Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Il meglio delle recensioni
Piccolo spazio dedicato all'arte nel centro di Sofia.

Ho visitato la Sofia City Art Gallery un giovedi di Luglio (il giovedì l'ingresso è gratuito!). Era Leggi il seguito

Recensito il 16 luglio 2017
serenart
,
Livorno, Italia
Leggi tutte le 23 recensioni
34
Tutte le foto (34)
Vista completa
Panoramica dei viaggiatori
  • Eccellente34%
  • Molto buono40%
  • Nella media26%
  • Scarso0%
  • Pessimo0%
Informazioni
Durata consigliata: Meno di 1 ora
Meteo locale
Offerto da Weather Underground
°F°C
nov
-5°
dic
-6°
gen
Contatti
ul.Gen. Gurko 1 | Entrance from Kniaz Al. Batenberg Street, Sofia 1000, Bulgaria
Sito web
+359 2 987 2181
Chiama
traduzione di Google
Tour e attività più venduti a e vicino a Sofia
a partire da 8,26 USD
Altre info
a partire da 5,70 USD
Altre info
a partire da 4,60 USD
Altre info
a partire da 41,80 USD
Altre info
Recensioni (23)
Filtra recensioni
16 risultati
Valutazione
6
6
4
0
0
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
LinguaItaliano
Altre lingue
6
6
4
0
0
Scopri i commenti dei viaggiatori:
Filtraitaliano
Aggiornamento elenco in corso…
1 - 10 di 16 recensioni
Recensito il 16 luglio 2017

Ho visitato la Sofia City Art Gallery un giovedi di Luglio (il giovedì l'ingresso è gratuito!). Era in corso una esposizione sul pittore bulgaro Ivan Milev. Personalmente sono rimasta positivamente colpita sia dallo spazio (luminoso e minimale come molte gallerie moderne) sia dall'esposizione in sè...Più

1  Grazie, serenart
Queste recensioni sono state tradotte automaticamente dall'inglese. Mostrare la traduzione automatica?
Recensito 2 settimane fa da dispositivo mobile

Sof è una città unica e la galleria non è un genere esclusivo. Ha sou. Visitare la galleria significa penetrare in un mondo di arte e storia. Niente a che vedere con altre enormi gallerie, perché questa è una galleria di grasptbe atmosphere os art...e peole together. Non perdetevi questo posto ma soprattutto godetevi Sofia passeggiando e giocando a scacchi. Io all'uscita. Obseeve l'auto. ! ! Vi chiederete: sta funzionando? La risposta è si.Più

