Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Tour di Robben Island Ticket e Cape Town Essential Museum incluso Zeitz MOCAA

Seleziona data e viaggiatori
A partire da
164,76 USD
Data
2 viaggiatori
Cosa aspettarsi
Itinerario
Itinerario tipico per questo prodotto

Si ferma a: Robben Island Museum, Città del Capo, Provincia del Capo Occidentale

Subito dopo averti raccolto dal tuo hotel o alloggio a Città del Capo e nelle aree circostanti, procederemo verso la torre dell'orologio sul lungomare, (Nelson Mandela Gateway per Robben Island) dove prenderai un traghetto per il carcere di massima sicurezza del museo Rooben Island dove il nostro ex presidente e padre della nostra nazione, il defunto presidente Nelson Mandela, trascorse 18 anni della sua vita in prigione. Sarai con altre persone nel traghetto. All'arrivo all'Isola, un ex prigioniero vi accompagnerà nel tour della prigione, inclusa la cella di Nelson Mandela. Questo sarà seguito da un tour in autobus dell'isola. La tua guida turistica non si unirà a te. Si prega di tenere il biglietto al sicuro, in quanto sarà necessario presentarlo al momento della restituzione. Dalla fine del 17 ° secolo, Robben Island è stata utilizzata per l'isolamento di prigionieri principalmente politici. I coloni olandesi furono i primi a usare Robben Island come prigione. Il suo primo prigioniero fu probabilmente Autshumato a metà del XVII secolo. Dal 1961, Robben Island fu usata dal governo sudafricano come prigione per prigionieri politici e criminali condannati. Nel 1969 il Moturu Kramat, che ora è un luogo sacro per il pellegrinaggio musulmano a Robben Island, fu costruito per commemorare Sayed Abdurahman Moturu, il Principe di Madura. Imparerai di più dalla guida del sito. L'intera gita in barca e il tour del museo dureranno dalle 3 alle 4 ore.

Durata: 4 ore

Si ferma a: Zeitz MOCAA, Città del Capo, Provincia del Capo Occidentale

Al ritorno dall'Isola, la guida turistica permetterà di avere un po 'di tempo per mangiare qualcosa in un ristorante vicino (per conto proprio) prima di poter esplorare il Zeitz Museum of Contemporary Art Africa (Zeitz MOCAA). Questo è un museo di arte contemporanea situato presso il V & A Waterfront a Città del Capo, in Sudafrica. È il più grande museo di arte africana contemporanea nel mondo. Il museo pubblico senza scopo di lucro è stato commissionato attraverso una partnership pubblico / privata tra V & A Waterfront e l'uomo d'affari tedesco, Jochen Zeitz. Il Waterfront ha investito oltre R500 milioni per la sua costruzione e lo sviluppo delle infrastrutture, e sebbene non sia un azionista, Zeitz ha prestato la sua vasta collezione d'arte per tutta la sua vita. Considerata da molti come una delle principali collezioni al mondo di arte contemporanea dall'Africa e dalla sua diaspora, la collezione di Zeitz comprende opere di artisti famosi come Chris Ofili, Kudzanai Chiurai, Kehinde Wiley, Glenn Ligon, Marlene Dumas, Wangechi Mutu e Julie Mehretu .
Il Waterfront aveva indagato su una serie di proposte riguardanti cosa fare con lo storico Silo del grano da quando è stato dismesso nel 2001. [3] Secondo il loro amministratore delegato, David Green, la decisione di trasformare e ristrutturare l'edificio per il nuovo museo "animerà il quartiere di Silo e fungerà da carta di prelievo per un'impresa di natura non commerciale ... in particolare per godimento di tutti i cittadini del continente ". [4] Mentre altri hanno notato che la partnership strategica con Zeitz serve anche a collegare le proprietà esistenti dei proprietari dei Waterfronts (Growthpoint Properties e Government Employees Pension Fund) con il distretto finanziario in via di sviluppo nel CBD inferiore di Città del Capo. [3] La conversione dell'edificio Silo è iniziata nel 2014 sotto la direzione dell'architetto londinese Thomas Heatherwick. [3]


