Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Corrida

Sacile, Italia
post: 381
Recensioni: 30
Corrida

Durante il primo weekend di maggio,trovandoci a Madrid,mio marito ci terrebbe ad assistere ad una corrida,vi chiedo se è da preferire un posto all'ombra o al sole.

Lasciamo da parte i commenti sulla corrida per favore!

18 risposte su questo argomento
Fermo, Italia
Esperto locale
di Madrid
post: 833
Recensioni: 8
11. Re: Corrida

Non so se la domanda è retorica o vera: la cosa cambierebbe molto...

Finora non ho voluto prendere posizione, ma ad una domanda rispondo: mi sto ponendo da qualche anno il problema della mattanza di animali per la nutrizione umana e da anni ho ridotto quasi a zero il consumo di carni, tuttavia questo è un percorso individuale che non mi sento di proporre a tutti, anche se auspico una moderazione responsabile dei consumi, per tutelare la propria salute.

Invece, e direi che l'evidenza non ha bisogno di altre spiegazioni, una cosa è l'utilizzo dell'allevamento a fini nutritivi e l'uccisione nel rispetto delle tecniche specifiche, ed altra cosa è lo "spettacolo" della tortura e dell'uccisione di uno o più animali, realizzate al fine di produrre godimento nel pubblico.

Resta la riflessione che ognuno ha i suoi godimenti...

Di "danze macabre" a me bastano quella musicale di Saint-Saens e le raffigurazioni pittoriche in chiese o musei.

Modificato: 06 aprile 2013, 7:31
Roma, Italia
post: 2
Recensioni: 1
12. Re: Corrida

Marianna, cerco di rispondere solo alla tua specifica domanda senza entrare né in spiegazioni tecniche (potrei farlo poiché ho assistito a molte corride e da qualche anno mi interesso di tauromachia) né, per rispetto di tutte le sensibilità, in valutazioni di tipo “morale” (diciamo così!).

È decisamente da preferire “l’ombra” (sombra) poiché, generalmente e a meno che altre “esigenze” non lo impongano, le fasi (tercios) della corrida si svolgono in zona d’ombra (relativamente al fastidio che il sole può dare agli spettatori, a maggio (e a Madrid) il problema non sussiste comunque). I posti, però, sono più costosi degli altri e lo sono tanto più quanto più “sono vicini all’arena”. I posti migliori sarebbero quelli della “barrera” (la prima fila) e della “controbarrera” (la fila subito dopo) della zona “sombra” (personalmente, se lo potessi, vedrei una corrida in prossimità della “barrera” su cui i toreri posano le loro cappe ma …. è praticamente impossibile sia per costo che per disponibilità). Sono i posti ideali per ben osservare e – nel caso vostro – per ben comprendere la corrida ma sono i più costosi e i più difficili da trovare (il costo, comunque, dipende anche dall’importanza del “cartel”, cioè dalla fama dei toreri); le “novilladas”, costano di meno e i biglietti sono più facilmente reperibili (non è vero che le novilladas – specie a Las Ventas – sono solo ad uso e consumo dei turisti e, come prima esperienza, potrebbe anche andar bene). Vi consiglio, pertanto, di comperare i biglietti il prima possibile. Anche se risulteranno tutti venduti (“no hay billetes”) avete sempre la possibilità di comperarli dai bagarini, l’importante è che non accettiate il primo prezzo che vi fanno; fate finta di allontanarvi (vi richiameranno e abbasseranno il prezzo; insomma, con i bagarini dovete contrattare). Una buona soluzione è data dai posti “sol y sombra”. A Las Ventas di Madrid, se potete, chiedete un “tendido bajo 8” (vedrete 3 tori al sole e 3 all’ombra). Non abbiate timore di chiedere spiegazioni a qualche “aficionado” spagnolo seduto vicino a voi: saranno tutti felicissimi di rispondervi con correttezza ed educazione. Al di là di questo, vi consiglio soprattutto di “prepararvi prima”, cioè di capire il più possibile le dinamiche di ciò che andrete a vedere. Ogni minima cosa di ciò che si svolge durante una corrida ha la sua motivazione e se capirete il perché “quel qualcosa avviene”, se avrete compreso le motivazioni culturali e “tradizionali” che spinge gli spagnoli ad amare così tanto la corrida de toros, avrete investito bene i soldi e le due ore del “rito” e, spazzando via molte leggende metropolitane dettate dall’ignoranza (non è un’offesa per nessuno; “ignorare”, nel senso di “non conoscere”) potrete poi dare un giudizio “oggettivo” su quello a cui avete assistito. Vi consiglierei il libro di Hemingway “Morte nel pomeriggio”; è un capolavoro anche dal punto di vista letterario (lo potete comperare in rete da “amazon.it”, costa poco e vi arriva in breve tempo) e, sebbene datato, vi fornirebbe moltissime utili informazioni di base. Se, poi, conoscete un poco di spagnolo, vi suggerisco “Como ver una corrida de toros” di José Antonio del Moral (ma questo è introvabile in Italia). Ultima cosa: cercate di guardare la corrida con la “mente aperta” (senza preconcetti di nessun tipo) … Hemingway consiglia: “provando solo le cose che provi davvero e non le cose che secondo te dovresti provare” (per ben comprendere e “provare le sensazioni che più si confanno al vostro intimo” bisognerebbe, comunque, vedere più di una sola corrida) Quando uscirete da Plaza de Toros potrete pensarla come “scienza, coscienza” e la vostra sensibilità vi suggerirà; lo farete, però, con piena consapevolezza e nel rispetto di chi non la pensa come voi. Suerte!