Recensito 4 settimane fa

Ho visitato la City Art Gallery alcuni giorni fa e ho sentito che valeva la pena visitarla. Attualmente, nella luce, il piano terra, senza ingombri, è una mostra dedicata al pittore Eliezer Alcheh, nato nel 1908. Stampati sulle pareti bianche sono colonne di testo chiaro...in inglese, ognuna con un titolo a tema che rappresenta le descrizioni dell'artista in diversi periodi della sua vita. È stato un sollievo utilizzare i posti a sedere davanti al testo perché significava mia madre, che è un'appassionata appassionata d'arte ma che, a 83 anni, si stanca quando è in piedi, ha potuto sedersi e divertirsi leggendo le informazioni . I dipinti di questa mostra sono per lo più olii; è descritto come figure pittoriche "grossolanamente", e direi che è una descrizione abbastanza vera delle sue altre opere. Cercate la sua rappresentazione di chiatte, ormeggiate ammucchiate su un lato del quadro, nere e oleose, l'acqua increspata che riflette un cielo grigio invernale che complessivamente dà la pittura e l'aria di sudiciume che può essere o non essere stata intesa. Di ritorno nella prima stanza, sul muro in uscita, guarda anche un singolo elemento montato rappresentante dell'ebraicità di Alcheh: un bottone in bachelite color ocra a forma di stella ebraica. Per me, c'era qualcosa di triste in questo oggetto montato tutto da solo - - era prezioso e tenuto in una tasca, o era semplicemente un pulsante? Nell'altra stanza al piano di sotto c'era una collezione di quadri che rappresentano il "formalismo". Ci sono alcune gemme in questa raccolta un po 'strana. Ho adorato la posa laconica di una donna dai carnosi colori a fungo, 'Rest', 1945, catturata da Panayot Panayotor, e un 'Gypsy child' in stile Gaugin, 1941, con la sua collana in vetro verde di Hiya Petrove. 'Il ricordo del passato', 1940, di Vladimir Kevalgjiev ritrae una macina di organi circondata da bambini, il suo pappagallo giallo limone dalla coda lunga che cattura la loro attenzione e quella dello spettatore. Chi non poteva amare il sensazionale "Ritratto di ragazza" del 1944, Stefan Ivanov, con gli occhi quasi neri che guardavano da un lato da una carnagione chiara contro lo sfondo scuro. Rimasi di fronte a lui per un lungo periodo cercando di descrivere la sua espressione in una parola. Contemplazione? No. Dimissioni? No. Pianificazione? Non proprio. Distratto? Anche quello non era giusto. Se visiti questa mostra, mi chiedo se riesci a trovare una parola migliore? All'improvviso, in netto contrasto con questo quadro morbido, c'era uno schizzo a china di tre figure appoggiate sulle spalle in una strada, due adulti e un bambino, "Sofia - gennaio 1944", di Iliya Beshkov. Se fossero morti, mi sono chiesto? Cerca la grande incisione su legno - 'Town of Sozopol - fishing, 1934', di Vesselin Staikov. In una delle barche da pesca vedrai una donna allattare al seno. Una curiosa aggiunta a una foto. Alla sua sinistra gli uomini tirano le reti da una barca e in primo piano i minuscoli barili di pesce sono così scivolosi che ho sentito che potevano scivolare fuori dalla pagina e sul pavimento della galleria. Guarda anche l'acquerello, "Impression, 1928", Nikola Marinov, una donna e un bambino scarmigliati, i loro volti delicati distinti dalla camicetta bianca e dalla sciarpa fluttuante. Anche Lovely è "Portrait of a girl" del 1945, Tseno Todorov, con la sua giacca scura e la camicetta dal colletto tondo abbottonato stretto al collo, ti guarda direttamente con un'aria di fiducia, occhi azzurri, una sottile striscia di luce appena percettibile su un lato della sua faccia, forse da una finestra in vista. Un'immagine che mi ha fatto sorridere è stata "Holiday, 1946" di Boris Angelisher, due disegni a inchiostro marrone di un uomo reclinato sul fianco, entrambi sullo stesso foglio, uno rivolto, uno con la schiena girata, presumibilmente perché ha cambiato posizione durante lo schizzo? Con i suoi occhiali cerchiati tondi, i pantaloni larghi e le maniche della camicia arrotolate, il sorriso accennato sulle sue labbra mentre dice che questa è stata davvero una gradita vacanza. Alla fine, ho guardato le teste scolpite. Molti non mi importava, ma alcuni erano curiosi e graditi. Bronze 'Mother', 1933, Ivan Lazarow, non è il tipo di scultura che si trova particolarmente edificante in quanto raffigurava una donna seduta, il mento appoggiato su un pugno chiuso, l'altra mano che stringeva lo stomaco, non per il dolore ma come un'espressione inconscia di ansia e stanchezza, una conseguenza dello stato in cui è nata. 'La testa di Nino Kassias', 1940, Vasil Gachev, era di una pietra grigia chiara, una donna con i capelli vicino alla testa e fuori dal viso, gli occhi socchiusi e le labbra allargate che mi ricordavano una donna del Peloponneso. Al contrario, "Testa di Yanku Sakuzou" del 1945, Dimo ​​Luchynov, era una forma oversize e caratterizzata in terracotta, con tratti distinti di capelli folti e sfuggenti, spazzati da un lato, occhi dalle palpebre pesanti, naso largo e guance incavate. Perché agli artisti piace scolpire persone che sembrano ansiose mi chiedo? L'abile bronzo "Chochara 1924" di Audry Nikolov era di una donna molto anziana con la pelle del collo profondamente rugosa, la bocca strettamente chiusa e tirata giù, la fronte corrugata che esprimeva un profondo disgusto, il tipo di donna che può essere contenta da niente e nessuno. Con i suoi occhi bianchi era roba da incubi. Al piano superiore, in un'altra stanza luminosa e ariosa, c'era un'enorme collezione di meravigliose vignette e caricature di Alexander Poplilov. Splendidamente esposti in cornici che lasciano respirare le immagini, vengono visualizzati in tutta la stanza e ci sono esempi di copertine di fumetti e giornali in armadi con ripiani in vetro. Se ti piace il fumetto adorerai questa mostra!Più

