Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Edifici storici, monumenti, chiese

Salerno
post: 467
Edifici storici, monumenti, chiese

Vediamo in questa discussione quei luoghi di Budapest che hanno una rilevanza storica per il Paese.

CASTELLO DI BUDA

(Budavári Palota)

Posizione: A Buda, sulla collina che si affaccia sul Danubio, nel Distretto del Castello.

Come raggiungerlo: Autobus 16, 16A, 116 (Fermata Dìsz Tér) ; Funicolare (Budavári Sikló) da Clark Ádám tér ; da questa piazza si può raggiungere anche il Palazzo reale a piedi attraverso la “Kemal Atatürk Sétány”, una passeggiata lungo le pendici della collina lunga circa 700 metri.

Note storiche: Noto anche come “Palazzo Reale”, è stato il simbolo del potere (e delle dominazioni straniere) in Ungheria fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Qui hanno soggiornato i vari Re ungheresi, i dominatori turchi ed è stata la sede militare dei nazisti tedeschi. In ogni epoca, quando una guerra, una battaglia, un assedio ha colpito la città, è stato il palazzo più colpito. Fino ai bombardamenti del 1944/45 da parte dell'Armata Rossa i cui bombardamenti ridussero l'edificio ad un cumulo di rovine. Dopo la fine della guerra il Castello fu ricostruito e l'opera di di ristrutturazione terminò nel 1966, ma delle ricchezze e i fasti interni, quali lampadari, mobili, arredi e opere d'arte ormai non è rimasto più nulla.

Descrizione: Il castello è costituito da 5 ali ed è sormontato da una cupola. La facciata principale (facciata Hillebrandt) è in stile Rococò. Le grandi sale adesso sono occupate da enti di pubblico interesse: La Galleria nazionale, il Museo storico di Budapest e la biblioteca Széchényi. Nel Museo storico è possibile visitare la parte più antica del castello con architetture medioevale e gotica.

Intorno al palazzo si possono ammirare diverse statue, tra cui la statua equestre di Eugenio di Savoia davanti all'ingresso principale e una bellissima fontana adornata da moltissime figure (il Pozzo di Mattia) nel cortile esterno. Degni di nota i due cortili: quello interno (detto cortile dei leoni dove in estate si svolgono tantissime manifestazioni interessanti) e quello esterno (cortile Hunyad). Infine il bellissimo panorama sulla città che si gode dall'ingresso principale del Castello.

Apertura: I due musei sono chiusi il lunedì, mentre è sempre possibile visitare gli esterni della struttura.

Note: In estate nel cortile dei leoni si svolgono diversi spettacoli e manifestazioni, dalla Moda all'artigianato, da spettacoli equestri a manifestazioni di folclore tradizionale.

PARLAMENTO

(Országház oppure Parlament)

Posizione: In Kossuth Lajos tér nel distretto V.

Come raggiungerlo: Metro rossa (fermata “ Kossuth Lajos tér”) - Tram 2 e 2A (fermata “Szalay utca”).

Note storiche: Fu terminato nel 1904 e la sua magnificenza doveva servire a sottolineare l'avvenuta e indipendenza inseguita per tanti secoli da questo popolo. Per questo motivo l'edificio ha un significato simbolico che va ben oltre la rappresentanza politica ed istituzionale. Esso rappresenta a tutti gli effetti l'indipendenza degli ungheresi. Per lo stesso motivo all'interno della struttura è conservata la Corona di Santo Stefano, un altro simbolo di altissimo valore nazionale.

Descrizione: Lo stile è neogotico ed è sormontato da una cupola alta 96 metri (altro numero dal forte significato simbolico nazionale). Un po' di numeri: l'edificio è lungo 268 metri x 123 metri di larghezza, per una superficie totale di 18.000 metri quadri. All'esterno ci sono 90 sculture e all'interno oltre 150. Presenta 10 cortili e 27 ingressi.

In una sala è conservata sotto teca la corona ungherese, a guardia della quale ci sono costantemente due soldati e un ufficiale.

