Jewish Museum

Jewish Museum (Berlino, Germania) - Biglietti, foto e indirizzo

Musei specializzati • Musei storici
Scopri di più
10.00 - 19.00
Lunedì
10.00 - 19.00
Martedì
10.00 - 19.00
Mercoledì
10.00 - 19.00
Giovedì
10.00 - 19.00
Venerdì
10.00 - 19.00
Sabato
10.00 - 19.00
Domenica
10.00 - 19.00
Scrivi una recensione
Info
Durata consigliata
2-3 ore
Suggerisci modifiche per migliorare il profilo.
Migliora questo profilo
Tour ed esperienze
Scopri diverse opzioni per esplorare questo posto.

Jewish Museum: i modi migliori per scoprire questo luogo di interesse e le attrazioni nelle vicinanze

La zona
Indirizzo
Quartiere: Distretto di Friedrichshain-Kreuzberg
Come arrivarci
  • Hallesches Tor • 8 minuti a piedi
  • Kochstraße • 8 minuti a piedi
Il meglio nelle vicinanze
I ristoranti e le attrazioni vengono classificati in base al rapporto tra le recensioni degli utenti e la vicinanza a questa località.
Ristoranti
4.149 nel raggio di 5 km
Attrazioni
988 nel raggio di 10 km

4.0
4.446 recensioni
Eccellente
2.359
Molto buono
1.062
Nella media
545
Scarso
258
Pessimo
223

GIOPIX
Milano, Italia541 contributi
apr 2022
Non aspettatevi il solito museo ebraico.

Qui è valorizzata molto più la struttura architettonica (indubbiamente originale), che non il contenuto del museo stesso.

Non sono poi tanti gli articoli esposti, seppur molto bene, e se avete visitato altri musei ebraici in giro per il mondo forse resterete delusi.

Essenziale l'audioguida o l'app, meglio ancora la visita guidata.