Recensito il 1 giugno 2018

Una piccola galleria che ci siamo imbattuti casualmente, ma merita una visita. La mostra permanente mostrava una gamma di artisti bulgari e una varietà di stili diversi. Purtroppo, la mostra temporanea al piano di sopra era spazzatura. Al rialzo, sembra cambiare regolarmente, quindi potrebbe essere...sostituito con qualcosa di meglio.Più

Recensito il 15 aprile 2018 da dispositivo mobile

Abbastanza piccolo ma molto spazio per vedere l'arte. Molto contemporaneo, alcune mostre solo l'anno prima.

Recensito il 10 dicembre 2017

WOW è stato molto bello andare tra il cibo e i souvenir delle bancarelle, in inverno il caffè è vicino ai neilons ed è molto bello rilassarsi lì

Recensito il 28 novembre 2017 da dispositivo mobile

Piccolo posto ma carino. Vale la pena controllare se sei in zona. Non vale un viaggio separato. Mostre temporanee. Evita il personale più anziano e rumoroso che rovina l'esperienza chattando costantemente tra loro.

Recensito il 1 ottobre 2017

E' stato un vero piacere di visitare all'ombra della mostra di Orient. Concentrandosi su un tema interessante e impreziosita da curatoriale"informativo commenti sia in bulgaro e Inglese, le opere sono state davvero una rivelazione. Alcuni dipinti da artisti inconsueti ben - noti tra acquarelli meravigliosi...Vladimir Dimitrov - Il Master. Assolutamente da non perdere.Più

Recensito il 21 agosto 2016 da dispositivo mobile

Bellissimo all'esterno ed è davvero piccola galleria confronto di quella nazionale. È diviso in 5 sezioni differenti e ognuno di loro con un sedile "guardia di sicurezza. Era vuoto quando sono andato visita e c'è una "guardia" dopo me intorno, come se ci tornerei rubare...i pezzi d'arte... Lei sarà seduti tranquillamente all'angolo, ma si può sicuramente dire della sua presenza. Non ho godetevi la mia visita al museo a tutti.Più

Recensito il 23 dicembre 2015

Posto incredibile da visitare se si amano e apprezzano arte e artisti. Abbiamo trascorso un pomeriggio c'e ho apprezzato molto la visita

Visualizza più recensioni
In zona
Hotel nelle vicinanzeVedi tutti i 135 hotel nelle vicinanze
Best Western Premier Sofia Airport Hotel
265 recensioni
A 2,32 km
Ibis Sofia Airport
444 recensioni
A 2,59 km
Best Western Plus Hotel Expo Sofia
238 recensioni
A 4,16 km
Novotel Sofia
761 recensioni
A 4,17 km
Ristoranti nelle vicinanzeVedi tutti i 1.333 ristoranti nelle vicinanze
Happy Sushi
147 recensioni
A 4,25 km
Da Massimo
49 recensioni
A 4,15 km
Mehana Pri Bratovcheda
15 recensioni
A 4,09 km
Kete
29 recensioni
A 3,93 km
Attrazioni nelle vicinanzeVedi tutte le 571 attrazioni nelle vicinanze
Museum of Socialist Art
357 recensioni
A 5,81 km
Park Vrana
46 recensioni
A 5,11 km
The Mall
43 recensioni
A 4,18 km
Domande e risposte
Ricevi risposte dal personale della struttura Sofia City Art Gallery e dai visitatori precedenti.
Nota: la tua domanda verrà pubblicata sulla pagina Domande e risposte.
Inviate
Regolamento per la pubblicazione