Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Viaggio in Sri Lanka, agosto 2011

Bologna
post: 5
Recensioni: 37
Viaggio in Sri Lanka, agosto 2011

Ecco il resoconto della nostra vacanza in Sri Lanka, dal 5 al 23 agosto 2011. Ho sottolineato i luoghi che abbiamo visitato, per dare una idea dell’itinerario, ma sarò felice di rispondere a chi volesse avere maggiori informazioni. Siamo andati da Sud a Nord, al contrario di quasi tutti i turisti che abbiamo incontrato, che hanno privilegiato l’itinerario inverso. Abbiamo recensito hotel e guesthouse in cui abbiamo dormito sempre qui in Trip Advisor.

Dall’aeroporto di Colombo ci siamo diretti a BENTOTA, dove eravamo alloggiati all’Oasey Beach Hotel: la spiaggia non è male, anche se la stagione non è quella adatta. La mattina abbiamo preso un bus per UNAWATUNA, dove alloggiavamo nello splendido Palm Grove, che consigliamo caldamente. Unawatuna è molto piacevole, ha una bella spiaggia, per quanto molto stretta, che quasi sparisce quando arriva “l’onda lunga”. Il mare mosso di agosto non permette una valutazione oggettiva, ma quando spunta il sole l’effetto è senz’altro positivo. MIRISSA è poco distante e a nostro avviso è la spiaggia più bella di tutta l’isola, anche se per soggiornare è molto meglio Unawatuna: più viva, più frequentata, con una scelta di ristoranti e guesthouse molto più ampia. Poi qui potrete anche trovare il nostro amico Julien, che gestisce il B&B Pipels, e da cui potrete avere utili informazioni.

Dopo tre notti a Unawatuna, un bus ci ha portato a TISSAMAHARANA, ottima base per visitare il parco di Yala. Abbiamo soggiornato all’Elephant Camp: fantastica esperienza, soprattutto per la simpatia e gentilezza dei proprietari. Tissa non offre molto, a parte un lago e una gigantesca Stupa, ma il safari vale la pena. Si vedono moltissimi animali, anche se il fatto che fosse l’ultimo giorno prima della chiusura, causa censimento animali, ha fatto sì che ci fosse un numero eccessivo di turisti. Forse per questo motivo del famoso leopardo non abbiamo visto che l’ombra.. peccato! Ma il safari è uno dei “must” di tutto il viaggio, e permette di avvistare coccodrilli, cervi, sambar, elefanti e tanti tipi di uccelli. Due notti a Tissa, e poi altro bus per ELLA, che ci ha donato due giorni di clima fresco e ristoratore. Siamo a mille metri, e la possibilità di fare belle passeggiate accontenta i camminatori e coloro che amano i paesaggi montani. Concordiamo finalmente con la guida Lonely Planet (per il resto quasi sempre inattendibile): lasciare Ella è un dispiacere. Il treno per KANDY invece è eterno, e la bella sensazione di avventura dopo 7 ore inevitabilmente svanisce.. Bello stare seduti sul predellino, mentre il treno viaggia a porte aperte, belle le piantagioni di tè e le stazioncine al passaggio. Ma il tragitto è veramente infinito.. arrivati alle 6 di pomeriggio, affrontare l’ultima notte del Perahera è stato molto faticoso! Trovare posto al festival è quasi impossibile e l’alternativa è spendere fino a 40 euro per una sedia di plastica, per assistere a una manifestazione abbastanza noiosa per i nostri canoni occidentali. Se da un punto di vista antropologico e sociale (nonché religioso) il Perahera ha indubbiamente un grande fascino, e sono felicissimo di avervi assistito, dal punto di vista dei turisti stranieri mezz’ora è più che sufficiente.. Il problema è andarsene: una volta dentro si rimane intrappolati fino alla conclusione! Kandy poi offre uno splendido giardino botanico e alcuni siti degni di nota, fra cui il famoso Tempio del Dente. Ma a nostro avviso non vale la pena di una sosta, e se avete poco tempo si può tranquillamente saltare.