PS: affermazioni (che si leggono in rete) del tipo “ ... prima di entrare nell'arena il toro viene tenuto al buio e sottoposto a droghe e purghe per indebolire le sue forze, viene percosso sulle reni con sacchi di sabbia, gli viene cosparsa trementina sulle zampe per impedirgli di star fermo, gli viene messa vaselina negli occhi per annebbiargli la vista. gli viene infilata della stoppia nelle narici e nella gola per impedirgli di respirare, ecc. ecc. ecc.”, sono del tutto false, sciocche, assurde e pretestuose. Se fossero anche parzialmente vere, renderebbero impossibile (ripeto: impossibile!) l’esecuzione di ogni corrida … e non solo perché il pubblico impone ai giudici il “cambio” di un toro che presenti anche un minimo difetto (e se non lo fa il pubblico, ci pensano i giudici, fra i quali c’è anche un veterinario, a intervenire) ma perché non sarebbe praticamente possibile, né al toro e né tantomeno al torero, fare alcunché (peraltro, te ne accorgerai da sola osservando con che energia e “lucidità” si presenta il toro quando lascia il “toril” per entrare nell’arena!)

Sacile, Italia
post: 381
Recensioni: 30
13. Re: Corrida

Grazie mille aragonesi,sei stato molto preciso.

I biglietti mi conviene comprarli dall'italia o posso tranquillamente acquistarli direttamente a Madrid?

Roma, Italia
post: 2
Recensioni: 1
14. Re: Corrida

Per precauzione io li comprerei da qui (è più semplice) e il prima possibile. L’unico rischio che correreste è che non avreste alcuna idea di come saranno le condizioni meteo nel giorno prescelto. Per farlo, vi segnalo il portale http://portaltaurino.com/ (venta entradasentrada toros San Isidro 2013). Una volta selezionata la corrida che volete vedere in un dato giorno, prima dell’acquisto dovrete scegliere il settore (tendido); vi è di aiuto la piantina che è in alto a sinistra. I tendidos alti costano meno e non li escluderei a priori perché da quelle posizioni, anche se non si possono vedere da vicino alcuni particolari che peraltro sono interpretabili solo dagli esperti (come ad esempio l’atteggiamento del toro quando sta per attaccare e le conseguenti reazioni del torero), si ha una visione di assieme più completa. A Las Ventas, inoltre, da qualsiasi posizione si vede bene.

