Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di Tripadvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Palazzo Lomellino di Strada Nuova

39 recensioni
Non ci sono tour o attività prenotabili online nelle date selezionate. Scegli un'altra data.

Palazzo Lomellino di Strada Nuova

39 recensioni
Non ci sono tour o attività prenotabili online nelle date selezionate. Scegli un'altra data.
Google
Tour e attività più venduti a e vicino a Genova
a partire da 4,82 USD
Altre info
a partire da 7,23 USD
Altre info
a partire da 180,84 USD
Altre info
a partire da 391,01 USD
Altre info
Vista completa
Località
Contattaci
Via Garibaldi 7, 16124, Genova Italia
Scopri la zona
Esclusivi negozi storici di Genova
Tour culturali

Esclusivi negozi storici di Genova

google
Esplora Genova con una persona del posto alla scoperta di botteghe storiche tipiche. Entra in contatto con le antiche tradizioni della città incontrando i negozianti locali. Assaggia la deliziosa focaccia e brinda con gli amici e la famiglia.
138,49 USD per adulto
39recensioni0domande e risposte
Valutazione
  • 19
  • 18
  • 2
  • 0
  • 0
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
  • Altro
Filtri selezionati
  • Filtra
  • Italiano
ANDREA D ha scritto una recensione a ago 2020
Pistoia, Italia2.541 contributi24.502 voti utili
A Genova, a 650 metri da Piazza De Ferrari, in Via Garibaldi, il Palazzo Lomellino di Strada Nuova, antico di 455 anni, fa parte dei 42 Palazzi iscritti ai Rolli di Genova, patrimonio dell'UNESCO, facciata che colpisce per la grande quantità di decorazioni a stucco, non è stato possibile visitare l'interno.
Scopri di più
Data dell'esperienza: giugno 2020
7 voti utili
Utile
Condividi
Silvano B ha scritto una recensione a gen 2020
TORINO245 contributi266 voti utili
Nel raffinatissimo Palazzo Nicolosio Lomellini di Strada Nuoiva, a mio giudizio uno dei più belli tra i Rolli patrimonio Unesco, per la misura classica e il sapiente equilibrio fra architettura e decorazione sia negli esterni (compreso il piccolo giardino con fontana) sia negli interni visitabili, è in corso la mostra imperdibile su Bernardo Strozzi, più piccola ma non meno preziosa della grande retrospettiva del 1995 a Palazzo Ducale. La mostra è allestita al piano nobile del palazzo, i quadri disposti sotto gli affreschi dovuti allo stesso Strozzi, incompiuti ma ripuliti e perfettamente godibili. All'inizio della mostra, la pala con il martirio di Santa Lucia di Campo Ligure (luogo di nascita del pittore) mostra sul lato sinistro la testa e il busto di un uomo, che regge con la mano destra una lancia: colorito da cammelliere arabo, occhi tenebrosi e febbrili, naso pronunciato e carnoso, labbra sensuali, capelli corti, neri e ispidi. La quintessenza della virilità. E' l'autoritratto del pittore, che ci fa capire d'emblèe i motivi per cui l'abito del frate cappuccino gli stava maledettamente stretto, e Bernardo ha passato la vita a cercare di toglierselo di dosso, riuscendoci infine grazie alla rocambolesca fuga a Venezia. Ma quale madre indigente, ma quali divergenze dottrinali? Può anche darsi, ma cerchiamo anche au dessous de la ceinture...se sussistono dubbi, guardiamo l'Allegoria della Pitture della Galleria di Palazzo Spinola di Pellicceria: faccia da popolana di Prè (o di dama che ama farsi passare per una popolana di Prè), sguardo sfrontato, scollatura che scopre i capezzoli, ma non completamente: il non plus ultra del sex appeal tattile e controriformistico. E che dire della morbidezza del Cristo deposto dell'Accademia Ligustica, o del suonatore di liuto del Kunsthistorisches Museum? Bernardo è un pittore grande, e la mostra lo mette in evidenza, sia nei quadri di cavalletto, sia nelle pitture murali. Se cade talora nel clichè borromaico degli occhi lucidi rivolti al cielo, si riscata subito con la sprezzatura della pennellata, con il cangiantismo delle stoffe diversissimo da quello di Rubens ma non inferiore a questo, nei rosa che preludono a Tiepolo, nell'attenzione tipicamente genovese -e veneziana- per i materiali, per gli oggetti del vivere quotidiano, per il gusto del decorativo e dello sfarzo nei dettagli, per il cromatismo acceso, per l'uso sapiente della luce che tuttavia non è mai drammatico come in Caravaggio. Tutti, dunque, a Palazzo Nicolosio Lomellini in Strada Nuova!
Scopri di più
Data dell'esperienza: gennaio 2020
1 voto utile
Utile
Condividi
Stefano91 ha scritto una recensione a set 2018
Milano, Italia66.324 contributi5.145 voti utili
SI tratta di uno dei più belli tra i Palazzi dei Rolli, patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO. Bella la facciata, bello l'atrio ovale d'ingresso, unica parte visitabile. Dato che il palazzo è di proprietà privata non è possibile visitarne il resto, salvo particolari occasioni, nelle quali si organizzano visite guidate al piano nobile. Risale alla seconda metà del Cinquecento.
Scopri di più
Data dell'esperienza: agosto 2018
Utile
Condividi
Franco_R64 ha scritto una recensione a lug 2018
Biella, Italia2.360 contributi620 voti utili
A fine aprile, tempo di Euroflora, le visite guidate non a caso si succedevano a Palazzo Lomellino, di chiaro valore storico; molto bello il cortile, dalle forme e geometrie impeccabili; qualche scorcio di interno dava l’idea dello splendore del palazzo.
Scopri di più
Data dell'esperienza: aprile 2018
Utile
Condividi
alessandra_biondi3 ha scritto una recensione a mag 2018
Ferrara, Italia20.022 contributi2.781 voti utili
Edificato per Nicolosio Lomellino, ricchissimo commerciante di pesca del corallo in Tunisia, il palazzò ebbe molte successioni e compravendite,.è oggi di proprietà della famiglia Bruzzo. Stupisce la bellezza delle decorazioni a stucco di facciata ed atrio di coloro azzurro. Stupendo!
Scopri di più
Data dell'esperienza: aprile 2018
Utile
Condividi
Indietro
Domande frequenti su Palazzo Lomellino di Strada Nuova