Monumenti/statue a Firenze

I migliori Monumenti e statue a Firenze, Italia

Monumenti e statue a Firenze

Le commissioni incidono sulle esperienze mostrate su questa pagina: scopri di più.
  • Preferiti dai viaggiatori
    Attività ordinate in base ai dati di Tripadvisor, tra cui recensioni, punteggi, foto e popolarità.
  • Classifica dei viaggiatori
    Attrazioni con il punteggio più alto su Tripadvisor secondo le recensioni dei viaggiatori.
Tipi di attrazioni
Siti d'interesse
Siti d'interesse
Punteggio dei viaggiatori
Quartieri
Ideale per
37 luoghi in ordine di preferenze dei viaggiatori.
Controlliamo le recensioni
L'approccio di Tripadvisor alle recensioni
Prima della pubblicazione, ogni recensione di Tripadvisor viene esaminata dal sistema di monitoraggio automatico che raccoglie informazioni rispondendo alle seguenti domande: come, cosa, dove e quando. Se il sistema rileva un elemento che potrebbe essere in contrasto con il regolamento della community, la recensione non viene pubblicata.
Se il sistema rileva un problema, la recensione viene rifiutata automaticamente, inviata al recensore per la conferma o esaminata manualmente dal team di esperti di contenuti, al lavoro 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per mantenere la qualità delle recensioni sul nostro sito.
Il nostro team verifica ogni recensione pubblicata sul sito segnalata dalla community per mancata conformità al regolamento della community.
Scopri di più sulla moderazione delle recensioni.
Scopri di più su questi contenuti
Tour, attività ed esperienze prenotabili su Tripadvisor, ordinati in base ai dati esclusivi di Tripadvisor, tra cui recensioni, punteggi, foto, popolarità, preferenze degli utenti, prezzo e prenotazioni effettuate tramite Tripadvisor.
1-30 di 37 risultati mostrati

Cosa dicono i viaggiatori

  • Michele C
    Pavia, Italia411 contributi
    Fiorenza città bellissima, unica, romantica, caotica!!! Il campanile ha qualcosa di unico, bellezza a unica, affascinate da sogno! Tantissima gente, ordinata ed educata! Firenze top
    Scritta in data 11 agosto 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • Alessandro B
    Dublino, Irlanda4.019 contributi
    La Loggia dei Lanzi è uno dei monumenti più particolari di Firenze, si tratta di una loggia (un elemento architettonico aperto da almeno un lato) con al suo interno diverse staute, di cui la più famosa è quella di Perseo. Nonostante, non sia una delle opere più famose della città, è indubbiamente un qualcosa di fuori dal comune anche per una nazione ricca di storia e di arte come l'Italia.
    Scritta in data 12 giugno 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • spedubec
    Bologna, Italia3.443 contributi
    In piazza della Signoria, di fronte a Palazzo Vecchio, c'è la loggia dei Lanzi, disseminata di statue in marmo e in bronzo. Tra tutte spicca il Perseo che regge in mano la testa della Medusa. La statua non è sufficientemente valorizzata e chi attraversa velocemente la piazza non la nota nemmeno. Forse quella attuale è la collocazione storica della statua, ma oggi come oggi sarebbe meglio rimuoverla per metterla in un museo e sostituirla con una copia.
    Scritta in data 3 marzo 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • Alessandro B
    Dublino, Irlanda4.019 contributi
    La Fontana del Porcellino è una simpatica fontana con una statua raffigurante un cinghiale. E' famosa perché si dice che se una moneta lasciata cadere dalla bocca del cinghiale nella grata sottostante entrasse nella stessa, porterà fortuna. Più di un turista si dedica a questo "rituale" al punto che il muso del cinghiale è lucidissimo, a causa delle molte mani che ogni giorno lo toccano in cerca di fortuna.
    Scritta in data 12 giugno 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • Bosflemo
    Casale Monferrato, Italia296 contributi
    Scultura del sommo poeta in marmo bianco di Carrara, situata davanti alla Basilica di Santa Croce, sulla scalinata.
    Eretta nel 1865 in occasione del seicentenario dantesco dallo scultore Enrico Pazzi raffigura Dante con una corona d'alloro in capo e con un espressione seria, alquanto severa con in mano la Divina Commedia.
    Al suo fianco si può riconoscere un acquila con le ali semichiuse.
    Sulla base della statua in marmo rosso si può riconoscere un iscrizione" A DANTE ALIGHIERI L'ITALIA M·DCCC·LXV " e nei 4 lati lati si trovano 4 leoni o marzocchi.
    La statua inizialmente si trovava nel centro della piazza, ma per poter svolgere il tradizionale calcio in costume fiorentino in piazza Santa Croce è stata spostata alla sinistra della Basilica (con la basilica di fronte)
    Scritta in data 19 marzo 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • Bosflemo
    Casale Monferrato, Italia296 contributi
    Statua equestre situata nel centro di Piazza della Signoria che raffigura Cosimo I de'Medici.
    Fu realizzata nel 1954 da Giambologna.
    La statua equestre troneggia nel mezzo della piazza e anche se all'arrivo in Piazza della Signoria si viene distratti dal Palazzo Vecchio, dalla Loggia dei Lanzi e dalla fontana del Nettuno, non si può non fermarsi ad ammirarla, il monumento si sposa con tutta la bellezza e cultura della piazza e ne fa una piazza unica che bisognerebbe visitre almeno una volta nella propria vita
    Scritta in data 19 marzo 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • Laura M
    Milano, Italia52 contributi
    In piazza della Signoria, all’interno della Loggia dei Lanzi si trova, tra le altre, questa splendida scultura.
    Consiglio assolutamente di entrare nella loggia per guardare da vicino queste statue!
    Scritta in data 4 ottobre 2021
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • MarcoPD55
    Firenze, Italia8.950 contributi
    Paragonata all’altra statua del Giambologna nella Loggia dei Lanzi, “Il ratto della Sabina”, non ha la stessa forza espressiva; se invece la prendiamo questo gruppo marmoreo a se stante, la forza plastica, evidente nella torsione del centauro piegato dalla forza di Ercole, è ben evidente.