Visite: E' possibile visitare il Parlamento con visite guidate in diverse lingue. Per i cittadini dell'Unione Europea la visita è completamente gratuita, ma occorre procurarsi il biglietto che si può avere al gate X dello stesso parlamento dalle 8 di mattina.

Gli orari “ufficiali” dei tour in lingua italiana sono alle 11.30 e alle 16.00 dal lun al sab e alle 12.15 la domenica (da maggio a settembre alle 11.30). Questi orari sono però suscettibili di forti variazioni in funzione degli impegni istituzionali, quindi di fatto l'orario di visita vi verrà detto solo al momento in cui prenderete il biglietto (in teoria è possibile prenotare via e-mail i biglietti, ma ho sentito più persone che non sono riuscite ad ottenere alcun biglietto in questo modo).

Note: I controlli all'ingresso sono molto rigidi: sarete obbligati a passare attraverso un metal detector. E' consentito fotografare e riprendere ogni parte dell'edificio, con eccezione della zona dei controlli. Nella sala della corona è assolutamente vietato usare il flash.

Siti:

Sito ufficiale (EN): http://www.parlament.hu/angol/angol.htm

Per i turisti (EN): http://www.parlament.hu/angol/eng/leiras.htm

Per le visite guidate (EN): www.parlament.hu/angol/eng/tajekoztato.htm

MONUMENTO DEL MILLENARIO

(Millenniumi emlékmű)

Posizione: Al centro di Piazza degli Eroi ( Hősök tere)

Come raggiungerlo: Metro gialla (fermata “Hősök tere“) - Autobus 20, 30 e 105 – Filobus 75 e 79

Descrizione: Due colonnati curvi, una colonna e un cenotafio.

Ogni colonnato ospita 7 statue di personaggi storici, politici e condottieri ungheresi. Al di sopra dei colonnati due carri che rappresentano la pace e la guerra.

La colonna è alta 36 metri e mostra l'arcangelo Gabriele che tiene in mano la Corona di santo Stefano e la croce papale. Alla base della colonna sono rappresentati i 7 capi tribù magiari a cavallo che occuparono la valle del Danubio. La figura centrale è Árpád, il fondatore dell'Ungheria.

Il cenotafio è dedicato a tutti gli eroi che hanno dato la vita per l'Ungheria.

Note storiche: La costruzione del monumento iniziò nel 1896 (celebrazioni per i 1000 anni dalla nascita dell'Ungheria) e terminò nel 1929.

Il luogo ha un altissimo potere simbolico e rappresenta la storia stessa dell'Ungheria. Da quando esiste è qui che gli ungheresi si sono ritrovarti nei momenti più difficili della loro storia recente. Proprio per questo forte significato nazionale, il monumento è stato anche trasformato durante l'influenza sovietica durante il quale - ad esempio – si aggiunse la ben nota stella rossa simbolo dell'esercito sovietico. Con la caduta del muro di Berlino e la completa indipendenza ungherese questo simbolo fu rimosso.

CHIESA DI MATTIA

(Mátyás templom)

Posizione: A Buda, nel distretto I su piazza della Santa Trinità (Szentháromság tér)

Come raggiungerlo: Autobus 16, 16A, 116 (fermata “Szentháromság tér“)

Note storiche: Il vero nome è “Chiesa di Nostra Signora”, ma è nota con questo nome perchè il Re Mattia Corvino la portò al massimo splendore e la elesse a chiesa della famiglia reale (infatti a quell'epoca solo i nobili potevano frequentarla, mentre al popolo era riservata la non distante Chiesa di Maria Maddalena di cui adesso restano solo poche tracce.

La sua prima costruzione avvenne nel XIII secolo (anche se ci sono tracce risalenti anche all'XI secolo) grazie a Re Béla IV, ma nel corso dei secoli gli eventi storici hanno portato alla sua distruzione più volte, l'ultima delle quali risale ai bombardamenti della seconda guerra mondiale e a diverse ricostruzioni (come la trasformazione in Moschea durante l'occupazione turca).

Alcuni momenti storici importanti sono stati celebrati in questa chiesa, come ad esempio l'incoronazione di Francesco Giuseppe.

