Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

La Transiberiana d' Italia

teramo
Esperto locale
di Abruzzo, Teramo
post: 440
Recensioni: 17
La Transiberiana d' Italia

Riapertura a metà maggio della linea ferroviaria Sulmona -Carpinone,un tratto di quella ragnatela

che tocca centri di grande interesse paesaggistico, sconosciuta ai più ,sempre a rischio "potatura rami secchi " poeticamente descritta da Paolo Rumiz in "L'italia in seconda classe "

repubblica.it/online/…undici.html .

Un' occasione unica di sperimentare il tempo lento della bellezza e della scoperta .

11 risposte su questo argomento
roma
Esperto locale
di Italia
post: 4.800
Recensioni: 86
1. Re: La Transiberiana d' Italia

Un brevissimo filmato per farsi un'idea:

http://www.youtube.com/watch?v=rVI9a0M9hM8

OT: bentornata @cricet

Roma
Esperto locale
di Roma
post: 6.380
Recensioni: 170
2. Re: La Transiberiana d' Italia

Approfitto di questa interessante notizia per segnalare la linea Roma-Tivoli-Avezzano-Sulmona-Chieti-Pescara, molto lenta (4 ore per 200 km!) ma di grande interesse paesaggistico e che si addice perfettamente a chi preferisce il "viaggiare lento" ai prezzi astronomici e alle atmosfere snob delle varie Frecce (o dei vari Italo). A Sulmona è possibile un cambio per L'Aquila (anche se va detto che volendosi spostare da Roma all'Aquila è molto più comodo il bus della compagnia ARPA); dall'Aquila ci si può connettere all'altra linea non elettrificata Terni-Rieti-L'Aquila (l'unica linea ferroviaria che serve la città sabina).

Inoltre la Roma-Pescara, partendo appunto da Roma (Tiburtina), per molti è sicuramente più di facile accesso rispetto alla Sulmona-Carpinone. Naturalmente da maggio permetterà anche di cambiare a Sulmona per accedere alla "transiberiana".

Milano, Italia
post: 7.814
Recensioni: 219
3. Re: La Transiberiana d' Italia

Ciao @cricet,mi fa piacere rileggerti.

Anch'io ho letto con grande piacere "L'Italia in seconda classe e una delle parti piu' belle e' proprio la descrizione di questo itinerario.

Roma, Italia
post: 6.993
Recensioni: 131
4. Re: La Transiberiana d' Italia

L'articolo postato è veramente delizioso!

roma
post: 7.895
Recensioni: 1.301
5. Re: La Transiberiana d' Italia

Colgo l'occasione per salutare con entusiasmo la preziosa rentrée di @cricet, foriera di una miniera di informazioni anche curiose e mai banali (come questa, nella fattispecie) sul magnifico Abruzzo!

Italia
post: 3
Recensioni: 119
6. Re: La Transiberiana d' Italia

Gentili lettori,

Vorrei comunicare a tutti Voi che dopo un intenso lavoro di sensibilizzazione la "Transiberiana d'Italia" è nuovamente aperta al servizio turistico svolto con splendidi treni storici composti da carrozze anni '30.

La gestione sperimentale è autofinanziata dalla Associazione Culturale Le Rotaie Molise di Isernia che svolgerà ben 19 viaggi lungo la linea per tutto il 2015, sempre con destinazioni particolari.

Qui il programma: www.lerotaie.com/www.lerotaie.com/2015.html

Le partenze, dall'Abruzzo e dal Molise, stanno avendo un grande successo. E' un treno poco chic, genuino e assolutamente affascinante.

Il costo del viaggio andata e ritorno finanzia l'intera gestione della corsa giornaliera, l'associazione culturale infatti non ha scopo di lucro. 35 Euro, i bambini al di sotto dei 10 anni viaggiano gratis.

Il progetto di recupero ferroviario è affiancato da un laboratorio di social media marketing basato su instagram e twitter e caratterizzato dagli hashtag #nonperdiAMOquestotreno e #Transiberianaditalia.

A presto!

Roma
Esperto locale
di Roma
post: 6.380
Recensioni: 170
7. Re: La Transiberiana d' Italia

Scusate se il mio intervento non è entusiastico e mi auguro di aver capito male, ma secondo me una ferrovia del genere non dovrebbe essere un gioco per turisti in cerca di emozioni (come certi agriturismi in cui le signore di città tutte Facebook, biodanza e parrucchiere giocano a raccogliere qualche oliva per tre giorni all'anno), ma semplicemente un mezzo di trasporto funzionale per i residenti, e una possibile fonte di conoscenza del luogo per chi è disposto a viaggiare "alla Rumiz" e desidera accostarsi alla quotidianità delle terre con cui viene a contatto e dei popoli che le abitano.