    La sua attuale collocazione è solo l’ultimo passaggio di un cammino iniziato in quella che ora possiamo identificare con Via de’ Cerretani, proseguita nel loggiato degli Uffizi e continuata nella piazzetta vicino a Ponte Vecchio, terminando questo pellegrinaggio solo all’inizio del millenovecento.
    Scritta in data 29 dicembre 2020
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • Laura M
    Milano, Italia52 contributi
    La statua si trova alla destra del palazzo vecchio, tra il palazzo e la loggia. Statua che, nel contesto in cui si trova potrebbe passare inosservata, circondata da così tanti punti di interesse.
    Scritta in data 6 ottobre 2021
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • claudio d
    Viterbo, Italia25.886 contributi
    Nella parte centrale e pedonalizzata di piazza della Libertà, verso il limite settentrionale e dalla parte opposta della Porta di San Gallo, si erge quest'arco settecentesco eretto in occasione dell'avvento della dinastia dei Lorena nel granducato di Toscana dopo l'estinzione dei Medici.
    Di aspetto "mitteleuropeo" si presenta molto scenografico ed apprezzabile esteticamente; forse non elevato come valore artistico e ridondante nella decorazione, ma fa sicuramente un bell'effetto: a 3 fornici, con alte colonne corinzie e pieno zeppo di fregi, statue e bassorilievi, sia sulla parte interna che esterna.
    Mi è piaciuto molto, più della vicina e più antica porta di San Gallo, e insieme a quest'ultima e alla fontana centrale che li separa (quando funziona) fa un bel quadro estetico al centro della piazza.
    Purtroppo la scarsa qualità o comunque la scarsa resistenza agli agenti atmosferici di alcuni dei materiali lapidei utilizzati (in particolare l'arenaria) richiede frequente manutenzione, senza la quale appaiono evidenti i segni di un incipiente degrado.
    Scritta in data 23 giugno 2020
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • claudio d
    Viterbo, Italia25.886 contributi
    Su un lato di via Nazionale, proprio davanti alla confluenza di via dell'Ariento, si trova uno dei tabernacoli più belli di Firenze.
    Fu realizzatto nel 1522 (anche se al tempo non si trovava qui, dove vi fu trasferito probabilmente nel XIX secolo) e si compone di due parti:
    una vasca in marmo sorretta da tre mensoloni e su cui fluisce l'acqua da sette teste di cherubino (da qui il nome "fonticine" attribuito al tabernacolo);
    una soprastante edicola in pietra serena formata da una nicchia all'interno di un arco a tutto sesto sorretto da due colonne e da due retrostanti paraste; all'interno della nicchia una grande pala in terracotta invetriata policroma di Girolamo e Giovanni Della Robbia, che lascia stupiti per la qualità artistica, la ricchezza dei colori e l'affollamento dei personaggi riprodotti.
    Scritta in data 18 marzo 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • claudio d
    Viterbo, Italia25.886 contributi
    Porta trecentesca che, come detto nel titolo della recensione, rappresenta un "unicum" a Firenze, in quanto ha una struttura differente da quella delle altre porte; non si tratta infatti di una porta-torre e le guardie presidiavano la porta solo dai camminamenti (l'accesso a quest'ultimi è ancora visibile sul lato interno, a sx).
    La porta si presenta oggi molto semplice: solo un'apertura nelle mura con arco a tutto sesto.
    E' però l'unica porta (insieme alla più monumentale Porta Romana) ad essere ancora inserita nelle mura originarie della città.
    Ero indeciso se assegnare una valutazione di soli 2 "pallini", in quanto dal punto di vista architettonico è sicuramente inferiore a quello delle altre porte, ma devo dire che la visione di questa porta che appare quando si approda nella piazzetta di San Miniato non è male: in corrispondenza della porta le mura si alzano e vi si para davanti un imponente muraglione, alto e largo, con al centro la porta e poco sopra una cornice di archetti che corre per tutta l'ampiezza del muraglione, giusto per dare un tocco di raffinatezza.
    Dal lato esterno più che la porta si fanno apprezzare le mura che corrono alla sua sx e alla sua dx (da quest'ultimo lato vi è anche un piccolo giardino).
    Da qui inizia la via più breve per giungere pedonalmente al piazzale di Michelangelo e alla chiesa di San Miniato, ma forse, anche se la via è più lunga, è preferibile passare dalle Rampe del Poggi (se non le avete ancora visitate): la salita è sicuramente più scenografica e le numerose soste che farete per vedere le diverse fontane e gli scorci panoramici, vi faranno sentire meno la fatica del salire.
    Scritta in data 20 giugno 2020
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • claudio d
    Viterbo, Italia25.886 contributi
    Storia un po' travagliata per questo monumento cinquecentesco di Baccio Bandinelli, che in ogni caso non si può certo dire che sfugga all'attenzione, quando si transita per piazza San Lorenzo.
    Commissionato dal duca Cosimo I de' Medici per celebrare il condottiero suo padre, fu inizialmente concepito per essere ospitato all'interno di una cappella della chiesa di San Lorenzo. Alla morte dell'artista il basamento non era stato ancora completato (mancava un bassorilievo su un lato) e quindi il monumento non assemblato, per cui nella cappella restò il basamento incompleto e la statua del condottiero fu posta a Palazzo Vecchio. Successivamente, nel 1620 Cosimo II spostò il basamento sulla piazza San Lorenzo mentre la statua rimase dov'era. Agli inizi dell'800 Giuseppe Del Rosso aggiunse al basamento una fontana costituita da una vasca a poca distanza da terra (per consentire l'abbeveramento degli animali) sorretta da una complessa mensola e con una testa leonina inserita nella parte bassa del basamento da cui fuoriusciva l'acqua. Solo nel 1850 la statua di Giovanni dalle Bande Nere venne finalmente collocata sopra al suo basamento, come ricorda l'epigrafe posta sul lato del basamento non completato dal Bandinelli.
    Per quanto imponente, la statua del condottiero appare riduttiva rispetto al suo basamento, complice anche la posizione da seduto e l'abbigliamento con cui è rappresentato: senza elmo o copricapo e con una lorica romana priva di qualsiasi decoro sul pettorale.
    D'altronde la parte artisticamente più valida è proprio il basamento: un grande parallelepipedo marmoreo finemente lavorato con una ricca decorazione che sul lato frontale reca il bassorilevo di una battaglia mentre sui lati corti sono lo stemma e l'impresa (araldica) dei Medici.
    Scritta in data 18 marzo 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • MarcoPD55
    Firenze, Italia8.950 contributi
    Forse non tutti conoscono la storia della “Libertà della Poesia” (collocata a Santa Croce), opera dello scultore Pio Fedi che, probabilmente, ha ispirato Barthold per la sua celeberrima “Statua della Libertà”.