Descrizione: Due gli aspetti che la rendono immediatamente riconoscibile:

- le due torri campanarie di stile completamente diverso: una bassa in stile romanico (torre di Béla) e una alta e gotica (torre di Mattia).

- il tetto in stile Art Nouveau (o stile secessionista per gli ungheresi) di tegole policrome di ceramica.

L'interno è ornato da disegni geometrici e figure vegetali (probabilmente un “ricordo” del suo passato come moschea). L'altare è un particolarissimo trittico ligneo e in una delle cappelle laterali sono conservate le spoglie di Re Béla III e sua moglie. Di particolare interesse le vetrate colorate.

Visite: Lun-Ven: 9.00-17.00. Sab: 9.00-13.00. Dom: 13.00-17.00. Occorre pagare un biglietto di ingresso del costo di 990 ft (dicembre 2011) ed è disponibile una audioguida in italiano.

Sito (EN): http://www.matyas-templom.hu/eng/index1.html

BASTIONE DEI PESCATORI

(Halászbástya)

Posizione: A Buda, nel distretto I alle spalle della Chiesa di Mattia

Come raggiungerlo: Autobus 16, 16A, 116 (fermata “Szentháromság tér“).

Descrizione: E' una cinta muraria ornamentale unita da 7 torri (rappresentanti le 7 tribù magiare) in stile neogotico e neoromanico in pietra bianca. Da questo monumento si gode uno dei più bei panorami sulla città. All'interno del bastione e lungo la passeggiata panoramica c'è un caffè/ristorante.

Note storiche: Fu costruito tra il 1895 e il 1902 da Frigyes Schulek e ricorda la Corporazione dei Pescatori a cui nel medioevo era affidata la difesa di questa zona della città. Durante la seconda guerra mondiale fu parzialmente abbattuta dai bombardamenti e la sua ricostruzione/restauro fu affidata al figlio János Schulek che terminò il restauro nel 1948.

Visite: In estate ad una parte del bastione si accede solo dietro acquisto di un biglietto di accesso, mentre una parte è libera. Il biglietto è un modo di raccogliere fondi per il restauro (tuttora in corso d'opera) dello stesso bastione (2011).

37 risposte su questo argomento
Salerno
post: 467
1. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

BASILICA DI SANTO STEFANO

(Szent István Bazilika)

Posizione: Pest, V distretto, in Hercegprímás utca 7. Affaccia praticamente su Szent István tér.

Come raggiungerla: Metro blu (fermata “Arany János utca” - Metro gialla (fermata “Bajcsy-Zsilinszky út”) - Tutte le metro (fermata “Deák Ferenc tér”)

Note storiche: La chiesa fu iniziata nel 1851, ma il crollo della cupola avvenuta nel 1861 fece sì che si dovette abbattere quanto fatto fino a quel momento e ricominciare tutto da zero e la chiesa potette aprire i battenti solo nel 1905.

Nel 1944 i tedeschi portarono via la campana per usarne il bronzo a scopi militari, ma nel 1990 il governo tedesco come forma di ringraziamento del ruolo giocato dall'Ungheria nella riunificazione della Germania, donò l'attuale campana della torre destra. Attualmente con i suoi 9250 kg è la più grande campana d'Ungheria.

Descrizione: La chiesa è a croce greca. La Cupola centrale ha l'altezza di 96 metri, pari a quella del parlamento. Interessanti e molto ricchi i mosaici interni, l'organo e l'altare sovrastato da una statua di marmo bianco di Santo Stefano (primo Re d'Ungheria), in un atteggiamento molto regale e austero. L'esterno dell'abside riporta un colonnato dove sono riportate le statue dei 12 apostoli, mentre le statue dei 4 evangelisti ornano la cupola.

Visite: L'ingresso alla chiesa è gratuita, mentre occorre pagare un biglietto per la cripta o per la cupola (accesso chiuso di inverno), che è l'unico punto panoramico di Pest.

Note: Durante tutto l'anno si svolgono concerti di musica classica e sacra.

Sito (HU): http://bazilika.biz/

CASTELLO DI VAJDAHUNYAD

(Vajdahunyad vára)

Posizione: All'interno del Városliget (il parco cittadino di Budapest).