Durata: 1 ora

Si ferma a: Castle of Good Hope, Città del Capo, Provincia del Capo Occidentale

Da qui, guideremo fino al Cape Castle, uno dei più antichi edifici in Sud Africa, e assolutamente da non perdere nella lista dei musei di Cape Town Tours. Ovviamente lo spazio non ci permetterà di addentrarci nella ricca e difficile storia di questo mondo - Edificio famoso Salva per dire che la storia del suo castello è una storia del nostro giovane Paese. È una storia di gioia, dolore, lacrime, risate, delusioni, paura, speranza - e tutte le altre emozioni umane che ci caratterizzano come nazione ...
Costruito tra il 1666 e il 1679, il castello è conosciuto come il più antico edificio sopravvissuto in Sud Africa ed è stato il centro della vita civile, politica e militare del Capo da circa 1679.
Nel suo stato attuale, il castello rappresenta probabilmente una delle architetture DEIC meglio conservate del XVII secolo su tutto il globo. Il rinnovamento 2015-2016 del Castello - il primo in 20 anni - rafforzerà ulteriormente il suo fascino e lo posizionerà bene per diventare il nuovo sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO in Sud Africa.
Questo edificio storico ora ospita, tra gli altri, la Collezione William Fehr gestita da Iziko Museums of South Africa, una mostra permanente in ceramica (FIRED) e il Castle Military Museum.
Il castello non fu, tuttavia, il primo forte a essere costruito a Capo. Un forte quadrangolare (a quattro punte) fu costruito dopo l'arrivo di Jan van Riebeeck nel 1652 dove oggi si trovano la Grand Parade e l'ufficio postale principale. Questo forte fu completato verso la fine del 1653 e le sue strutture interne nel 1656. Tuttavia, furono riscontrati problemi costanti: le mura del forte, che erano costruite principalmente in argilla, crollarono e richiesero riparazioni costanti. Un modello di questo forte originale può essere ammirato nel Museo militare del castello. Jan van Riebeeck lasciò il Capo nel 1662 e gli succedette Zacharias Wagenaer. Nel 1664 ci furono rinnovate voci di guerra tra la Gran Bretagna e l'Olanda. Temendo un attacco britannico al Capo, i signori diciassette ordinarono a Wagenaer di costruire un castello di pietra a cinque punte simile ad altre fortificazioni di questo tipo in Europa e in Oriente. Il castello fu progettato intorno a un punto centrale - un pozzo d'acqua sotto il "Boog" - con cinque baluardi noti come bastioni.
Il sito del nuovo castello fu scelto nel 1665 dal commissario e in seguito primo governatore del Capo, Isbrand Goske. L'ingegnere, Pieter Dombaer, è stato responsabile della costruzione del castello che è stato costruito da schiavi, Khoikhoi, borghesi e lavoratori della compagnia. (Anna Ras, die Kasteel en Ander Vestingswerke, p56, 57)
Le fondamenta furono scavate nel 1665 e i capisaldi del primo bastione, in seguito noto come il Bastione di Leerdam, furono gettati il 2 gennaio 1666, dopodiché l'edificio iniziò in modo serio. Trecento marinai, requisiti da navi di passaggio, soldati, Khoikhoi locali, donne e schiavi furono usati come forza lavoro, rompendo pietre e raccogliendo conchiglie che venivano bruciate nei forni a calce. Ci si chiede spesso quale fosse il vero costo umano per costruire questa fortezza europea sul suolo africano.
I mattoni di clinker, noti anche come "Ijsel-stene", che venivano portati come zavorre nelle navi olandesi, venivano scaricati al Capo e venivano usati come elementi decorativi in alcune parti del castello.
Nel 1667 la pace tornò in Europa, che causò il ritardo della costruzione del Castello. Il primo bastione, Leerdam, fu completato il 5 novembre 1670. Seguirono Buuren, Catzenellenbogen, Nassau e Oranje.
