Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Informazioni e consigli utili

Salerno
post: 467
Informazioni e consigli utili

Hio raccolto in questo post informazioni utili per chi vuole visitare la città. Sono informazioni che sono state dette più volte in diversi topic del Forum, ma che non avevano una propria collocazione specifica.

Voglio chiarire, quindi, che la maggior parte delle info sono state date da diverse persone che hanno dato il loro contributo ad accrescere la conoscenza della città, compresi consigli, suggerimenti, ecc...

Io mi sono limitato a metterle assieme e - a volte - approfondire solo leggermente l'argomento.

Desidero pertanto ringraziare tutte le persone che hanno reso possibile questo topic, che pertanto può essere considerato frutto di tutte le persone che sono passate da qui e hanno lasciato il loro contributo. Questo stesso topic, quindi, è realizzato dall'intera comunità di TA a cui va il nostro stesso GRAZIE!

Visto che l'argomento è lungo, ecco qui un piccolo sommario

1) Documenti - Lingua - Guide -Cambi - Pagamenti

2) Trasporti: Taxi - Metro - Autrobus, Filobus e Tram - Servizio notturno - HÉV - Treni - Autobus nazionali

3) Cibi - Ristoranti - Prodotti tipici - Telefono - Elettricità

4) Polizia - Ambasciata italiana - Numeri utili - Pericoli - Siti utili

68 risposte su questo argomento
Salerno
post: 467
1. Re: Informazioni e consigli utili

DOCUMENTI: Basta la semplice carta di identità valida per l'espatrio. Attenzione alla scadenza. Potreste avere la sorpresa che vi venga rifiutato l'imbarco in aereo. Portatevi sempre la Tessera Sanitaria (quella in plastica, per capirci) che ha anche il vantaggio di avere il Codice Fiscale.

 

LINGUA: La lingua ufficiale è l'ungherese, ma molto comune è l'inglese che non solo viene parlato correntemente in tutte le strutture turistiche, alberghiere e di ristorazione, ma spessissimo anche in semplici negozi o anche semplicemente per strada se avete bisogno di un'informazione (a me è capitato di parlare in inglese anche con il conducente di un autobus). Altre lingue usate sono il russo (che fino alla caduta del muro di Berlino era insegnato obbligatoriamente nelle scuole) e il tedesco. L'italiano comincia a prendere piede e può capitare di incontrare persone che lo parlano, ma non è comunque la regolarità. Menu, guide e audioguide nei musei, cartelli informativi e più in generale ogni tipo di materiale informativo sono quasi sempre in inglese. A volte capita di trovarlo anche in italiano.

GUIDE E DEPLIANT: In aeroporto, nelle stazioni principali, negli alberghi e in giro per la città troverete diversi punti informazioni dove offrono gratuitamente tali materiali in diverse lingue, compreso l'italiano.

CAMBI: All'aeroporto trovate subito un piccolo ufficio cambio. Come in tutti gli aeroporti del mondo, il cambio non è per niente favorevole e il cambio viene effettuato con una perdita del 15-20% rispetto agli altri uffici di cambio. Se non avete alternative e avete immediato bisogno di contante locale, cambiate il minimo che vi serve per raggiungere il centro.

In centro gli uffici di cambio ufficiali sono molto comuni e numerosi. Proprio per questo motivo fanno cambi che possono cambiare di pochissimi fiorini tra l'uno e l'altro. Ad ogni modo già all'esterno di tali uffici è sempre ben visibile il tasso di cambio (sia di vendita che di acquisto), quindi per tranquillità guardate bene il controvalore che vi offrono prima di entrare. Per mia esperienza, comunque, posso dire che non si rischiano fregature: non aggiungono alcuna commissione e i cambi sono molto onesti.

Anche la maggior parte degli hotel sono abilitati ad effettuare cambi, ma di solito offrono tassi peggiori degli uffici sulle strade. Anche loro, comunque, sono tenuti a mostrare il tasso.

Molto comuni sono anche sportelli bancomat (se ne trovano già nell'aeroporto) anche di istituti italiani (Intesa e Unicredit). Troverete cartelli indicativi che li pubblicizzano in tutte le maggiori strade e piazze del centro e nelle stazioni delle metro. Accertatevi che il vostro bancomat sia abilitato per l'estero (circuiti Cirrus o Maestro). Naturalmente il prezzo della commissione dipende dal vostro bancomat. Di solito il cambio è quello ufficiale, ma c'è una piccola commissione dell'1-3%, ma poi ci possono essere costi fissi che – appunto – dipendono dal vostro contratto bancario.