Come raggiungerlo: Metro gialla (fermata “Széchenyi fürdő”)

Descrizione: Un castello che ha la caratteristica di avere ogni ala costruita riprende in un diverso stile architettonico (romanico, rinascimentale, gotico e barocco). Tutt'intorno allo stesso castello c'è un laghetto, per cui si accede alla attraverso un ponticello che ricorda un ponte levatoio.

Note storiche: Il castello fu costruito nel 1896 per la “Mostra Millenaria” ed era costruito in cartone e legno, poiché doveva essere abbattuto subito dopo la stessa manifestazione, ma ebbe un tale successo che fu ricostruito in pietra e mattoni nel 1906.

Visite: L'interno del Castello ospita il museo dell'agricoltura (chiuso il lunedì). All'esterno, di fronte all'ingresso principale si può ammirare la statua dell' Anonymus, il primo storico ufficiale ungherese che tracciò una storia di Ungheria nel XII secolo e di cui si è perso il nome. La tradizione popolare vuole che toccare la penna che stringe nella mano porti ispirazione agli scrittori.

Nel cortile è anche presente una piccola chiesetta, chiamata cappella di Ják, perchè il suo elaborato portale è la copia di quello dell'Abbazia benedettina di Ják, un paesino che si trova ai confini con l'Austria.

Sempre nel cortile c'è anche un ristorante denominato proprio “Anonymus”.

GRANDE SINAGOGA

(Dohány utcai zsinagóga o Nagy zsinagóga)

Posizione: Pest, VII distretto, in Dohány utca 2.

Come raggiungerla: Tutte le metro (fermata “Deák Ferenc tér”) - Metro rossa (fermata “Astoria”) - Filobus nr. 74 (fermata “Károly körút”)

Note storiche: La costruzione in stile moresco terminò nel 1859 ed è la più grande sinagoga d'Europa. E' stato il luogo-simbolo dell'antisemitismo ungherese, in quanto il ghetto ebraico si è andato via via stringendo intorno alla stessa sinagoga. Significativo, infatti, è che accanto alla chiesa vi è un cimitero (cosa rarissima per la fede ebraica) in cui le tombe sono tutte risalenti agli ultimi anni di guerra, poiché in quegli anni agli ebrei era fatto divieto di uscire dal ghetto anche per seppellire i morti.

A questo luogo è anche associato il nome si Giorgio Perlasca, ricordato in una lapide nei giardini.

Descrizione: Come già detto, è la più grande sinagoga d'Europa ed è l'unica di questo continente che permette di “formare” nuovi rabbini.

La struttura è in stile moresco. Gli interni sono spettacolari, con bellissimi mosaici e lampadari.

All'esterno vi sono dei giardini con una piccola sinagoga (sinagoga degli eroi), un piccolo cimitero e una scultura davvero commovente: un salice di metallo, denominato “albero della vita”) in cui su ogni foglia è inciso il nome di una persona morta durante l'Olocausto. Una lapide ricorda i Giusti di Budapest e tra questi 3 italiani: Giorgio Perlasca, l'arcivescovo Angelo Rotta e l'arcivescovo Gennaro Verolino che si prodigarono per salvare la vita a diverse migliaia di ebrei ungheresi.

Note: All'interno della struttura è ospitato anche il Museo Ebraico che raccoglie una collezione di oggetti sacri e di uso quotidiano della comunità ebraica.

Visite: Dalla domenica al giovedì è possibile visitare la Sinagoga con una guida (anche in italiano) con una cadenza di circa una visita ogni ora. I controlli all'ingresso sono molto rigidi: sarete obbligati a passare attraverso un metal detector.

Sito (HU): http://dohany-zsinagoga.hu/

TEATRO DELL'OPERA

(Magyar Állami Operaház)

Posizione: Pest, VI distretto, in Andrássy út 22.

Come raggiungerlo: Metro gialla (fermata “Opera”) - Autobus 105 (fermata “Opera”)

Note storiche: Un edificio costruito in stile neorinascimentale con contaminazioni barocche inaugurato nel 1884, ha subito una grande opera di restauro in tempi recenti che si sono conclusi nel 1984.