Nel 1672 lo scoppio della guerra in Europa fece ricominciare la costruzione del Castello con nuovo vigore. Nel 1679 il castello fu completato. Fu chiamato castello perché, come nel caso di altri castelli in Europa, oltre ad essere una struttura difensiva, comprendeva una piccola comunità o città a sé stante.
All'interno delle mura del castello c'erano, tra gli altri, una chiesa, una panetteria, officine, alloggi, uffici, celle e numerosi altri servizi.
La lastra usata come pavimentazione nel castello proveniva dalle cave di Robben Island. Il legno è stato portato da Hout Bay. Il cemento utilizzato per costruire il castello è stato ottenuto bruciando gusci nelle fornaci di calce a Robben Island fino a quando non hanno formato calce. Questo lime è stato mescolato con gusci e sabbia per formare un cemento estremamente forte. (Edifici storici in Sud Africa, pagina 8) Ciò significa che il Castello è intrinsecamente collegato a due delle icone del Sud Africa e ai siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO - Table Mountain e Robben Island.
La vernice gialla sui muri è stata scelta perché riduce il bagliore della luce solare e riflette meno calore. Si può ricordare che l'ex presidente Nelson Mandela ha danneggiato i suoi occhi mentre lavorava nelle cave di calce di Robben Island durante la sua lunga prigionia. (Società storica di Cape Town, Newsletter 3, dicembre 1986)
Nel 1982 iniziò un ampio processo di restauro per riportare il castello al suo antico splendore. Il processo è stato completato all'inizio del 1993. Un altro interessante restauro e ristrutturazione è programmato per procedere verso la fine del 2014. Il castello è entrato attraverso l'ingresso principale dal lato della Grand Parade e del municipio. Questo ingresso fu costruito tra il 1682 e il 1684 per sostituire l'ingresso originale che si trovava tra i bastioni di Buuren e Catzenellenbogen. Ci sono anche due ingressi minori al Castello.
Questo gateway offre una finestra sul passato. Il frontone sopra l'entrata reca lo stemma dei Paesi Bassi uniti, raffigurante il leone incoronato rampante con le sette frecce dell'unità nella sua zampa. Sull'architrave in basso sono scolpite le armi delle città di Hoorn, Delft, Amsterdam, Middelburg, Rotterdam e Enkhuizen. Queste erano le città olandesi in cui la United East India Company aveva camere. Il monogramma dell'azienda, VOC, fiancheggia le incisioni su entrambi i lati.
I due pilastri, la trabeazione e il frontone sopra sono costruiti con una lastra di grigio-blu proveniente da Robben Island. Costruito con piccoli mattoni gialli, chiamato "Ijsselstein", l'ingresso è un esempio unico del classicismo olandese del XVII secolo in Sud Africa.
Guardando l'ingresso principale dal cortile, un timpano barocco è visto sopra l'ingresso. Il timpano è tipicamente capo-olandese e risale ai primi anni del XVIII secolo. Un dipinto del frontone di Lady Anne Barnard (dipinto tra il 1797 e il 1803) fu rintracciato in Gran Bretagna e fu scelto di conseguenza lo schema dei colori del frontone. La correttezza di questa brillante combinazione di colori è stata confermata dal Netherlandse Monumenten Zorg. (Cura dei monumenti olandesi) (Rif: Mr Green, architetto di restauro, dipartimento dei lavori pubblici). L'opera di soccorso è una replica composta da quattro elementi militari di base, che sono caratteristiche insolite nella decorazione del timpano, cioè una bandiera, uno stendardo del reggimento, un tamburo, un mortaio e una piramide di palle di cannone. È coronato dall'elmo di un cavaliere e sono mostrate anche varie armi di un cavaliere. Ai lati dell'ingresso ci sono le statue di Mercurio, il dio del commercio e Nettuno, il dio del mare (con il tridente) ......

