Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

mesagne
post: 505
Recensioni: 7
Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Ciao,

ho letto diversi interventi dove viene affermato con certezza che in Thailandia è molto più conveniente prenotare direttamente in Hotel perchè costerebbe molto meno...

Io e la mia compagna (5 lunghi viaggi in Thailandia e tantissimi gli Hotel prenotati), lo smentiamo categoricamente...

Prenotando principalmente tramite Booking.com e Tripadvisor, per esempio, si risparmiano tantissimi soldi rispetto alla prenotazione effettuata direttamente in Hotel...

Secondo un nostro modestissimo parere, siamo arrivati alla conclusione che questo si verifica proprio perchè una fetta considerevole di fatturato -relativo alle prenotazioni- viene realizzata on line... grazie ai tanti siti, i portali, Booking.com, Tripadvisor, Agoda, etc.etc. si sviluppa un volume di affari incredibile!!!

Per farla breve, gli Hotel se vogliono continuare a collaborare con le varie situazioni presenti "on line" devono garantire loro, necessariamente, un prezzo più basso...

Noi abbiamo voluto verificare di persona e abbiamo "sperimentato" più volte quanto segue: una volta a destinazione, nel momento in cui ci è piaciuto particolarmente un Hotel, siamo entrati e ci siamo informati in merito ai costi... decisamente più alti rispetto per esempio ai costi di Booking.com e di Tripadvisor... A questo punto, con un espediente, abbiamo raggirato l'ostacolo: siamo usciti dall'hotel, abbiamo raggiunto la postazione internet più vicina e abbiamo prenotato "on line" .....

A voi le conclusioni.

Waldshut-Tiengen
Esperto locale
di Nuova Zelanda, Trasferirsi all'estero
post: 4.609
1. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Giuseppe, stai dando un'informazione errata. TripAdvisor NON è un portale di prenotazioni online; ospita siti di prenotazione ed ha partner commerciali, ma non offre tale servizio in prima persona! Cioè tu non puoi prenotare una vacanza con TripAdvisor in nessun caso e per nessuna località! Semmai puoi prenotare tramite uno dei portali o siti partner. Credo sia opportuno puntualizzare quest'aspetto.

Detto questo concordo che ormai la fetta di fatturato che deriva dalle prenotazioni online è sempre maggiore, ma non dimenticare che le commissioni pagate ai portali di prenotazione sono alte, quasi alla pari con quelle che le strutture pagano ai tour operator, e nettamente più alte rispetto a quelle delle agenzie di viaggi, quindi è una scelta che le strutture fanno per avere visibilità che altrimenti si sognerebbero, ma ogni hotel sarebbe più felice di non dover pagare commissioni!

Se un hotel deve ad esempio dare una commissione del 20% a Booking (e non può avere un prezzo su Booking più alto di quello da listino del proprio sito da contratto), ne deriva che il cliente paga 100, Booking incassa 20, l'albergo 80. Se il cliente prenota direttamente, l'albergo può scegliere di far pagare al cliente 90 e ha un margine più alto comunque. Il motivo che spinge le strutture ad essere presenti sui portali, secondo me è la visibilità, che non avrebbero se dovessero promuoversi da soli, magari investendo in indicizzazione. Per questo credo che in molti hotel decidano di stipulare contratti con portali di prenotazione e riservare delle camere alla vendita online perchè hanno visibilità che altrimenti si sognerebbero. Non conosco la realtà alberghiera thailandese, ma in generale questa è la mia opinione.

mesagne
post: 505
Recensioni: 7
2. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Ciao,

innanzi tutto volevo sottolinearti che so benissimo chi è Tripadvisor e come funziona... Non ho infatti parlato di "portale" per definirlo, mi ero solo limitato a degli esempi per dare l'idea delle potenzialità che offre la rete e tutti i partner commerciali ad essa collegati...

Detto questo, non capisco assolutamente quando parli di commissioni... dici tante cose che esulano da quanto da me precedentemente affermato, ossia che c'è un risparmio notevole da parte del cliente prenotando tramite i partner commerciali presenti on line e non direttamente tramite il sito dell'Hotel o in sede...

Condivido le tue riflessioni relativamente alla visibilità e all'ottima indicizzazione che garantiscono determinati partner commerciali (non ne avevo parlato perchè ritenevo ovvio e scontato tutto ciò...), a questo punto mi riaggancio ad una tua affermazione: "quindi è una scelta che le strutture fanno per avere visibilità che altrimenti si sognerebbero, ma ogni Hotel sarebbe più felice di non dover pagare commissioni!"

