Cattedrale di San Pietro Apostolo

Cattedrale di San Pietro Apostolo, Isernia

Cattedrale di San Pietro Apostolo

Cattedrale di San Pietro Apostolo
4.5
8.00 - 12.00, 16.00 - 7.30
Lunedì
8.00 - 12.00
16.00 - 7.30
Martedì
8.00 - 12.00
16.00 - 7.30
Mercoledì
8.00 - 12.00
16.00 - 7.30
Giovedì
8.00 - 12.00
16.00 - 7.30
Venerdì
8.00 - 12.00
16.00 - 7.30
Sabato
8.00 - 12.00
16.00 - 7.30
Domenica
8.00 - 12.00
16.00 - 7.30
Info
La Cattedrale di Isernia dedicata a San Pietro Apostolo è la Chiesa Madre della Diocesi di Isernia-Venafro. E' situata nel centro storico della città. ORARI SANTE MESSE Domenica e Giorni Festivi: ore 08.00 – 10.30 – 12.00 Ora legale: 18.30 – Ora solare: 18:00 Feriali: ore 8.00 – 9.30 Ora legale: 18.30 – Ora solare: 18:00 CONFESSIONI: Domenica e Festivi: 10.00-12.00/18.00-19.00 Feriali: ore 8.30-9.00 Ogni giovedì: ore 8.30-9.00/18.00-19.00
Durata consigliata
1-2 ore
Suggerisci modifiche per migliorare il profilo.
Migliora questo profilo
La zona
Indirizzo
Il meglio nelle vicinanze
I ristoranti e le attrazioni vengono classificati in base al rapporto tra le recensioni degli utenti e la vicinanza a questa località.
Ristoranti
64 nel raggio di 5 km
Attrazioni
70 nel raggio di 10 km