Assolutamente non accettate cambi per strada da sconosciuti! Oltre a poter subire una truffa con banconote false, è assolutamente illegale! Questo è un fenomeno ormai desueto a Budapest, ma è meglio ricordarlo!

PAGAMENTI: Normalmente negli esercizi non vengono accettati euro e i prezzi sono solo in fiorini. In alcuni negozi e ristoranti però sono esposti anche i prezzi in euro e accettano questa valuta. Se possibile, però, comprate con i fiorini. Di solito questi prezzi sono approssimati o arrotondati nel cambio. Non possiamo parlare di truffa, ma comunque è un peccato perdere qualche euro per questo.

Salerno
post: 467
2. Re: Informazioni e consigli utili

TRASPORTI

La città è molto grande e le attrazioni turistiche sono sparpagliate in almeno 6 o 7 diverse circoscrizioni. Pertanto diventa obbligatorio muoversi con i trasporti locali. Personalmente preferisco fare l'abbonamento ai trasporti BKV (l'azienda dei trasporti pubblici di Budapest) che permette l'utilizzo di metro, autobus, tram, filovie e HÉV (treno suburbano, cioè una sorta di metropolitana leggera) fino ai confini amministratici comunali. Ci sono biglietti di viaggio di diverse durate: 24 ore, 72 ore, 7 giorni, 14 giorni e 1 mese. I loro prezzi “crollano” sensibilmente con l'aumento della durata, per cui può capitare che (ad esempio) se state 5 giorni, vi conviene fare il biglietto da 7 giorni.

Attenzione: Con la Budapest card, non c'è bisogno di fare questo abbonamento. E' già compreso.

Il sito della BKV: http://www.bkv.hu/en/

TAXI: Sono moltissime le compagnie di taxi a Budapest. Sono ben riconoscibili anche perchè sugli sportelli è ben evidente il numero di telefono della centrale a 7 cifre.

Occorre tenere presente che: 1) Dopo le 23 c'è un sovrapprezzo del 40% 2) E' di uso comune lasciare il 10% di mancia al tassista 3) Se si ferma un taxi per strada il prezzo aumenta.

Per quest'ultimo motivo conviene sempre chiamare la centrale della compagnia (di norma i centralinisti parlano inglese).

Ecco alcune compagnie (lista assolutamente non esaustiva) con i numeri di telefono

Főtaxi: 222-2222

City Taxi: 211-1111

Rádiótaxi: 377-7777

Tele 5 Taxi: 355-5555

Taxi 2000: 200-0000

Per chiamarli, al numero di telefono, occorre aggiungere il prefisso internazionale se usate il vostro cellulare (+36) e il prefisso di Budapest (1).

Così per chiamare la prima, per esempio, bisogna digitare +3612222222

METRO. Le linee metro a Budapest sono 3 che sulla mappa formano una sorta di asterisco e si incrociano tutte nella stazione di Deák Ferenc tér. Sono caratterizzate da un numero e un colore.

Linea 1 (gialla): Va dalla centralissima Vörösmarty tér a Mexikói út (appena al di fuori del parco del Városliget). E' la più piccola e la più antica ed è un vero gioiellino da visitare come una vera attrazione turistica, sia per le piccole stazioncine che per gli stessi vagoni. Corre appena pochi metri sotto Andrássy út ed è molto utile per visitare questa bellissima strada patrimonio dell'umanità per l'Unesco. Da prendere per raggiungere l'Opera, Oktogon, Piazza degli Eroi e il Városliget.

Linea 2 (rossa): Si muove in direzione est/ovest ed è l'unica che passando sotto il Danubio raggiunge Buda. Va da Déli pályaudvar a Örs vezér tere e in larga parte corre sotto Rákóczi út. Da prendere per raggiungere Buda, il Parlamento, la stessa Rákóczi út, la stazione Keleti, lo stadio Puskás Ferenc e per poter raggiungere le linee HÉV che portano a Óbuda e Szentendre (da Batthyány tér) e Gödöllő e Csömör (da Örs vezér tere).

Linea 3 (blu): Si muove in direzione nord-sud da Kőbánya-Kispest a Újpest-Központ. E' quella che si prende per raggiungere il centro dall'aeroporto (ma non arriva fino all'aeroporto) e attraversa completamente il V distretto. Per raggiungere il Ponte della Libertà (e quindi i piedi della collina Gellért), Ferenciek tere, la Basilica di Santo Stefano, la stazione Nyugati, il ponte Árpád.

