Chiesa del Carmine maggiore
Chiesa del Carmine maggiore
4.5
10.00 - 14.00
Lunedì
10.00 - 14.00
Martedì
10.00 - 14.00
Mercoledì
11.00 - 15.00
Giovedì
10.00 - 14.00
Venerdì
10.00 - 14.00
Sabato
10.00 - 14.00
Domenica
12.00 - 16.00
Info
La Chiesa attuale venne realizzata dall’architetto Mariano Smiriglio in un periodo che va dal 1627 al 1693, per la realizzazione di questa terza chiesa l’asse prospettico venne ruotato, la zona absidale costituiva l’accesso alla chiesa e tutte le cappelle vennero ruotate per mantenere l’ordine. Fulcro della chiesa è la figura di Sant’Elia, l’Ordine dei Carmelitani non ha un vero e proprio padre fondatore ma fonda le sue radici sul profeta Elia, difensore della fede del Dio di Israele sul Monte Carmelo. All’interno della chiesa diversi sono gli artisti che vi lavorarono di particolare pregio gli altari nel transetto a sinistra la Cappella della Madonna del Carmine e a destra la cappella del Crocifisso. La cappella della Madonna del Carmine presenta al centro l’olio su tavola realizzato da Tommaso De Vigilia nel 1492 La Cappella del Crocifisso con al centro il Cristo crocifisso ligneo tra un drappo dorato attribuito a Girolamo Bagnasco.
Suggerisci modifiche per migliorare il profilo.
Migliora questo profilo
Tour ed esperienze
Scopri diverse opzioni per esplorare questo posto.
Il fatturato incide sulla disposizione delle esperienze su questa pagina: scopri di più.
La zona
Indirizzo
Quartiere: Palazzo Reale
Contatta direttamente

Eseguiamo controlli sulle recensioni.
In che modo Tripadvisor gestisce le recensioni
Prima della pubblicazione, ogni recensione di Tripadvisor viene esaminata dal sistema di monitoraggio automatico che raccoglie informazioni rispondendo alle seguenti domande: come, cosa, dove e quando. Se il sistema rileva un elemento che potrebbe non rispettare le linee guida della community, la recensione non viene pubblicata.
Se il sistema rileva un problema, la recensione viene rifiutata automaticamente, inviata al recensore per la conferma o esaminata manualmente dal team di esperti di contenuti, al lavoro 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per mantenere la qualità delle recensioni sul nostro sito.
Il nostro team verifica ogni recensione pubblicata sul sito segnalata dalla community per mancata conformità alle linee guida della community.
Scopri di più sulla moderazione delle recensioni.
4.5
Punteggio 4,5 su 533 recensioni
Eccellente
13
Molto buono
16
Nella media
4
Scarso
0
Pessimo
0

Sempreinviaggio
Messina, Italia1.537 contributi
Punteggio 4,0 su 5
mag 2023 • Coppie
Bella chiesa che sorge nel quartiere dell’Alberghiera all’interno del mercato di Ballarò. Le origini della chiesa risalgono al 1235. La costruzione dell’attuale chiesa risale al periodo che va dal 1627 al 1693. L'edificio si presenta a forma di basilica a croce latina, con tre navate, la facciata è stata aggiunta nel 1814, notevole la cupola, una delle più interessanti fra i monumenti palermitani.
Scritta in data 7 maggio 2023
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

