Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.
Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Milano, Italia
post: 58
NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Il Comune di Ricadi non applicherà nessuna tassa di soggiorno per tutto il 2012, questa scelta potrebbe essere utilizzata come una LEVA DI MARKETING STRATEGICO per attirare sempre di più turisti sulla nostra Costa. Cap♥ Vatican♥ è FREE TAX. Cosa ne pensate alla luce di quello che stà accadendo nei Comuni a vocazione turistica di tutta Italia?

15 risposte su questo argomento
Roma
post: 153
Recensioni: 156
1. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Ciao Bussolotto,

ne penso tutto il bene possibile!!!

A Roma, da gennaio 2011, è entrata in vigore la tassa di soggiorno (euro 2.00 a persona a notte se si scelgono alberghi max 3*) e il turismo ne ha avuto un contraccolpo terribile... sono agente di viaggio, so bene quello che dico! Spesso mi capita di parlare con altre agenzie di viaggio del Nord Europa: purtroppo all'estero l'Italia ha già la fama di avere scarse strutture turistiche ed ancor più scadenti servizi quali mezzi di trasporto etc, inoltre abbiamo anche la fama di "spennaturisti" (purtroppo questo grazie ad alcuni commercianti disonesti che hanno fatto pagare 20 euro per una coca-cola a degli ignari turisti)... ebbene, la tassa di soggiorno non sta facendo altro che dare il colpo di grazia al turismo italiano!

E' verissimo, come obietterà qualcuno, che all'estero viene spesso applicata, ma dobbiamo ricordare anche la tipologia dei servizi che viene offerta al visitatore, e in Italia è decisamente mediocre!

Quindi ben venga l'iniziativa di Capo Vaticano (a proposito: ci sono stata anni fa ed ho trovato un mare meravoglioso, complimenti!).

Oggi la concorrenza in campo turistico è spietata; da almeno 5 anni le spiagge della Croazia sono tornate ad essere una valida alternativa a quelle italiane (ormai la guerra per fortuna è un ricordo lontano) e i prezzi in Italia si sono raddoppiati; dobbiamo quindi renderci conto che non si può tirare troppo la corda altrimenti rischiamo di perdere gli introiti che l'industria turistica (in assoluto la più importante nel nostro stato) ci da.

Lo sai cosa mi ha detto un agente di viaggio tedesco incontrato a una fiera l'anno scorso? Testuali parole "per me Italia kaputt!!"

Cerchiamo di ricostruire la nostra fama di Bel Paese, di essere cortesi ed accoglienti con i turisti (quelli civili ovviamente, non quelli che buttano le cartacce in terra!) e speriamo che tornino presto a visitare la nostra bella nazione!

Un plauso all'amministrazione di Capo Vaticano!

Milano, Italia
post: 58
2. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Ciao Buottolina, in effetti non siamo propio pronti per la tassa di soggiorno. Purtroppo a pochi km da noi stà succedendo un disastro.

Gli albergatori di Tropea e di tutti i paesi limitrofi sono in agitazione. La preoccupazione è dovuta alla reazione a catena che la paventata introduzione della tassa di soggiorno ha già provocato nei tour operator internazionali. Ieri sera, si è tenuto un incontro e hanno partecipato i direttori di alcune strutture, i rappresentanti dell'associazione Albergatori, il presidente della pro Loco Capo Vaticano, l'assessore al Turismo del Comune di Ricadi e il dimissionario assessore provinciale al Turismo.

Un direttore ha portato a conoscenza della possibilità concreta che, di fronte a questa iniziativa proposta dagli amministratori di Tropea, la società a cui risponde scelga di spostare le proprie risorse altrove. Ciò equivarrebbe alla chiusura del più grande hotel di Tropea, con un enorme calo di presenze turistiche, che causerebbe a sua volta ripercussioni molto gravi sull'indotto (commercianti della città innanzitutto), e porterebbe alla perdita di molti posti di lavoro. Sulla stessa linea d'onda Villella, il quale ha annunciato la cancellazione di 55mila clienti da parte del tour operator tedesco Fti, che da 30 voli a settimana di quest'anno è passato a soli 4 voli a settimana per il 2012.

