Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Novità! Trova e prenota l'hotel ideale su TripAdvisor e ottieni i prezzi più bassi
Mappa
Satellite
Gli aggiornamenti della mappa sono stati sospesi. Ingrandisci per vedere informazioni aggiornate.
Reimposta lo zoom
Aggiornamento della mappa in corso...
Quartieri
Quartieri
Come arrivarci
Indirizzo: Via Garegnano 28, 20156 Milano, Italia
Numero di telefono: +39 02 3800 6301
Sito web
Descrizione:

La Certosa venne fondata con atto notarile il 19/09/1349, da Giovanni...

La Certosa venne fondata con atto notarile il 19/09/1349, da Giovanni Visconti, Arcivescovo e Duca di Milano, che ne fece dono all'Ordine Certosino, con altri suoi beni personali. Di questa primitiva Certosa resta la testimonianza del Petrarca.

Nel 1388 Luchino Novello Visconti, nipote di Giovanni, considerato il secondo fondatore, dona, alla sua morte, tutti i suoi beni ai certosini.

Nel sec. XV, l'aspetto della Certosa venne completamente trasformato.

Nel 1782 i monaci dovettero abbandonare la Certosa in seguito alla soppressione del monastero decretata da Giuseppe II, Imperatore d'Austria, il quale aboliva tutti gli ordini contemplativi.

I beni e i terreni del monastero furono messi in vendita con aste pubbliche, il chiostro grande venne destinato a deposito militare e distrutto nel 1895. La chiesa venne adeguata al culto pubblico e nella notte di Natale del 1784 divenne a tutti gli effetti Parrocchia del paese di Garegnano, borgo tipicamente rurale che, dopo l'Unità d'Italia, si aggregò al Comune di Musocco e nel 1923 venne unito alla città di Milano.

Leggi il seguito

Aspetti migliori evidenziati dai contributori di TripAdvisor

Leggi tutte le 206 recensioni
Valutazione dei visitatori
  • 109
    Eccellente
  • 53
    Molto buono
  • 7
    Nella media
  • 0
    Scarso
  • 1
    Pessimo
Bellissima e poco nota

Non si crederebbe di essere in periferia di Milano, vicino alle autostrade. Appena entrati, c'è una tranquillità, una quiete, una bellezza... che sembra di essere chissà dove Leggi il seguito

5 su 5 stelleRecensito ieri
Giuseppe V
Aggiungi una foto Scrivi una recensione

206 recensioni della community di TripAdvisor

Valutazione
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
  • Altro
Filtrato da: Italiano
Contributore livello
26 recensioni
10 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 4 voti utili
5 su 5 stelle Recensito ieri NOVITÀ

Non si crederebbe di essere in periferia di Milano, vicino alle autostrade. Appena entrati, c'è una tranquillità, una quiete, una bellezza... che sembra di essere chissà dove. Comunque, chiunque abbia progettato qui l'arrivo delle autostrade separando la Certosa dal borgo antico di Garegnano (adesso è al di là di mille corsie) è un criminale

È utile?
Grazie, Giuseppe V
Contributore livello
124 recensioni
91 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 24 voti utili
4 su 5 stelle Recensito 5 giorni fa NOVITÀ tramite dispositivo mobile

Questa bellissima chiesa di Milano, visibile dall'omonimo viale Certosa, è una delle tante sorprese che la città riserva ai turisti non frettolosi e interessati alla storia. Esterno pulito la decorato dalle statue in facciata, secondo i dettami di san Carlo; interno policromo e con acustica eccellente (spesso infatti la chiesa ospita concerti pregevoli). Per me ha un valore aggiunto: nel... Altro 

È utile?
Grazie, psyco58
milano
Contributore livello
106 recensioni
24 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 29 voti utili
5 su 5 stelle Recensito 1 settimana fa

Sembra incredibile che possa esistere una chiesa con all'interno tante raffigurazioni da essere definita la piccola cappella sistina eppure esiste a Milano. Difficile da trovare perché nascosta tra viuzze, una volta entrati ripaga delle fatiche fatte. Da non perdere

È utile?
Grazie, nocia
Contributore livello
3 recensioni
5 su 5 stelle Recensito 1 settimana fa tramite dispositivo mobile