Attualmente è in costruzione la linea 4 (verde) della metro che taglia in diagonale la città dalla stazione Keleti (dove si incrocia con la linea rossa) fino alla stazione Kelenföldi, passando sotto al Danubio.

AUTOBUS, FILOBUS E TRAM: La rete è piuttosto complessa e copre davvero tutta la città. Per una consultazione dei mezzi e degli orari, vi rimando al sito della BKV. Una nota di merito va senz'altro al tram n. 2 che costeggia il Danubio dal lato di Pest a partire dal Ponte della Libertà fino al Ponte delle Catene ed è sicuramente un belvedere.

http://www.bkv.hu/en/

SERVIZIO NOTTURNO: Di notte tutti i trasporti pubblici vengono sospesi. Entrano in funzione solo alcuni autobus che svolgono appunto servizio notturno. Sono caratterizzati da un numero a 3 cifre che comincia con 9 (da 901 a 999) e alle fermate i loro orari sono bordati di nero. Per tratte ed orari, vedere sempre il sito precedente.

HÉV: E' un treno suburbano che collega la città a cittadine della provincia. E' formata da 5 linee.

Linea 5: Da Batthyány tér arriva fino a Szentendre (utile per raggiungere Aquincum e Obuda)

Linea 6: Da Vágóhíd a Ráckeve (estremità meridionale dell'isola Csepel)

Linea 7: Da Boráros tér a Csepel

Linea 8: Da Örs vezér tere a Gödöllő

Linea 9: Da Örs vezér tere a Csömör

Le ultime due hanno il primo tratto di strada in comune, fino alla stazione di Cinkota.

TRENI: Ovviamente da Budapest partono treni per tutto il paese e quindi per raggiungere qualunque parte dell'Ungheria probabilmente sui deve passare per la capitale. Sono diverse le stazioni ferroviarie della città, ma le più importanti si possono limitare a 3.

Déli pályaudvar (stazione meridionale): si trova a Buda, alle spalle della Collina del Castello e si raggiunge con la metro rossa di cui è anche capolinea. Da qui partono i treni verso l'ovest del paese.

Keleti pályaudvar (stazione orientale): si trova all'estremità orientale di Rákóczi út e si raggiunge con la metro rossa. Principalmente usata per le linee internazionali.

Nyugati pályaudvar (stazione occidentale): si trova a nord, alla fine di Bajcsy-Zsilinszky út e si raggiunge con la metro blu. Da qui partono soprattutto i treni per la zona orientale dell'Ungheria.

La compagnia nazionale di trasporto ferroviario è la Magyar Államvasutak (abbreviato MÁV) http://www.mav.hu/

AUTOBUS NAZIONALI: Oltre ai treni si possono raggiungere le zone interne del Paese usando autobus a lunga percorrenza. La maggiore compagnia che svolge questo compito è la Volánbusz http://www.volanbusz.hu/ che offre anche diversi autobus internazionali. Ci sono diverse stazioni capolinea di questa compagnia. Le più importanti sono Árpád híd aut. pu. , raggiungibile con la metro blu e la Stadion aut. pu. , raggiungibile con la metro rossa alla fermata Puskás Ferenc Stadion.

Salerno
post: 467
3. Re: Informazioni e consigli utili

CIBI: Il tipico pasto ungherese è formato da un primo piatto (elõétel) di solito costituito da da una zuppa (leves) di carne o verdura, un piatto principale (fõétel) di solito a base di carne e un dessert.

Tra i primi piatti più noti nominiamo il gulyásleves (nota da noi come gulash, ma in realtà diversa, perchè – appunto – una vera e propria zuppa), halaszleves (zuppa di pesce), bableves (zuppa di fagioli. Sui secondi c'è una grandissima varietà, dovuta soprattutto all'abbondanza di allevamenti delle loro praterie. Così abbiamo manzo (soprattutto il manzo grigio, specie autoctona), anatra (di cui si consumano anche le uova), oca (di cui viene utilizzato il prelibatissimo fegato), pesce di solito di grosse dimensioni (pescato rigorosamente nel Balaton), come il luccioperca. Di solito questi piatti viene forniti con “galuska”, una sorta di gnocchetti stracotti che vengono usati per accompagnare le pietanze come il pane. Prodotto tipico è la paprika (peperone) che viene usata sia come spezia che come pietanza vera e propria. Contrariamente a quanto pensiamo, non è detto che sia piccante, ma può anche essere dolce. Così per evitare sorprese conviene sempre accertarsi se la paprika è dolce (édes paprika) o piccante (erös paprika).

