Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di Tripadvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Basilica Santuario di Maria SS. del Suffragio

16 recensioni
Non ci sono tour o attività prenotabili online nelle date selezionate. Scegli un'altra data.

Basilica Santuario di Maria SS. del Suffragio

16 recensioni
Non ci sono tour o attività prenotabili online nelle date selezionate. Scegli un'altra data.
16recensioni1domanda e risposta
Valutazione
  • 8
  • 6
  • 2
  • 0
  • 0
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
Filtri selezionati
  • Filtra
  • Italiano
Claudio Vuck ha scritto una recensione a set 2020
Passo Corese, Italia4.154 contributi561 voti utili
+1
Questo edificio storico sicuramente se si è in zona va vista! Si trova alla fine del paese e devo dire non è male! Dal suo interno si intuisce la sua antichità! L'organo è molto appariscente! Insomma un occhiata non fa male se siete da queste parti!
Scopri di più
Data dell'esperienza: settembre 2020
1 voto utile
Utile
Condividi
preglad ha scritto una recensione a ott 2019
New York3.633 contributi745 voti utili
It's difficult to imagine how such a perfect valley vista and structure has had so few English speaking visitors that previously not one has recorded this prime experience on Tripadvisor. Imposing and statuesque were the first word that came to mind. From the turn of the tenth century through a major refurbishment in the 16th and on today in roughly equal apportionment, history, architecture, and art have come together in creating a living free museum devoted by varyingly motivated benefactors to culture, power and faith. The Basilica Santuario di Maria SS del Suffragio is a masterpiece of Baroque architecture which sits majestically protective of its breathtaking and surrounding valley beneath. È difficile immaginare come una vista e una struttura a valle così perfette abbiano avuto così pochi visitatori di lingua inglese che in precedenza nessuno ha registrato questa esperienza privilegiata su Tripadvisor. Imponente e statuaria furono le prime parole che mi vennero in mente. Dalla svolta del X secolo a un importante rinnovamento nel 16 ° e oggi in una ripartizione approssimativamente uguale, la storia, l'architettura e l'arte si sono unite nel creare un museo vivente libero dedicato da benefattori variamente motivati ​​alla cultura, al potere e alla fede. La basilica Santuario di Marias SS del Suffragio e un capolavoro dell'architettura barocca che si erge maestosamente protettivo della sua valle mozzafiato e circostante.
Scopri di più
Data dell'esperienza: aprile 2019
Utile
Condividi
Maurizio Di Giovancarlo ha scritto una recensione a apr 2019
Grotte di Castro, Italia124 contributi3 voti utili
+1
La Basilica Santuario Maria SS. del Suffragio è una delle più belle chiese della Tuscia. Si trova nel centro storico di Grotte di Castro e racchiude nel suo stile barocco l'effige della statua di Maria SS. del Suffragio patrona del borgo dell'alta Tuscia.
Scopri di più
Data dell'esperienza: dicembre 2018
Utile
Condividi
claudio d ha scritto una recensione a feb 2018
Viterbo, Italia14.230 contributi1.434 voti utili
+1
Salendo al paese dal lago di Bolsena non si può non notare la massiccia mole di questa chiesa (che da un po' di tempo si può fregiare anche del titolo di basilica minore) che dall'estremità del centro storico domina la vallata e le restanti case come una fortezza. La chiesa è dedicata alla Madre di Cristo e al suo precursore (S.Giovanni Battista), come recita l'iscrizione sull'architrave del portale principale dell'edificio. Le origini della primitiva chiesa sono anteriori all'anno 1000 ma l'aspetto attuale, su progetto dell'architetto Girolamo Rainaldi, risale al 1625, quando si decise di costruire una più degna dimora per ospitare la miracolosa statua lignea della Madonna che il frate cappuccino Angelo