Una sola parola stupenda bello il posto e bellissimo il concerto di archi e voci e poi gli amici della certosa sono molto cortesi e attenti

È utile?
Grazie, Anselmo A
Contributore livello
16 recensioni
7 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 3 voti utili
5 su 5 stelle Recensito 2 settimane fa

E' proprio vero che non si è mai finito di scoprire le bellezze di questa nostra tanto criticata Italia . Ho letto della Certosa di Milano in un libro di Philippe Daverio e incuriosita ho voluto andare a vederla . Si trova in un posto assurdo , nascosta sotto il ponte della tangenziale ... Quando si vede la facciata attraverso... Altro 

È utile?
1 Grazie, Isabella B
Milano, Italia
Contributore livello
270 recensioni
22 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 139 voti utili
5 su 5 stelle Recensito 3 settimane fa

Provate a chiedere a 10 persone che vivono a Milano se sanno dov'è viale Certosa. Tutti risponderanno affermativamente. Provate a chiedere loro se sanno perché si chiama così... Se uno su dieci vi dà la risposta giusta è un miracolo! Splendida la Certosa di Milano! In fondo all'alberata via Pareto, un tempo centro del piccolo borgo di Garegnano. La Certosa... Altro 

È utile?
2 Grazie, Vermeer64
San Gimignano, Italia
Contributore livello
98 recensioni
35 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 48 voti utili
5 su 5 stelle Recensito 3 settimane fa

Posta nelle vicinanze di Viale Certosa (appunto...), questa meraviglia è nascosta dal ponte della Tangenziale e da un doppio ingresso che ne nasconde la monumentalità delle forme. Costruita nel 1300, la Certosa attuale ha forme chiaramente tardo cinquecentesce e seicentesche e racchiude al suo interno meravigliosi affreschi di Daniele Crespi e Simone Peterzano (maestro di Caravaggio). Vale veramente la pena... Altro 

È utile?
1 Grazie, Fabo21
Milano, Italia
Contributore livello
180 recensioni
69 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 119 voti utili
4 su 5 stelle Recensito 4 settimane fa

Imponente e placida getta un monito a chi le passa accanto in tangenziale: cosa ci fa lì, così appiccicata ed irriverente, quella fascia d’asfalto con tanta gente stressata o distratta che corre sempre via da qualcosa? – facile immaginarla quando nel 1349 la ‘città’ era lontana e qui vi erano prati e campi, un ambiente adatto all’ ‘ora et labora’... Altro 

È utile?
1 Grazie, angela m
Magenta, Italia
Contributore livello
54 recensioni
16 recensioni per questa attrazione
common_n_attraction_reviews_1bd8 26 voti utili
5 su 5 stelle Recensito il 24 agosto 2016

Vale la pena visitarla, l'interno decorato da Daniele Crespi racconta la storia di San Bruno, fondatore dell'ordine dei Certosini. E' tenuta molto bene, con le pavimentazioni originali ed è incredibile che dietro ad essa ci sia la rumorosa tangenziale!

È utile?
Grazie, Laraioan
Milano, Italia
1 recensione
3 su 5 stelle Recensito il 21 agosto 2016 tramite dispositivo mobile

Merita almeno per chi è a Milano, è nascosta in città.... si raggiunge con tram o da tangenziale ovest.

È utile?
Grazie, Giulio M

Gli utenti che hanno visto Certosa di Garegnano hanno visto anche

 

Conosci Certosa di Garegnano? Condividi la tua esperienza!

È il vostro profilo TripAdvisor?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato, rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo

Domande e risposte

Ecco le domande pubblicate dai visitatori precedenti, con le risposte dei rappresentanti di Certosa di Garegnano e di altri visitatori
2 domande
Fai una domanda
oltre un anno fa

Vedi tutte le domande (2)

Domande? Ricevi risposte dal personale della struttura Certosa di Garegnano e dai visitatori precedenti.
Regolamento per la pubblicazione
Domande frequenti:
  • Devo acquistare un biglietto per il mio bimbo?
  • In che modo si può raggiungere l'attrazione con i trasporti pubblici?
  • C'è un ristorante o un caffè sul posto?