Cimiteri a Roma

Cimiteri a Roma, Italia

Cimiteri a Roma

Tipi di attrazioni
Siti d'interesse
Siti d'interesse
Premi
Punteggio dei viaggiatori
Quartieri
Ideale per
24 luoghi in ordine di preferenze dei viaggiatori
  • Cose da fare classificate in base ai dati di Tripadvisor, tra cui recensioni, punteggi, numero di visite alla pagina e località dell'utente.
Eseguiamo controlli sulle recensioni.
In che modo Tripadvisor gestisce le recensioni
Prima della pubblicazione, ogni recensione di Tripadvisor viene esaminata dal sistema di monitoraggio automatico che raccoglie informazioni rispondendo alle seguenti domande: come, cosa, dove e quando. Se il sistema rileva un elemento che potrebbe non rispettare le linee guida della community, la recensione non viene pubblicata.
Se il sistema dovesse rilevare un problem, la recensione potrebbe essere rifiutata automaticamente, inviata al recensore per la conferma o esaminata manualmente dal team di esperti di contenuti, al lavoro 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per mantenere la qualità delle recensioni sul nostro sito.
Il nostro team verifica ogni recensione pubblicata sul sito segnalata dalla community per mancata conformità alle linee guida della community.
Scopri di più sulla moderazione delle recensioni.

Cosa dicono i viaggiatori

  • Gian S
    1 contributo
    Punteggio 5,0 su 5
    Vi sarò onesto, sono un adolescente e non ho quasi mai provato nulla per le attrazioni turistiche, se non fosse stato per la nostra guida (Paolo) non avrei capito quanto fosse bella la storia di quel posto. Paolo è un anziano simpatico e che spiega tutto in modo semplicemente sontuoso. È stata una delle poche volte in cui ho preso la guida e devo dire che sono rimasto a bocca aperta. Se vi capita di passare a Roma fateci un pensiero. Ottimo!!
    Scritta in data 26 giugno 2024
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • Fabio M
    50 contributi
    Punteggio 4,0 su 5
    Era da tempo che desideravo visitare questo cimitero che ospita le spoglie di alcuni grandi poeti e personalità, stranieri e italiani, tra cui John Keats, Percy B. Shelley, Gregory Corso, Antonio Gramsci, Carlo Emilio Gadda, o i più recenti Andrea Camilleri, Miriam Mafai. L'ingresso è gratuito ma è richiesto un'offerta libera per il mantenimento del luogo, che è privato e immerso nel verde (in genere 5 euro). Con tre euro si può acquistare una mappa del cimitero con l'indicazione delle tombe o delle urne delle personalità più note. Una mappa che in verità potrebbe essere più chiara. Dall'interno della zona antica si può ammirare, meglio che dall'esterno, la Piramide di Caio Cestio, con cui confina. L'ingresso è da via Caio Cestio. La fermata della metropolitana più vicina è "Piramide" (linea B).
    Scritta in data 17 aprile 2024
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • RastaSta
    Roma, Italia527 contributi
    Punteggio 4,0 su 5
    Seppure vivo nella zona di Roma da molti anni, non avevo mai visitato un sito di catacombe! Incuriosito, guida con ottima esperienza! Da visitare almeno una volta nella vita
    Scritta in data 1 maggio 2024
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • Calavera11
    Pisa, Italia85 contributi
    Punteggio 4,0 su 5
    Visita buona (soprattutto nei periodi estivi caldi! Nelle catacombe il fresco è assicurato e la collocazione appena fuori dal centro garantisce la possibilità di fare passeggiate nelle aree attigue - vicino infatti si trovano le catacombe di san Callisto e Priscilla, altrettanto meritevoli e ottime da visitare nello stesso giorno). Al percorso si accede, come in tutte le catacombe viste, con la guida - in questo caso, se pur ben preparata e disponibile, la nostra guida è stata un pò criptica nelle spiegazioni. Un luogo adatto a chi già conosce i grandi monumenti della Capitale e desidera una giornata all'insegna della tranquillità. Ottima cosa la presenza del bar, gentilissima la signora a servire!