da Ronciglione aveva portato qui nel 1616. E per la costruzione furono utilizzati i cospicui fondi raccolti dai pellegrini che venivano da tutte le parti dopo che si diffusero le notizie dei prodigi compiuti dalla Madonna di Grotte (tanto da essere chiamata anche Madonna dei miracoli), in primis quello compiuto proprio al suo arrivo in paese, quando per la numerosa folla che si accalcava per la via per assistere al passaggio della piccola statua sacra, la rupe cedette e molte persone caddero di sotto, ma nessuno morì. La facciata è nel complesso semplice e lineare ma fa il suo effetto quando appare in fondo alla scalinata venendo dai vicoli del centro storico (la chiesa si trova infatti proprio alla fine dell'abitato, affacciata al ciglio della rupe: ma godetevi la passeggiata per arrivare fino a qui, tra scorci e vicoli caratteristici). L'interno a croce latina è superbo, nel suo splendore barocco: notevole la gloria nell'abside che custodisce la sacra statua della Madonna, la cantoria in controfacciata, la decorazione della zona presbiteriale ed absidale, l'oratoriod el SS.Sacaramento (a sx appena entrati o con accesso anche dal transetto sx), la ricchezza degli altari laterali che spesso contengono tele di pregio, come una crocifissione attribuita alla scuola di Guido Reni (transetto di sx). La statua miracolosa della Madonna di norma è coperta da un prezioso drappo ed esposta solo in occasioni particolari, come i giorni delle festività dell'anno liturgico dedicate alla Madre di Gesù; ogni 10 anni, però, quando viene festeggiata solennemente nel mese di settembre, tutte le domeniche di quell'anno è esposta ai fedeli e quest'anno, il 2018, ricorre appunto il decennale. Approfittatene allora e benite qui la domenica o, in alternativa, cercate il Sig.Peppe, un anziano signore che si occupa di far visitare i sotterranei che si trovano sotto il pavimento della chiesa e che vi potrà, come ha fatto con me, far ammirare anche la statua della Madonna. Se la chiesa è molto bella, i sotterranei sono da non perdere: un labirinto di stanze e stanzette (oltre 20) che in più livelli si estendono sotto il pavimento della chiesa e della sagrestia (da cui si ha appunto accesso ai sotterranei) fino alle fondamenta dell'VIII° secolo e in passato utilizzati come cimitero, fino in sostanza al 1870. In tali locali è stato allestito un interessante museo con paramenti sacri (alcuni del '600), calici, reliquiari, ex voto, documenti antichi (tra cui una bolla di Pio II Piccolomini del 1462), candelabri, sculture, affreschi medievali e finanche una mummia. E poi i 2 busti di S.Flavio: quello ligneo seicentesco e quello del 1932 in argento massiccio. Ma sopratutto fatevi accompagnare dal sig.Peppe, una persona impagabile, come non se ne trovano più al giorno d'oggi, di un'umanità sconvolgente e una cultura classica sconfinata oltre che dotato di una memoria da Pico della Mirandola. Ma vi avverto: premunitevi di riservare alla visita diverse ore; io che non ero preparato a questo incontro ho dovuto, per altri impegni già programmati, salutare il mio anfitrione dopo circa 2 ore con reciproco dispiacere: il sig.Peppe si dispiaceva della visita "affrettata", in cui aveva omesso tante cose che avrebbe voluto dirmi e spiegare, e io dispiaciuto di dovermi allontanare da una persona buona e gentile come poche e capace di meravigliarti declamando, tra una rara informazione storica e un aneddoto, versi di Trilussa o magari dei Sepolcri di Foscolo.
Scopri di più
Data dell'esperienza: febbraio 2018
1 voto utile
Utile
Condividi
silvio F ha scritto una recensione a set 2016
Roma, Italia19 contributi13 voti utili
Sei trascinato da una sensazione di pace, fede e abbraccio. Una bella Basilica con una tradizione Mariana spinta dalla fede del popolo di Grotte di Castro
Scopri di più
Data dell'esperienza: settembre 2016
Utile
Condividi
Indietro