Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Teatro Regio

Strada Giuseppe Garibaldi 16a, 43121, Parma, Italia
+39 0521 203999
Sito web
Salva
Il meglio delle recensioni
Prestigioso

Il teatro risale all'inizio del XIX secolo ed è visitabile previa pagamento del biglietto Leggi il seguito

Recensito 1 settimana fa
Attivol
,
Roma, Italia
Uno dei templi della lirica

Il teatro, in stile neoclassico, fu fatto edificare da Maria Luigia d'Austria nella prima metà Leggi il seguito

Recensito 2 settimane fa
Luke3j
,
Friuli-Venezia Giulia, Italia
Leggi tutte le 270 recensioni
Mappa
Satellite
Gli aggiornamenti della mappa sono stati sospesi. Ingrandisci per vedere informazioni aggiornate.
Reimposta lo zoom
Aggiornamento della mappa in corso...
Dettagli
Leggi di più
In origine Nuovo Teatro Ducale, il Teatro Regio di Parma nasce per volontà della duchessa Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, moglie di Napoleone, inviata a reggere il Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla dopo il Congresso di Vienna. Iniziati i lavori nel 1821 su progetto dell’architetto di corte Nicola Bettoli, il Teatro inaugura il 16 maggio 1829 con Zaira, opera di Vincenzo Bellini su libretto di Felice Romani.In stile neoclassico, la facciata è caratterizzata da un colonnato di ordine ionico e da un’ampia finestra termale che si apre nella parte alta. Superato l’atrio, si accede alla Sala del Foyer, scandita da due file di quattro colonne, sul pavimento del quale sono visibili le botole da cui veniva diffuso il riscaldamento. Una scalinata porta alla Sala del Ridotto, dov’era il trono di Maria Luigia, che poteva accedervi direttamente dalle stanze del Palazzo Ducale. Dalla volta dipinta scendono due lampadari a goccia in vetro soffiato e dall’alto si affacciano i matronei che ospitavano le orchestre da ballo. Tornando nel foyer, attraversato il portale d’onore, si entra nel cuore dell’edificio: la sala, con la platea, quattro ordini di palco e il loggione, è sovrastata dal soffitto dipinto da Giovan Battista Borghesi nel quale, disposti in cerchio intorno all’ “astrolampo”, il grande lampadario in bronzo dorato forgiato dalle officine Lacarrière di Parigi, stanno poeti e drammaturghi. Il sipario dipinto, uno dei pochi esempi giunti fino a noi, è anch’esso opera del Borghesi: una popolata allegoria della Sapienza, con Minerva assisa in trono circondata da dèi, ninfe, poeti e muse mostra, nelle sembianze della dea, il ritratto di Maria Luigia. In alto, un orologio “a luce”, che segna l’ora di cinque in cinque minuti, è posto al centro dell’architrave del proscenio, arricchito dai busti dorati di poeti e compositori. L’aspetto della sala oggi è molto diverso dall’originale: nel 1853 il décor in stile neoclassico, progettato da Paolo Toschi è ricoperto dagli stucchi e dalle dorature di Girolamo Magnani (decoratore che Verdi volle spesso al suo fianco in qualità di scenografo) che, su incarico di Carlo III di Borbone, rinnova la veste dell’ormai Teatro Regio secondo lo stile neorinascimentale. Nello stesso anno il nuovo lampadario, ridimensionato nel 1913 per migliorare la visibilità dal loggione, inaugura l’impianto di illuminazione a gas che sostituisce il vecchio sistema con candele e lampade a olio, mentre l’illuminazione elettrica arriverà nel 1890. La camera acustica dipinta da Giuseppe Carmigiani, uno fra i rari esempi sopravvissuti all’uso e al tempo, riprende le decorazioni dei palchi e si compone di pannelli di canapa montanti su cornici lignee, componibili telescopicamente per servire le più diverse formazioni orchestrali.In origine il Teatro è destinato ad accogliere i più vari generi di spettacolo, dall’opera alla danza, dalla declamazione poetica alle forme di “arte varia” più diverse (funambolismo e prove ginniche, numeri con animali ammaestrati, dimostrazioni scientifiche, illusionismo, esposizione di “curiosità”). Sin dalla sua inaugurazione è testimone e protagonista dei cruciali cambiamenti che investono il melodramma durante l’Ottocento e il secolo successivo, dalla fine dell’epoca legata al nome di Rossini alla supremazia del repertorio verdiano, dall’apertura alle esperienze francesi e tedesche, all’estrema evoluzione in senso realistico dell’opera italiana con Mascagni, Leoncavallo e Puccini.
  • Eccellente61%
  • Molto buono30%
  • Nella media5%
  • Scarso2%
  • Pessimo2%
LOCALITÀ
Strada Giuseppe Garibaldi 16a, 43121, Parma, Italia
CONTATTI
Sito web
+39 0521 203999
Scrivi una recensione
Recensioni (270)
Valutazione
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
  • Altre lingue