    E’ lo stesso Pio Fedi autore del bel gruppo “Ratto di Polissena”, unica opera “moderna” (risale alla seconda metà del milleottocento) presente nella Loggia dei Lanzi.

    Polissena, figlia del Re Priamo, rapita da Neottolemo, doveva essere sacrificata in previsione della partenza della flotta greca impegnata nella guerra di Troia: la statua fotografa il momento in cui il rapitore, Neottolemo, uccide Polidoro, fratello della stessa Polissena, accorso per difendere la sorella.

    La gestualità è teatrale ma ben rappresenta il momento drammatico; Pio Fedi si ispira probabilmente a modelli romani ma sicuramente la sua opera non sfigura accanto ad autori ben più celebrati.

    Un’altra “chicca” di quel Museo a cielo aperto rappresentato dalla Loggia dei Lanzi.
    Scritta in data 29 dicembre 2020
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
  • MarcoPD55
    Firenze, Italia8.950 contributi
    Firenze, città romana con il nome Florentia, aveva in Piazza della Repubblica il punto di incontro del cardo e del decumano; probabilmente era presente anche una colonna, di cui si sono perse le tracce.

    A metà del millequattrocento si decise di erigere una nuova colonna che prese il nome di “Colonna della Dovizia”, sormontata da una statua di Donatello, che aveva due caratteristiche: una piccola campanella, nella parte superiore, che indicava l’inizio e la chiusura del mercato; e due catene con collare nella parte inferiore a cui venivano legati i commercianti disonesti.

    La statua cadde all’inizio del millesettecento, sostituita da una simile, opera del Faggini.

    Statue e colonna hanno poi avuto una serie di vicissitudini, legate principalmente alle diverse destinazioni d’uso della piazza.

    E’ stato solo alla metà del secolo scorso che è stata ricollocata nell’attuale posizione: la statua del Faggini (che si trova ora nella sede della Cassa di Risparmio di Firenze) sostituita da una copia.
    Scritta in data 8 dicembre 2020
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Tripadvisor controlla le recensioni.
Domande frequenti su Firenze