Chiesa di Santa Ninfa dei Crociferi

Chiesa di Santa Ninfa dei Crociferi, Palermo

Chiesa di Santa Ninfa dei Crociferi

Chiesa di Santa Ninfa dei Crociferi
3.5
a partire da €49.40
Siti storici • Chiese e cattedrali
Info
Durata consigliata
Meno di 1 ora
Suggerisci modifiche per migliorare il profilo.
Migliora questo profilo
Tour ed esperienze
Scopri diverse opzioni per esplorare questo posto.
Pianifica la tua visita
La zona
Indirizzo
Il meglio nelle vicinanze
Ristoranti
1.621 nel raggio di 5 km
Attrazioni
407 nel raggio di 5 km

3.5
32 recensioni
Eccellente
4
Molto buono
16
Nella media
11
Scarso
1
Pessimo
0

Andrea
Reggio Emilia, Italia2.097 contributi
Fa visitare
ott 2019 • Solo
Potrebbe dare di più, se arrivassero, fondi per la ristrutturato. Datata 1600 al suo interno bisogna lavorare di fantasia, per immaginare cone poteva essere. Non ha hynonno visto rampe per i diversi.k
Scritta in data 30 ottobre 2019
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

angela0809
Genova, Italia1.669 contributi
Manierismo e barocco
giu 2019
Situata in via Maqueda e dedicata a Santa Ninfa, una delle quattro sante protettrici della città. Facciata tardo-rinascimentale con finestra sormontata da un elegante frontone triangolare dove campeggia lo stemma dei Crociferi. L’interno è contraddistinto dall’ ampio presbiterio riccamente ornato di stucchi dorati e di elementi decorativi con altare maggiore in marmi policromi in cui spicca il grande dipinto, opera di Gioacchino Martorana, raffigurante Santa Ninfa attorniata dalle altre sante patrone palermitane Rosalia, Agata ed Oliva. Peccato per i vistosi segni di incuria…
Scritta in data 30 ottobre 2019
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Stefano C
Bergamo, Italia5 contributi
Gioiellino
ott 2019 • Coppie
Chiesa di grande valore artistico con parti di grande interesse. Le statue della pietà del Serpotta sono da ammirare per la bellezza e l’intensità espressiva. Merita una visita
Scritta in data 4 ottobre 2019
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

michele p
Palermo, Italia2.962 contributi
Da visitare!
apr 2019 • Coppie
Essendo stata costruita nel 1601, fu tra le prime chiese erette nell'allora nuova via Maqueda. Presenta un'imponente facciata di gusto tardo-rinascimentale ed uno spazioso interno a navata unica. Di rilievo, tra altre pregevoli opere d'arte, le statue in stucco poste ai piedi di un espressivo Crocifisso ligneo, dovute al genio scultoreo di Giacomo Serpotta. Da visitare se si percorre quella che ora è una molto frequentata via pedonale, anche se l'interno versa in condizioni piuttosto precarie.
Scritta in data 22 aprile 2019
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

ILRecensoree
La Spezia, Italia913 contributi
Curiosa
mar 2019 • Solo
Bella chiesa palermitana, un'occhiata la merità se si è di passaggio. Presenta dei bei dettagli interni.
Scritta in data 17 marzo 2019
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

AnSaAncona
Ancona, Italia10.218 contributi
Sosta d’arte tra tanti negozi
dic 2018 • Solo
Non sarà certo tra i capolavori di Palermo, ma tra i tanti negozi di via Maqueda una visita a questa chiesa vale la pena di farla. La sua sobrietà permette di apprezzare anche meglio alcuni singoli elementi di pregio che contiene. L'interno è senza dubbio più interessante dell'esterno che non lascia intuire gli interessanti dettagli che si possono scoprire varcando la porta.
Scritta in data 12 febbraio 2019
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

GiKos
Palermo, Sicilia, Italy2.200 contributi
Piccola chicca con cupola a trompe-l'oeil
mar 2018 • Solo
Costruita per opera dei padri camilliani in concomitanza con la "strada nuova" che sulla nuova arteria, oltre che la chiesa, costruirono la "grande casa" non completata per ostacoli all'esproprio delle retrostanti case private su vicolo Marotta. La chiesa di S. Ninfa dei padri Crociferi, di impianto barocco, è molto malandata per problemi di umidità di risalita e non sempre aperta. Caratteristica la finta cupola all'incrocio del transetto, dipinta a trompe l'oeil su tavole lignee. L'intero complesso dei padri Crociferi su via Maqueda è in stato di abbandono (ex Marinai d'Italia) ma presenta un pregevole scalone barocco in marmo rosso.
Scritta in data 20 novembre 2018
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