    Scritta in data 31 luglio 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • marusca z
    4 contributi
    Punteggio 5,0 su 5
    Io e la mia famiglia abbiamo trovato questo tour molto interessante .. la nostra guida Samuele ha saputo spiegare tutto con semplicità .. anche i miei figli sono rimasti attenti tutto il tempo… comodo anche il servizio del pulmino .. ti porta alle catacombe e poi di nuovo in agenzia ..
    Scritta in data 2 marzo 2024
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • marcofabio1
    Roma, Italia406 contributi
    Punteggio 5,0 su 5
    La storia di una strage descritta da un audio guida, la visita dura non più di 45 minuti.
    Veramente un posto suggestivo da visitare.
    Completamente gratuito
    Scritta in data 25 febbraio 2024
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • francesco p
    Genova, Italia2.160 contributi
    Punteggio 4,0 su 5
    Ubicata in pieno centro alla fine di via Veneto verso piazza Barberini, questa chiesa ha al suo interno due maravigliosi dipinti uno del Caravaggio l'altro a Mano di Guido Reni.
    Sotto la chiesa è visitabile una cripta assai particolare, un ossario che raccoglie le ossa di circa 4000 cappuccini. il messaggio prima di accedere alla cripta vuol essere di monito, di riflessione, ve lo cito: quello che voi siete noi eravamo; quello che noi siamo voi sarete.
    Scritta in data 29 maggio 2022
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • filoinerba
    Milano, Italia4 contributi
    Punteggio 5,0 su 5
    Scoperta per caso poiché vicina all' area di sosta camper.
    Un tour affascinante e breve con una guida super preparata. Catacombe affascinanti e ben tenute con tanti affreschi.
    Da vedere!
    Scritta in data 27 aprile 2024
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • F81-M78
    Arezzo, Italia80 contributi
    Punteggio 4,0 su 5
    E' immenso, non eravamo mai stati nelle volte precedenti che eravamo venuti in visita a Roma ma ne e' valsa la pena visitare questo cimitero anche se il termine e' riduttivo, il Verano e' come un museo a cielo aperto. Vi riposano i grandi artisti del cinema, spettacolo e della musica italiana, sono veramente tanti e consiglio di andare avendo già in mente il giro da fare. Alcuni punti sono poco in ordine per la presenza di erbacce e sterpaglie ma la considero comunque una tappa da fare, in Agosto poi regna in questo luogo un grande silenzio.
    Scritta in data 28 agosto 2023
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • Corrado C
    Roma, Italia150 contributi
    Punteggio 4,0 su 5
    La visita di questo cimitero è veramente singolare. Al centro di Roma, all'inizio di via Veneto, sulla destra, venendo da piazza Barberini, si sale la scalinata della chiesa di S. Maria della Concezione (via Veneto, 27) e si entra lateralmente sulla destra, dove si fa il biglietto (un po' caro, in verità). Quindi si passa in una zona museale, dove si trovano dipinti anche di pregio (es. Caravaggio) e numerosi reperti storici inerenti ai frati Cappuccini. Al termine dell'ultima sala, ci si immette nella zona del cimitero, che non ha nulla a che vedere con quello che si può immaginare. Infatti ci si trova davanti a 5-6 stanzette che sono completamente "arredate" da centinaia e centinaia di vere ossa, tutte facenti parte di scheletri appartenenti ai frati. Non c'è una cosa che non sia costruita con le ossa, persino i lampadari sul soffitto. Ogni cella è una vera opera d'arte, per quanto possa dare la sensazione di macabro. Da vedere assolutamente
    Scritta in data 18 ottobre 2016
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • Felman73
    Roma, Italia79 contributi
    Punteggio 5,0 su 5
    Pomponio Hylas è un altro sito che rientra nell'immaginario di chi ha deciso di fare delle bellezze di Roma, la sua più grande passione. La scoperta del colombario risale al 1831 e fu opera del marchese Pietro Campana, grande appassionato e studioso, si tratta di un'opera funeraria ipogea, costruita nella prima parte del I secolo d.c. e rimasta attiva fin sotto Antonino Pio, metà del II secolo d.c., dove venivano seppelliti in urne cinerarie i propri defunti. Prende il nome del liberto Pomponio, che lo acquisto per se e per sua moglie, come si evince dalla iscrizione a mosaico in pasta vitrea, visibile appena sopra la scala d'ingresso.