Descrizione: Le “contaminazioni” barocche lo rendono uno dei più bei teatri al mondo, ricco di affreschi e sculture e con motivi ornamentali in oro zecchino e legno completamente intarsiato. Può contenere fino a 1261 persone. Interessante è il palco reale ormai destinato solo a pochissimi Capi di Stato in visita ufficiale e il palco di Sissi, che si apre da un salottino privato a “misura di regina”.

Ogni anno vengono eseguite circa 300 rappresentazioni, ma anche le piccole salette o addirittura le stesse bellissime gradinate vengono utilizzate per piccole rappresentazioni private o rivolte ai bambini. La filosofia del Teatro è di portare la grande musica a portata di tutti e questo fa in modo che anche con un piccolissimo prezzo, del costo di pochissimi euro si possa assistere ad una rappresentazione.

Visite: Sono previste due visite guidate al giorno (anche in lingua italiana) alle 15 e alle 16 al prezzo di 2.900 fiorini (gennaio 2012) della durata di circa 40 minuti. Con un sovrapprezzo di 500 fiorini si può assistere ad un miniconcerto della durata di 3-5 minuti. Foto e riprese sono concesse solo previo l'acquisto di un particolare permesso del costo di 500 ft. I biglietti si acquistanop nell'atrio dello stesso Teatro.

Siti:

Sito ufficile (EN): http://www.opera.hu/en

Per le visite (EN): http://www.operavisit.hu/eng/index.html

CITTADELLA

(Citadella)

Posizione: Buda, XI distretto, sulla cima del monte Géllert.

Come raggiungerlo: Non è agevolissimo. Fondamentalmente ci sono 3 strade:

- Da Döbrentei tér (lato Buda del ponte Elisabetta) si sale una scalinata che arriva fino alla statua di San Gerardo (Szent Gellért). Alle sue spalle si aprono dei sentieri attrezzati che all'interno del boschetto arrivano fino in collina.

- Da Szent Géllert tér, sul lato delle Terme Géllert si prende Verejték utca e da qui si apre un sentiero che arriva fino alla Cittadella.

- Autobus 27 (fermata “Búsuló Juhász – Citadella”) e poi si sale a piedi alla Cittadella per 500 metri circa. Questo autobus, però, non passa dal centro della città e il suo capolinea è “Sánc utca”, fermata che può essere raggiunta da diversi autobus (8 – 112 – 178 – 239) che passano dalla fermata “Ferenciek tere”. Riepilogando: da Ferenciek tere prendere uno dei 4 autobus indicati prima. Scendere a “Sánc utca”. Attraversare la strada e attendere il 27 alla fermata di fronte. Scendere a “Búsuló Juhász – Citadella” (2 fermate). Da qui percorre a piedi la salita di circa 500 metri.

Note storiche: La Cittadella fu una fortezza costruita nel 1851 per volere degli Asburgo, in seguito ai moti indipendentisti ungheresi del 1848, per scongiurare altre rivolte simili. In realtà in pochi anni la situazione politica tra i due paesi cambiò e la fortezza non ebbe mai realmente un ruolo militare. Molto più tardi, con la Rivoluzione del 1956, furono le truppe sovietiche ad occupare la fortezza, ma anche in questo caso fu più un'azione dimostrativa che non effettivamente strategica, anche se furono effettivamente sparati alcuni colpi di artiglieria verso la città.

Descrizione: La posizione alta la rende un bellissimo punto panoramico e intorno alla struttura c'è un belvedere con un'iscrizione dell'Unesco che qualifica questo panorama come uno dei patrimoni mondiali dell'umanità. Ad una delle estremità c'è una terrazza su cui si erge la Statua della Libertà. Infine pagando un biglietto è possibile accedere ad una terrazza superiore e ad al bunker tedesco in cui è conservato il Museo delle Cere che ricostruisce alcune scene militari.

La cittadella ospita anche – oltre ai consueti negozi di souvenir - un albergo e un ristorante.