La pasticceria ungherese è famosa e si avvicina molto a quella austriaca di cui ha subito l'inflenza. I dolci tipicamente ungheresi sono la torta Dobos e la “Gundel palacsinta”, una crêpe con noci, cannella, crema di cioccolato e rum che viene servito flambè.

Come bevande, ci sono birre nazionali (Soproni e Dreher tra le altre), vini (famoso il Bikavér di Eger e celeberrimo il liquoroso Tokaji Aszú). Altri prodotti tipici l'amaro Unicum e la Pálinka (un distillato di frutta di 40 gradi).

RISTORANTI: Oltre i ristoranti tradizionali ungheresi, troverete qualunque tipo di cucina: dal ristorante italiano, al cinese, al giapponese, all'indiano, al vegetariano, all'internazionale). Data l'antica tradizione ebraica della città c'è anche abbondanza di ristoranti Kosher. Ovviamente non mancano fast food dei famosi marchi americani.

Tornando ai ristoranti ungheresi, capita sovente che il pranzo sia accompagnato da musica zigana. La tradizione vuole che le posate siano fornite a parte in base a quello che ordinate e che vi vengono portate a tavola in un cestino da cui dovete servirvi voi stessi.

Fino a pochi anni fa, il servizio non rientrava tra le voci del conto. Così era buona norma lasciare una mancia al cameriere intorno al 10-15% del conto stesso. Adesso è sempre più comune che quella voce sia riportata nel conto. A volte è il cameriere stesso che fa notare che non è segnato il servizio: un modo di far capire che si aspetta la mancia.

PRODOTTI TIPICI: Alcuni li abbiamo già detti: paprika, patè di fegato d'oca, pálinka sono vendute anche nei negozi di souvenir in confezioni alquanto fantasiose. A queste sugli alimentari aggiungo gli insaccati, che qui raggiungono le più alte vette di fantasia: carni speziate, affumicate, scottate. C'è veramente di tutto, con sapori che a volte tendono ad essere anche abbastanza aggressivi. Tra questi, sicuramente il più noto è il salame ungherese. Ricordate sempre di accertarvi se è dolce o salato.

Altri prodotti sono uova di porcellana o ceramica colorati e ornati in molti modi, ma anche vere uova (di anatra o di gallina) intagliate, forate, intarsiate e ornate con lavori di cesello di una delicatezza incredibile (confesso che ogni volta ne voglio prendere qualcuna, ma ho i terrore di distruggerle nel viaggio di ritorno). Ceramiche e porcellane rientrano nella tradizione ungherese, soprattutto dei marchi Zsolnay ed Herend o la ceramica nera di Nádudvar. Ma anche i merletti e i ricami provenienti dall'immensa provincia ungherese (Kalocsa e Matyo su tutti) e i tessuti di Sarköz. Ovviamente non mancano mercatini, bancarelle e negozietti che vendono i più comuni e globalizzati oggetti di souvenir, dalla maglietta alla tazza, dal soprammobile al portachiavi. I luoghi simboli per questi acquisti sono Váci utca e il caratteristico Mercato Centrale Coperto su Vámház körút nei pressi del Ponte della Libertà.

TELEFONO: A Budapest c'è la totale copertura per tutte le compagnie italiane per i cellulari. Per chiamare in Italia occorre fare il prefisso +39. Per telefonare ad un telefono ungherese dall'Italia occorre fare il +36. Il prefisso di Budapest è 1. Le tariffe dipendono dal vostro fornitore e dal vostro contratto. Informatevi prima sui costi, ma sono gli stessi costi che valgono per tutta l'Europa, con cui paga anche chi riceve la telefonata.

ELETTRICITA': E' la stessa italiana (220 Volt/50Hz), quindi tutti gli elettrodomestici italiani funzionano anche a Budapest. Qualche problema può esserci per le prese. Gli ungheresi utilizzano esclusivamente la presa tipo F (che sono quelle con i fori un po' più grandi e senza foro centrale). I nostri apparecchi, invece, spesso hanno spine di tipo C (vecchio tipo) o L, che hanno i cilindretti più piccoli con 2 o 3 poli. Come regolarvi? E' molto semplice. Se la spina ha due poli (come nel caso di un caricabatteria per cellulari, per esempio), si adatta abbastanza bene alla presa ungherese. Se la spina ha 3 poli, avete assolutamente bisogno di un adattatore. Per spiegare quello che vi serve dite che dovete andare in Germania. Il venditore capirà immediatamente!