In questo senso, credo che la pubblicità dovrebbe essere poca e i prezzi più popolari. Se si diffonde l'idea che il trenino non chic è tanto tanto chic, signora mia, è finita: allora meglio la chiusura della tratta.

Modificato: 08 aprile 2015, 22:34
Italia
post: 3
Recensioni: 119
8. Re: La Transiberiana d' Italia

Gentile Signore,

effettivamente mi duole informarla che ha capito male, o probabilmente io non sono molto abile nell'esprimermi.

Come ho specificato il servizio ferroviario turistico è AUTOFINANZIATO, questo comporta TUTTE LE SPESE DI GESTIONE FERROVIARIA A CARICO TOTALE DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE NO PROFIT:

Noleggio del convoglio, spese di personale (di bordo e di terra), servizio di porta ai caselli e logistica comprensiva di assicurazioni.

Per motivi contrattuali non mi è possibile mostrarle fatture di noleggio che vengono pagate regolarmente per il servizio ma posso garantirle che se il treno non è completamente pieno il viaggio è in perdita, un vero rischio d'impresa ripagato soltanto dall'impegno a titolo gratuito e dalla passione. Moltiplichi tutto questo per 19 treni l'anno e può immaginare di quanto ci stiamo esponendo per rilanciare una tratta ed un intero ambito territoriale soggetto a presenze esclusivamente stagionali.

L'obiettivo della causa è quello di stimolare l'ente gestore e le regioni al RIPRISTINO DELLE CORSE ORDINARIE rivalutando le potenzialità trasversali e l'intermodalità.

La nostra petizione online per il ripristino della tratta:

https://www.change.org/p/dario-lo-bosco-pres…

Qui di seguito troverà alcune informazioni e le nostre campagne di salvaguardia:

lastampa.it/2015/…pagina.html

…blogspot.it/2014/07/non-perdiamo-questo-tre…

Non ci rimane che dirle quanto vorremmo anche noi che la linea ritornasse ad un servizio ordinario, soprattutto perché lo sta dicendo ad uno dei tantissimi amministratori locali che come vede si rimbocca le maniche e mette in campo tutte le forze e le competenze per farlo, tempo e soldi inclusi.

Un servizio ordinario, come Lei sicuramente saprà, è un servizio sociale che non deve basarsi solo sui ricavi perché sostenuto dal welfare e dai benefici alla collettività, qui purtroppo noi ci stiamo accollando un rischio d'impresa che nessun Ente avrebbe voluto sostenere e che continua a non essere sostenuto nonostante le ricadute indirette alle strutture ricettive locali.

La "cordigliera appenninica" ben nota a Paolo Rumiz è il nostro pane quotidiano, ogni giorno difendiamo le terre alte d'Appennino con un gruppo di residenti che io, per stima e affetto immenso, chiamo "resistenti".

Come vede, "signora mia", di chic non c'è proprio nulla e della tratta chiusa noi non sappiamo che farcene. Qui c'è un gruppo di persone che da soli si sono gettati a capofitto nella legislazione italiana pur di evitare questa soppressione.

Cogliamo invece l'occasione per ringraziare di cuore tutti i duemila passeggeri (sì, duemila) saliti a bordo fino ad oggi da dicembre che con la loro adesione sostengono il progetto attuale finalizzato al ripristino del servizio ordinario come primo strumento per il trasporto pubblico locale studiato e modulato con l'aiuto della comunità di un ambito territoriale diffuso.

Aggiungo inoltre che l'11 aprile 2015 il Mibact, il Ministero competente in ambito turistico culturale, presenterà la "Transiberiana d'Italia" tra le 4 linee italiane degne di essere inserite nelle ferrovie di notevole valenza culturale italiana e tra le dieci d'Europa. L'unica gestita in forma associazionistica senza sostegno pubblico diretto, un precedente che lo stesso Ente RFi ha definito "caso di riferimento per altri territori italiani".

Veda, non s'immagini che tutto ciò sia fatto per lucro, perché ricevere tali riconoscimenti ha per noi un valore inestimabile che nessun biglietto potrà ripagare.

Ci auguriamo di ave spiegato in maniera esaustiva cosa voglia dire salire a bordo di questo treno oggi,

Cordiali Saluti.

Roma
Esperto locale
di Roma
post: 6.380
Recensioni: 170
9. Re: La Transiberiana d' Italia

Per carità, non volevo urtare la suscettibilità di nessuno e solo comunicare una mia impressione, com'è abbastanza usuale in un forum come questo.

Italia
post: 3
Recensioni: 119
10. Re: La Transiberiana d' Italia

Volevo solo rassicurarla che non facciamo bio-danze di alcun genere. La informo inoltre che i viaggi su treno storico e su treni turistici in Italia hanno questo prezzo per convenzione di noleggio del convoglio.

Rispondi a: La Transiberiana d' Italia
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Abruzzo.