Durata: 1 ora

Si ferma a: City Hall, Città del Capo, Provincia del Capo Occidentale

Dal Castello di Buona Speranza, ci fermeremo all'edificio del Municipio in città, dove Nelson Mandela ha tenuto il suo primo discorso al pubblico l'11 febbraio 1990, quando è stato rilasciato dal carcere. Prenderemo alcune foto memorabili in questa posizione prima di dirigerci verso il nostro ultimo museo, il famoso quartiere Six.

Durata: 15 minuti

Si ferma a: District Six Museum, Città del Capo, Provincia del Capo Occidentale

La nostra ultima fermata sarà qui in questo museo conosciuto come il museo del distretto sei. Quando il governo dell'apartheid piombò sul District Six, a Città del Capo nel 1965, rimuovendo con la forza i suoi occupanti e dichiarando che l'area era una zona "bianca", il ricco tessuto di una comunità impoverita ma vibrante fu fatto a pezzi. Dopo aver appreso delle ingiustizie che il popolo del distretto 6 ha sofferto durante la rimozione forzata, ci fermeremo infine a Bo Kaap per le opportunità fotografiche.

Durata: 45 minuti

Si ferma a: Bo-kaap, Città del Capo, Provincia del Capo Occidentale

Le opportunità di foto saranno offerte in questa colorata casa. Il quartiere Malese, conosciuto da alcuni come "Bo-Kaap" e costruito in gran parte da e per gli artigiani di Cape Town tra il 1790 e il 1825, fu successivamente occupato da gente di fede musulmana . Questi includevano esiliati politici da Giava e Ceylon, che si trasferirono nell'area intorno al 1820. Gli schiavi liberati si trasferirono nella zona dopo il 1834 e con loro i malesi che vivevano nella città. Nel corso degli anni l'area è stata identificata come il cuore della vita culturale della gente malese. Le principali influenze della loro vita nel Capo sono state la loro religione, la cultura dei loro antenati, le visite alla Mecca e ai coloni olandesi e inglesi.
Il quartiere si estende su 34 ettari (85 acri) delimitati da Buitengracht, Rose Street, Carisbrook Street, Strand Street e le pendici di Signal Hill. L'alloggiamento è costituito da lunghe file continue di piccole case a tetto piatto, per lo più a un piano; barcollando per scendere le piste. Tutte le case si affacciano sulla strada, con accesso alla porta d'ingresso immediatamente fuori dal marciapiede attraverso le strette curve che hanno bassi muri di mattoni e posti a sedere a ogni estremità. I parapetti rettilinei sono decorati con stampi. Le case hanno fondamenta in pietra e muri di mattoni essiccati al sole posati in malta di fango protetta da intonaci di calce e lavati a calce in vari colori. Travi e assi in legno giallo reggono il tetto, costituito da mattoni posati in argilla e ricoperti di intonaco di calce e tenuti a tenuta stagna con melassa di olio di balena e più recentemente ricoperti di catrame o bitume. Per ragioni di economia i tetti delle case di restauro sono in alluminio corrugato.
Due stili di base predominano nel Malay Quarter - Cape Dutch e Cape Georgian - il carattere degli stili è molto simile. Gli elementi unificanti sono le finestre, i fanlight e le porte e i parapetti. Il design e le proporzioni di questi erano Cape Dutch, e in seguito, con le occupazioni britanniche, arrivarono lo stile georgiano e le proporzioni di Adamo.
Lo stile Cape Dutch continuò ad essere usato nell'era georgiana e questi due stili si sono assimilati nella loro forma caratteristica. Le moschee sembrano, sia fisicamente che metafisicamente, integrare tutti gli elementi dell'area. I negozi d'angolo, un'innovazione Regency (in ritardo georgiano), generano attività. La scala della strada è pedonale; è uno spazio sociale, dove le persone si riuniscono e parlano e giocano i bambini, che ricordano le vecchie città europee.
Una parte del quartiere malese, cioè le strade Wale, Church, Shortmarket e Rose e Chiapinni Street, è stata dichiarata Monumento Nazionale [Sito Patrimonio Provinciale secondo la legislazione vigente] nel 1966 e nel 1971 il Consiglio Comunale ha iniziato la prima fase di restauro. Si presta attenzione al fatto che la bellezza e l'unità esistenti siano conservate come esempio di architettura tradizionale del Capo, domestica. È inteso che le strade acciottolate verranno ripristinate e le lampade sostituiranno i pali ei cavi elettrici.
Il restauro procede rapidamente con 48 delle 52 abitazioni completate. È previsto che ulteriori abitazioni vengano dichiarate Monumenti nazionali e ripristinate. Da qui, ti lasceremo al tuo alloggio

Durata: 15 minuti

Mostra di più
Scrivi una recensione per primo
Aggiornamento elenco in corso…
Domande e risposte
Ricevi risposte dal personale della struttura Tour di Robben Island Ticket e Cape Town Essential Museum incluso Zeitz MOCAA e dai visitatori precedenti.
Nota: la tua domanda verrà pubblicata sulla pagina Domande e risposte.
Invia
Regolamento per la pubblicazione
Dettagli principali
Perché prenotare su TripAdvisor?
  • Garanzia prezzo basso
  • Pagamenti sicuri
  • Supporto 24 ore su 24, 7 giorni su 7Chiama:
Spesso acquistati insieme
Tour in autobus turistico di 1 o 2
506 recensioni
a partire da 14,79 USD*
Tour in elicottero privato di Città
107 recensioni
a partire da 134,50 USD*
Mezza giornata a Robben Island
1 recensione
a partire da 80,63 USD*
Tour di mezza giornata per piccoli
10 recensioni
a partire da 40,69 USD*
Tour privato: Capo di Buona Speranza
88 recensioni
a partire da 100,87 USD*
Tour di un giorno intero con
154 recensioni
a partire da 40,21 USD*
Tour programmato: Table Mountain
21 recensioni
a partire da 104,24 USD*
Tour di un'intera giornata alle
22 recensioni
a partire da 62,21 USD*
Tour del vino di un'intera giornata
330 recensioni
a partire da 66,58 USD*
Tour panoramico giornaliero di Cape
346 recensioni
a partire da 65,57 USD*
Tour dei pinguini a Cape Point e
180 recensioni
a partire da 47,01 USD*
Tour privato: Capo di Buona Speranza
88 recensioni
a partire da 100,87 USD*