Salerno
post: 467
4. Re: Informazioni e consigli utili

POLIZIA: Esiste un unico corpo di polizia civile che si occupa un po' di tutto, dal traffico alla sicurezza. Si chiama “rendőrség“, mentre il singolo poliziotto si chiama “rendőr”. Le loro auto sono contrassegnate da questa scritta e gli agenti hanno sulla divisa uno stemma tricolore con una e hanno comunque la scritta in due lingue “rendőrség / police”. In estate in pieno centro capita che ad essi sia associato un interprete.

AMBASCIATA ITALIANA: si trova al numero 95 di Stefánia út, nei pressi del lato sudoccidentale del Városliget. Questo il sito: www.ambbudapest.esteri.it/Ambasciata_Budapest

NUMERI UTILI

Polizia: 112 o 107 (al primo dovrebbe rispondere un operatore che parla inglese)

Ambulanza: 104

Pompieri: 105

Ambasciata italiana: +36 1 4606201

PERICOLI: Budapest non si caratterizza per una grossa criminalità. Alcuni distretti periferici sono un po' più critici, ma non avete nessuna ragione per recarvici. Le raccomandazioni sono quelle che valgono in tutte le parti del mondo: non lasciate borse incustodite, occhio a borsa e portafogli nei luoghi affollati, non fate sfoggio di ricchezze o beni di valore. Se andate con un'auto, lasciatela in parcheggi custoditi (anche perchè trovare parcheggio in città è difficilissimo). Fatevi una fotocopia della carta di identità (ed eventualmente del passaporto) da lasciare in camera o in appartamento per evitare problemi in caso di furto o smarrimento.

In alcuni locali può capitare che il conto sia un po' gonfiato rispetto al menu o che „sbaglino” a darvi il resto. Attenzione: può capitare, ma non significa che è la normalità! In questo caso, fate notare con gentilezza che c'è stato un errore. Di solito la cosa viene aggiustata molto velocemente e con mille scuse (a me stesso è capitato).

L'unico vera stonatura su cui soffermarsi è data da alcune adescatrici nei luoghi più turistici (in particolare su Váci utca). Si avvicinano a ragazzi e dopo avere attaccato bottone li invitano a bere qualcosa. Li portano in un locale „amico” dove alla fine viene fornito un conto sproporzionato. Se poi non si paga, partono minacce e brutte maniere. A volte sono uomini che si avvicinano ai malcapitati e li convincono che in un particolare locale ci sono donne disponibili e l'epilogo è lo stesso.

Voglio tranquillizzare le coppie. Io viaggio sempre con la mia compagna e non si sono mai neppure avvicinate/i. Il loro target è ben preciso: gruppi di ragazzi giovani (e possibilmente italiani!!!!).

SITI UTILI:

Prima di partire consultate sempre il sito „viaggiaresicuri” della Unità di crisi del nostro Ministero degli Esteri. Vengono segnalati casi di pericolo, particolari avvisi di allerta o semplici comunicazioni per chi viaggia. Questa è il link diretto alla pagina degli avvisi per l'Ungheria:

www.viaggiaresicuri.it/index.php…

Sempre dell'Unità di crisi è questo sito, in cui vi consiglio di registrarvi prima di ogni viaggio. Se ci dovessero essere pericoli, calamità o qualunque altro problema grave, potete essere contattati direttamente dalla nostra ambasciata:

https://www.dovesiamonelmondo.it/?1

Milano, Italia
post: 751
Recensioni: 41
5. Re: Informazioni e consigli utili

ma sei il mio nuovo mito!

Complimenti e grazie! :-)

Padova, Italia
post: 38
Recensioni: 7
6. Re: Informazioni e consigli utili

una bomba!!!

Roma, Italia
post: 22
7. Re: Informazioni e consigli utili

ottime info davvero!

Casatenovo, Italia
post: 13
Recensioni: 1
8. Re: Informazioni e consigli utili

Ciao a tutti, per quanto riguarda il cambio, non è meglio acquistare i fiorini dalla propria banca prima di partire?

Milano, Italia
post: 751
Recensioni: 41
9. Re: Informazioni e consigli utili

no trablo. Il cambio è sfavorevole. Almeno...quando volevo farlo io me l'hanno sconsigliato nella mia stessa banca ;-)

Salerno, Italia
post: 201
Recensioni: 21
10. Re: Informazioni e consigli utili

Concordo pienamente con Luas. Cambiare in Italia è sconvenientissimo. Così come lo è cambiare all'aeroporto di Budapest dove ti conviene cambiare il minimo indispensabile. Per il resto segui le indicazioni al primo post di questa Faq e non avrai problemi

Rispondi a: Informazioni e consigli utili
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Budapest.