Hai detto niente... Scusa, una domanda: secondo te, chi si posiziona con i vari motori di ricerca ai primi posti, garantendo così una visibilità eccezionale (della serie chi prima arriva meglio alloggia), è un "miracolato?!", è "fortunato?!"... o forse investe puntualmente una barca di soldi per combattere una concorrenza spietata a livello internazionale?

Io penso che sia giusto e legittimo, da parte loro, farsi pagare delle commissioni visto quello che già a priori garantiscono... a differenza dei tour operator e delle agenzie viaggi in generale (in termini appunto anche di visibilità e prestigio)...

Scusami se te lo dico ma al cliente finale (cioè noi che prenotiamo le camere per intenderci), non interessa quali siano gli accordi commerciali posti in essere tra gli Hotel e i partner presenti on line... Quello che interessa al cliente è il miglior costo possibile; esempio: se una notte in una suite per 2 persone al Prince Palace Hotel di Bangkok tramite il portale Booking.com viene a costare "l'esorbitante" cifra di € 40,00 compreso tasse, iva, colazioni intercontinentali..., mi spieghi perchè gli stessi clienti dovrebbero prenotare la stessa situazione direttamente in Hotel pagando anche il doppio?

Bene, visto che non conosci la realtà alberghiera Thailandese, ti posso assicurare che è molto ma molto più conveniente prenotare on line tramite i partner commerciali...

Per il resto, per qualsiasi altra cosa possibile e immaginabile (fatta eccezione per i voli aerei), io personalmente consiglio di "trattare" una volta sul posto... In Thailandia, infatti, contrattare è d'obbligo e, una volta sul posto, si risparmiano un sacco di soldi. Alla prossima.

Modificato: 04 novembre 2011, 22:26
mesagne
post: 505
Recensioni: 7
3. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

... scusami, ho omesso di specificare che non ho parlato di "portale DI PRENOTAZIONI ON LINE" per Tripadvisor...

Waldshut-Tiengen
Esperto locale
di Nuova Zelanda, Trasferirsi all'estero
post: 4.609
4. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Ciao, ribattevo al fatto che prenotando su portali si risparmi sempre, perchè in linea di principio può essere vero, ma non è matematico. Almeno non per come funziona Booking.com. Perchè se appunto io cliente prenoto tramite un portale e pago 100, l'albergo prende solo 80 perchè dà 20 al Portale; quindi magari preferisce vendermi una camera (chiaramente diversa da quelle che vende tramite quel Portale) con uno sconto, perchè non pagando la commissione può avere un margine diverso pur facendo a me cliente lo sconto. Quindi in questo caso il cliente risparmia.

E' chiaro che ogni albergo decide quali camere e a che prezzo di volta in volta vendere tramite Portale. Il listino prezzi fisso è quello ufficialmente esposto, ma un hotel può scegliere di abbassare le tariffe pur mantenendosi tra il minimo e il massimo comunicato all'APT l'anno precedente. Questa almeno è la mia esperienza in Italia.

Mi sembri un addetto ai lavori quindi forse mi puoi chiarire questo dubbio.

Come funziona in Thailandia? Gli alberghi hanno un'organizzazione tipo APT che richiede la comunicazione dei prezzi per l'anno successivo? I prezzi ufficiali sono "depositati" da qualche parte oppure vengono fatti i prezzi in base al mercato/cliente? Sono obbligatori i prezzi esposti?

Diciamo la stessa cosa riguardo all'essere giusto e legittimo che un portale, che rende una struttura visibile laddove sarebbe sconosciuta se non fosse presente in un portale, debba guadagnarci.

Waldshut-Tiengen
Esperto locale
di Nuova Zelanda, Trasferirsi all'estero
post: 4.609
5. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Scusa ma hai scritto

"Prenotando principalmente tramite Booking.com e Tripadvisor, per esempio, si risparmiano tantissimi soldi (...)"

e "(...) siamo entrati e ci siamo informati in merito ai costi... decisamente più alti rispetto per esempio ai costi di Booking.com e di Tripadvisor..(...)"

Beh, è a questo che mi riferivo: non puoi prenotare tramite TripAdvisor .

Agoda non lo conoscevo, ho letto che è specializzato nelle prenotazioni in Asia, ma non ho capito se il BE3, (sistema d'inserimento hotel), preveda una quota fissa di abbonamento visto che non richiede commissioni. Se c'è una quota fissa e non va a commissione forse il risparmio c'è davvero per il cliente.