claudio d
Viterbo, Italia34.634 contributi
Punteggio 4,0 su 5
mar 2023
La chiesa si trova nei pressi del mercato di Ballarò, nel quartiere Alberghiera. Il primo nucleo risale al XII secolo, con ingrandimento successivo nel XIII secolo, ma l'attuale aspetto risale alla ricostruzione barocca del XVII secolo, con successive modifiche ottocentesche (facciata, campanile e decorazioni delle volte delle navate). Esternamente si presenta con una grande ma semplice facciata a due ordini con timpano triangolare; tra le lesene del primo ordine si aprono tre portali con cornice lineare (la statua della Madonna del Carmine nella nicchia sopra al portale centrale è settecentesca); il secondo ordine, molto più stretto, presenta un finestrone centrale, due colonne ai lati ed è abbellito da vasoni con fiamma. Di scarso interesse il campanile (a cui si può però salire per ammirare il panorama e vedere da vicino la cupola della chiesa), mentre l'elemento più appariscente e importante è senz'altro la cupola ricoperta di maioliche policrome e con la base ricca di stucchi, tra cui quattro coppie di colonne ioniche scanalate che racchiudono ciascuna un telamone nell'atto di sorreggere la cupola. Varcata la soglia del portale centrale, si presenta una scalinata che bisogna salire per raggiungere il piano della chiesa, che si sviluppa in tre lunghe navate separate da colonne; a parte le generose dimensioni, non si resta certo impressionati perché la decorazione delle pareti e delle volte è nel complesso sobria (l'unico affresco della volta della navata centrale è ottocentesco). Anche le cappelle laterali sono in genere modeste con alcune eccezioni: sono quattro per lato anche se le campate sono cinque, perché la terza di dx fu eliminata nel XIX secolo per realizzare un accesso laterale, poi tamponato e nella terza campata di sx è l'ingresso al chiostro (in cui si può però osservare un'acquasantiera del '300); nella prima cappella di dx è una tela di Pietro Novelli mentre la quarta cappella di dx si distingue per la ricca decorazione barocca, tra cui stucchi di Giacomo Serpotta, e la statua cinquecentesca di S.Caterina d'Alessandria sopra l'altare, opera di Antonello Gagini (la statua sopra l'altare della quinta cappella di dx è invece di Domenico Gagini, padre del più famoso Antonello); di rilievo anche l'altare della seconda cappella di sx, realizzato in marmi policromi intarsiati. Ma la zona più notevole della chiesa è il transetto, a cominciare dalla cupola sulla crociera, ornata da stucchi e con le quattro statue seicentesche di Vincenzo Messina appoggiate ai pilastri di sostegno; e poi i due fastosi e scenografici altari alle testate del transetto, con le colonne tortili riccamente decorate dagli stucchi di Giuseppe e Giacomo Serpotta: sull'altare di dx è un crocifisso ligneo di Girolamo Bagnasco, mentre su quello di sx è il dipinto della Madonna del Carmelo del 1492. Di scarso spessore le due cappelline ai lati del presbiterio, sormontate dalle cantorie con organo (ottocentesco quello a sx e recente invece quello di dx), mentre apprezzabile il coro seicentesco dell'abside e i due quadri quattrocenteschi alle pareti laterali del presbiterio. Del convento adiacente alla chiesa resta il chiostro cinquecentesco, dal quale si ha la migliore vista, dal basso, della cupola.
Scritta in data 3 maggio 2023
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

giovanniRoma_Italia
Roma, Italia732 contributi
Punteggio 5,0 su 5
gen 2023
la chiesa e' bellissima, ricca di opere d'arte come tutte le chiese del centro storico di Palermo, ma quello che mi e' piaciuto tantissimo e' stato salire sulla torre, dalla quale si ammira un bel panorama su Palermo e in particolare sul caratteristico mercato di ballaro'. Il biglietto d'ingresso costa pochissimo. Consiglio vivamente la visita
giovanni
Scritta in data 19 gennaio 2023
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

salvatore700
Magenta, Italia6.783 contributi
Punteggio 5,0 su 5
ott 2022
Facciata semplice, nel corso dei secoli, fù più volte ristrutturata e modificata, si trova nel cuore del mercato storico di Ballarò. L'interno è a croce latina, tre navate divise da sei colonne per lato, con archi a tutto sesto e il transetto che delimita il grande presbiterio. Nelle due navate laterali le cappelle custoduiscono opere pregevoli. Soffitto a botte con lunette e finestre laterali, maestosa la cupola che si innalza su tre ordini: tamburo, volta e lanternino, la parte interna è rivestita di stucchi ornamentali. La superficie esterna è rivestita in maioliche smaltate policroma e le ricche decorazioni in pietra e stucco. E' divisa in quattro sezioni, su ogni spicchio della calotta sferica è posto in evidenza lo stemma carmelitano, in alto è sormontata da un cupolino, la palla e la croce. E' possibile salire sui tetti mediante una piccola scala a chiocciola in ferro posta nel chiostro e ammirare il panorama circostante. Il campanile che si vede è ottocentesco, dopo la demolizione di quello precedente. Il chiostro restaurato nel secolo scorso è di epoca cinquecentesca con colonne e capitelli ionici si presenta molto semplice.
Scritta in data 16 novembre 2022
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

LVPa53
Palermo, Italia6.577 contributi
Punteggio 5,0 su 5
apr 2022 • Solo
Da qualche settimana è possibile, acquistando un biglietto da 7 euro, oltre che visitare la chiesa del Carmine Maggiore all'interno dello storico ed animato mercato storico di Ballarò, salire sul suo campanile da cui si può ammirare la splendida cupola maiolicata della chiesa, coi suoi possenti telamoni. Dal chiostro della chiesa parte una scala a chiocciola che conduce a una grande terrazza sul sottostante mercato; attraverso un'altra scala a chiocciola, si arriva in cima alla torre-campanile, da cui si ammira il panorama della città e la cupola del Carmine Maggiore. Visita consigliatissima.
Scritta in data 29 aprile 2022
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