Non so in quali giorni sarete a Madrid ma, fra le corride in programma nei primi 20 giorni di maggio, vi segnalo (in ordine di fama dei toreri) quelle dei giorni: 16, 18 (in questo giorno c’è un solo e grande Torero, Talavante, per tutti e 6 tori), 13, 10, 9, 2. Tenete comunque presente che per fare una corrida interessante e spettacolare gli attori devono essere in 2, toro e torero, e non è raro assistere a una bella corrida anche se i toreri non sono fra i più famosi. L’11 maggio c’è una “corrida de Rejones” (corrida a cavallo e non a piedi; è una cosa diversa anche se spettacolare anch’essa; a me non interessano perché a mio parere più che il torero rischia il cavallo e così il combattimento non mi sembra essere “alla pari”; la corrida a piedi discende però da quella a cavallo). Ancora: per tradizione la corrida inizia, senza un minuto di ritardo, all’ora indicata: quindi vi consiglio di arrivare con un buon anticipo in modo da poter vedere la Plaza de Toros e l’atmosfera che c’è anche nei bar e nelle “tascas” vicine (inoltre, se arrivate a corrida già iniziata, non vi faranno entrare fino a che non sarà finita la lidia del toro che è in corso). Altra raccomandazione: evitate di distrarvi facendo foto nel corso della corrida, ci capireste poco. Vi rinnovo comunque la raccomandazione di leggere qualcosa di “obiettivo” (anche su che cosa è “il Toro Bravo”, che è tutt’altra cosa di un animale di affezione (come ad es. il cane) domestico e pacifico, e su come viene allevato e accudito nei 4 anni che precedono la sua eventuale entrata nell’arena ‒ oltre che a vivere prevalentemente e angustamente nelle stalle, un vitello nostrano prima di andare al macello campa al massimo 6 mesi e un vitellone al massimo 20 ‒) e di “prepararvi” prima su ciò che starete per vedere. La prima volta, mia moglie ha alternato entusiasmo a lacrime e viceversa; le altre volte, dopo aver compreso ciò che in realtà avviene al di là dell’impatto visivo che a volte è tutt’altro che piacevole, ha reagito in modo diverso. Chiedetemi pure qualunque altra cosa possa interessarvi.

prato
Esperto locale
di Isole Canarie
post: 1.583
Recensioni: 85
15. Re: Corrida

Li puoi comprare benissimo li !

Io sono stata ad agosto e c'era molta disponibilità di posti, quindi x maggio non hai certo problemi!

PS: sono contenta di averla vista, ma........non ci ritornerei!

Lombardia
post: 75
Recensioni: 22
16. Re: Corrida

Per rispondere velocemente ad Adoroviaggiare49 senza vole andare fuori tema...la condanna alla corrida da parte di persone che, come te, non mangiano carne è più comprensibile perchè è coerente con il proprio pensiero, lo è un pò meno se fatto da una persona seduta davanti ad una bella fiorentina...vorrei cmq precisare che anche i tori uccisi durante le corride vengono utilizzati a fini nutritivi esattamente come i vitelli che crescono rinchiusi nelle stalle per tutta la vita e poi vengono uccisi nel mattatoio.

Cmq non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace...ognuno fa le proprie scelte...l'importante è rispettare la libertà delle persone.

Per tornare in tema...Condivido al 100% tutto quello che ha scritto aragonesi...e soprattutto anche io credo che sia meglio andare preparati perchè altrimenti ci si capisce davvero poco! Per quanto riguarda i biglietti...secondo me si trovano anche là ma per evitare di non trovarli consiglio di prenderli sul sito ufficiale della plaza de toros per evitare di pagare gli stessi biglietti a prezzi molto più alti: a me è capitato di vedere su un sito-rivendita biglietti a prezzi doppi rispetto al sito ufficiale.

prato
Esperto locale
di Isole Canarie
post: 1.583
Recensioni: 85
17. Re: Corrida

Si comprano direttamente al botteghino del Las Ventas, no dalle rivendite !

E' grandissima ed ad agosto non era certo piena.

Arezzo, Italia
post: 1
18. Re: Corrida

complimenti aragonesi hai descritto benissimo con chiarezza e lucidita' la tradizione culturale spagnola della tauromachia...a persone che si ingordano di false leggende metropolitane...vivendo da alcuni anni molto vicino al mondo della tauromachia posso confermartie confermare a chiunque legga questo che sarebbe bene prima cercare di informarsi e dar retta al cuore... un saluto...e grazie

Rispondi a: Corrida
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Madrid.