4.5
82 recensioni
Eccellente
36
Molto buono
37
Nella media
7
Scarso
2
Pessimo
0

Tommaso612
Roma, Italia468 contributi
lug 2021
Dove oggi sorge questa cattedrale in epoca romana c’era un tempio pagano, dedicato alla cosiddetta Triade Capitolina: Giove, Giunone e Minerva. All’interno dell’edificio esistevano probabilmente tre celle, ognuna dedicata ad una divinità. Di questo grande tempio oggi restano soltanto, ancor ben visibili in basso, i bordi esterni dell’ampio basamento a gradoni detto “crepidoma”. Infatti, qui la sovrapposizione del culto cristiano a quello pagano non fu soltanto ideale, ma soprattutto fisica, giacché la cattedrale fu costruita, in stile greco bizantino, proprio sul crepidoma dell’antico tempio; inoltre, le vestigia di quest’ultimo (colonne, fregi, bassorilievi, ecc.) furono riciclate in larga misura nella costruzione del nuovo edificio. Una procedura frequente soprattutto nei secoli dal VI all’VIII, quando non soltanto i materiali di costruzione più pregiati scarseggiavano, ma non si trovava nemmeno chi fosse in grado di lavorarli con l’antica perizia.
La cattedrale bizantina, già molto rovinata di suo, crollò completamente nel XIV secolo a seguito di un terremoto. La ricostruzione che ne seguì condusse ad un edificio completamente diverso, a tre navate, con l’ingresso orientato in direzione del centro cittadino. Nell’occasione fu aggiunta sul lato sinistro della cattedrale la massiccia torre campanaria a quattro livelli, il più basso dei quali, traforato da un arco a sesto acuto, consente tuttora il transito sull’antico corso. Terremoti e ricostruzioni continuarono a interessare l’edificio, senza più stravolgerne le linee fondamentali. Dopo tutte queste vicissitudini la cattedrale fu solennemente riconsacrata a San Pietro Apostolo nel 1640. Pochi anni dopo fu costruita una piccola cupola rivestita di metallo, tuttora presente sulla crociera dell’edificio. Nell’Ottocento vide la luce il bel pronao in stile neoclassico che domina la facciata creando uno stimolante contrasto col campanile, molto più austero e antico. Due coppie di pilastri laterali e quattro eleganti colonne scanalate a capitello ionico, sostengono il timpano triangolare, ampio ma privo di fregi. Intorno al 1950, quando si ripararono i danni dei bombardamenti dell’ultimo conflitto mondiale, presero il via una serie di scavi finalizzati a recuperare quanto possibile del primitivo tempio pagano. La pianta di quest’ultimo è oggi visibile anche dalla chiesa, attraverso alcune lastre di vetro posizionate sul pavimento della cattedrale. Sulla destra della facciata sorge il grande Palazzo Episcopale, caratterizzato da belle forme neoclassiche perfettamente in linea con il pronao.
I tre ingressi sono posizionati simmetricamente, all’interno del colonnato; quello centrale ha dimensioni maggiori ed è sovrastato da un bassorilievo raffigurante i simboli di San Pietro (la tiara papale e le chiavi). L’interno è a tre navate, sorrette da grandi pilastri decorati da lesene corinzie, con marcato transetto. I marmi policromi e le decorazioni dorate delle pareti creano un ambiente piuttosto solenne. L’interno della cupola è decorato da affreschi di fattura recente. Sulla sinistra dell’abside c’è la Cappella del SS. Sacramento; qui, all’interno di un bell’altare in stile barocco, è custodita l’immagine della Virgo Lucis (la Vergine della Luce). Si tratta di un’icona bizantina quattrocentesca molto venerata dagli isernini, che si rivolgono in dialetto molisano al Personaggio chiedendole di “spicciare la via”: ovvero a illuminare loro la strada verso la Salvezza Eterna, sgombrandola dai peccati e dalle tentazioni.
In un’altra cappella è invece conservata la statua lignea della Madonna del Piede, risalente al XII secolo e proveniente dal vicino Eremo dei Santi Cosma e Damiano. L’oggetto, secondo la tradizione, ricorda la miracolosa apparizione della Vergine ad alcuni pastori della zona, durante la quale Ella avrebbe lasciato le sue impronte nel terreno. Merita una visita anche il Tesoro della Cattedrale, ove è esposta l’antica e pregevole croce d’argento che Celestino V (al secolo Pietro Angelerio, oggi patrono di Isernia) donò alla città nel finire del 1200.
I margini del basamento e altre strutture pertinenti all’antico tempio pagano ritrovate sotto la cattedrale, sono accessibili gratuitamente con l’accompagnamento di una guida locale. Se potete, non mancate di visitare queste preziose testimonianze del nostro passato.
Scritta in data 31 agosto 2021
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Antonio S
Bojano, Italia145 contributi
lug 2021
Una chiesa davvero unica nel suo genere, ho avuto la fortuna di visitarla anche ad un concerto di musica classica dell'Orchestra Giovanile della Città di Isernia, acustica unica in un'ambiente unico
Scritta in data 2 agosto 2021
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

newsdiritto
Cava De' Tirreni, Italia608 contributi
giu 2021 • Famiglia
La cattedrale sorge su un antico tempio il cui basamento è ancora visibile dalla stessa chiesa e visitabile gratuitamente in determinati orari.
È stata oggetto negli anni di diversi interventi.
Scritta in data 1 agosto 2021
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Lu&Maximilian
Subiaco, Italia5.629 contributi
giu 2021
Purtroppo ho potuto visitare solo i sotterranei perchè la cattedrale ha degli orari di apertura un pò limitati, comunque la visita ai sotterranei è stata interessante per cui ne consiglio la visita.
Scritta in data 30 giugno 2021
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

franco1953Genova
Genova6.554 contributi
ott 2020
La cattedrale si trova in piazza Andrea d'Isernia, nel centro storico della città e sorge su un antico tempio pagano italico del III secolo a.C. il cui basamento è ancora visibile sotto la chiesa.
A seguito di svariati terremoti, la chiesa originaria ha subito diversi mutamenti che le hanno dato l'aspetto attuale.
Scritta in data 2 dicembre 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Luca P
Siena, Italia53 contributi
set 2020 • Solo
Al di sotto della basilica che ripercorre linee barocche non originali, ci sono scavi che mostrano tempio del 1 secolo a.c. e successivo tempio cristiano del VI sec d.c. la persona che col sorriso accoglie e spiega è la quintessenza del Molise: carina, affabile, colta, accogliente, disponibile a elargire suggerimenti preziosi! Assolutamente da non perdere! L'ingresso è gratuito, ma si può lasciare un'offerta.
Scritta in data 9 settembre 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