A fine incontro, i presenti hanno stabilito di affrontare nuovamente la delicata questione cercando di coinvolgere anche gli altri imprenditori del territorio per raggiungere una linea comune da tenere di fronte all'amministrazione di Tropea.

Intanto, le amministrazioni comunali di Ricadi e Parghelia hanno manifestato la loro contrarietà all'introduzione immediata della tassa di soggiorno. L' ass. al turismo di Ricadi (Capo Vaticano) ha spiegato che dovrà essere prima costituito un organismo di categoria capace di coinvolgere gli operatori del settore turistico per concordare in sinergia iniziative come la tassa di soggiorno, che comunque non sarà introdotta per il 2012. Questione già più definita a Parghelia: «La tassa di soggiorno – afferma l'assessore al Turismo – rappresenta uno strumento che nel complesso non è da sottovalutare come importanza, ma che deve essere interpretato e utilizzato come segnale positivo ai numerosi vacanzieri, quindi come garanzia di un servizio aggiuntivo e di qualità superiore per l'offerta turistica».

La tassa di soggiorno non può essere dunque una soluzione ai problemi economici del paese, ma piuttosto un modo per mantenere i costi relativi ai servizi da offrire, che ancora non ci sono. «È ridicolo allo stato attuale – prosegue l' assessore – pensare di poter aggiungere una tassa di soggiorno quando la situazione odierna in termini di qualità dei servizi è al di sotto della media. Sarebbe un boomerang per l'intero indotto imporre una tassa quando ancora persistono problemi seri di viabilità, arredo urbano, depurazione, assenza di piste ciclabili e pedonali, e una gestione insufficiente della spazzatura».

Ti chiedo: i tour operator come stanno reagendo da Voi? Chi si fa carico della tassa di soggiorno i clienti o gli hotel? Secondo te alla luce del fatto che se un Comune impone la tassa di soggiorno, come potrebbe essere gestita per limitare i danni?

Saluti

Fabrizio

Roma
post: 153
Recensioni: 156
3. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Ciao Fabrizio,

a Roma la situazione è abbastanza complessa perchè purtroppo (vuoi per la vastità dell'offerta turistica, vuoi anche per un po' di menefreghismo generalizzato) non ci sono state abbastanza proteste e la tassa di soggiorno è entrata in vigore il 1° gennaio talmente in sordina che non siamo neanche riusciti ad avvertire tutti quanti i turisti che avevano già prenotato per il capodanno a Roma.

Alcune riunioni sono state fatte solo a dicembre 2010, durante le feste natalizie, quando molti manager di vari hotels erano in ferie (da noi Natale è bassa stagione), quindi non si sono levate troppe proteste come si sperava.

Della tassa di soggiorno si fanno carico i turisti, solo qualche hotel (io personalmente ne ho conosciuto solo uno) hanno deciso di includere la tassa nella tariffa della camera... salvo poi aumentare i prezzi delle stanze! Ma come biasimarli? 2 o 3 euro per persona sono cifre notevoli in percentuale, soprattutto per quelle strutture che per posizione disagiata o concorrenza troppo forte sono costrette a contenere i prezzi.

per i tour operator vale lo stesso discorso: con la concorrenza di internet e del fai da te e di nuove mete europee decisamente economiche, si perde un cliente anche per 1 solo euro... figuriamoci come si possa farsi carico anche della tassa di soggiorno!

Devo dire questo però: l'aumento generalizzato dei prezzi anche in campo turistico con l'avvento dell'euro, ha penalizzato il settore ben prima dell'introduzione della tassa di soggiorno... se si fosse fatta una politica più attenta e si fossero contenuti un po' di più i prezzi, probabilmente oggi la tassa sarebbe solo un piccolo fastidio, non la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

I miei clienti (anche quelli storici) preferiscono ormai orientarsi verso altre mete turistiche, soprattutto all'estero e ho paura che sia difficile invertire la tendenza... dal 1° luglio infatti la tassa di soggiorno è entrata in vigore anche a Firenze e, ho sentito dire proprio oggi, sembra che anche Mestre (da sempre l'alternativa più economica per chi vuole visitare Venezia) sia sulla stessa barca...

