Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

“strati di storia e cultura” 5 su 5 stelle
Recensione di Il Succorpo della Cattedrale di Bari

Il Succorpo della Cattedrale di Bari
Piazza dell'Odegitria, 1, Bari, Italia
Migliorate questo profilo
Al n.4 in classifica su 72 Cose da fare a Bari
Dettagli sull'attrazione
bari
Recensore esperto
38 recensioni 38 recensioni
20 recensioni per questa attrazione
Recensioni in 8 città Recensioni in 8 città
23 voti utili 23 voti utili
“strati di storia e cultura”
5 su 5 stelle Recensito il 29 aprile 2012

altre meraviglie sono state riportate alla luce nel sottosuolo della città vecchia barese. I resti della cattedrale paleocristiana erano già noti, ma scavando e soprattutto svuotando l'area sottostante la chiesa dalle ossa che che i nostri antenati vi hanno stipato per secoli è sta riportata alla luce la chiesa altomedioevale ed altre strutture di epoca romana, tratto di strada compreso. Mosaico splendido e 'zuppa di pesce' policroma da ammirare ed apprezzare!!

Visitato a Aprile 2012
Questa recensione è stata utile? 2
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensione

52 recensioni dei viaggiatori

Valutazione dei visitatori
    44
    7
    1
    0
    0
Data | Punteggio
  • Francese per primo
  • Inglese per primo
  • Italiano per primo
  • Olandese per primo
  • Portoghese per primo
  • Russo per primo
  • Spagnolo per primo
  • Qualsiasi
  • Tutte le più recenti in italiano
Italiano per primo
Bari, Italia
Recensore super
64 recensioni 64 recensioni
12 recensioni per questa attrazione
Recensioni in 39 città Recensioni in 39 città
150 voti utili 150 voti utili
“Stupendo viaggio nel passato!!!”
5 su 5 stelle Recensito il 23 marzo 2012

Orari e costo:
Visitabile ogni giorno, tranne il venerdì, dalle 9:00 alle 12:30;
Da aprile ad ottobre, fino alle 16:30, da sabato a martedì;
Per altri giorni o visite di gruppo, prenotarsi allo 080.5210605;
Euro/persona 3,00.

Da Vedere:
Mosaici Romani e Paleocristiani;
Tombe di vario tipo ed epoca;
Strada romana (forse Via Traiana);
Monumento sepolcrale Normanno;
Chiesetta Altomedievale (sec. IX-XI);
Epigrafe di L. Gellio Primigenio;
I muri della più antica cattedrale;
Reperti ceramici dal XIV al XVII sec.

Il luogo in breve:
Superficie Succorpo: 1.250 mq circa;
Mosaico di Timoteo: 90 mq circa;
Percorso interno: 170 m;
Pannelli didattici: 12 grandi e 8 piccoli.

Descrizione:
Le prime ricognizioni nel succorpo vennero effettuate alla fine dell'Ottocento, quando l'ing. Pasquale Fantasia riuscì a realizzare una pianta ed una sezione del succorpo ponendoli in relazione con le fabbriche dell'edificio superiore.
Tali rilievi vennero realizzati grazie a parziali sopralluoghi effettuati nelle aree accessibili di ambienti utilizzati fino ad allora come ossari.
La consapevolezza di trovarsi dinanzi ad una importante struttura dimenticata della cattedrale accese un forte interesse. Ma solo molti anni dopo, tra il 1966 ed il 1975, si decise di effettuare interventi di risanamento di queste aree che, tuttavia, non potevano prescindere dalla rimozione dei cadaveri accumulati.
Durante i lavori fu rinvenuto il "mosaico di Timoteo", ed emersero i solidi muri posti a sostegno del colonnato superiore e, seppur in modo parziale, i resti dei più antichi muri della fabbrica paleocristiana.
Negli ambienti, oggi completamente visitabili, sono racchiuse importanti testimonianze di alcune fasi della storia della città e della sua cattedrale.
Lungo il percorso museale, che si snoda a circa cinque metri di profondità rispetto al pavimento della cattedrale, tra strutture murarie, piani pavimentali e sepolture di epoche diverse, si comprende il valore della sua storia nei quattro momenti principali: la fase romana, la fase paleocristiana e altomedievale, la fase medievale e la fase moderna.
Solo oggi, a distanza di trent'anni dagli ultimi interventi, è stato possibile realizzare un organico progetto di restauro e musealizzazione del succorpo che ha avuto come punti qualificanti l'esecuzione di una completa indagine archeologica, il consolidamento strutturale dell'ambiente centrale a tre navate, il risanamento dall'umidità ambientale e dall'acqua di falda, il restauro dei pavimenti musivi e delle superfici lapidee. Ma è la creazione di un percorso di visita guidato, e l'allestimento in apposite vetrine di un'esposizione di reperti rinvenuti nel corso degli scavi che rende la visita ancor più affascinante.

Visitato a Marzo 2012
Questa recensione è stata utile? 5
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un membro di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Il Succorpo della Cattedrale di Bari hanno visto anche

Bari, Provincia di Bari
Bari, Provincia di Bari
 

Conosci Il Succorpo della Cattedrale di Bari? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Se siete i proprietari o gestori di Il Succorpo della Cattedrale di Bari, registratevi gratuitamente per usufruire di strumenti che permettono di migliorare il profilo, ottenere nuove recensioni e rispondere agli utenti.