1 - 10 di 234 recensioni

Recensito 1 settimana fa

Il teatro risale all'inizio del XIX secolo ed è visitabile previa pagamento del biglietto d'ingresso (5 euro). L'interno, molto bello, presenta 4 ordini di palchi, un loggione e una platea. Molte porte dei palchi hanno ancora la maniglia originale con le iniziali ML in onore...Più

Grazie, Attivol
Recensito 2 settimane fa

Il teatro, in stile neoclassico, fu fatto edificare da Maria Luigia d'Austria nella prima metà dell'Ottocento. Purtroppo abbiamo potuto ammirarne solo gli esterni.

Grazie, Luke3j
Recensito 3 settimane fa

Ho visto il famoso Teatro Regio solo dall'esterno, penso che, viste le manifestazioni che ha ospitato e i personaggi che gli hanno dato lustro nei secoli, per essere sempre all'altezza della sua fama, meriterebbe di essere "rinfrescato" da interventi di ristrutturazione abbastanza incisivi e mirati....Più

Grazie, Justine115
Recensito 4 settimane fa

Nonostante non sia famoso come la Scala o altri teatri è noto soprattutto agli appassionati della lirica come uno dei teatri che più rappresentano la grande tradizione . Voluto da Maria Luigia presenta una facciata in stile neoclassico , un soffitto affrescato dal Borghesi ,...Più

1  Grazie, raffaella c
Recensito 25 luglio 2017 tramite dispositivo mobile

Super fantastico da tenere nel cuore!lo consiglio a tutti,pulito e ben tenuto prezzi giusti X la classe!

Grazie, Careca101010
Recensito 13 luglio 2017

immenso e ricchissimo di storia e fascino, il teatro regio potrrebbe da solo valere il viaggio a Parma. Strano che sia meno citato in ambito nazionale di altri meno affascinanti ma più blasonati, anche se all'estero sembra se ne siano accorti tanti!

1  Grazie, manored
Recensito 23 giugno 2017 tramite dispositivo mobile

Abbiamo visitato il teatro .. che dire ECCEZIONALE. Ha contribuito a rendere favolosa e interessante questa visita la nostra guida, il signor Leo, che ci ha fatto appassionare e ci ha permesso di conoscere tutta la meraviglia di avvenimenti, usi e tradizioni che stanno dietro...Più

Grazie, Elisa T
Recensito 21 giugno 2017

Nel visitare Parma è d'obbligo visitare il Teatro Regio. Si trova nel centro citta vicino al Palazzo della Pilotta. Per visitarlo basta acquistare il biglietto d'ingresso di € 5. Entrando si rimane folgorati dalla bellezza e dallo stile. Il Teatro è stato creato, nel 1821,...Più

3  Grazie, antonio m
Recensito 14 maggio 2017 tramite dispositivo mobile

Tra i teatri d'Opera più storici e prestigiosi in Italia, e quindi al mondo. Poco appariscente da fuori, ha una storia quasi ineguagliabile.

Grazie, caronte89
Recensito 10 maggio 2017

Sara capitato anche a voi che di non credere che quella 'palazzina' vista dall'esterno corrisponda alla sontuosità immaginifica di teatri quali La Scala, La Fenice e venendo a noi il Teatro Regio. Tant'è, le dimensioni sono queste: il resto lo fanno o l'hanno fatto ai...Più

Grazie, paolo b
In zona
Ristoranti nelle vicinanze
Ristorante Bollicine San Bartolomeo
692 recensioni
A 0,1 km
Trattoria Rigoletto
251 recensioni
A 0,13 km
Mama Bottega & Piaceri
56 recensioni
A 0,11 km
Marvisi
44 recensioni
A 0,12 km
Attrazioni nelle vicinanze
Basilica di Santa Maria della Steccata(Madonna della Steccata)
334 recensioni
A 0,19 km
Palazzo della Pilotta
377 recensioni
A 0,11 km
Galleria Nazionale
366 recensioni
A 0,23 km
Domande e risposte
Ricevi risposte dal personale della struttura Teatro Regio e dai visitatori precedenti.
Nota: la tua domanda verrà pubblicata sulla pagina Domande e risposte.
Regolamento per la pubblicazione
Inviate