Fabio C
Palermo, Italia1.053 contributi
Punteggio 4,0 su 5
feb 2022 • Solo
A prima vista ti accorgi a malapena di questa chiesa perché sei preso dagli odori e dalla folla della piazza che è un'anima del mercato di Ballaro', eppure alzando gli occhi la cupola con i telamoni bianca colpirebbe il tuo interesse.
L'accesso alla chiesa seicentesca avviene salendo dei gradini. L'interno non colpisce inizialmente ma andando avanti, cappella dopo cappella ti accorgi dei casolari che ha all'interno. L'arrivo sul transetto scopre i magnifici trionfi delle due cappelle principali incorniciate da colonne tortili dove aggrappate ad esse trovi episodi evangelici e biblici: altra fatica degli stuccatori Serpotta.
Insomma lasciatevi andare.
Piccolo biglietto x la visita.
È possibile allargare la visita al chiostro e sulla cupola per un panorama su Ballaro' e sulla città.
Scritta in data 7 febbraio 2022
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

LVPa53
Palermo, Italia6.577 contributi
Punteggio 4,0 su 5
ott 2020
Questa chiesa solitamente sfugge alla visita, in quanto il mercato circostante finisce quasi per nasconderla e soffocarla. In occasione delle recenti Giornate FAI d'Autunno, sono finalmente riuscita a visitarla nel suo interno. La sua costruzione risale al XIII secolo, per volontà dei Carmelitani. La chiesa nel suo assetto secentesco fu realizzata su progetto di Mariano Smiriglio, mentre la facciata fu rifatta all'inizio dell'Ottocento. Se l'interno della chiesa è poco conosciuto, non altrettanto si può dire del suo cupolone decorato esternamente da stucchi tra cui quattro inconfondibili telamoni tra un finestrone e l'altro, dato che domina tutta la zona circostante di cui è un elemento imprescindibile; altro elemento inconfondibile sono le maioliche smaltate colorate di verde e nero della calotta della cupola. All'interno, tra l'altro, spiccano le cappelle del transetto i cui altari presentano splendide colonne tortili con scene della vita di Gesù e di Maria in stucco su fondo di oro zecchino, realizzate da Giuseppe e Giacomo Serpotta alla fine del Seicento. Non ho potuto ammirare la statua argentea della Madonna del Carmelo conservata all’interno della prima cappella della navata di sinistra, nascosta dietro una grande porta lignea ed esposta soltanto il 16 luglio, la sua festa. Questa chiesa meriterebbe risalto e valorizzazione maggiori.
Scritta in data 26 ottobre 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

Il Giomba
Palermo, Italia306 contributi
Punteggio 5,0 su 5
lug 2020
Uno scrigno quasi nascosto, incastonato all'interno del Mercato di Ballarò. Una vera "perla rara" che merita di essere visitata: un luogo di ristoro per lo spirito e per il corpo, specialmente negli afosi pomeriggi estivi della città di Palermo: il silenzio ed il fresco di questa chiesa accoglie i turisti e i fedeli quasi con magia, quasi con un velo di soprannaturalità, che rende questo luogo un posto magico ed incredibile!
Scritta in data 2 agosto 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

Puccio&natolia2009
Palermo, Italia4.731 contributi
Punteggio 4,0 su 5
ott 2019 • Famiglia
Costruzione la cui storia inizia nel 1118 come cappella, nel 1248 viene eretta, ad opera dei frati Carmelitani che venivano dalla Palestina, una chiesa; La configurazione attuale la assume a partire dalla metà del 1600.
All'interno ci sono varie cappelle e dipinti, la cosa più bella sono però gli stucchi del Serpotta su alcune colonne.
Dal chiostro si possono osservare campanile e cupola quest'ultima impreziosita da maioliche come ad esempio Casa Professa.
Un piccolo gioiello nel cuore di Ballaro'.
Scritta in data 27 ottobre 2019
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

Clotilde A
2 contributi
Punteggio 5,0 su 5
giu 2019 • Solo
La conosciamo poco. Immersa in un quartiere difficile che si riscopre centro della movida. Attrattiva incredibile per la bellezza della cupola maiolicata nell'intarsio della muratura con i telamoni scolpiti che reggono la perfetta volta. L'interno contiene le due cappelle del Crocifisso e della Madonna del Carmine all'interno degli stucchi dorati delle colonne tortili, su cui sono rappresentate scene della vita della Madonna e del Crocifisso.
Una gioia per gli occhi e per gli appassionati di architettura del settecento
Scritta in data 3 giugno 2019
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un utente di Tripadvisor e non di Tripadvisor LLC. Le recensioni vengono sottoposte a verifica da Tripadvisor.

1-10 di 28 risultati mostrati
Il fatturato incide sulla disposizione delle esperienze su questa pagina: scopri di più.
È il tuo profilo Tripadvisor?
Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato, rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.
Richiedi il profilo

Chiesa del Carmine maggiore (Palermo) - Tripadvisor

Chiesa del Carmine maggiore: domande frequenti



Attività a Palermo
Gite di un giorno a Palermo
RistorantiVoliCase vacanzaStorie di viaggioCrociereAutonoleggio