E' comunque da vedere, se vi interessa la storia ebraica, ma la parte dedicata alla religione è forse eccessiva.
Scritta in data 9 aprile 2022
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Skaglia71
Cremona, Italia2.727 contributi
ott 2021 • Amici
Ho visto molti musei ebraici in giro per il mondo in quanto appassionato di questa cultura/ religione e questo è stato in assoluto il più deludente. Qualche spunto interessante all’inizio c’è stato (es la storia di come gli avrei sono giunti in Europa…) ma poi è stato inserito di tutto e di più per forza di cose in maniera superficiale. Per me il risultato finale è stato un gran minestrone poco interessante. Il fatto che poi sia un museo che più che essere didascalico voglia trasmettere senzazioni attraverso l’architettura, così come ho letto da qualche parte, beh II queste senzazioni non le ho minimamente percepite seppur dotati di audioguida… grazie anche al fatto che le sale che più mi interessavano (Giardino dell’esilio e Shalechet con i volti da calpestare) erano chiuse al pubblico ma sul sito se ne sono guardati bene di avvisare il pubblico altrimenti avrebbero perso incassi. Non perdete tempo prezioso e visitate qualche cosa di meglio a Berlino.
Forse avevo troppe aspettative e la mia delusione e rabbia all’uscita erano palpabili. Give me back money please😂
Scritta in data 5 ottobre 2021
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Donato s
Pioltello, Italia482 contributi
ott 2019
Il museo non è grandissimo ma disposto in modo architettonico molto particolare e permette al visitatore di entrare interattivamente in contato con gli spazi e , i suoni le luci filtranti dando modo di interpretare i sentimenti che gli Ebrei avevano provato durante la persecuzione. Notevoli sensazioni trasmette lo spazio aperto chiamato "Giardino dell'esilio" dove una selva di pilastri scuri posti su un piano inclinato evoca incertezze e instabilità fisica ed emotiva.
Scritta in data 27 febbraio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Leggo e viaggio
Italia398 contributi
set 2019
Questo museo è stato progettato dall'architetto Daniel Libeskind figlio di due ebrei polacchi sopravvissuti all'Olocausto, con lo scopo non tanto di esporre la collezione la museo, quanto di raccontare la storia degli ebrei tedeschi per mezzo di simbolismi non sempre di facile comprensione.
Il museo non ha un ingresso dalla strada, ma vi si accede passando dal Berlin-Museum, questo per evidenziare il collegamento tra la storia ebraica e quella tedesca. Il percorso si divide poi in tre assi che rappresentano i diversi destini del popolo ebraico: l'asse dell'Olocausto che porta alla torre dell'Olocausto; l'asse dell'Esilio che conduce al Giardino dell'Esilio e infine; l'asse della continuità che rappresenta il permanere degli ebrei in Germania nonostante l'Olocausto e l'Esilio.
La torre dell’Olocausto è una struttura completamente vuota, non climatizza, in cui la luce entra solo da un’apertura posta in alto, la sensazione è quella di trovarsi dentro un grande camino. In una mia visita precedente ho avuto la possibilità di rimanere qui in solitudine per qualche minuto ed è stato toccante.
Il Giardino dell’esilio è un’area esterna con 49 pilastri il cui il piano di calpestio è inclinato, di modo che, camminando tra i pilastri, si provi la sensazione di mancanza di equilibrio. L’architetto ha voluto così far percepire al visitatore la stessa sensazione di straniamento e disagio sentita dagli ebrei esiliati.
Per comprendere tutto ciò e molti altri elementi che caratterizzano l’edificio è indispensabile l’audioguida ma ancor meglio è partecipare ad una visita guidata.
Si viene talmente sopraffatti dalla complessità dell’edificio che la collezione del museo, per la verità non molto vasta, viene messa in secondo piano.
L’opera (e intendo l’edificio) lascia una sensazione di cupezza e claustrofobia da cui non è facile liberarsi. L’ideale per riprendersi dopo la visita è passeggiare tra le vie di Kreuzberg, il quartiere è così alternativo e multietnico che riesce a esorcizzare i fantasmi del passato.
a
Scritta in data 6 febbraio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Rosaria P
67 contributi
feb 2020 • Solo
Incentrato sulla multisensorialità, è un museo che si presta ad una propria interpretazione. È certamente toccante ed evocativo. Sarà anche poco informativo, ma chi non conosce l'olocausto e cosa hanno vissuto gli Ebrei? Quello che dà questo museo diversamente da altri è degli spunti di riflessione emotiva. Istruire facendo provando emozioni è una trovata molto originale, è lo scopo che l'architetto si prefiggeva e che secondo me raggiunge in pieno.
Sono uscita da questo museo più ricca e consapevole.
Consiglio vivamente di visitarlo dotati di audioguida, perché senza non si possono comprendere gli artifici architettonici impiegati per stimolare il visitatore, colpirlo nell'anima e trascinarlo a riflettere.
Il prezzo del museo è irrisorio, io ho pagato 6 euro con una "welcome to berlin" card di 3 gg.
Scritta in data 3 febbraio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Wanda D
10 contributi
gen 2020
Un percorso toccante che senza tanta retorica fa toccare con mano gli orrori dell'olocausto. Emozionante
Scritta in data 23 gennaio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Luca P
Lungavilla, Italia235 contributi
gen 2020 • Coppie
Durante il nostro soggiorno a Berlino io e la mia ragazza siamo stati in questo museo ed è stata un'ottima scelta.
Un'esperienza molto emotiva, strutturata molto bene facilitata dall'audioguida in italiano.
Da fare assolutamente.
Peccato che per motivi di restauro una parte del museo era chiusa.
Mi aspettavo di non pagare il prezzo intero visto che non ho visto il museo per intero.
Scritta in data 13 gennaio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Sharon
Genova, Italia326 contributi
gen 2020
Considerando che parte dell'edificio non era visitabile, a causa di lavori di riallestimento, ammetto che la visita al Jewish Museum è stata più suggestiva che storico-informativa. Essendo uno spazio progettato da un architetto come Libeskind, la visita andava assolutamente fatta (l'audio guida è indispensabile per una migliore comprensione dello spazio e non esito a dire che senza, la visita perde il 70% del suo fascino). L'intera concezione dell'interno, si basa sui tre differenti destini che spettavano agli ebrei: la via della continuità, la via dell'esilio e la via dell'olocausto. tre concetti che sono stati trasmessi a livello spaziale, tramite tre lunghi assi, percorsi da oggetti, testimonianze storiche e spazi progettati, come il giardino dell'esilio e la torre dell'olocausto e una meravigliosa e toccante opera Shalechet – Foglie cadute,10 000 volti in acciaio su cui i visitatori sono invitati a camminare e ad ascoltare il rumore prodotto dalle lastre di metallo che sbattono l'una contro l'altra. Il frastuono e l'angoscia per tutti quei morti fanno desiderare di uscire al più presto dalla sala, senza poter smettere di calpestare le teste delle vittime della Shoah.
Scritta in data 12 gennaio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Silviaci2
Catania, Italia138 contributi
ago 2019
Raccontare l'orrore dell'olocausto in punta di piedi, senza troppi fronzoli: questo il museo. Una modernissima struttura architettonica, pensata appositamente per dare un senso si spaesamento e di angoscia al visitatore; corridoi che si allungano, stanze che si accorciano, persino il giardino labirintico; lungo le pareti vetrine con oggetti che raccontano alcune delle storie dei milioni di ebrei che hanno perso la vita. Oggetti di uso comune, lettere; un nodo alla gola continuo per tutta la visita. Quando si conclude la visita, la posibilità di stare all'aperto, immerso nel verde, sulle sedie sdraio ti fa capire una cosa: quanto è bella la vita.
Consigliatissimo.
Scritta in data 9 gennaio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Tiziana B
Italia84 contributi
dic 2019
Siamo andati a visitare il museo invogliati dai racconti di amici che sostenevano la visita inperdibile.
Siamo rimasti delusi, museo aperto parzialmente, biglietto pagato comunque senza alcuna riduzione, ma sopratutto al di sotto delle aspettative.
Personalmente la visita non ha aggiunto nulla alle informazioni lette sulle guide.
Comunque è stata un'esperienza.
Scritta in data 9 gennaio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

1-10 di 2.259 risultati mostrati
Ci sono errori o manca qualcosa?
Suggerisci modifiche per migliorare il profilo.
Migliora questo profilo
Domande frequenti su Jewish Museum

Gli orari di apertura di Jewish Museum sono:
  • dom - sab 10:00 - 19:00
Acquista i biglietti in anticipo su Tripadvisor. Se prenoti con Tripadvisor, puoi cancellare fino a 24 ore prima della data di inizio del tour e ricevere un rimborso completo.

Consigliamo di prenotare i tour di Jewish Museum in anticipo per trovare posto. Se prenoti con Tripadvisor, puoi cancellare fino a 24 ore prima del tour e ricevere un rimborso completo. Vedi tutti i 1 tour di Jewish Museum su Tripadvisor