il localeIl Ristorante 'Il Capestrano' propone una cucina tipica abruzzese, volta alla riscoperta dei piatti genuini e tradizionali della gastronomia regionale.I toni del ristorante sono caldi e studiati punti luce creano un'atmosfera intima ed avvolgente.La cucinaLa cucina abruzzese la si può definire come un insieme di gusti diversi, che si articola attorno ad alcuni tipici piatti principali.Da sempre terra di grande tradizione agricola e pastorale, l'Abruzzo offre a chi lo visita un'ampia scelta di profumi e sapori. Per i primi piatti primeggiano i maccheroni alla chitarra , un La Chitarra impasto di uova e farina di grano duro tirato in sfoglie e tagliate con la "chitarra", un attrezzo tradizionale costituito da un telaio in faggio avente nella parte superiore un'incordatura di fili d'acciaio serrati e paralleli sui quali si pressano le sfoglie con un matterello: si creano così i caratteristici maccheroni alla chitarra di profilo quadrati e ottimi con i tanti sughi tipici abruzzesi (più avanti descritti). Ancora tra i primi emergono i maccheroni alla molinara e i cannelloni all'abruzzese, tranci di sfoglia arrotolati e ripieni di carne mista (pollo, vitello, maiale). Per i condimenti si evidenziano la salsa all'abruzzese , sugo di castrato , ragù di salsiccia , ragù d'oca.A questi si affiancano " sagne e fagioli ", zuppa di fagioli con tagliolini rustici d'acqua e farina, condita con sugo brodoso di pomodoro fresco, aglio, olio e l'onnipresente peperoncino piccante. Tra le cucine zonali, notevoli gli "gnocchi carrati" aquilani, conditi a pancetta, uova e pecorino. Dal teramano emergono le "scrippelle", "crepes" rusticane di atavismo francese, servite "m'busse" (bagnate, cioè in brodo) o usate per costruire sontuosi sformati, conditi con poco ragù, e farciti di fegatini di pollo, polpettine al burro, uova sode e pecorino fresco: le virtù , antica ricetta di verdure che l'usanza vuole si consumi agli inizi di maggio. Fanno degna corona i ravioli ripieni di ricotta con zucchero e cannella, conditi con un denso ragù di maiale; la "pastuccia", stufato di polenta con salsicce, uova e pecorino grattugiato.Nei secondi piatti primeggiano a monte l'agnello, a mare il pesce. L'agnello arrosto, pietanza base rustica e gustosa, ha sapide varianti negli " arrosticini ", esili spiedini lignei con pezzetti di castrato cotti a brace viva; nella Agnello al cotturo , stufato con ricco corteo d'erbe di montagna nel caldaro di rame dei pastori; infine nell' Agnello cacio e ovo , una saporosa rustica fricassea. A questo principe pastorale delle carni fanno corona notevoli piatti di selvaggina - il cinghiale è di casa - e di animali da cortile, talora più rustici, conigli e polli in padella o al forno, con verdure ortaggi, aromi, in un'esplorabile varietà di gusti; talaltra più raffinati, come la galantina o il tacchino alla canzanese di area teramana, piatti freddi con gelatine ricavate dalle stesse vivande, dai sapori molto "alti", insieme netti e morbidi. Il pesce variegato dell'Adriatico ha trovato il suo esito canonico nei tre "brodetti" base, tre varianti con epicentri Giulianova, Pescara e Vasto , dello splendido intingolo, cotto nel tegame di coccio con pomodoro fresco e aromi vari, ricco di suggestioni e sentori marini, con il rialzo finale del peperoncino piccante, qui emergente in luogo del pepe. Altro capitolo inevitabile è quello delle pizze rustiche, dalla pizza di Pasqua (un panettone rustico con formaggio e pepe di area teramana), ai fiadoni chietini, impasti uovo/formaggio ben gonfi cotti al forno in una sottile sfoglia di pasta legata a fazzoletto, alle onnipresenti crostate rustiche, spesso impreziosire dall'involucro di pasta frolla dolce, ripiene d'ogni ben