    Come ribadito dal responsabile della sovrintendenza, a cui va sempre un reverente ringraziamento, si tratta, nel suo genere, di un unicum. In particolare sono presenti tre edicole funerarie con stucchi e decorazioni parietali di pregio, ancora ben conservate. Tutto l'arredo pittorico e di stucchi, fa riferimento a diversi miti greci tra cui Dioniso, Orfeo fra i Traci, il centauro Chitone che insegna ad Achille a suonare la lira, Cerbero e infine il supplizio di Ocno, che rimandando ognuno a suo modo, a diverse allegorie della vita. Bellissime anche le lastre marmoree sulle quali sono incise i nomi dei defunti e sulla parete di una di queste edicole, sono affrescati anche le immagini dei defunti, Granius Nestor e Vinilea, ancora visibile come ricordo indelebile.
    Scritta in data 16 marzo 2024
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • Bi1
    Roma, Italia1.261 contributi
    Punteggio 5,0 su 5
    A margine del Quartiere Testaccio, ma vicinissimo al caos di strade ed uffici, raccolto dalle antiche mura, c’è questo piccolo cimitero di guerra (circa 400 lapidi) con tantissimi giovani intorno si 20 anni: a quel tempo non potevano votare ma potevano combattere ed anche morire.
    Tenuto benissimo, è utile per continuare a ricordare la tragedia della II Guerra Mondiale (finita 75 anni fa) in cui questi soldati venuti da lontano hanno combattuto e sono morti così come tanti partigiani e liberatori italiani.
    Scritta in data 25 giugno 2019
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • Tommaso612
    Roma, Italia525 contributi
    Punteggio 4,0 su 5
    Nelle sue “Vite dei Cesari” lo storico Svetonio riferisce che nel giugno del 68 d.C. l’imperatore Nerone, ormai spodestato e braccato dai pretoriani, trovò precario rifugio nella villa di un suo ricco conoscente (il liberto Faonte) situata lungo la Via Cassia, a nord del centro abitato. La sua sorte, tuttavia, era ormai segnata: un drappello di soldati circondò la villa e Nerone, persa ormai ogni speranza di fuga, preferì uccidersi con un pugnalata. Il liberto Epafrodito, rimastogli fino all’ultimo fedele, fu testimone delle sue ultime vanagloriose parole: “Quale artista muore con me!”
    Mentre Servio Sulpicio Galba (il nuovo imperatore) saliva al trono il Senato decretò la “Damnatio Memoriae” di Nerone: ogni suo ricordo doveva sparire, le effigi, le iscrizioni, i monumenti a lui dedicati dovevano essere distrutti. Tuttavia, ai parenti e in particolare alla sua devota concubina Atte, fu dato il permesso di conservare le ceneri del defunto nel sepolcro di famiglia: l’Arca dei Domizi Enobarbi, allora situata in un’area disabitata e paludosa lungo la Via Flaminia (corrispondente all’attuale Piazza del Popolo).