Sito ufficiale (EN): http://www.citadella.hu/index_eng.htm

STATUA DELLA LIBERTA'

(Szabadság szobor)

Posizione: Ad una delle estremità della Cittadella (vedi punto precedente).

Come raggiungerlo: vedi punto precedente.

Note storiche: E' un complesso di statue eretto nel 1947 a ricordo della liberazione della città dalle truppe naziste al termine della seconda guerra mondiale ad opera delle truppe sovietiche. Originariamente una delle figure rappresentate era un soldato sovietico armato di mitra, ma nel 1990 - con il cambio di regime - questa figura fu rimossa, così come furono rimosse le iscrizioni in cirillico che ricordavano i caduti sovietici e fu messa una iscrizione in ungherese che ricorda genericamente “tutti coloro che hanno sacrificato la loro vita per l'indipendenza, la libertà ed il successo dell’Ungheria”.

Descrizione: La figura principale è una statua di 14 metri posta su una colonna che rappresenta una figura femminile che regge tra le braccia tese verso il cielo una foglia di palma. Altre due figure sono ai lati della base di questa: un uomo che regge una torcia e un uomo che uccide un drago (che rappresenta il nazismo).

Trieste, Italia
post: 1.810
Recensioni: 202
2. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

La "TRECCANI" non è nulla in confronto a te!!-))!

Ciao

Max

Salerno
post: 467
3. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

Che idea!!! Potremmo chiamarla la "Háromkutya" di Budapest!

^___^

Ciao Max!

Verona, Italia
post: 65
Recensioni: 11
4. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

Ciao Ajace,

complimenti davvero utilissimo questo post!!

A proposito del castello di Vajdahunyad suggerisco di vedere questo bel video che gira su Youtube

www.youtube.com/watch…

anche per gli appassionati di fotografia ovviamente!!!

Ciao!!

Salerno
post: 467
5. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

Grazie Paolo.

Sto preparando altri post simili nella speranza di riuscire a creare una "panoramica" (per quanto parzialissima) della città a chi si avvicina la prima volta alla città.

Stupendo quel video. L'ho fatto vedere anche alla mia compagna (di vita e di viaggio). Lei ha un laboratorio artistico e ha detto che vuole cercare di riprodurre alcune di quelle immagini su tela. Ha detto che le luci sono particolarmente "intriganti" :)

Possibile che io ricordo quel gatto all'interno del negozio di souvenir?

O_O

Modificato: 29 dicembre 2011, 11:06
Salerno
post: 467
6. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

CHIESA NELLA ROCCIA

(Sziklakápolna)

Posizione: Buda, XI distretto. In Kelenhegyi út sulla collina Gellért a lato dei Bagni Gellért.

Come raggiungerlo: Da Szent Gellért tér si prende Kelenhegyi út. Dopo circa 80 metri si apre una salita sulla destra che si inerpica sulla collina. Dopo circa 90 metri ci si trova davanti all'ingresso.

Note storiche: La chiesetta fu consacrata nel 1926 e fu affidata ai monaci paolini. Nel 1951, però, le autorità ordinarono la chiusura della chiesa che fu letteralmente sigillata con un muro di cemento.

Con la caduta della cortina di ferro, la chiesa è stata riaperta e attualmente svolge le sue consuete funzioni religiosi, oltre ad essere una meta turistica.

Descrizione: Si tratta di una grotta naturale in cui nel tempo sono state scavati degli spazi in cui è stata allestita la chiesa. Le pareti sono lasciati in roccia viva e l'effetto è molto piacevole. In una sala è stata allestita una cappella i cui tutti gli ornamenti religiosi (confessionale, altare, leggio, crocifisso e immagini alle pareti) sono stati intagliati a mano da un fedele in legno.

Davanti all'ingresso c'è una terrazza che dà sul Danubio con una statua (alquanto naif) di Santo Stefano accanto al suo cavallo.

Sito (HU): http://www.sziklatemplom.hu

Catanzaro, Italia
post: 69
Recensioni: 32
7. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

PARLAMENTO (COME PRENOTARE LA VISITA GUIDATA)

Chi vuole visitare il Parlamento (e lo consiglio vivamente), deve farsi furbo e prenotare MOLTO prima.

