Faro della Guardia

Faro della Guardia (Isola di Ponza, Provincia di Latina) - Foto e indirizzo

Faro della Guardia
3.5

3.5
9 recensioni
Eccellente
3
Molto buono
2
Nella media
2
Scarso
1
Pessimo
1

Divussj
Bolzano, Italia32 contributi
Un gioiello tristemente abbandonato…
set 2020
Un gioiello tristemente abbandonato…
Durante la gita in barca del periplo, siamo stati attratti da questa imponente frana che termina ad un promontorio spettacolare se si erge dal blu del mare nel punto più a sud dell’isola. Incuriositi dal posto abbiamo domandato al nostro mitico e verace capitano qualche informazione, ci è stato spiegato che la zona si chiama “scarruppata” che in dialetto significa frana, e che il culmine ovvero il faro della guardia è un luogo pericoloso e da tempo abbandonato. Incuriositi da luogo affascinante e essendo amanti delle passeggiate rischiose abbiamo approfittato di un giorno di maltempo (il maltempo a Ponza sono 28° e qualche nuvoletta qua e la..) per esplorare questo spettacolare luogo avvolto nell’oblio. Ci siamo recati quindi in località Ponza, abbiamo parcheggiato il nostro ronzino in un angoletto di una viuzza e abbiamo cercato la passeggiata del faro. Partiamo già dal fatto che a Ponza parecchi sentieri non sono nemmeno segnalati, ci siamo quindi aiutati con cellulare per trovare il percorso esatto per risalire il paese. Raggiunta una casa dipinta di un bianco sfavillante, sorvegliata da un koker-segugio, abbiamo chiesto indicazioni ad un vecchietto, il quale ci ripose “se non tenete paura… il sentiero è sempre dritto!”. La sottile ironia del signore si è rivelata tristemente vera non appena superato il bivio con il cartellone che descrive il sentiero. Oltre il paese infatti, il sentiero è messo male se non mezzo crollato, ci sono tratti sostituiti da assi su cui bisogna fare gli equilibristi e rovi infestanti che scoraggiano a proseguire. Non appena si esce dai coltivi si spalanca alla vista un panorama degno delle dolomiti. Questa imponente frana si getta nel mare formando un contrasto di colori incantevole: il grigio delle rocce crea alla base una striscia color turchese che va a perdersi nel blu intenso del mare. Il sentiero scende per questo paesaggio maestoso, le falesie a monte sono davvero imponenti. La viuzza lastricata e gli alti muri di sostegno testimoniano che un tempo la manutenzione dei sentieri avveniva, ad oggi purtroppo questo tratto spettacolare si presenta sconnesso, pieno di massi e piante infestanti, alcuni dei muri di sostegno stanno crollando sotto il peso dell’incuria. Una volta arrivati sotto al promontorio si gode della spettacolare vista del faraglione del calzone ad est, ed dell’isola di Palmarola ad ovest, uno spettacolo incantevole, ci si perde in entrambi i versanti.. Dulcis in fundo, se si prova a proseguire sul promontorio verso il faro ci si ritrova innanzi ad un cancello arrugginito chiuso da chissà quanto e per chissà quanto tempo ancora, che custodisce sicuramente un luogo altrettanto spettacolare ed avvolto nell’oblio.
In sintesi in questi giorni abbiamo imparato che se i giri in barca e le mangiate di pesce sono fanno lo splendore di Ponza, la segnaletica e manutenzione dei sentieri è il suo lato oscuro. Speriamo che qualche viaggio sulle alpi possa far rinsavire gli amministratori ponzesi, in modo da fargli valorizzare anche i gioielli che hanno sulla terra oltre che a quelli del mare.
Scritta in data 4 novembre 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Marina B
Bondeno24 contributi
L'altra Ponza.
set 2020 • Amici
Esperienza deludente, mancano indicazioni, molto pericoloso. Un vero peccato, la vista è fantastica, a dir poco. Basterebbero pochi accorgimenti e una buona manutenzione, perché Ponza non ha solo il mare!!!! Abbiamo dovuto desistere a pochi metri dal traguardo..,
Scritta in data 7 settembre 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Enrico V
Torino, Italia6 contributi
Evitare! Tratto finale pericoloso
lug 2020
Il sentiero, mal segnalato, è pericoloso nel tratto finale di mulattiera detto “scarrupato”, che ha vari passaggi dove i massi sono franati.
Il percorso è mal tenuto, con tratti immersi nella macchia tra rovi e piante pungenti, fattibile con cautela e con qualche graffio, ma sicuramente bellissimo e panoramico.
Abbiamo tuttavia dovuto interrompere l’escursione verso la fine, a causa di un ennesimo punto franato, dove una zona di scarico di pietre piccole e instabili avrebbe reso il passaggio davvero pericoloso.
Sconsiglio quindi l’escursione, precisando che a fare la gita eravamo due escursionisti esperti abituati a sentieri difficili.
Peccato, perché con qualche intervento di manutenzione la camminata sarebbe strepitosa!
Scritta in data 29 luglio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

rossanot69
Sabaudia, Italia431 contributi
passeggiata spettacolare
mag 2020
si raggiunge a piedi dall'acquedotto, raggiungendo la chiesa dedicata alla Madonna e proseguendo sul sentiero realizzato con grossi massi nei decenni passati. Suggestivo, si consigliano calzature chiuse e adeguate alle arrampicate
Scritta in data 30 maggio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Teresa R
10 contributi
Il faro
ago 2018 • Amici
Splendida zona di Ponza, peccato il faro sia stato abbandonato e che l'inciviltà delle persona l'abbia reso oggetto di vandalismo, ma il panorama è mozzafiato.
Scritta in data 8 ottobre 2018
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Deomogan
Lazio, Italia8.900 contributi
Impressionante
giu 2018 • Amici
Il faro sorge sulla cima di uno sperone di roccia modellato dal vento, è raggiungibile attraverso un sentiero in circa 3 ore di camminata
Scritta in data 28 giugno 2018
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Licia R
Falconara Marittima, Italia242 contributi
Una posizione da "urlo".
mag 2018
Il faro della Guardia è posto alla fine di un lungo sentiero, molto spettacolare, che arriva fino alla scalinata di accesso dell' edificio. La struttura, costruita alla fine dell'ottocento, non è in buone condizioni anche se tuttora il faro è funzionane.Splendido è invece il panorama che si gode quando si cammina ed ancor più quando si arriva.
Il percorso non è difficile ma occorre attenzione; il tempo necessario per questa visita è di circa 3-4 ore.
Scritta in data 11 giugno 2018
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

la Gina
Lombardia, Italia4.112 contributi
DA FARE❗❗❗
set 2017 • Coppie
Spettacolore sentiero, si parte dal centro del paese, dal corso Pisacane si seguono le indicazioni per località Scotti, si sale, si sale fino a un trivio, la freccia indica il faro, seguite l'indicazione e proseguite per un sentiero/mulattiera purtroppo molto trascurato, il percorso non è difficile ma in alcuni punti bisogna fare leggera attenzione, sulla vostra sinistra il panorama è molto bello, potete trovare anche delle capre selcatiche,dopo
un'oretta di cammino si vede la mastodontica scogliera dove giace il faro, dove inizia una sorte di scalinata, tenuta in modo vergognoso, bisogna passare un piccolo tunnel al buio, poi finalmente arriverete in cima, naturalmente tutta la struttura è in stato di abbandono ma vi rifarete con il panorama.
Due/tre ore spese bene
Scritta in data 20 settembre 2017
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.
Ci sono errori o manca qualcosa?
Suggerisci modifiche per migliorare il profilo.
Migliora questo profilo