di Dio: uova, salsicce, formaggi freschi, ricotta, verdure, con tutti gli aromi e spezie che fantasia e gusto hanno escogitato. E che dire di salumi e formaggi? Come perdersi le salsicce da spalmare teramane profumate di noce moscata, le salsicce di fegato della montagna agliate e piccanti, o la mirabile ventricina dell'Alto Vastese, grossi pezzi di grasso e magro dalla spalla e dal prosciutto, pressati e maturati con peperone dolce in polvere e sentori di finocchio e peperoncino, all'aria di montagna, nello stomaco essiccato del maiale stesso? O i pecorini e le mozzarelle che costellano valli e colline, da quelli famosi di Atri e Rivisondoli, alle miriadi, freschissimi o sapientemente stagionati, di cui l'appassionato può tracciare a suo gusto una mappa personale? I dolci abruzzesi sono famosi nel mondo: chi non conosce i confetti di Sulmona della ditta William Di Carlo e Pelino Confetti? E il Torrone Nurzia tenero al cioccolato dell'Aquila, tante volte invano imitato? E il Parrozzo Il Parrozzo dell'azienda dolciaria Luigi D'Amico di Pescara, battezzato da D'Annunzio, dall'impasto superbo di mandorle grossolanamente pestate? Ma questi capolavori d'alta pasticceria non facciano tralasciare i dolci tradizionali, spesso sorprendenti, sempre squisiti: le ferratelle , cialde all'anice cotte in una pinza rovente a larghe ganasce scanalate, la cicerchiata , palline di pasta fritte legate a ciambella con miele cotto, il croccante , specie di torrone di mandorle e zucchero caramellato, profumato al limone, i mostaccioli, sostanziosi biscotti addolciti con il mosto cotto; e poi i pepatelli teramani , biscotti di tritello, mandorle e miele ben pepati; e ancora, da Guardiagrele i pesanti amaretti e le aeree sise delle monache, tricorni di pan di spagna alla crema; e da Lanciano i bocconotti con la farcia di mandorle e cioccolato. Una cucina così varia richiede vini adeguati e altrettanto diversificati, che i terreni collinari abruzzesi provvedono a produrre. Tre grandi vini, rosso, rosato e bianco: il Montepulciano d'Abruzzo, vino rosso di pieno corpo cha da giovane è vivo e robusto, invecchiato acquista una nobile e senterosa austeritàil Cerasuolo d'Abruzzo, chiaretto rosso ciliegia (non rosato) ottenuto scremando il capello del Montepulciano durante la fermentazione. A temperatura ambiente o poco fresco fa buon viso a primi piatti e carni bianche, freddo celebra mirabili sponsali con il brodetto rosso di pesce.il Trebbiano d'Abruzzo è un bianco asciutto e armonico, acidulo a ben fruttato, dosato spesso di più stoffa e sostegno dei suoi progenitori settentrionali. Vuole soprattutto pesci (antipasti, arrosti, fritture e brodetti bianchi), ma fa grandi feste anche con primi piatti in brodo o in bianco, a pietanze ben levigate, fritti misti e carni in gelatina.E non solo. Nel Teramano si producono, in piccole quantità ed eccellenti qualità, il Montonico di Bisenti e Cermignano, il Dorato del Sole di Controguerra e il Sammarco di Cologna. Nell'Aquilano, terra montanara, il poco vino è frutto delle grandi valli, soprattutto quella Peligna che produce il Novellino, un rosatello diverso dal Cerasuolo, vinificato a Pratola, Corfinio, Raiano, Prezza e Bugnara. L'altra grande valle, quella del Fucino, è luogo di produzione del Marsicano, un rosso (ma esiste anche in versione bianco o rosato) che val la pena gustare nelle cantine del posto in quanto scarsamente commercializzato altrove.Tra i distillati prodotti con le erbe delle montagne d'Abruzzo troviamo l'ampia produzione di liquori, iniziando dal Punch Abruzzo©, della ditta Evangelista di Sambuceto (CH), il noto e fortissimo Centerbe (72 gradi) della ditta TORO di Tocco da Casauria, a cui si affiancano la genzianella, il