Premettendo che i visitatori individuali possono acquistare i biglietti presso la porta X dalla prima mattina (è consigliabile andare veramente presto perchè ci sono lunghe code - solitamente - e pochi biglietti a disposizione), le coppie o i gruppi possono prenotare la loro visita guidata (in italiano) direttamente a questa e.mail idegenforgalom@parlament.hu

Basta indicare i vostri dati, il giorno, il numero di persone e la preferenza per l'orario della visita guidata:

- le visite guidate in italiano sono alle 11.30 e alle 16.00 nei giorni feriali, mentre la domenica alle 11.30.

- fra il 1 maggio e il 30 settembre alle 11.30 e alle 16.15 nei giorni feriali, sabato alle 11.30, 16.00 e domenica alle 12.15.

Personalmente, ho preferito prenotare un mese prima della partenza e il Dipartimento del Turismo è stato anche molto gentile nel cambiarmi la data (su mia richiesta) dopo aver indicato il giorno sbagliato (mea culpa).

Il giorno della visita basta presentarsi una mezz'oretta prima. E' anche possibile che vi blocchi una guardia indicandovi il cartello "Biglietti Finiti", basta farle vedere la prenotazione che vi ha mandato il Dipartimento del Turismo e provedderà a farvi passare per arrivare alla porta X.

Alla cassa presentate il vostro passaporto o la carta di identità: servirà sia per il riconoscimento e sia per l'entrata gratuita (i cittadini Comunitari non pagano).

Tornate fuori e aspettate istruzioni dalla vostra guida.

All'entrata i controlli sono ferrei: non è possibile masticare chewingum e bisogna depositare tutti gli oggetti in un cassettina per poi passare ad un metal detector (come in aeroporto).

Durante la visita del Parlamento, i visitatori possono ammirare la scalinata centrale, la Sala della Cupola, le Reliquie dell’Incoronazione, le sale delle sedute e altre due sale. La guida provvederà a spiegarvi dove e quando potete fare foto e riprese, a seconda della sala con o senza flash.

La visita dura circa 50 min.

Buon divertimento

Monza, Italia
Esperto locale
di Provincia di Foggia, Provincia di Lucca, Diari di viaggio
post: 4.128
Recensioni: 29
8. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

Vorrei complimentarmi con l'Ente che si occupa delle visite nel Parlamento Ungherese per l'efficienza dimostrata nell'organizzare la tempistica delle visite guidate.

Ieri sera (domenica) ho inviato una mail (in inglese e italiano) all'indirizzo fornito dal sito del Parlamento ungherese per richiedere una visita in lingua italiana come consigliato in questo topic.

Ho indicato il numero di persone (4 adulti e 5 fra ragazzi e bambini), la lingua richiesta e due alternative di data/orario fra l'altro con scadenza ravvicinata (questo fine settimana, quindi dopo 6 giorni da quando é pervenuta la richiesta).

Stamattina alle 10 (quindi solo mezza giornata dopo) ricevo la mail con l'invito alla visita in lingua italiana in una delle date che avevo proposto e le relative indicazioni.

Ricordo la mail:

idegenv@parlament.hu

Modificato: 19 marzo 2012, 23:38
Trieste, Italia
post: 1.810
Recensioni: 202
9. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

Sistema vecchio Austro-Ungarico.....magari averlo in Italia!!

Roma, Italia
Esperto locale
di Diari di viaggio
post: 2.763
Recensioni: 105
10. Re: Edifici storici, monumenti, chiese

Mi unisco anch'io ai complimenti! Velocissimi e precisissimi :-)

Ringrazio Gigi per averci girato l'informazione (anche se l'ho letta prima tramite Adele :-)), utilissima!

Credo non si possa perdere come visita, tanto più che abbiamo la possibilità di poterla fare gratuitamente - e di risparmiarci una levataccia per andare a fare la fila per i biglietti la mattina presto! -

Vi racconterò al mio ritorno :-)

Rispondi a: Edifici storici, monumenti, chiese
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Budapest.