Quello che posso consigliarvi è di tenere duro, continuate a far sentire la vostra voce, continuate con le riunioni, soprattutto nei piccoli centri dove le amministrazioni comunali sono più vicine alle esigenze dei cittadini;troppi posti di lavoro sarebbero a rischio se anche nella nostra bella Calabria venisse applicata questa tassa.

Milano, Italia
post: 58
4. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Grazie per il tuo contributo. Quello che dici corrisponde a pura verità. In Italia ci siamo un pò cullati e gli altri con sacrifici ci stanno superando in tutto. Il fatto che l' Italia stia perdendo in competitività è dato dal fatto che i servizi invece che migliorare peggiorano e i prezzi aumentano a dismisura. Adesso vogliono spremere più di quanto possono il comparto turistico e per le strutture è davvero difficile far quadrare tutti i conti specie se si è in una terra come la mia: BELLA, ACCOGLIENTE, RICCA DI RISORSE MA ABBANDONATA DA TUTTA LA CLASSE POLITICA NAZIONALE (QUELLA LOCALE STENTA A FARE L' ORDINARIA AMMINISTRAZIONE). Spero che la tassa di soggiorno non venga introdotta fino a quando non ci distingueremo per servizi ottimali ed efficienti. In questo periodo noi abbiamo della clientela inglese e tedesca in last minute come potremmo mai chiedere di pagare € 2,00 (FACCIO UNA MEDIA IN BASE ALLA NOSTRA CATEGORIA DI HOTEL 3***s) PER PERSONA, A NOTTE QUANDO QUESTE PERSONE TALVOLTA TI FANNO STORIE PER 1 O 2 € SUL BAR O RISTORANTE? Volevo chiederti lavori in propio o gestisci qualche agenzia on line o off line? A presto e grazie.

Roma
post: 153
Recensioni: 156
5. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Hai perfettamente ragione!

No, non lavoro in proprio, sono dipendete di un piccolo tour operator ricettivista, quasi un'azienda familiare. Io sono responsabile del settore viaggi di istruzione a Roma, ho contatti sia con i grandi tour operator grossisti sia con le scuole direttamente... e tutti mi dicono che oramai gli istituti (sia pubblici sia privati) preferiscono scegliere altre mete per i loro viaggi di istruzione... e dire che Roma avrebbe così tanto da offrire da un punto di vista storico-architettonico!!! :-(

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 16.011
Recensioni: 180
6. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Vorrei porti una domanda..quest'anno in molti ,a torto...a ragione,esagerando a vari fini,han evidenziato una cattiva qualità delle acque nei periodi di maggior afflusso turistico..

Il tutto,e non da utenti di TA,accompagnati da denunce alla Procura della Repubblica!

Come EL Calabria,ti chiederei di aggiornarci su tale situazione..

La situazione,come ben saprai, riguarda il Tirreno calabrese..

Ma dicendo cosi molte splendide zone ne son rimaste coinvolte..e con mio sommo dispiacere anche la Costa degli dei...

Tasse di soggiorno NO,va bene..ma i servizi,depurazione,scarichi fognari..pattume..come saranno affrontati tali problemi!?

Milano, Italia
post: 58
7. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Ciao Sciucran, premeto che la Tassa di Soggiorno per la stagione 2012 non verrà inserita dal Comune di Ricadi (Capo Vaticano) ma se dovesse essere istituita per i prossimi anni, verrà creata una consulta apposita per discutere, confrontarsi , trovare modalità e condizioni di applicazione della stessa. Inoltre come affermato dal Comune di Tropea tutte le somme raccolta saranno utilizzate ai fini del miglioramento dei servizi turistici esistenti o istituzioni di nuovi servizi turistici. Quindi esclusivamente investiti in SERVIZI AL TURISTA. Per quanto riguarda servizi come depurazione, scarichi fognari, spazzatura quest' anno abbiamo avuto dei problemi in tutta la Calabria (Chi più, chi meno).