    Anche dopo la caduta dell’impero romano le autorità ecclesiastiche esecrarono e demonizzarono la figura di Nerone (“malvagio persecutore dei primi fedeli”) sino a identificarla con l’Anticristo. Il popolino invece, nella convinzione che lo spirito del personaggio aleggiasse ancora nella zona della sepoltura, sviluppò nei suoi confronti una sorta di venerazione più o meno clandestina. Soprattutto per questo, nell’XI secolo, papa Pasquale II fece demolire l’antico sepolcro costruendovi sopra la Chiesa di Santa Maria del Popolo. Le ceneri di Nerone furono probabilmente gettate nel Tevere, ma la superstizione popolare, dura a morire, continuò ostinatamente a credere che ciò che restava dell’ex imperatore fosse stato traslato in un altro antico sepolcro, situato ben fuori dalla città, al sesto chilometro della Via Cassia. Qualche pellegrino infatti continuò a portare omaggi a Nerone in questa “sua nuova sepoltura”. Probabilmente la leggenda fu diffusa ad arte dallo stesso pontefice, nel timore di una rivolta popolare. Il sarcofago divenne quindi noto come “Tomba di Nerone” e ugual nome indica ancora oggi la zona limitrofa.
    In realtà il monumento, risalente III secolo dopo Cristo, conteneva le spoglie di Publio Vibio Mariano (Procuratore della Provincia di Sardegna e Prefetto della Seconda Legione Italica) e della moglie di costui Regina Maxima. Lo si riesce ancora a leggere nell’iscrizione della facciata, che riporta per sommi capi la biografia del personaggio. Il manufatto, eretto per iniziativa della figlia della coppia, Vibia Maria Maxima, consiste di un massiccio sarcofago di travertino istoriato da bassorilievi e poggiato su una base di mattoni, anch’essa in origine rivestita di marmi. La struttura è coronata da un coperchio a tetto, arricchito da alcune tipiche decorazioni a forma di ogiva (dette “acroteri”) riccamente lavorate a bassorilievi. E’ interessante notare che la facciata principale del sepolcro è rivolta verso la vecchia Via Cassia, ovvero dalla parte opposta alla strada attuale. Com’è logico attendersi, nessun dettaglio del monumento allude minimamente alla figura di Nerone.
    Il sito, protetto soltanto da una bassa ringhiera in ferro e da alcune reti metalliche, si trova oggi ben all’interno della cerchia urbana. Le condizioni di conservazione sono piuttosto buone. Un piccolo pannello spiega ai visitatori la reale natura del manufatto e la curiosa leggenda che si è sviluppata intorno ad esso.
    Da ricordare anche il sonetto che il poeta dialettale Giuseppe Gioacchino Belli dedicò a questo sepolcro: una spassosa e ironica difesa della superstizione popolare.
    Scritta in data 7 marzo 2019
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • Pluto73
    16 contributi
    Punteggio 4,0 su 5
    Veramente un'occasione unica per visitare un'emergenza storica del III secolo dC oltre ad essere una bella opportunità per immergersi nella storia della crisi dell'Impero romano avvenuta in quel periodo.
    Scritta in data 16 gennaio 2019
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
  • Stefo&Vivi
    Roma, Italia33.377 contributi
    Punteggio 5,0 su 5
    Al Sacrario militare, qui, nella zona XVI, dove sono ubicati l’ossario dei caduti in guerra e i riquadri dei deceduti per causa di servizio, riposano 2846 soldati.
    Degni di quell’anima altamente italiana, esempio di virtù militari e di devozione al dovere che ammiro e rispetto.
    A molti di loro è stata riconosciuta la medaglia d’oro, la più alta onorificenza.
    Ma non voglio fare distinzioni, sono tutti figli di una madre che li ha pianti.
    Io li commemoro oggi tutti questi eroi.
    Scritta in data 2 novembre 2020
    Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.
Tutti gli hotel: RomaOfferte di hotel: RomaHotel last minute: Roma
Roma: tutte le attività
Gite di un giorno a Roma
RistorantiVoliCase vacanzaStorie di viaggioCrociereAutonoleggio