Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Rovine DI Castro

Aperto oggi: Chiuso
Il meglio delle recensioni
Un percorso fantastico seppur abbandonato

Consigliato per chi ama la natura. Il sito della città di Castro è, a dir poco suggestivo e per Leggi il seguito

Recensito 2 settimane fa
piera m
Le rovine nel bosco

Castro fu famosa perchè capitale dell'omonimo ducato, creato per la propria famiglia da papa Paolo Leggi il seguito

Recensito il 7 febbraio 2019
claudio d
,
Viterbo, Italia
Leggi tutte le 6 recensioni
28
Tutte le foto (28)
Vista completa
Panoramica dei viaggiatori
  • Eccellente68%
  • Molto buono16%
  • Nella media0%
  • Scarso0%
  • Pessimo16%
Informazioni
Poco Prima Dell'inserzione Con la SP 116 Sulla SX Indicazioni in Loco Parcheggiare Presso IL Santuario Del Santissimo Crocifisso DA Dove Parte IL Percorso Pedonale
Oggi chiuso
Orario di oggi: Chiuso
Vedi tutti gli orari
Durata consigliata: 2-3 ore
Contatti
| Ischia di Castro - SS47, 01010 Farnese, Italia
Migliorate questo profilo
Recensioni (6)
Filtra recensioni
6 risultati
Valutazione
4
1
0
0
1
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
LinguaItaliano
4
1
0
0
1
Scopri i commenti dei viaggiatori:
Filtraitaliano
Aggiornamento elenco in corso…
Recensito 2 settimane fa

Consigliato per chi ama la natura. Il sito della città di Castro è, a dir poco suggestivo e per vari motivi. Innanzitutto permette un percorso completamente sommerso dal bosco. Inoltre è intrigante camminare e di tanto in tanto imbattersi in antiche rovine, per le quali...Più

Data dell'esperienza: marzo 2019
Grazie, piera m
Recensito il 7 febbraio 2019

Castro fu famosa perchè capitale dell'omonimo ducato, creato per la propria famiglia da papa Paolo III nel 1537; la città però esisteva già nell'alto medioevo, tanto che nell'VIII secolo vi fu trasferita la sede vescovile da Bisenzio. Ma è con l'elezione a capitale che la...Più

Data dell'esperienza: gennaio 2019
2  Grazie, claudio d
Recensito il 15 gennaio 2019 da dispositivo mobile

Storia millenaria suggestivo unico. Andrebbe valorizzato di più perche è veramente un posto stupendo.

Data dell'esperienza: gennaio 2019
1  Grazie, Roberto R
Recensito il 18 agosto 2018 da dispositivo mobile

Per anni questo posto e’ stato a libera entrata. Quest’anno torno con degli amici e con sorpresa vedo che stanno costruendo una biglietteria, non ancora finita, passiamo e ci sentiamo urlare da un signore che adesso bisogna pagare il biglietto per accedere al bosco e...Più

Data dell'esperienza: agosto 2018
2  Grazie, Swallow_90
Recensito il 10 maggio 2017

C'era una volta una fiorente città capitale del ducato di Castro che fu fatta radere al suolo dal Papa Innocenzo X° nel 1649 . Si possono ancora vedere i ruderi di questa che fu una splendida città dei Farnese dove lavorò Antonio da Sangallo il...Più

Data dell'esperienza: maggio 2017
5  Grazie, gaggarillo
Queste recensioni sono state tradotte automaticamente dall'inglese. Mostrare la traduzione automatica?
Recensito il 15 settembre 2017

Questo sito archeologico è stato piuttosto ben abbandonato dal governo e, di conseguenza, ha abbattuto gran parte della segnaletica per dirigere il turista verso la località. Avrai bisogno di un locale in Farnese per accompagnarti o seguirti in auto.  Intorno al 1648/49 il duca di...Castro (membro della famiglia Farnese) entrò in conflitto con papa Innocenzo 10 (Barberini). Innocenzo inviò un vescovo a Castro per ripristinare "l'obbedienza" alla legge papale e raccogliere le riparazioni di guerra da un conflitto avvenuto circa 10 anni prima. Il vescovo fu ucciso mentre andava a Castro. Il papa ha incolpato il duca (duuuuhhhh ya pensa?) E ha inviato un esercito per distruggere la città. Letteralmente non ci sono due pietre da lasciare in piedi. Il papa ha quindi pubblicato un cartello che diceva che era Castro.  Nel corso dei secoli molte delle opere in pietra di Castro sono state "appropriate" dalla zona circostante. Lo vedrete in lenticchie, porte, sculture in pietra, ecc. C'è un grande sentiero lastricato dalla chiesa moderna (primi anni del 1900) al sito. Fai attenzione che ci siano inghiottitoi e crepacci incolti in tutto il sito.Più

Data dell'esperienza: ottobre 2016
Visualizza più recensioni
Domande e risposte
Ricevi risposte dal personale della struttura Rovine DI Castro e dai visitatori precedenti.
Nota: la tua domanda verrà pubblicata sulla pagina Domande e risposte.
Inviate
Regolamento per la pubblicazione