A tal proposito c'è da registrare un nuovo stanziamento di fondi, 38 milioni di euro, per la depurazione calabrese e rete fognaria. Dalla Regione, comunque, hanno spiegato di aver stanziato questi fondi, che rientrano in quelli POR Calabria FESR 2007-2013 - Asse III Ambiente, per "sopperire alle criticità ancora evidenti nel territorio regionale, dovute particolarmente alla mancata piena attuazione del Servizio Idrico Integrato da parte delle Autorità d'Ambito e degli Enti Locali competenti in materia di depurazione" e che il Piano è stato presentato il 23 Luglio , ma era "dal mese di febbraio 2011 che, conformemente agli indirizzi della Giunta Regionale guidata dal Presidente Scopelliti, d'accordo con le Autorità di Ambito, il Dipartimento Ambiente ha predisposto un Piano Operativo di Intervento finalizzato all'individuazione degli interventi prioritari e necessari al miglioramento dello stato qualitativo delle acque marine costiere, classificate "sufficienti" o "scarse", sulla base dei controlli effettuati dall'ArpaCal e pubblicati dal Ministero della Salute". I fondi, che dicevamo ammontano complessivamente a 38.215.570,44 euro, prevedono, secondo quanto dichiarato oggi in "interventi puntuali finalizzati a rimuovere le situazioni di rischio di sversamento di reflui non opportunamente collettati e/o trattati presso gli impianti di depurazione. Il Piano - specificano - prevede di eliminare i punti di debolezza del sistema depurativo, evitando nel contempo situazioni di compromissione sia per la salute dei bagnanti sia per le attività produttive legate al turismo e relativo indotto, con grave danno all'economia ed all'occupazione stagionale, specie in una congiuntura economica critica e sfavorevole come quella attuale.

TI POSSO SOLO DIRE CHE CONOSCO TANTI SINDACI, LUNGO LA COSTA, CHE NON SI COMPORTERANNO COME SEMPLICI SPETTATORI NELL' INVERNO ENTRANTE E CHIEDERANNO TAVOLI TACNICI, CON CADENZA MENSILE, SU QUESTE TEMATICHE.

SIAMO STUFI DI SENTIRE SOLO PAROLE PEROLE PAROLE, NON VOGLIAMO POLITICI VOGLIAMO GENTE CHE SI RIMBOCCA LE MANICHE E TROVI SOLUZIONI A PROBLEMI STRUTTURALI CHE DA ANNI AFFLIGGONO QUESTA TERRA BELLISSIMA E CON UN CUORE GRANDE.

Ti saluto e arrivederci alla prossima.

Bergamo, Italia
Esperto locale
di Siria, Giordania, Mauritius, Calabria, Cipro, Petra/Wadi Musa, Jerash, Dead Sea Region
post: 16.011
Recensioni: 180
8. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

tutto il mio sostegno per il miglioramento della MIA terra..la calabria...

Lamezia Terme
post: 1.571
Recensioni: 19
9. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Purchè si faccia veramente qualcosa....altrimenti i turisti non ritornano ed i calabresi (quelli che possono), faranno le vacanze altrove....e la Calabria avrà perso la sua occasione di sviluppo...

Milano, Italia
post: 58
10. Re: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria

Concordo con te, ma come in Calabria in TUTTA ITALIA C'E' BISOGNO DI UN INVERSIONE DI TENDENZA, perchè stiamo diventando la barzelletta del Mondo intero. I piccoli risparmiatori e in generale i dipendenti statali (VERO MOTORE DELL' ECONOMIA) sono continuamente vessati e il loro potere di acquisto diminuisce ogni giorno. Aggiungiamo a questo il fatto che la stragrande maggioranza delle persone NON VUOLE PRENDERSI LE RESPONSABILITA' DI QUELLO CHE SI FA'.....si deve crescere localmente "con tanta responsabilita'" affinchè si comincino a dare iniezioni di fiducia. Noto tanto demotivazione....speriamo bene.

Rispondi a: NO Tassa di soggiorno Capo Vaticano Calabria
Verrai avvisato per e-mail quando riceverai una risposta
Ottieni le risposte alle domande più frequenti su Capo Vaticano.