Dopo due notti siamo partiti alla volta di TRINCOMALEE. Il luogo ha mille suggestioni e siamo stati felici di avervi passato quattro notti, ma il nostro orizzonte d’attesa era forse troppo alto, per la Lonely Planet e per i racconti letti su Trip Advisor. Il mare non è bellissimo come si racconta e pur avendo una splendida barriera corallina a Pigeon Island (ricca di pesci, fra cui squali e barracuda), il colore è quello dell’Adriatico a Riccione. Le spiaggie di Uppuveli e Nilaveli sono affascinanti e i relativamente pochi turisti contribuiscono a renderle incantevoli – ma purtroppo sono sporche e assai poco curate. Trincomalee è senz’altro una destinazione in crescita, uscita da poco dall’isolamento causato dalla guerra – e in questo risiede senz’altro il suo fascino. Per ora tuttavia l’approccio turistico ci è sembrato troppo naif e pretenzioso: pochi servizi di scarso valore, e a volte un po’ cari, motivati da una corsa sfrenata al business a tutti i costi. Non credo che Trincomalee potrà diventare una destinazione di punta, perché a due passi ci sono le Maldive e decine di altri luoghi più belli. Tuttavia per chi va in Sri Lanka mi pare debba essere un luogo da visitare, anche per l’atmosfera naturale e rilassata che vi si respira. E si fa presto ad affezionarvisi, nonostante tutto.

Rientrando verso il centro, siamo arrivati ad HABARANA, che ci è servita da base per vedere il sito di Polannaruwa, di Sygiria e di Dambulla. La parte culturale ha un fascino innegabile e vale la pena visitare almeno questi siti, il più singolare e suggestivo dei quali è senz’altro Sygiria. Per evitare infine Colombo abbiamo deciso di trascorrere l’ultima notte e l’ultimo giorno a NEGOMBO, un luogo abbastanza orribile, dotato di una spiaggia sporca e ai limiti dell’accettabile. Sappiamo che Negombo è meta soprattutto di coloro che trascorrono il primo o l’ultimo giorno in Sri Lanka, ma sinceramente non riveste nessuna attrattiva e ancora non capiamo perché venga consigliato come tappa del viaggio.

In conclusione: lo Sri Lanka è un paese bello e interessante, le persone sono molto cordiali e curiose nei confronti dei turisti - fermarsi a chiacchierare con i locali è una delle cose più belle di questo viaggio. Anche i paesaggi sono belli – dal mare alla montagna ai siti archeologici – ma confesso di non avere trovato qualcosa di indimenticabile, da restare a bocca aperta. Ed è una sensazione condivisa da quasi tutti i viaggiatori che abbiamo incontrato.

Ma viaggiare nello Sri Lanka, soprattutto in autonomia, è una esperienza stupenda, per la naturalezza e la purezza dei luoghi e delle persone, a volte così autentici da farci dimenticare di essere solo dei turisti.

5 risposte su questo argomento
Roma, Italia
Esperto locale
di Sri Lanka, Maldive
post: 7.426
Recensioni: 68
1. Re: Viaggio in Sri Lanka, agosto 2011

Mister Robert,

GRAZIE MILLE! di aver condiviso il vostro viaggio, esperienze e impressioni con noi :)

Perugia, Italia
post: 81
Recensioni: 22
2. Re: Viaggio in Sri Lanka, agosto 2011

finalmente .. . trovato !!

un resoconto di un viaggio senza autista

grazie Roberto !!

Roma, Italia
Esperto locale
di Sri Lanka, Maldive
post: 7.426
Recensioni: 68
3. Re: Viaggio in Sri Lanka, agosto 2011

pirdon: quando vado da solo, viaggio sempre con i mezzi pubblici. Ma con caterina e il suo valigione... è un po difficile girare con i mezzi pubblici :D

genova
post: 7
Recensioni: 2
4. Re: Viaggio in Sri Lanka, agosto 2011

ciao roberto ho letto il tuo racconto sri lanka..noi dovremmo partire tra fine gennaio e febbraio per un 18 giorni..dobbiamo prendere un auto con autista per il giro o si può fare comodamente con bus locali e treni? noi volevamo fare un 10 giorni di tour e un 6 giorni di mare..in 10 giorni soli riusciamo con mezzi pubblici a vedere molto ..o per far prima è meglio auto? e come mare siccome siamo stati già 2 volte alle maldive..pensavo fare il mare a s. lanka..qual è le spiaggie più belle? grazie roberta genova

Monza, Italia
post: 11
5. Re: Viaggio in Sri Lanka, agosto 2011

Buongiorno Roberto,

sto organizzando un viaggio in Sri Lanka per questo agosto e mi sono imbattuta nel tuo post.. finalmente un viaggio in bus e da sud a ovest!!!!

io pensavo di fare all'incirca il tuo stesso giro: colombo - mirissia -yala - ella - kandy - trinco e limitrofi - triangolo culturale - colombo

confesso che è la prima volta che faccio un viaggio del genere zaino in spalla e quindi sto cercando di capire come muovermi.

dove trovo tutte le informazioni relative a bus e treni?

ogni suggerimento è ben accetto!

grazie mille,

iana

Rispondi a: Viaggio in Sri Lanka, agosto 2011
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Sri Lanka.