nocino e il ratafià a base di amarene. C'è poi l'Amaretto di San Valentino, paese dell'Abruzzo citeriore, ricco di cultura, storia, grande tradizione, e la passione di Monica per l'Arte e sapori d'Abruzzo sapientemente curata con lavorazione artigianale.A questo punto perché non parlare anche della liquirizia di Atri Menozzi De Rosa.La cantinaIl Montepulciano è considerato da diversi anni uno tra i grandi vitigni a bacca rossa d'Italia.Si hanno notizie certe sulla sua presenza in Abruzzo sin dalla metà del ‘700 ed oggi esso rappresenta più della metà della base ampelografica regionale, oltre ad essere il vitigno di riferimento della doc Montepulciano d'Abruzzo, che conta anche la tipologia Cerasuolo.Il vitigno bianco Trebbiano d'Abruzzo dà origine invece all'omonima doc, altra protagonista della storia vinicola della regione.Il territorio abruzzese è naturalmente predisposto alla vitivinicoltura, collocato com'è tra il mare Adriatico e i massicci del Gran Sasso d'Italia e della Majella, nell'ambito dei quali si snodano tre Parchi Nazionali e più di dieci tra riserve nazionali e regionali.Gli imponenti massicci del Gran Sasso e della Majella, siti a breve distanza dal mare, generano forti escursioni termiche tra giorno e notte che, associate ad una buona ventilazione, garantiscono alla vite un microclima ideale per vegetare e produrre uve di straordinaria qualità.Presente da secoli nella Valle Peligna, in provincia dell'Aquila, la viticoltura abruzzese si è sviluppata soprattutto negli ultimi 40-50 anni: è pertanto una viticoltura giovane, specializzata, molto razionale, che ha via via abbandonato le aree più difficili per ridistribuirsi in quelle più vocate della collina litoranea.La vitivinicoltura abruzzese, che rappresenta il comparto di maggiore importanza nell'ambito della produzione agricola regionale, conta su 36 mila ettari di superficie vitata per una produzione annua di 3,8 milioni di ettolitri; la produzione di vini a denominazione di origine raggiunge il milione di ettolitri, oltre 800 mila dei quali sono di Montepulciano d'Abruzzo, 192 mila di Trebbiano d'Abruzzo e 4 mila ciascuno per la doc Controguerra e per il Montepulciano d'Abruzzo “Colline Teramane” che dalla vendemmia 2003 può fregiarsi della Docg.Le aree produttive si concentrano per la quasi totalità nella zona collinare: in particolare, nella provincia di Chieti ricade oltre il 75% del territorio vitato, seguono Pescara e Teramo con circa il 10% cadauna ed infine L'Aquila con meno del 4%.La forma di allevamento maggiormente diffusa in Abruzzo è la pergola abruzzese che rappresenta oltre l'80% del vigneto regionale mentre nei nuovi impianti e reimpianti prevale nella maggior parte dei casi la forma a filare (cordone speronato, cordone libero, gdc).Tra i vitigni più diffusi, come abbiamo già ricordato, troviamo il Montepulciano che viene coltivato su circa 17 mila ettari, con un trend in continua crescita considerato che negli ultimi 2-3 anni oltre il 70% dei nuovi impianti sono stati realizzati con questo vitigno; seguono i Trebbiani con circa 14 mila ettari ed una serie di vitigni tra autoctoni, nazionali ed internazionali quali la Passerina, il Pecorino, la Cococciola e poi Sangiovese, Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot.I tre quarti della produzione complessiva di vino in Abruzzo provengono da 40 cantine cooperative (32 delle quali operanti in provincia di Chieti) che unitamente a quelle private compongono un quadro di 160 aziende di trasformazione, 120 delle quali imbottigliano con propria etichetta.
È il vostro profilo TripAdvisor?
Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato,
rispondere alle recensioni e tanto altro ancora. Richiedete il vostro profilo