DesirellaXX
Venezia, Italia255 contributi
una sorpresa
ago 2018 • Coppie
Pioveva, e abbiamo deciso di visitare questa chiesa più per ripararci che perchè attratti, da fuori non gli avresti dato nessuna importanza ma invece...è stata un avera sorpresa! la chiesa per mancanza di fondi è in decadenza ed è un vero peccato!
Scritta in data 26 agosto 2018
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Giusi L
91 contributi
Una bellezza da recuperare
mag 2018 • Amici
E' molto complesso descrivere minuziosamente tutti i dettagli artistici di questa chiesa che non finisce di stupire. E pertanto vi invito a visitarla per ammirare, seppur degradate, tutte le sue bellezze.Essendo stata edificata a partire dal 1601, si può dire che la chiesa di S. Ninfa dei Crociferi sia stata la prima chiesa realizzata lungo il taglio di Via Maqueda (Strada Nuova) completato nel 1599. L'area interessata fu donata dal Senato palermitano ai padri Camilliani. Di contiguo fu costruita la Casa dei padri Crociferi, ordine dei Chierici Regolari Ministri degli infermi. Alla creazione della chiesa di S.Ninfa contribuirono gli ingenti lasciti e donazioni di varie famiglie aristocratiche della città. Alcune delle quali, a titolo di ricompensa, ebbero dei sepolcri monumentali internamente alla chiesa. L'ordine dei Crociferi (nome che indicava la grande croce rossa sulla tunica) sorse nel 1568 grazie a Don Camillo De Lellis per l'assistenza ai malati ed ai moribondi. Lui stesso prese parte alla posa della prima pietra del sacro edificio. Molto di questo progetto si deve alla maestria architettonica e decorativa di Giacomo Amato, religioso dell'Ordine in questione. E non soltanto, poiché la facciata in particolare fu disegnata da Ferdinando Lombardo insieme al giovane Venanzio Marvuglia. Mentre i festoni e le ghirlande in stucco sui tre portali del prospetto furono opera di Luigi Romano. Dal 1722 uno dei portali laterali custodisce un Ecce Homo di grande venerazione popolare. Nella fabbricazione della sacra struttura non bisogna dimenticare la collaborazione di Giovanni Macolino e G. Clemente Mariani. Ma anche di Giacomo Serpotta e di Guglielmo Borremans per gli arricchimenti. La chiesa fu dedicata a S. Ninfa, una delle quattro patrone palermitane di allora. La pala d'altare, opera di Gioacchino Martorana del 1768, la rappresenta insieme alle altre tre patrone, a S. Giuseppe, a Maria ed alla SS. Trinità. Anche gli affreschi delle pareti e della volta sono prevalentemente opere del Martorana. Intrigante la finta cupola realizzata nel XIX secolo da Gaetano Riolo. Le cappelle delle navate laterali, tra di loro comunicanti, sono ciascuna dedicata a un Santo, oppure al SS. Crocifisso o alla Madonna, in particolare la Madonna della Salute attualmente interessata al restauro. In una delle cappelle si può ammirare la statua lignea di S.Rosalia proveniente dalla distrutta chiesa dei Macellai. Il dipinto di S. Camillo che ascende al cielo è attribuito a Gaspare Serenario, al di sotto del quale una teca contiene le reliquie e la maschera mortuaria di S. Camillo. In attesa di essere esposta in chiesa, attualmente in sacrestia vi è una bellissima Madonna di scuola gaginiana. Attualmente si cerca di raccogliere dei fondi, tramite le offerte libere dei visitatori, per il restauro di cui la chiesa ha bisogno.
Scritta in data 9 luglio 2018
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Umby73
Bari, Italia1.929 contributi
Particolare e antica
set 2017 • Amici
É una bella chiesa, antica, che è vicina alla zona dei quattro canti. È particolare, merita la visita....
Scritta in data 27 settembre 2017
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

1-10 di 21 risultati mostrati
Ci sono errori o manca qualcosa?
Suggerisci modifiche per migliorare il profilo.
Migliora questo profilo
Domande frequenti su Chiesa di Santa Ninfa dei Crociferi