Quale portale usi di più per la Thailandia? In quale hai notato una maggiore differenza di prezzo (e quindi risparmio maggiore per te come cliente) tra il prezzo ufficiale e quello online?

Madrid
post: 28
Recensioni: 26
6. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Io ho prenotato quasi tutto su agoda ed onestamente i prezzi mi sembrano assai accessibili. Su Expedia ho prenotato una stanza per una notte al Bayioke, risparmio web vs hotel è del 40% circa.

In Italia succede anche così generalmente, la prenotazione diretta in Hotel è più cara. E sono gli stessi hotel a dirtelo che per spuntare il prezzo migliore devi cercarlo sui portali online...

Questa è la mia esperienza, poi certamente ci saranno casi diametralmente opposti. Credo, ad esempio, che albergatori e portali siano legati da accordi. Se l'albergatore vuole, ad esempio, può venirvi meno in occasioni particolari, ma questo esula dalla statistica (e da latro...)

Ciao...

Sorrento
post: 98
Recensioni: 14
7. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Ragazzi, probabilmente gli hotel che hanno sui portali prezzi piu' competitivi rispetto a quanto poi chiedono per vie "dirette" scelgono di guadagnare sulla quantita'! Per le strutture piu' piccole vale il discorso disponibilita' : probabilmente se non fossero inserite in portali conosciuti in tutto il mondo, rimarrebbero nell'anonimato.

Per quanto riguarda la mia (prima!) esperienza con gli alberghi thailandesi,prima di prenotare su Agoda.com ho contattato via mail le strutture che mi interessavano : beh,mi hanno sparato prezzi anche 5 volte maggiori rispetto a quanto riportato sul portale O.o

mesagne
post: 505
Recensioni: 7
8. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Ciao,

mi dispiace ma non sono un "addetto ai lavori" quindi non posso esserti utile in merito alle domande specifiche che mi fai sull'organizzazione alberghiera in Thailandia "tipo APT..." o di come funziona il sistema "BE3...".

Il portale che uso di più in assoluto è Booking.com; è fatto veramente molto bene, è di facile consultazione, è completo, è esauriente con un'eccellente descrizione a 360° della struttura e quant'altro, il tutto corredato da una miriade di foto che corrispondono perfettamente...e soprattutto affidabile al 100% con un risparmio, rispetto alla stessa prenotazione effettuata direttamente nello stesso periodo e nel medesimo albergo, anche del 75% ..

Guarda, non so come fartelo capire ma... in Thailandia funziona così, in altri posti nel mondo anche noi siamo riusciti a farci defalcare, direttamente in albergo, il 20% e anche di più rispetto ai costi di Booking.com ... A buoni intenditori...

P.s.: attenzione ad Agoda, inizialmente si direbbe che abbia i prezzi più vantaggiosi... peccato che poi bisogna aggiungesre es. le tasse, l'IVA, le tasse di servizio... etc.etc.; la fregatura è dietro l'angolo !!!

bologna
post: 1.501
Recensioni: 20
9. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Per mia esperienza non c'è un portale meglio dell'altro. Alle volte Agoda( ultimamente ha prezzi migliori) alle volte altri.

Ce ne sono una marea .Io, una volta scelta la sistemazione, faccio una ricerca e trovo che spessissmo i prezzzi sono diversi.

Anno scorso per Hong kong(carissima non come Bangkok!! )dopo aver letto le recensioni su Trip e scelto l'hotel l'ho prenotato con un sito inglese strappando un prezzaccio(booking lo faceva quasi il doppio!!!)

Per me non c'è regola, booking lo uso poco , stranamente quest' anno per Koh Chang ho trovato meglio lì che in altri .Il vantaggio di booking è che paghi all'arrivo e non in anticipo, puoi disdire senza penali fino all'ultimo e non è poco

mesagne
post: 505
Recensioni: 7
10. Re: Thailandia: prenotate "on line" la sistemazione alberghiera.

Ciao IliaM,

le differenze tra i portali ci sono eccome... Volevo farti notare che "Agoda" solo apparentemente ha i prezzi migliori, mi spiego meglio: in prima battuta è esattamente così, peccato che quando procedi successivamente con la prenotazione il prezzo cambia (si aggiungono infatti alltri costi come l'IVA, le tasse, etc.etc., al contrario di Booking che ci fa vedere subito il prezzo comprensivo dell'IVA, delle tasse, etc.etc.)...

Modificato: 06 novembre 2011, 19:20
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Phuket.