EleonoraShorty
Bologna, Italia31 contributi
set 2020
Pur frequentando Isernia da tempo e conoscendo bene la cattedrale, non avevo mai visitato gli scavi archeologici sottostanti. Il pretesto è stata una giornata libera con un parente che non conosceva la città.

Gli scavi archeologici sono piccoli, interessanti e ben tenuti. All'ingresso l'addetta (gentilissima) ci ha misurato la temperatura e controllato che avessimo la mascherina indossata correttamente (anche lei l'aveva). Lo spazio è piccolo ma c'eravamo solo noi (comunque l'ingresso è contingentato).

L'area archeologica è davvero interessante e conservata benissimo. Non c'è un percorso predefinito e questo permette di sentirsi davvero parte della Storia. Dopo un'introduzione al piano superiore sulla storia della cattedrale, dei pannelli esplicativi dettagliano ciò che si sta guardando. A volte le informazioni sono un po' troppo tecniche ma comunque esaustive.

Bello anche poter passare sotto alla cattedrale, visibile da alcuni lucernari.
Un pezzo di storia isernina che non conoscevo, vale la visita.
Scritta in data 9 settembre 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

Alessandro S
Roma, Italia617 contributi
ago 2020 • Coppie
Purtroppo trovata chiusa, aperta però la breve parte sotterranea. Impossibile non incrociare le altre persone e areazione di scambio non sembra essere presente. Speriamo bene...(x situazione Covid)
Scritta in data 14 agosto 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

lmtour
Pistoia, Italia5.434 contributi
lug 2020
La cattedrale di San Pietro Apostolo fa parte dell'itinerario classico del centro storico di Isernia, una città ricca di storia con i suoi monumenti interessanti e con scorci caratteristici. La cattedrale, l'edificio di culto cattolico più importante della città, ha subito nel 1456 un terremoto che lo danneggiò gravemente, ed anche i bombardamenti della seconda guerra mondiale, ma è stato ben ricostruito. La chiesa, nata come tempio pagano dedicato a Giove, in essa vi si possono ammirare le caratteristiche dei vari periodi. In epoca altomedievale, sul sito del tempio venne costruita la cattedrale di stile greco-bizantino, che conservava la disposizione del precedente edificio: a sud era situato l'ingresso ed a nord l'abside. La facciata principale, di aspetto neoclassico, volge sulla piazza Andrea d'Isernia. L'interno suddiviso in tre navate con quattro campate ciascuna con pilastri decorati da lesene corinzie in marmi policromi.
Scritta in data 31 luglio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

tony b
3.419 contributi
feb 2020 • Amici
È una cattedrale bella e suggestiva.
Visitare i suoi sottostsuoli e davvero emozionante.
All'interno affreschi e opere d'arte di grande pregio.
La Isernia "romana "viene qui fuori in tutta la sua storia e bellezza.
È situata nel centro storico!
Assolutamente da vedere.
Scritta in data 5 febbraio 2020
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di Tripadvisor e non di TripAdvisor LLC.

1-10 di 77 risultati mostrati
Ci sono errori o manca qualcosa?
Suggerisci modifiche per migliorare il profilo.
Migliora questo profilo
Domande frequenti su Cattedrale di San Pietro Apostolo

Gli orari di apertura di Cattedrale di San Pietro Apostolo sono:
  • dom - sab 08:00 - 12:00
  • dom - sab 16:00 - 07:30